Pagina 1 di 1

O.M.S. / O.M.I. - modelli e varianti

MessaggioInviato: martedì 29 maggio 2007, 18:52
da Mario Volpe
Istituito con Regie Patenti del 14 agosto 1815 dal Re di Sardegna Vittorio Emanuele I, l’Ordine Militare di Savoia era (ed è tutt’ora) destinato al riconoscimento delle “segnate azioni di valore e di perizia sul campo e notevoli atti di valore in pace, i perfezionamenti, le utili invenzioni, i lavori insigni e gli importanti servizi resi nell’amministrazione militare”.

Immagine

La creazione dell’Ordine fu fortemente influenzata nei suoi principi da quelli che avevano ispirato pochi anni prima l’istituzione della Legion d’Onore da parte di Napoleone (1802), ossia la meritocrazia e l’egualitarismo.
I potenziali destinatari della nuova onorificenza, potevano infatti essere non solo gli ufficiali (che fino ad allora venivano premiati con la Croce di S. Maurizio e Lazzaro), ma anche i sottufficiali e i soldati di truppa (va detto che per questi ultimi esisteva comunque fin dal 1793 anche la Medaglia al Valor Militare).
Nel corso della sua storia quasi duecentennale, le insegne dell’Ordine hanno subito diverse modificazioni a seguito di successive riforme adottate nel tempo.
Le insegne iniziali erano sostanzialmente molto diverse da quelle attuali e si basavano su una croce piana in smalto rosso, caricata da una croce minore in smalto bianco, circondate da una ghirlanda di alloro e sormontate da una corona.

Immagine Immagine
(il primo tipo dell'Ordine Militare di Savoia in un bell'esemplare di Gran Croce in oro e nei disegni degli statuti del 1815, notate la singolare somiglianza della placca con quella dell'Ordine dell'Annunziata)

Una riforma adottata nel 1855 vide la nascita della caratteristica croce bianca dalle estremità a tre punte con la ghirlanda di alloro e quercia e con il medaglione centrale.

Immagine Immagine
Immagine
Immagine
(insegne di Gran Croce del secondo tipo adottato dal 1855, al recto e verso, e due diversi modelli di placca)

La successiva avocazione dell’Ordine da parte della Repubblica Italiana nel 1947, con la nuova denominazione “Ordine Militare d’Italia”, determinerà infine l’ultima variazione di rilievo alle insegne dell’Ordine, tramite le modifiche ai medaglioni centrali e la sostituzione della corona con una ghirlanda di alloro.

Immagine Immagine
Immagine
(le attuali insegne dell'Ordine Militare d'Italia, Commendatore e placca di Gran Croce. Da notare che l'insegna da Ufficiale ha mantenuto il trofeo al di sopra della croce, come nel modello precedente)

Cordialmente,

Mario Volpe

P.S. qualcuno può aiutarmi a reperire una buona riproduzione digitale a colori di un ritratto di V.E. I ? io riesco solo a trovarne in b/n...

O.M.S. / O.M.I. - modelli e varianti

MessaggioInviato: martedì 29 maggio 2007, 19:54
da alfabravo
Premetto che, purtroppo, non ho disponibile l'immagine da inserire, ma vorrei segnalare la singolare somiglianza tra la prima foto a colori dell'OMS qui presente e la medaglia commemorativa del Gruppo Armate Ovest: in quet'ultima manca solo la corona reale. Sul rovescio la scritta nel giro: "GRUPPO ARMATE DELL'OVEST" e al centro "1940 / BATTAGLIA DELLE ALPI / 21-25 GIUGNO / XVIII".
Ideata nel 1940, gli archivi della ditta Johnson di Milano riportano la nota: "Lavoro non eseguito" il che lascia supporre che gli esemplari in circolazione fossero dei campioni.

Ritter

MessaggioInviato: martedì 29 maggio 2007, 20:36
da Alessio Bruno Bedini
Ritratti di VE I:

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Re: O.M.S. / O.M.I. - modelli e varianti

MessaggioInviato: mercoledì 30 maggio 2007, 0:13
da Mario Volpe
Ritter ha scritto:Premetto che, purtroppo, non ho disponibile l'immagine da inserire, ma vorrei segnalare la singolare somiglianza tra la prima foto a colori dell'OMS qui presente e la medaglia commemorativa del Gruppo Armate Ovest: in quet'ultima manca solo la corona reale. Sul rovescio la scritta nel giro: "GRUPPO ARMATE DELL'OVEST" e al centro "1940 / BATTAGLIA DELLE ALPI / 21-25 GIUGNO / XVIII".
Ideata nel 1940, gli archivi della ditta Johnson di Milano riportano la nota: "Lavoro non eseguito" il che lascia supporre che gli esemplari in circolazione fossero dei campioni.

Ritter


Effettivamente la decorazione è molto simile, caro Ritter:

Immagine

Grazie Alessio per le immagini di V.E. I che hai postato, ma continuo comunque a cercare qualcosa di meglio...

Cordialmente,

Mario Volpe