Rinvenimenti editoriali...

Per approfondire la conoscenza delle decorazioni, della loro conservazione e compravendita.
Deepening knowledge about decorations, their preservation and buy and sell.

Moderatori: Mario Volpe, nicolad72, Tilius

Rinvenimenti editoriali...

Messaggioda Tilius » mercoledì 4 giugno 2008, 18:12

Immagine Immagine

Ecco due recenti acquisti editoriali (cosa non si trova sul noto sito...) a cui sono stato mosso da irrefrenabile pulsione bibliofila fondamentalmente a causa del nome dell'Autore: Luciano Pelliccioni di Poli.
I più certo conosceranno quantomeno di fama il personaggio (la buonanima non é più da alcuni anni...) e la tanta parte da lui avuta nelle vicende (pseudo)cavalleresche negli anni fra i '60 e gli '80.
Per quelli che non lo conoscono... meglio non turbare l'innocente candore di queste anime ingenue. :mrgreen:

Il primo titolo, "L'ordine dell'aquila romana", dopo un breve preambolo dedicato prettamente all'Ordine su cui poco si può eccepire (non dimentichiamo che il Pelliccioni certo non difettava di cultura Araldica & Faleristica... anche se in altri suoi scritti questa cultura é decisamente più evidente), cade immediatamente su una fugace ma non fraintendibile affermazione della sedicente continuità (!) moderna dell'Ordine nelle persone degli eredi Mussolini (con tanto di riproduzione a piena pagina del diploma di conferimento "moderno" a nome Romano Mussolini... stendiamo un velo pietoso su quest'ultimo punto) per perdersi infine in una disamina, non saprei dire se sconclusionata più che inconsistente, sulle valenze simbolico-esoteriche dell'aquila. :roll:

Il secondo titolo é tutto un programma: "Gli Ordini Cavallereschi di uso legittimo in Italia". :shock:
Considerando chi é l'autore, diciamo che, a priori, si poteva sospettare che codesto volume fosse una sorta di "Vademecum per il Paradiso" scritto da Satana in persona, piuttosto che un "Manuale per combattere gli incendi boschivi" scritto da un piromane recidivo.
Previsioni affatto sbagliate, e sono stato io il primo a soprendermene.
In realtà tutto (o quasi) rimane nei binari del lecito, partendo con gli ordini dinastici (e non) di Casa Savoia (e del Regno, inclusi gli ordini Albanesi e quelli della ancor più effimera avventura dinsatica croata...), su quali si può "solo" obiettare che la legittimità millantata nel titolo non é tale a causa della nota quanto trascurata Legge 1951.
Si prosegue con gli Ordini Repubblicani, per passare quindi a quelli Pontifici.
Indi Malta, Santo Sepolcro, San Gennaro (non ho capito bene il perché di questa sola presenza degli Ordini napoletani), San Giuseppe, Santo Stefano, Costantiniano, gli Ordini della Repubblica di San Marino, fugace citazione della Croce di Ferro (che c'entra come i cavoli merenda ma evidentemente all'epoca c'era un revival filo-germanico...), Legion d'Onore (e qui si richiama a legami ancestrali col Regno Italico che francamente lasciano il tempo che trovano...), Aquila Romana (contentino per i nostalgici del Ventennio...)... e si arriva infine alle note realmente (?) dissonanti, soprendentemente (considerato l'Autore...) poche e defilate: Ordine della Mercede (sigh) e Ordine Teutonico (doppio-sigh).
Francamente mi aspettavo qualcosa di decisamente più "oltre". :|
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12823
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: rinvenimenti editoriali...

Messaggioda Cristiano Ciani » giovedì 5 giugno 2008, 17:42

Le note circa la Mercede sono, peraltro, poco esatte.
Sia le onorificenze date dal Prof. Lazzarino (Ordine della Mercede d'Aragona espressamente disconosciuto dall'Ordine) che quelle conferite da Mons. Pio Cenci (presidente delle Giurisdizioni dell'Ordine "laicale" creato dal M.G. Garrido Blanco e oggetto della nota querelle con la S. Sede) non sono mai state approvate dall'Ordine, all'epoca (anni '50), retto dal Maestro Generale Fr. Alfredo Scotti, che molto s'adoperò per comporre la vertenza con la medesima S. Sede.
Va ricordato che l'Ordine pagò duramente il braccio di ferro sui conferimenti cavallereschi, tanto che per un periodo non ebbe più Cardinale Protettore.
Per informazioni rimando al recente lavoro di P. Antonio Rubino, cronista della Provincia Romana, "I Mercedari in Italia vol. II".

Preciso che quando parlo di Ordine mi riferisco all'Ordine della B.M.V. della Mercede, ossia ai PP. Mercedari.
Cristiano Ciani
 
Messaggi: 609
Iscritto il: lunedì 27 marzo 2006, 23:02

Re: rinvenimenti editoriali...

Messaggioda eugubino » mercoledì 11 giugno 2008, 20:13

Cristiano Ciani ha scritto:Le note circa la Mercede sono, peraltro, poco esatte.
Sia le onorificenze ... che quelle conferite da Mons. Pio Cenci (presidente delle Giurisdizioni dell'Ordine "laicale" creato dal M.G. Garrido Blanco e oggetto della nota querelle con la S. Sede) non sono mai state approvate dall'Ordine, all'epoca (anni '50), retto dal Maestro Generale Fr. Alfredo Scotti, che molto s'adoperò per comporre la vertenza con la medesima S. Sede.
Va ricordato che l'Ordine pagò duramente il braccio di ferro sui conferimenti cavallereschi, tanto che per un periodo non ebbe più Cardinale Protettore....



è possibile saperne qualcosa di più?
Avatar utente
eugubino
 
Messaggi: 1567
Iscritto il: mercoledì 17 agosto 2005, 15:29
Località: Gubbio

Re: rinvenimenti editoriali...

Messaggioda Cristiano Ciani » venerdì 13 giugno 2008, 9:36

tra l'altro Mons. Pio Cenci era proprio di Gubbio.

La querelle tra l'Ordine della Mercede e la Santa Sede appassionò all'epoca non solo i cultori di diritto cavalleresco ma anche l'opinione pubblica, tanto che sono numerose le cronache giornalistiche. Su questo ceppo si innestavano anche questioni riguardanti il Regno di Spagna, che aveva pacificamente riconosciuto il capitolo cavalleresco dell'Ordine e anche molti alti papaveri del nostro Regime, che ne erano insigniti.

Trova qualcosa, anche se per sommi capi, anche su questo forum.

Per maggiori informazioni di caratterere storico dovrebbe procurarsi i vecchi numeri degli anni '40 del bollettino L'Ordine della Mercede, edito proprio dall'Associazione dei Cavalieri Italiani di Mons. Cenci, ove trova anche la disputa con il sedicente Ordine della Mercede d'Aragona del Prof. Lazzarino.
Per ricerche approfondite Le conviene rivolgersi all'Institutum Historicum Ordinis de Mercede che ha sede presso la Curia Generalizia dei PP. Mercedari a Roma.

Io ho molto materiale, poichè sto preparando uno studio giuridico sul tema, se vuole mi mandi un pvt.
Cristiano Ciani
 
Messaggi: 609
Iscritto il: lunedì 27 marzo 2006, 23:02


Torna a Faleristica



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti