dal noto sito d'aste on line...

Per approfondire la conoscenza delle decorazioni, della loro conservazione e compravendita.
Deepening knowledge about decorations, their preservation and buy and sell.

Moderatori: Mario Volpe, nicolad72, Tilius

dal noto sito d'aste on line...

Messaggioda Tilius » venerdì 15 febbraio 2008, 15:09

Giacché l'argomento é sempre d'attualità, é il caso di aprire un nuovo post dove disquisire su quanto di notevole (nel bene e nel male...) transita sul noto sito d'aste on-line...

Comincio con questo set da Grand'Ufficiale della Corona d'Italia ERRATA CORRIGE: dell'Ordine Coloniale della Stella d'Italia, tutt'ora in asta sul noto sito.
Confesso che un pensierino ce l'avevo fatto... specie dopo che Milord ha scritto che un set di analogo grado aveva totalizzato una cifra notevolissima in altra asta... il mio ragionamento (ingenuo) era: questo non ha la scatola... é una devastazione per quanto riguarda gli smalti... lo vende un tedesco ergo una buona fetta della potenziale clientela italiana si terrà alla larga... il prezzo rimarrà bassissimo!
Mai deduzione si rivelò più miserevolmente sbagliata.
Nonostante il lacrimevole stato di conservazione, il pezzo ha già raggiunto la cifra di 400€ (che era giusto giusto il livello massimo che il mio senso della decenza mi aveva imposto...), e prima di sera probabilmente si innalzerà ancora.
NOTA: giusto x la cronaca, ha chiuso a 401€.
Voi cosa ne pensate...? ...per un oggetto in tali condizioni quale dovrebbe essere una quotazione equa?

Immagine

Questo a prescindere dal fatto che collezionisticamente é sembre cattiva cosa andare "al risparmio" su pezzi in pessimo stato: infinitamente meglio pagare 100 un pezzo che vale 100 piuttosto che non pagare 40 un pezzo che ne vale 10 perché scassato oltre ogni dire.

Ma a volte non ci si può permettte più di 40... :(
Ultima modifica di Tilius il sabato 16 febbraio 2008, 2:15, modificato 3 volte in totale.
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12821
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Messaggioda Tilius » venerdì 15 febbraio 2008, 15:35

Inoltre, giacché di recente si é discusso di Collari dell'Annunziata, ecco un esemplare (non dal noto sito...) di notevole caratura.
Ambo i pezzi vengono dichiarati in oro, metà XIX secolo, in scatola Cravanzola VEIII non pertinente.
Il prezzo é... adeguato (stima 18 K€ - 20 K€).

Immagine
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12821
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Messaggioda Mario Volpe » venerdì 15 febbraio 2008, 16:13

Beh, questo set dell'Annunziata mi pare un bell'esempio, se non altro si presenta completo...
Sull'autenticità però, ribadisco quanto già detto in altro topic. Quando ne cominciano a circolare diversi tutti insieme... meglio controllare bene...
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3674
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Re: dal noto sito d'aste on line...

Messaggioda Lord Acton » venerdì 15 febbraio 2008, 17:13

Tilius ha scritto:Voi cosa ne pensate...? ...per un oggetto in tali condizioni quale dovrebbe essere una quotazione equa ?

Corona ammaccata... centro della placca praticamente distrutto... alcune punte della stella scheggiate e chissà il retro del'insegna da collo comè ?

Non esiste una quotazione equa... :( esiste una soluzione intelligente... :wink: rivolgere le proprie attenzioni altrove... :D

Lord Acton
Amiamo il servizio straordinario... le imprese giudicate assurde o impossibili (A. Dumas)
Lord Acton
 
Messaggi: 2890
Iscritto il: giovedì 10 aprile 2003, 13:42
Località: Napoli

Re: dal noto sito d'aste on line...

Messaggioda Tilius » venerdì 15 febbraio 2008, 18:41

Lord Acton ha scritto:
Tilius ha scritto:Voi cosa ne pensate...? ...per un oggetto in tali condizioni quale dovrebbe essere una quotazione equa ?

Corona ammaccata... centro della placca praticamente distrutto... alcune punte della stella scheggiate e chissà il retro del'insegna da collo comè ?

Retro dell'nsegna da collo... é forse la parte meno devastata del complesso... forse perchè lì dietro non sono arrivati i cingoli del Panzer che evidentemente é passato sopra al tutto... :mrgreen:

Immagine

Non esiste una quotazione equa... :( esiste una soluzione intelligente... :wink: rivolgere le proprie attenzioni altrove... :D

I completely agree :2: ... (certo, se il prezzo si fosse mantenuto molto basso... ci si poteva anche divertire a restaurarla... :wink: )
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12821
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Messaggioda Tilius » venerdì 15 febbraio 2008, 18:48

Mario Volpe ha scritto:Beh, questo set dell'Annunziata mi pare un bell'esempio, se non altro si presenta completo...
Sull'autenticità però, ribadisco quanto già detto in altro topic. Quando ne cominciano a circolare diversi tutti insieme... meglio controllare bene...


Se il materiale fosse effettivamente oro, già questo penso costituisca, se non una certezza, un forte elemento a favore dell'originalità.
Sarebbe interessante capire (ahimé, il catalogo non fa menzione a tale riguardo) in base a cosa (oltre, forse, alla preziosità del materiale) la datazione é stata fissata al pieno XIX secolo... Punzoni? Marchi del fabbricante? Semplice analisi stilistica? Peculiarità esecutive? Il catalogo non lo dice.

É abbastanza strano che la scatola (ed é una scatola con le cifre di VEIII) sia "di riuso", anche perché sembra calzare perfettamente (sia per la placca sia per il collare, con la sagomatura in basso per accogliere il pendente con l'Annunciazione entro i nodi di Savoia).
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12821
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Messaggioda Mario Volpe » venerdì 15 febbraio 2008, 19:41

Tilius ha scritto:Se il materiale fosse effettivamente oro, già questo penso costituisca, se non una certezza, un forte elemento a favore dell'originalità.

ma questo costituirebbe anche una valutazione della stima un pò troppo al ribasso (stima 18 K€ - 20 K€), se intendi 1800 / 2000 Euro...
se fosse veramente tutto d'oro i soli grammi del peso (non sono un orefice ma credo che siamo almeno sui 6/700 grammi totali) farebbero valere il tutto un pò di più, credo...


Sarebbe interessante capire (ahimé, il catalogo non fa menzione a tale riguardo) in base a cosa (oltre, forse, alla preziosità del materiale) la datazione é stata fissata al pieno XIX secolo... Punzoni?
Marchi del fabbricante? Semplice analisi stilistica? Peculiarità esecutive? Il catalogo non lo dice.

allora non prendiamolo per oro colato...

É abbastanza strano che la scatola (ed é una scatola con le cifre di VEIII) sia "di riuso", anche perché sembra calzare perfettamente (sia per la placca sia per il collare, con la sagomatura in basso per accogliere il pendente con l'Annunciazione entro i nodi di Savoia).

beh sinceramente anche a me l'astuccio sembrava proprio fatto ad hoc... altra conferma che le dichiarazioni dei cataloghi vanno ben soppesate...

Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3674
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Messaggioda Tilius » venerdì 15 febbraio 2008, 20:23

1 K€ = 1 Kilo€uro = 1000 €
:mrgreen: ...scusate, deformazione professionale.
In realtà la stima é 18000 - 20000 €.
Ergo, per costare 'sta cifra, DEVE essere oro, e ben massiccio... :D
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12821
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: dal noto sito d'aste on line...

Messaggioda cassinelli » venerdì 15 febbraio 2008, 22:59

Tilius ha scritto:Comincio con questo set da Grand'Ufficiale della Corona d'Italia, tutt'ora in asta sul noto sito.


Secondo me... si dovrebbe trattare dell'Ordine Coloniale della Stella d'Italia! :?
Alessio Cassinelli Lavezzo
Avatar utente
cassinelli
 
Messaggi: 1912
Iscritto il: martedì 26 dicembre 2006, 21:40
Località: Milano

Messaggioda adj » venerdì 15 febbraio 2008, 23:55

E di questo disastro che ne dite? Anche il retro è in condizioni similari!
(posto in vendita con base d'asta 29 Eur, che è forse quanto varrebbe se fosse in condizioni ottimali, vista anche l'assenza vuoi di scatola che di nastro)
Immagine
adj
 

Messaggioda Mario Volpe » sabato 16 febbraio 2008, 0:56

Tilius ha scritto:1 K€ = 1 Kilo€uro = 1000 €
:mrgreen: ...scusate, deformazione professionale.
In realtà la stima é 18000 - 20000 €.
Ergo, per costare 'sta cifra, DEVE essere oro, e ben massiccio... :D


ah ecco...
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3674
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Messaggioda Tilius » sabato 16 febbraio 2008, 1:46

adj ha scritto:E di questo disastro che ne dite? Anche il retro è in condizioni similari!
(posto in vendita con base d'asta 29 Eur, che è forse quanto varrebbe se fosse in condizioni ottimali, vista anche l'assenza vuoi di scatola che di nastro)

... bè, oggi come oggi trovare un cavalierato SSML a soli 29€ sarebbe un ottimo piccolo affare.
Va da sè che un pezzo in queste condizioni non va venduto... va regalato, come ha fatto un mio "fornitore" abituale (persona che stimo moltissimo per la cortesia e la correttezza) con il rottame di una Commenda SSML (roba tarda, dignitosa ma seriale fattura dell'Unione Militare...) a cui ero interessato e la cui trattativa si é recisamente interrotta causa breve ma fatale distrazione della di lui moglie ... che ha fatto precipitare inavvertitamente dal tavolo un plateau di decorazioni, e la Commenda é stata proprio quella che fra tutte ha avuto la peggio...sbriciolandosi. Al pover'uomo non rimase che recuperare il salvabile (ovviamente il nastro, e la corona, non tropo ammaccata... potenziale pezzo di ricambio per future integrazioni).
Nel successivo pacco di cose che già avevo acquistato (nessuna delle quali fortunatamente coinvolta nel disastro) il venditore ebbe cura, di sua iniziativa, di allegarmi anche ciò che rimaneva della Commenda, onde io non avessi a dubitare (ma non ce n'era reale bisogno... ché la mia fiducia in questa persone é totale) della veridicità di quanto raccontatomi.

Quando poi l'altroieri su eb... ehm...noto sito mi sono trovato davanti questo rottame di SSML... era talmente simle al rottame che ho io nel cassetto che per un attimo sono rimasto interdetto. :D
Ultima modifica di Tilius il sabato 16 febbraio 2008, 2:02, modificato 2 volte in totale.
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12821
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Messaggioda Tilius » sabato 16 febbraio 2008, 2:00

Bisogna poi evidenziare che fra le due situazioni disastrate di cui sopra corrrono anni luce... il SSML é di fatto irrecuperabile, sderenato ( :mrgreen: ) com'é a livello strutturale.
Il Coloniale un po' più sopra é in condizioni molto meno drastiche: strutturalmente é tutto integro, sia la commenda che la placca.
Lo sbriciolamento dello smalto nella punta superiore della stella della commenda é cosa comune al 99% delle commende dell'Ordine Coloniale (proprio per una questione costruttiva: oscillando, lo smalto della punta entra in contatto col bordo della corona... e alla lunga immancabilmente tende a sgretolarsi)... forse un filino più accentuato del normale in questo caso.

Qualche "capello" nello smalto qua e là sono direi quasi istituzionali... l'unico vero punto dolente sono gli smalti della placca... in condizioni non perfette quelli bianchi delle punte, e assolutamente irrecuperabili quelli dello scudetto tondo centrale (i cui smalti, almeno a giudicare dai grumi che si intravedono nella foto, devono già aver subito un maldestro tentativo di risarcimento).

Ergo, bisogna vedere quanto s'avrebbe a spendere da un bravo orefice per rifare e/o integrare gli smalti... sommare il costo del retauro al prezzo di acquisto... e alla fine ritrovarsi in mano un pezzo pesantemente restaurato (che ogni occhio appena un po' edotto riconoscerebbe subito come tale...) pagato complessivamente un 80% o più del valore di un insieme integro...
Come faceva notare Milord... a ragion veduta, questo gioco non vale la candela. :roll:
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12821
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: dal noto sito d'aste on line...

Messaggioda Tilius » sabato 16 febbraio 2008, 2:10

cassinelli ha scritto:
Tilius ha scritto:Comincio con questo set da Grand'Ufficiale della Corona d'Italia, tutt'ora in asta sul noto sito.



Secondo me... si dovrebbe trattare dell'Ordine Coloniale della Stella d'Italia! :?


AAARGHHH!!! Lei ha perfettamente ragione... mi scuso mi scuso mi scuso... :oops: ... è stato un lapsus calami... pensavo Coloniale d'Italia e dalla tastiera è uscito Corona... sigh! l'arteriosclerosi incombe... nonchè lo sfinimento lavorativo tipico del venerdì sera :wink: Grazie ancora per l'attenta segnalazione. Ho provveduto a correggere anche nel post di apertura.
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12821
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: dal noto sito d'aste on line...

Messaggioda Tilius » sabato 16 febbraio 2008, 2:31

Tilius ha scritto: Grazie ancora per l'attenta segnalazione.


Scusate se mi soffermo su questa piccolezza, ma volevo ribadire a Cassinelli la mia sincera gratitudine per la segnalazione precisa e tempestiva.
Spesso ci accorgiamo di errori o manchevolezze ma, per malintesi sensi di pudore o di "rispetto", preferiamo tacere e passare oltre, col risultato che chi ha sbagliato, come in questo caso il sottoscritto, continua indefinitamente a fare la figura del pirla grazie al permanere dell'errore non corretto...

Inoltre, cosa ancora più grave, chi non é esperto potrebbe essere tratto in inganno dal lapsus calami... col nefasto risultato che il refuso trasmette a chi legge informazioni errate e false.

Ergo, ben vengano le (amichevoli) tirate d'orecchie quando ci si allontana dalla retta via. Non solo personalmente non mi offendo (perché non c'é niente di cui offendersi!), ma la considero anzi una grande cortesia. Sempre. É un piccolo gesto che però non tutti si prendono il disturbo di fare. E l'Attenzione é sempre una Virtù.
:D
Vogliate perdonare la divagazione.
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12821
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Prossimo

Torna a Faleristica



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti