L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Per approfondire la conoscenza delle decorazioni, della loro conservazione e compravendita.
Deepening knowledge about decorations, their preservation and buy and sell.

Moderatori: Mario Volpe, nicolad72, Tilius

L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda M. Balbe » domenica 1 marzo 2020, 19:01

Chers amis Italiens
Bonjour,

Je me permets de vous contacter sur un sujet que j’affectionne beaucoup, et voudrez-vous poser quelques questions sur l’Ordre des Deux Siciles. (Joseph Bonaparte, roi de Naples (1806-1808), et Joachim Murat. Joachim Ier, roi de Naples (1808-1815),
J’ai eu l’occasion de pouvoir avoir accès sur internet à un almanach du royaume des Deux Siciles de 1808, avec les nominations des dignitaires, et des commandeurs, malheureusement ne figure pas les chevaliers de l’ordre.

Immagine
L'ordre était à l'origine divisé en trois classes. Le nombre maximum de membres était fixé à :
50 dignitaires.
100 commandeurs.
650 chevaliers.
Joseph abdiqua pour prendre la couronne d'Espagne, et fut remplacé par son beau-frère Joachim Murat. L'un des premiers actes de son beau-frère fut de réformer l'ordre par un décret en date du 5 novembre 1808, apportant quelques légères modifications aux statuts. De nouvelles classes sont ajoutées (on notera qu'il s'agit des mêmes classes que celles de l'ordre de la Légion d'honneur).
Grand-croix,
Grand-officier,
Commandeur,
Officier,
Chevalier.
Décoration
Ruban bleu clair.
Étoile d'or à cinq branches émaillées de rouge rubis, renversée et surmontée d'une aigle d'or suspendue à une couronne d'or.
Centres: A.: la trinacrie de Sicile entourée de la légende, sur fond d'émail bleu: "JOSE NAPOLE SICILE REX INSTI."
R.: le cheval de Naples entouré de la devise, sur fond d'émail bleu: "PRO RENOVATA PATRIA".


Immagine
Immagine

Je voudrais savoir si un historien aurait fait éditer ses recherches sur l’ordre en un ouvrage récemment publié en italien, référençant tous les récipiendaires de l’Ordre des Deux Siciles.
Monsieur Emanuele Pigni, a édité 2 ouvrages sur l’Ordre Royal de la Couronne de fer, je dois saluer le travail de recherche qu’il a effectué citant tous les récipiendaires de l’ordre, ainsi que ses statues. Merci monsieur Pigni de nous avoir fait accéder à vos travaux
Étoile de chevalier en or du deuxième type de l’Ordre des Deux Siciles.

Je remercie d’avance toutes les personnes qui pourraient apporter une aide dans mes recherches sur les récipiendaires de l’Ordre des Deux Siciles.
Bien cordialement.
M. Balbe

Cari amici italiani
Buongiorno, signore e signori,

Mi permetto di contattarvi su un argomento che mi piace molto, e vorrete porre alcune domande sull’Ordine delle Due Sicilie. (Giuseppe Bonaparte, re di Napoli (1806-1808), e Joachim Murat. Gioacchino I, re di Napoli (1808-1815),
Ho avuto l’occasione di avere accesso su Internet ad un almanacco del Regno delle Due Sicilie del 1808, con le nomine dei dignitari e dei comandanti, purtroppo non figura i cavalieri dell’ordine.
L’ordine era originariamente diviso in tre classi. Il numero massimo di iscritti era fissato a:
50 dignitari in tutto.
Un centinaio di comandanti.
650 cavalieri in tutto.
Giuseppe abdiò per prendere la corona di Spagna, e fu sostituito dal cognato Joachim Murat. Uno dei primi atti di suo cognato fu di riformare l’ordine con un decreto del 5 novembre 1808, apportando alcune leggere modifiche agli statuti. Vengono aggiunte nuove classi (si noti che si tratta delle stesse classi dell’ordine della Legione d’onore).
La Gran Croce, la Regina,
Grande ufficiale della marina,
Il comandante della nave,
Ufficiale
Il cavaliere, il cavaliere.
Vorrei sapere se uno storico avrebbe fatto pubblicare le sue ricerche sull’ordine in un libro recentemente pubblicato in italiano, che riporta tutti i beneficiari dell’Ordine delle Due Sicilie.
Il signor Emanuele Pigni, che ha pubblicato 2 opere sull’Ordine Reale della Corona di Ferro, devo rendere omaggio al lavoro di ricerca che ha svolto citando tutti i beneficiari dell’ordine, nonché le sue statue. Grazie, signor Pigni, per averci fatto accedere ai vostri lavori
Stella di cavaliere d’oro del secondo tipo dell’Ordine delle Due Sicilie.

Ringrazio anticipatamente tutte le persone che potrebbero dare un aiuto nella mia ricerca sui beneficiari dell’Ordine delle Due Sicilie.
Molto cordiale da parte sua.

M. Balbe
Decorazione:
Nastro di colore blu chiaro.
Stella d’oro a cinque punte smaltate di rosso rubino, rovesciata e sormontata da un’aquila d’oro sospesa ad una corona d’oro.
Centri: A.: la Trinacria di Sicilia circondata dalla leggenda, su sfondo di smalto blu: "JOSE NAPOLE SICILE REX INSTI."
R.: il cavallo di Napoli circondato dal motto, su sfondo di smalto blu: "PRO RENOVATA PATRIA".
M. Balbe
 
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2017, 18:00

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda M. Balbe » giovedì 5 marzo 2020, 17:23

Bonjour à toutes et à tous

Je suis étonné que personne n’est répondu à ma demande de renseignements sur un ordre aussi prestigieux et certainement très connus en Italie que l’Ordre Royal des Deux Siciles du règne de Joseph Bonaparte à Joachim Napoléon-Murat (sous le nom de Joachim 1er).

Je poursuis ma quête d’informations sur l’Ordre Royal des Deux Siciles.

Je voudrais savoir si sur les sites italiens il y aurait une représentation du prince San Severino Bisignano, Grand chancelier de l’Ordre Royal des Deux Siciles. Conseiller d'Etat du Royaume de Naples.
L’on ne trouve nulle part la représentation de son portrait comme Grand chancelier de l’Ordre Royal des Deux Siciles à Naples aucun musée ne procèdent-ils un portrait de ce prince ?
Je remercie d’avance les personnes qui pourront m’apporter leurs aides afin de pouvoir poursuivre mes recherches sur cet ordre.
Bien cordialement.

M. Balbe.


Ciao a tutte e a tutti voi

Sono stupito che nessuno risponda alla mia richiesta di informazioni su un ordine prestigioso e certamente molto conosciuto in Italia come l’Ordine Reale delle Due Sicilie del regno di Giuseppe Bonaparte a Joachim Napoleone Murat (sotto il nome di Joachim 1er).

Sto cercando informazioni sull’Ordine Reale delle Due Sicilie.

Vorrei sapere se sui siti italiani ci sarebbe una rappresentazione del principe San Severino Bisignano, Gran Cancelliere dell’Ordine Reale delle Due Sicilie. Consigliere di Stato del Regno di Napoli.

Non si trova da nessuna parte la rappresentazione del suo ritratto come Gran Cancelliere dell’Ordine Reale delle Due Sicilie a Napoli?

Ringrazio in anticipo le persone che potranno darmi il loro aiuto per poter proseguire le mie ricerche su quest’ordine.

Molto cordiale da parte sua.

Il signore Balbe


Immagine
M. Balbe
 
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2017, 18:00

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda M. Balbe » domenica 8 marzo 2020, 11:48

Bonjour à toutes les Italiennes et tous les Italiens férus de phaléristiques.
Chères amies, et cher amis,

Je suis étonné de voir que personne ne semble intéresser par mes demandes auprès des collectionneurs Italiens des règnes des deux rois Napolitains Joseph Bonaparte frère de Napoléon 1er et Joachim Murat (Napoléon) sous le nom de Joachim 1er beau-frère de Napoléon 1er.

Parmi les personnes du forum n’y aurait-il pas des gens de la province de Napolitaine qui s’intéresse à l’ordre napolitain même sous le règne de l’occupation française, et qui finirent par créer L'ordre des Deux Siciles, elle est fondée par le roi de Naples Joseph Bonaparte, le 24 février 1808. Son beau-frère le remplaça sur le trône de Naples, il fit quelques réformes de l'ordre par un décret en date du 5 novembre 1808, apportant quelques légères modifications aux statuts. De nouvelles classes sont ajoutées (on notera qu'il s'agit des même classe de l'ordre de la Légion d'honneur).

La décoration ne subit que très peu de transformation, essentiellement ce sont, un listel et les centres qui subirent un changement.


Voir les photos :

Immagine

Immagine


En espèrent que des personnes puissent m’apporter leur aident dans la recherche des récipiendaires de l’Ordre Royal des Deux Siciles.

M. Balbe.
M. Balbe
 
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2017, 18:00

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda M. Balbe » domenica 8 marzo 2020, 12:17

Buongiorno a tutte le italiane e a tutti gli italiani affezionati alle falastistiche.
Care amiche e cari amici,
Sono stupito di vedere che nessuno sembra interessare alle mie richieste ai collezionisti italiani dei regni dei due re napoletani Joseph Bonaparte fratello di Napoleone 1er e Joachim Murat (Napoleone) sotto il nome di Joachim 1er cognato di Napoleone 1er.
Tra le persone del foro non ci sarebbero forse persone della provincia di napoletana interessate all’ordine napoletano anche durante il regno dell’occupazione francese, e che alla fine crearono l’ordine delle due Sicilie, che è fondato dal re di Napoli Giuseppe Bonaparte, il 24 febbraio 1808. Suo cognato lo sostituì sul trono di Napoli, fece alcune riforme dell’ordine con un decreto in data 5 novembre 1808, apportando alcune leggere modifiche agli statuti. Vengono aggiunte nuove classi (si noti che si tratta delle stesse classi dell’ordine della Legione d’onore).
La decorazione subisce solo pochissime trasformazioni, essenzialmente sono un listello e i centri che subiscono un cambiamento.

Vedere le foto:


Immagine

Immagine
Immagine

Sperano che qualcuno mi possa aiutare nella ricerca dei beneficiari dell’Ordine Reale delle Due Sicilie.

M. Balbe
 
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2017, 18:00

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda Mario Volpe » domenica 8 marzo 2020, 15:34

Sui beneficiari dell'Ordine purtroppo non posso aiutarla, per quanto riguarda invece le diverse varianti assunte dalle insegne dell'Ordine nel corso della sua esistenza, ricordo che nel topic dedicato alla Francia (viewtopic.php?f=48&t=20768) nella rubrica sulle tavole illustrative degli ordini cavallereschi, ho inserito anche alcune tavole relative agli ordini imperiali istituiti durante il periodo napoleonico, tra i quali anche l'Ordine delle Due Sicilie.
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3671
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda M. Balbe » lunedì 9 marzo 2020, 9:57

Cher monsieur Mario Volpe

Bonjour

Je vous remercie de votre aimable réponse.

Je voulais simplement savoir si un érudit italien aurait édité un ouvrage se rapportant à l’Ordre Royal des Deux Siciles et a ses récipiendaires, aurait vu le jour en Italie. Comme celui qu’a réalisé monsieur Emanuele Pigni pour son premier ouvrage « l’Ordine della Corona di Ferro » puis un second livre « L’Ordine della Corona di Ferro e le altre ricomense concesse da Napoléone i nel regno Italico ».

Un érudit italien pourrait-il me fournir un site, ou je pourrais trouvais les Almanacco Reale per les annos MDCCCVII à MDCCCXV, sur le net.

Pour les différents types de décorations, je possède un dossier bien rempli des modèles se rapportant à cet ordre. Faisant parti d’association phaléristique Française, me suis adressé à mes confrères italiens pour avoir des renseignements de votre association de phaléristique sur cet ordre, qui a vu le jour à Naples.

Merci pour votre information sur votre Topic que je trouve très bien réalisé. Mais se n'est pas se que j'attendais de mes amis Italiens comme information sur L'ordre Royal des Deux Siciles.

Je ne désespère pas qu'une personne du forum trouve une information sur les l'almanaccos.

Bien cordialement.

M. Balbe.




Caro signor Mario Volpe

Ciao

La ringrazio per la cortese risposta.

Volevo solo sapere se uno studioso italiano avrebbe pubblicato un libro sull’Ordine Reale delle Due Sicilie e sui suoi beneficiari. Come quello realizzato dal signor Emanuele Pigni per la sua prima opera «l’Ordine della Corona di Ferro» poi un secondo libro «L’Ordine della Corona di Ferro e l’Altre ricomense concesse da Napoleone nel Regno Italico».

Un studioso italiano potrebbe fornirmi un sito dove potrei trovare gli Almanacco Reale per gli annos MDCCCVII a MDCCCXV, in rete.

Per i vari tipi di decorazioni, possiedo uno schienale ben riempito dei modelli relativi a questo ordine. Facendo parte di associazione fallica francese, mi sono rivolto ai miei confratelli italiani per avere informazioni dalla vostra associazione di falaristica su quest’ordine, che è stato fondato a Napoli.

Grazie per le informazioni sul vostro Topic che trovo molto ben realizzato. Ma non è quello che mi aspettavo dai miei amici italiani come informazione sull’Ordine Reale delle Due Sicilie.

Non dispero che qualcuno del forum trovi informazioni sugli almanaccos.

Molto cordiale da parte sua.

Il sig. Balbe, signore.


Immagine
M. Balbe
 
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2017, 18:00

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda soragni ugo » lunedì 9 marzo 2020, 13:14

Visitando la gibsoteca museo di Possagno casa natale dello scultore Antonio Canova ho visto in una bacheca le onorificenze che l'artista aveva ricevuto nell'arco della sua carriera di scultore. Tra queste onorificenze spiccava , con qualche segno del tempo, L' Ordine Reale delle Due Sicilie grado Cavaliere rilasciato da Gioacchino Murat
Ugo
soragni ugo
 
Messaggi: 257
Iscritto il: martedì 27 luglio 2010, 21:59

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda Elmar Lang » lunedì 9 marzo 2020, 13:47

A Possagno sono conservate una commenda, un cavaliere ed una "riduzione" dell'ordine delle Due Sicilie, al netto dei furti subiti nei decenni passati.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 3379
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda M. Balbe » martedì 31 marzo 2020, 8:00

Ai miei amici italiani, ecco un po' di lettura per uscire dalla noia di essere confinati come a casa nostra.

Edouard Jacques Antoine de KNYFF

Nato il 9 ottobre 1787 a Bruxelles, Prov. de Bruxelles, Belgio.

Morto il 17 settembre 1877 a Enghien les Bains, Val d’Oise, 95, all’età di 89 anni.

Barone, il generale maggiore. Il 20 giugno 1825 a Bruxelles, concessione da parte del re Guglielmo I del titolo di barone, trasmissibile per ordine di primogenitura, al cavaliere Jacques Antoine Edouard de Knyff, generale maggiore... con attribuzione di armi (testo in fiammingo; sono quelle della famiglia di Knyff, coronate da una corona di barone.

Figlio di Pierre Charles Joseph di KNYFF, Chevalier 1758-1842 (membro del consiglio comunale di Bruxelles, membro degli Stati provinciali di Brabante), e di Adrienne d’Henssens, 1764-1826.

Sposato l'8 novembre 1815, Verviers, Provincia di Liegi, Belgio, con Marie-Charlotte Eugénie Simonis. 1794-1817. Figlia di François Xavier Simonis e di Marie-Eugénie de Goer de Hervé, Guillaume François Albert Edouard de KNYFF 1816-1874 Sposato il 10 luglio 1871, Bruxelles, Provincia di Bruxelles, Belgio, con Marie Elisabeth SOUVERBIE 1833-1909.

Il suo secondo matrimonio (religioso) a Parigi si svolge nella cappella dell’ambasciata inglese a Parigi il 9 febbraio 1826 (fonte: mormoni).

Dopo gli studi, figura nelle liste della coscrizione ed ha cominciato la sua carriera come secondo tenente (o sottotenente) nel dicembre 1805.

Dopo brillanti studi, entrò in servizio come ufficiale di ordinanza presso il principe Luigi, comandante dell’esercito del Nord, dicembre 1805.

Rientra sottotenente ai comodini belgi di Arenberg, il 6 dicembre 1806 (in un altro documento viene dato tenente a partire da tale data).

Passa tenente ai comodini belgi di Arenberg, il 26 dicembre 1806.
Sarà dimesso il 22 giugno 1807.

Storia del reggimento dei cavalli leggeri belgi (rivista soldati napoleonici N° 26) che il tenente De Knyff in febbraio 1807 era l’ufficiale reclutatore del reggimento e che aveva fatto fare i manifesti per arruolare i volontari belgi a Liegi.




Immagine



De Knyff, insieme ad altri ufficiali, si dimetterà dal reggimento nel giugno 1807, in seguito a alterchi con il celebre maggiore del reggimento Augusto Ameil, (che si contenderà anche con il suo colonnello e sarà imprigionato per questo nel marzo 1809. Proseguirà una carriera brillante diventando generale).

Da Knyff allora diventa aiutante di campo di parecchi generali.

È aiutante del generale Malher, il 20 ottobre 1807.Poi diventa aiutante del generale Dupont alla morte di Malher, (ucciso a Valladolid il 13 marzo 1808 in un’esercitazione a fuoco da una bacchetta di fucile dimenticata nella canna della sua arma da un soldato e che gli passa il cranio)
Non è tuttavia incaricato del generale Dupont.

Diventa aiutante di campo del generale Verdier, il 15 novembre 1808 (nomina annullata il 20 dicembre 1808, mantenuto allo stipendio di attività il 30 dicembre 1808).
Passa aiutante di campo del Gal Dutaillis, il 30 marzo 1809.

Ottiene il grado di capitano e passa all’ottavo ussaro il 16 marzo 1811.

Fa la campagna del 1806 all’esercito del Nord, quella del 1807 in Pomerania, poi quella del 1808 in Spagna e quella del 1809 in Austria.

[Fonte: SHD - registro ufficiali dei 27 º cacciatori e 8 º ussari serie 2Yb, registri di assistenti di campo serie Xem].

Fu anche uno degli aiutanti del colonnello Domon all'8º reggimento degli ussari, il 16 marzo 1811.




Cavaliere l’ordine militare di Massimiliano Giuseppe di Baviera nel 1811, con l’ottavo ussaro.


Immagine

Brevetto dell’Ordine Militare di Massimiliano Joseph.


Immagine

Cavaliere dell’Ordine della Legione d’Onore il 21 agosto 1812 nell’ottavo reggimento dell’ussaro.



Immagine



Asta dello studio Rémy le Fur del 15/11/2012, vecchia collezione di André Souyris Rolland.


Ancora aiutanti di Domon, allora promosso generale di brigata a Witepsk, il 7 agosto 1812, come ricompensa della sua condotta distinta ai combattimenti di Ostrowno. Si illustra poi alla Moskowa dal 5 al 7 settembre 1812.

De Knyff ha fatto tutte le campagne con il colonnello e poi il generale Domon come uno dei suoi aiutanti.

Domon assume allora il comando delle guardie di Joachim Murat e si batte sotto gli ordini di quest’ultimo, a capo della cavalleria del Regno di Napoli, nella campagna di Sassonia del 1813.

Mantenuto nel suo nuovo grado al primo corpo di cavalleria, il generale Domon diventa da quel giorno il compagno e l’amico del re di Napoli, che ottiene dall’imperatore, alla sua partenza da Mosca il 20 ottobre, l’autorizzazione di prendere Domon al suo servizio con i titoli di tenente-Generale e capitano delle sue guardie.

Da Knyff, è ancora uno dei suoi aiutanti, segue il suo generale che è partito per Napoli per occupare il posto di colonnello generale della cavalleria del regno di Napoli di Joachim Napoleone nel marzo 1813.

Da Knyff riparte con il generale Domon e il re Gioacchino I per prendere il comando di una brigata di cavalleria leggera alla Grande Armata. Ferito gravemente alla gamba avuto il passaggio del Bober a Lœvemberg il 21 agosto 1813, azione per la quale ottiene la croce del comandante della Legione d’onore.

Il capitano De Knyff sarà nominato Cavaliere delle Due Sicilie il 6 febbraio 1813.

Il testo è il seguente:

Napoli il 6 febbraio 1813.

Al signor capitano Knyff

Il mio augusto monarca il giorno 10 del mese di gennaio
Ti ha nominato cavaliere dell’Ordine Reale delle Due Sicilie.
Mentre sono qui a darvi la buona notizia
Mi congratulo sinceramente per la sua benevolenza.
Contemporaneamente vi avverto che vi manderò la suddetta decorazione, non appena sarete autorizzati a indossarla
a fare uso di essa.

Apprezzerete le rassicurazioni del mio distinto sentimento.


Il principe San Severino Bisignano, Consigliere di Stato del Regno di Napoli.




Immagine



La traduzione è stata fatta grazie alla gentilezza del signor Montenotte che ringrazio particolarmente

Scuote re Napoli, Gioacchino napoleone. Poi passa a capo della squadriglia nei carri corazzati della Guardia Reale di Napoli che furono creati nel marzo 1813 a partire dai gendarmi d’Elite della Guardia e la metà delle Guardie del Corpo superstiti di Russia.

Ritorna presto a Napoli con il suo generale e re Gioacchino I, ma quando viene a sapere della defezione di questo monarca quando quest’ultimo abbandona Napoleone, si affretta a dare le sue dimissioni il 21 gennaio 1814.

De Knyff, come il suo generale si dimette dal servizio del re di Napoli alla stessa data del generale Domon, ritorna a Parigi il 21 marzo 1814.

A proseguire la sua carriera militare per il 1815, tornerà al servizio del principe di Orange.

Colonnello aiuta campo di S. A. il Principe di Orange il 19 gennaio 1818.

Cavaliere dell’Ordine del Leone Olandese.


Questo ritratto, che rappresenta il generale De Knyff, mi è stato gentilmente trasmesso dal signor Guy Deploige, (Belgio)



Immagine


Ritratto all’acquerello, in busto frontale, in uniforme, firmato in basso a sinistra (illeggibile). 15,5 x 12,5 cm.

Volevo rendere qui un ultimo omaggio al dottor Didier Davin, il mio amico morto di coronavirus il 27 marzo 2020, che mi ha aiutato molto nella ricerca sul barone De Knyff.

Dio mio, amico mio.

Il sig. Balbe, signore.
M. Balbe
 
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2017, 18:00

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda M. Balbe » martedì 31 marzo 2020, 9:15

M. Balbe ha scritto:Ai miei amici italiani, ecco un po' di lettura per uscire dalla noia di essere confinati come a casa nostra.

Edouard Jacques Antoine de KNYFF

Nato il 9 ottobre 1787 a Bruxelles, Prov. de Bruxelles, Belgio.

Morto il 17 settembre 1877 a Enghien les Bains, Val d’Oise, 95, all’età di 89 anni.

Barone, il generale maggiore. Il 20 giugno 1825 a Bruxelles, concessione da parte del re Guglielmo I del titolo di barone, trasmissibile per ordine di primogenitura, al cavaliere Jacques Antoine Edouard de Knyff, generale maggiore... con attribuzione di armi (testo in fiammingo; sono quelle della famiglia di Knyff, coronate da una corona di barone.

Figlio di Pierre Charles Joseph di KNYFF, Chevalier 1758-1842 (membro del consiglio comunale di Bruxelles, membro degli Stati provinciali di Brabante), e di Adrienne d’Henssens, 1764-1826.

Sposato l'8 novembre 1815, Verviers, Provincia di Liegi, Belgio, con Marie-Charlotte Eugénie Simonis. 1794-1817. Figlia di François Xavier Simonis e di Marie-Eugénie de Goer de Hervé, Guillaume François Albert Edouard de KNYFF 1816-1874 Sposato il 10 luglio 1871, Bruxelles, Provincia di Bruxelles, Belgio, con Marie Elisabeth SOUVERBIE 1833-1909.

Il suo secondo matrimonio (religioso) a Parigi si svolge nella cappella dell’ambasciata inglese a Parigi il 9 febbraio 1826 (fonte: mormoni).

Dopo gli studi, figura nelle liste della coscrizione ed ha cominciato la sua carriera come secondo tenente (o sottotenente) nel dicembre 1805.

Dopo brillanti studi, entrò in servizio come ufficiale di ordinanza presso il principe Luigi, comandante dell’esercito del Nord, dicembre 1805.

Rientra sottotenente ai comodini belgi di Arenberg, il 6 dicembre 1806 (in un altro documento viene dato tenente a partire da tale data).

Passa tenente ai comodini belgi di Arenberg, il 26 dicembre 1806.
Sarà dimesso il 22 giugno 1807.

Storia del reggimento dei cavalli leggeri belgi (rivista soldati napoleonici N° 26) che il tenente De Knyff in febbraio 1807 era l’ufficiale reclutatore del reggimento e che aveva fatto fare i manifesti per arruolare i volontari belgi a Liegi.




Immagine



De Knyff, insieme ad altri ufficiali, si dimetterà dal reggimento nel giugno 1807, in seguito a alterchi con il celebre maggiore del reggimento Augusto Ameil, (che si contenderà anche con il suo colonnello e sarà imprigionato per questo nel marzo 1809. Proseguirà una carriera brillante diventando generale).

Da Knyff allora diventa aiutante di campo di parecchi generali.

È aiutante del generale Malher, il 20 ottobre 1807.Poi diventa aiutante del generale Dupont alla morte di Malher, (ucciso a Valladolid il 13 marzo 1808 in un’esercitazione a fuoco da una bacchetta di fucile dimenticata nella canna della sua arma da un soldato e che gli passa il cranio)
Non è tuttavia incaricato del generale Dupont.

Diventa aiutante di campo del generale Verdier, il 15 novembre 1808 (nomina annullata il 20 dicembre 1808, mantenuto allo stipendio di attività il 30 dicembre 1808).
Passa aiutante di campo del Gal Dutaillis, il 30 marzo 1809.

Ottiene il grado di capitano e passa all’ottavo ussaro il 16 marzo 1811.

Fa la campagna del 1806 all’esercito del Nord, quella del 1807 in Pomerania, poi quella del 1808 in Spagna e quella del 1809 in Austria.

[Fonte: SHD - registro ufficiali dei 27 º cacciatori e 8 º ussari serie 2Yb, registri di assistenti di campo serie Xem].

Fu anche uno degli aiutanti del colonnello Domon all'8º reggimento degli ussari, il 16 marzo 1811.




Cavaliere l’ordine militare di Massimiliano Giuseppe di Baviera nel 1811, con l’ottavo ussaro.


Immagine

Brevetto dell’Ordine Militare di Massimiliano Joseph.


Immagine

Immagine

Cavaliere dell’Ordine della Legione d’Onore il 21 agosto 1812 nell’ottavo reggimento dell’ussaro.



Immagine

Immagine

Asta dello studio Rémy le Fur del 15/11/2012, vecchia collezione di André Souyris Rolland.


Ancora aiutanti di Domon, allora promosso generale di brigata a Witepsk, il 7 agosto 1812, come ricompensa della sua condotta distinta ai combattimenti di Ostrowno. Si illustra poi alla Moskowa dal 5 al 7 settembre 1812.

De Knyff ha fatto tutte le campagne con il colonnello e poi il generale Domon come uno dei suoi aiutanti.

Domon assume allora il comando delle guardie di Joachim Murat e si batte sotto gli ordini di quest’ultimo, a capo della cavalleria del Regno di Napoli, nella campagna di Sassonia del 1813.

Mantenuto nel suo nuovo grado al primo corpo di cavalleria, il generale Domon diventa da quel giorno il compagno e l’amico del re di Napoli, che ottiene dall’imperatore, alla sua partenza da Mosca il 20 ottobre, l’autorizzazione di prendere Domon al suo servizio con i titoli di tenente-Generale e capitano delle sue guardie.

Da Knyff, è ancora uno dei suoi aiutanti, segue il suo generale che è partito per Napoli per occupare il posto di colonnello generale della cavalleria del regno di Napoli di Joachim Napoleone nel marzo 1813.

Da Knyff riparte con il generale Domon e il re Gioacchino I per prendere il comando di una brigata di cavalleria leggera alla Grande Armata. Ferito gravemente alla gamba avuto il passaggio del Bober a Lœvemberg il 21 agosto 1813, azione per la quale ottiene la croce del comandante della Legione d’onore.

Il capitano De Knyff sarà nominato Cavaliere delle Due Sicilie il 6 febbraio 1813.

Il testo è il seguente:

Napoli il 6 febbraio 1813.

Al signor capitano Knyff

Il mio augusto monarca il giorno 10 del mese di gennaio
Ti ha nominato cavaliere dell’Ordine Reale delle Due Sicilie.
Mentre sono qui a darvi la buona notizia
Mi congratulo sinceramente per la sua benevolenza.
Contemporaneamente vi avverto che vi manderò la suddetta decorazione, non appena sarete autorizzati a indossarla
a fare uso di essa.

Apprezzerete le rassicurazioni del mio distinto sentimento.


Il principe San Severino Bisignano, Consigliere di Stato del Regno di Napoli.




Immagine

Immagine

La traduzione è stata fatta grazie alla gentilezza del signor Montenotte che ringrazio particolarmente

Scuote re Napoli, Gioacchino napoleone. Poi passa a capo della squadriglia nei carri corazzati della Guardia Reale di Napoli che furono creati nel marzo 1813 a partire dai gendarmi d’Elite della Guardia e la metà delle Guardie del Corpo superstiti di Russia.

Ritorna presto a Napoli con il suo generale e re Gioacchino I, ma quando viene a sapere della defezione di questo monarca quando quest’ultimo abbandona Napoleone, si affretta a dare le sue dimissioni il 21 gennaio 1814.

De Knyff, come il suo generale si dimette dal servizio del re di Napoli alla stessa data del generale Domon, ritorna a Parigi il 21 marzo 1814.

A proseguire la sua carriera militare per il 1815, tornerà al servizio del principe di Orange.

Colonnello aiuta campo di S. A. il Principe di Orange il 19 gennaio 1818.

Cavaliere dell’Ordine del Leone Olandese.


Questo ritratto, che rappresenta il generale De Knyff, mi è stato gentilmente trasmesso dal signor Guy Deploige, (Belgio)



Immagine


Ritratto all’acquerello, in busto frontale, in uniforme, firmato in basso a sinistra (illeggibile). 15,5 x 12,5 cm.

Volevo rendere qui un ultimo omaggio al dottor Didier Davin, il mio amico morto di coronavirus il 27 marzo 2020, che mi ha aiutato molto nella ricerca sul barone De Knyff.

Dio mio, amico mio.

Il sig. Balbe, signore.
M. Balbe
 
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2017, 18:00

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda M. Balbe » domenica 5 aprile 2020, 14:55

Cari amici italiani

Volevo aggiungere che le informazioni che mi sono state trasmesse sul capitano De Knyff, futuro generale dell’esercito olandese, mi erano state trasmesse anche dal signor Benedetto Lorenzini.

Un supplemento sull’Ordine Reale delle Due Sicilie.

Una lettera firmata dal re Joachim Napoleone.

Sto ancora aspettando qualcuno che possa suggerirmi un sito per l’almanacco del regno delle Due Sicilie per gli anni 1806-1815.

Un amico italiano mi ha indirizzato verso un sito admin@ilportaledelsud.org che purtroppo non ha dato alcuna risposta negativa.

Volevo anche chiedervi se c’è qualcuno che conosce un artigiano che riproduce le bandiere del Regno di Napoli del re Joachim I Napoleone Murat. Per la gente che fa rievocazione storica su truppe napoletane.

Attendo le vostre risposte e i vostri commenti su questa decorazione mitica per noi collezionisti di falastie.


Che Dio vi benedica.

Ci vediamo tra poco.



Immagine
Immagine

PS: signore Jean-Marc Agotani ci ha lasciato all’inizio di febbraio 2020 dopo una lunga malattia, che il suo corpo e la sua anima riposino in pace.

signore Balbe.
M. Balbe
 
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2017, 18:00

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda Tilius » domenica 5 aprile 2020, 17:08

M. Balbe ha scritto:Sto ancora aspettando qualcuno che possa suggerirmi un sito per l’almanacco del regno delle Due Sicilie per gli anni 1806-1815.

Monsieur,
Êtes-vous sûr que cet almanach existait dans les années 1806-1815?
A cette époque, le Royaume des Deux-Siciles n'existait toujours pas sous cette dénomination (ni sur la ligne Bourbon ni sur la ligne Napoléonienne).
Par conséquent, en supposant qu'il existait, il devait avoir un titre complètement différent.
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12795
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda M. Balbe » lunedì 6 aprile 2020, 9:40

Bonjour Tilius

Monsieur l’aministrateur ;


Suite à des recherches sur un général Français sur un site de miltaria Français, un correspondant a peut me fournir se site que je vous joins, il s’agit de l'Almanach Royal Napolitain pour l’année 1811, sur le site « About this Book ».


https://babel.hathitrust.org/cgi/pt?id=nnc1.1002603780&view=2up&seq=8
https://babel.hathitrust.org/cgi/pt?id= ... up&seq=164


Malheureusement il a pu me transmettre que celui-ci, je me suis dit que peut-être, que sur le site I NOSTRI AVI, un correspondant de ce site Italiens spécialiste en phaléristique pourrait me fournir des renseignements sur un site qui aurait numérisé les almanachs dans les archives Napolitaines ? Comme nous, nous avons le site « BNF. Gallica », ou nous pouvons trouver les almanachs impériaux de 1805- 1813- 1814.

https://gallica.bnf.fr/ark:/12148/cb34454108n/date
https://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k203907n


Je pensais trouver les almanachs consacré et pendant la période des rois de Naples, Joseph Napoléon, (année 1806), et le roi Joachim Napoléon, année (1814- -1813-1814).

Aucun historien Italien c’est intéressé à cette période de l’occupation des armées de Napoléon 1er sur le royaume de Naples des Bourbon ? Pas un historien Italien ne s’est captivé sur cet ordre aussi fabuleux, et qui fut l distribué aux Italiens comme aux Français avec parcimonie, et avarice pour les services rendus aux souverains.

Je m’étonne que les italiens eux-mêmes ne soit pas plus intéressé par l’Ordre Royal des Deux Siciles, restant pourtant un ordre Franco-Italien, du royaume de Naples et qui fera partie de plus tard de l’Union Italien.


Période napoléonienne :

Le royaume des Deux-Siciles de Ferdinand Ier s'était allié avec la Troisième Coalition contre Napoléon en 1805.

En 1806, à la suite des victoires décisives sur les armées alliées à Austerlitz et sur les Napolitains à Campo Tenese, Napoléon installe son frère Joseph sur le trône de Naples. Ferdinand fuit vers la Sicile où il maintiendra son pouvoir.

Quand deux ans plus tard Joseph est envoyé en Espagne, il est remplacé à Naples par sa sœur Caroline et son beau-frère, le maréchal Joachim Murat. Les tentatives successives de Murat pour envahir la Sicile échouent. L'île est défendue par les Britanniques et Ferdinand participe aux coalitions successives (quatrième, cinquième et sixième) contre Napoléon.

Après la défaite de Napoléon en 1814, Murat conclut une entente avec l'Autriche et conserve le trône de Naples, malgré les protestations de Ferdinand et de ses partisans. Cependant, la plupart des autres puissances, en particulier la Grande-Bretagne, lui sont hostiles. Murat dépend du soutien incertain de l'Autriche et sa position devient de moins en moins sûre.

En 1815, lorsque Napoléon revient en France pour les Cent-Jours, Murat se rallie à lui. Par la proclamation de Rimini il s'allie aux nationalistes italiens dans l'espoir de sauver son royaume. La guerre napolitaine qui suit entre Murat et les Autrichiens est de courte durée et se termine par la victoire décisive des forces autrichiennes à Tolentino. Murat est forcée de fuir, puis est capturé et exécuté à Pizzo, en Calabre.

Ferdinand réunifie son royaume. L'année suivante (1816), l'union formelle du royaume de Naples avec le royaume de Sicile dans le nouveau royaume des Deux-Siciles est de nouveau constituée.



Risorgimento.

Insurrection de 1847.

La conquête du royaume et l'unification italienne (le 25 juin 1860). Puis 1870.

Site : SEHRI.


http://sehri.forumactif.com/t3948-le-general-geither

Monsieur l’Amministratore, Mr Tilius,

J’ai voulus partager les informations sur la carrière militaire du capitaine De Knyff, ainsi que les documents que j’ai pu réunir sur les honneurs que lui ont décernés Napoléon 1er avec la Légion d’honneur, Maximilien 1er roi de Bavière avec l’Ordre militaire de Maximilien-Joseph de Bavière, et Joachim 1er roi des Deux Siciles avec l’Ordre des Deux Siciles, donc j’ai voulus partager avec mes amis Italiens. Dans l’espoir que vous pourriez m’apporter votre aide comme vous me l’avez apporté pour le sieur Comte Luigi Bongioanni di Castelborgo.

Vous remerciant d’avance de votre amabilité, et de l’immense savoir sur les phaléristiques Italiens.

Bien cordialement.

M. Balbe

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ciao Tilius

Signor amministratore di banca;

In seguito a ricerche su un generale francese su un sito di miltaria francese, un corrispondente può fornirmi il sito che vi allego, si tratta dell’Almanach Royal Napolitain per l’anno 1811, sul sito «About this Book».


https://babel.hathitrust.org/cgi/pt?id=nnc1.1002603780&view=2up&seq=8
https://babel.hathitrust.org/cgi/pt?id= ... up&seq=164


Purtroppo ha potuto trasmettermi che questo, ho pensato che forse, sul sito I NOSTRI AVI, Un corrispondente di questo sito italiano specializzato in falegnameria potrebbe fornirmi informazioni su un sito che avrebbe digitalizzato gli almanacchi nelle archie napoletane? Come noi abbiamo il sito «BNF. Gallica», dove possiamo trovare gli almanacchi imperiali del 1805-1813- 1814.

https://gallica.bnf.fr/ark:/12148/cb34454108n/date
https://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k203907n


Pensavo di aver trovato gli almanacchi deceduti e durante il periodo dei re di Napoli, Giuseppe Napoleone, (anno 1806), e re Joachim Napoleon, anno (1814- 1813-1814).

Nessun storico italiano è interessato a questo periodo di occupazione degli eserciti di Napoleone primo sul regno di Napoli dei Borboni? Non uno storico italiano si è mai affascinato su quest’ordine così favoloso, che fu distribuito agli italiani e ai francesi con parsimonia e avarizia per i servizi resi ai sovrani.

Mi stupisce che gli italiani stessi non siano più interessati all’Ordine Reale delle Due Sicilie, pur rimanendo un ordine Franco-Italiano del Regno di Napoli e che farà parte in seguito dell’Unione Italiana.


Periodo napoleonico:

Il regno delle Due Sicilie di Ferdinando I si era alleato con la Terza Coalizione contro Napoleone nel 1805.

Nel 1806, a seguito delle decisive vittorie sugli eserciti alleati ad Austerlitz e sui napoletani a Campo Tenese, Napoleone installa suo fratello Giuseppe sul trono di Napoli. Ferdinand fugge verso la Sicilia dove manterrà il suo potere.

Quando due anni dopo Joseph viene inviato in Spagna, viene sostituito a Napoli da sua sorella Caroline e suo cognato, il maresciallo Joachim Murat. I successivi tentativi di Murat di invadere la Sicilia falliscono. L’isola è difesa dai britannici e Ferdinando partecipa alle coalizioni successive (quarta, quinta e sesta) contro Napoleone.

Dopo la sconfitta di Napoleone nel 1814, Murat conclude un accordo con l’Austria e mantiene il trono di Napoli, nonostante le proteste di Ferdinando e dei suoi sostenitori. Tuttavia, la maggior parte delle altre potenze, in particolare la Gran Bretagna, gli sono ostili. Murat dipende dall’incerto sostegno dell’Austria e la sua posizione sta diventando sempre meno sicura.

Nel 1815, quando Napoleone torna in Francia per i Cento Giorni, Murat si unisce a lui. Con la proclamazione di Rimini si allea con i nazionalisti italiani nella speranza di salvare il suo regno. La successiva guerra napoletana tra Murat e gli austriaci è di breve durata e si conclude con la vittoria decisiva delle forze austriache a Tolentino. Murat è costretta a fuggire, poi viene catturata e giustiziata a Pizzo, in Calabria.

Ferdinand riunisce il suo regno. L’anno seguente (1816), viene nuovamente costituita l’unione formale del Regno di Napoli con il Regno di Sicilia nel nuovo Regno delle Due Sicilie.


Risorgimento :

Insurrezione del 1847, signore.

La conquista del regno e l’unificazione italiana (il 25 giugno 1860). Poi 1870.

Luogo: SEHRI.


http://sehri.forumactif.com/t3948-le-general-geither

Signor Amministratore, signor Tilius,
Ho voluto condividere le informazioni sulla carriera militare del capitano De Knyff, nonché i documenti che ho potuto raccogliere sugli onori che gli hanno conferito Napoleone I con la Legione d’onore, Massimiliano Primo re di Baviera con l’Ordine militare di MassimilianoGiuseppe di Baviera, e Gioacchino primo re delle Due Sicilie con l’Ordine delle Due Sicilie, così ho voluto condividere con i miei amici italiani. Nella speranza che lei mi possa aiutare come ha fatto con me per il conte Luigi Bongioanni di Castelborgo.
Vi ringrazio anticipatamente per la vostra gentilezza e per l’immensa conoscenza sulle falastistiche italiane.

Molto cordiale da parte sua.

M. Balbe
M. Balbe
 
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2017, 18:00

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda M. Balbe » lunedì 6 aprile 2020, 9:59

M. Balbe
 
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2017, 18:00

Re: L’Ordre des Deux Siciles. L’Ordine delle Due Sicilie.

Messaggioda M. Balbe » giovedì 9 aprile 2020, 18:41

Buongiorno a tutte e a tutti.

Un complemento del Royal Almanach del 1814-1815.


file:///E:/20.%20Ouvrages%20en%20PDF/dossier.%20Almanach%20Impérial%201er%20Empire/Royal%20Almanach1814.%201815..pdf


Per proseguendo con la decorazione dell’Ordine Reale delle Due Sicilie.
[b]

Vi sto condividendo le mie ricerche su alcuni distintivi della famiglia delle copie da case come quella di Bacqueville, e probabilmente altre case sconosciute.

1/ Casa di vendita emedals. 2// Casa Bacqueville.

Spero che tra le persone di questo forum ci saranno alcuni studiosi che potranno aiutarmi ad identificare il punzone della casa che ha potuto realizzare i suoi due modelli di decorazioni sull’Ordine Reale delle Due Sicilie.

1/ Casa di vendita emedals.[/b]

Primo tipo

Immagine
Immagine
Immagine



Secondo tipo[

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine


2// Casa Bacqueville.

Immagine
Immagine
Immagine

Immagine


Ordine Reale delle Due Sicilie, stella della grancroce dorata dalla casa Bacqueville, H. 9 cm.

Ordine Reale delle Due Sicilie

Raggiungendo 35.000 euro, questa stella di gran croce dell’ordine delle Due Sicilie spruzzava la sua stima. Si tratta di una riproduzione in oro eseguita dalla casa Bacqueville, che produce medaglie e decorazioni dal 1790, installato oggi nelle gallerie del Palais-Royal a Parigi. L’Ordine delle Due Sicilie è stato istituito il 24 febbraio 1808 da Joseph-Bonaparte, con l’assenso del fratello imperatore, cosa che non era avvenuta nel 1806 con il grande ordine dell’Unione e dell’ordine reale del merito, imposto in Olanda da Luigi Bonaparte. Giuseppe-Bonaparte lo divide in tre classi: dignitario, comandante e cavaliere. abdica rapidamente per prendere la corona di Spagna, sostituito il 15 luglio 1808 da Joachim Murat. Con decreto del 5 novembre, quest’ultimo riformerà l’ordine, istituendo nuove classi, ricalcate su quelle della Legione d’onore: cavaliere di Gran Croce, granufficiale, comandante, ufficiale e cavaliere. Il distintivo conserva la sua forma e il suo arredamento, sostituendo il nome di Gioacchino Murato sul dritto quello di Giuseppe e il suo ritratto d’oro, sostituendosi alla Trinacria, simbolo dell’isola. È riprodotto il verso, che reca lo stemma della Sicilia circondato dal motto "Pro Renovata Patria". La nostra stella della Gran Croce corrisponde alla classe più alta dell’ordine.

Prezzo IVA inclusa. 42952,00 € tasse incluse. Francia.

Mercoledì 21 novembre 2012, sala 11 - Drouot-Richelieu.

Casa, Néret-Minet - Tessier & Sarrou SVV. M. Expert. C. Blondieau.


Immagine

Collezione di Antonio Spada.

Immagine


Nonostante quasi 2.000 visualizzazioni, ci sono poche persone che rispondono alle mie domande, spero che un napoletano appassionato di falisti possa trasmettermi qualche informazione sull’almanacco napoletano.

Buon week-end di Pâsqua, nonostante il contenimento e il coronavirus.

A presto.

M. Balbe. [hmm.gif]
M. Balbe
 
Messaggi: 56
Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2017, 18:00

Prossimo

Torna a Faleristica



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite