Faleristica costantiniana

Per approfondire la conoscenza delle decorazioni, della loro conservazione e compravendita.
Deepening knowledge about decorations, their preservation and buy and sell.

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda Tilius » sabato 31 marzo 2018, 18:09

Elmar Lang ha scritto:Con tutta la stima per i Cavalieri Costantiniani, questa medaglia è al disotto del concetto di "patacca" (parere personale)

Anche le medaglie 1898 & 1908 emesse da Seine Kaiserliche und Königliche Apostolische Majestät FJI erano commemorative giubilari... [angel]
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12271
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda Tilius » sabato 31 marzo 2018, 18:14

nicolad72 ha scritto:Un maggior rigore nei conferimenti sarebbe più che sufficiente... il problema è che in Italia l'idea stessa di una medaglia crea pura frenesia...

Temo che il discrimine sui conferimenti non basterebbe: di fatto nulla impedisce un privato acquisto e un illeggittimo porto.
Il pataccaro italico fedele al suo ideale ("Patacca o morte!") non si ferma certo di fronte alla quisquiglia di un mancato conferimento.
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12271
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda nicolad72 » sabato 31 marzo 2018, 18:29

Ma qua non è in vendita la patacca come oggetto... non parliamo di falsificazioni di titoli o smercio di metalli...
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10366
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda Elmar Lang » sabato 31 marzo 2018, 21:07

Tilius ha scritto:
Elmar Lang ha scritto:Anche le medaglie 1898 & 1908 emesse da Seine Kaiserliche und Königliche Apostolische Majestät FJI erano commemorative giubilari...


Ma quelle Medaglie, celebravano il lungo regno del Monarca ed erano conferite unicamente al personale civile e militare in servizio al momento delle festività giubilari.
Inoltre, last but not least, quelle due decorazioni erano conferite dall'autorità di uno stato sovrano, non dai litigiosi, lontani discendenti d'una dinastia decaduta ed autoconferibili, dietro pagamento di un "obolo"...
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2997
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda gnr56 » sabato 7 aprile 2018, 1:31

nicolad72 ha scritto:Sergio, io durante il giubileo costantiniano ero a Roma, e un giretto a San Paolo fuori le mura me lo son fatto. Al massimo sarete stati 400, non uno in più, sicuramente qualcuno in meno. Eppure di medaglie costantiniane del giubileo ne sono state rilasciate 2300... con tutto il mercanteggiare che certi soggetti - noti soggetti dal discutibile approccio - hanno posto in essere.
Tempo che questa farà la medesima fine...


C'eri anche tu? Ero a Roma anch'io in quel sabato 16 aprile 2016.
gnr56
 
Messaggi: 1234
Iscritto il: giovedì 11 giugno 2009, 16:53

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda nicolad72 » sabato 7 aprile 2018, 8:21

Certo, ma non per prendermi la medaglia costantiniana, che non ho e che anzi ho pure rifiutato! Ma tu non sei cavaliere del ramo ultrogenito?
Sai durante i giubilei il servizio di primo soccorso nelle basiliche maggiori è svolto dal SMOM!
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10366
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda Elmar Lang » sabato 7 aprile 2018, 9:11

Lo so di essere noioso e ripetitivo, ma... ripeto, il giorno in cui lo Stato prendesse la decisione di proibire nella maniera più chiara ed assoluta, il porto di insegne di ordini cavallereschi e decorazioni che non siano state conferite da stati sovrani riconosciuti dalla Repubblica Italiana, ecco che come per incanto la caccia alla medaglietta-a-pagamento sparirebbe come per incanto, assestando pure un serissimo colpo anche agli ordini farlocchi.

Sarebbe una legge semplicissima, in due articoli al massimo (il secondo, quello delle multe previste per i contravventori (si sa, per insegnare certe cose a noi Italiani, bisogna toccarci il portafogli...).

E.L.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2997
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda GENS VALERIA » sabato 7 aprile 2018, 10:46

Ci sono utenti di questo forum , anche di altissimo profilo che farebbero follie per trovare su una bancarella di robivecchi non solo un' onorificenza conferita da stato sovrano riconosciuto dalla Repubblica Italiana ma anche coniate da e per la Repubblica Italiana , o no ?
Credo proprio che non la indosseranno mai in pubblico
Per un briciolo di onestà intellettuale , perché cotanto atteggiamento leggermente stizzito ed un poco spocchioso quando si parla di medaglie commemorative o di benemerenza(?) emanazione di un Ordine Cavalleresco antico e riconosciuto.
Nessuno si è mai posto la domanda :
cosa ci fa in vendita, il cofanetto del giubileo costantiniano, nella pagina dedicata di una nota sartoria romana
http://maurelli.eu/index.php?route=prod ... ath=65_113.
A parte coloro i quali ne hanno diritto , il tipo di vendita e ciò che spinge all' acquisto dell' oggetto è lo stesso ruspante desiderio compulsivo di chi ne va a caccia una bancherella..
Come una collezione di Guipiere:
Tutti la possono acquistare , pochissimi la possono esibire in pubblico.
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5112
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda nicolad72 » sabato 7 aprile 2018, 11:06

Tutti questi ragionamenti mi spingono a formulare una domanda.
Può il Gran Maestro (appartenente ad una casa non più sovrana) di un ordine equestre istituire una medaglia di benemerenza/commemorativa/giubilare? Rientra tale facoltà tra le sue prerogative?
Parliamo anche un po' di legittimità del segno. Una cosa è mantenere ed amministrare un Ordine facente parte parte del patrimonio araldico di una famiglia, altro è innovarne gli statuti, altro ancora è istituire sotto quell'autorità ulteriori segni d'onore... per fare il quale - mi preme ricordare - è in genere necessario avere FH pieno e quindi sovrano.
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10366
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda GENS VALERIA » sabato 7 aprile 2018, 11:24

Ho ricevuto le mie ( poche ) medaglie di benemerenza in 4^e 5^ Elementare da parte della Presidenza del Collegio San Francesco dei PP Somaschi a Rapallo .
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5112
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda T.G.Cravarezza » sabato 7 aprile 2018, 11:34

nicolad72 ha scritto:Tutti questi ragionamenti mi spingono a formulare una domanda.
Può il Gran Maestro (appartenente ad una casa non più sovrana) di un ordine equestre istituire una medaglia di benemerenza/commemorativa/giubilare? Rientra tale facoltà tra le sue prerogative?
Parliamo anche un po' di legittimità del segno. Una cosa è mantenere ed amministrare un Ordine facente parte parte del patrimonio araldico di una famiglia, altro è innovarne gli statuti, altro ancora è istituire sotto quell'autorità ulteriori segni d'onore... per fare il quale - mi preme ricordare - è in genere necessario avere FH pieno e quindi sovrano.


Personalmente ritengo che non possa sicuramente creare nuovi ordini cavallereschi o modificare quelli esistenti.
Sarei contrario anche alla creazione di medaglie di benemerenza seppur ne posso comprendere la necessità alle volte per non svilire gli ordini dinastici concedendoli per benemerenze "minime".
Invece sulle semplici medaglie commemorative/celebrative, se si considerano interne alla Casata e per un singolo evento... le possiamo considerare non come veri e propri segni d'onore (anche perchè sono concesse a chiunque partecipi all'evento celebrativo), ma appunto come ricordo dell'anniversario/evento. Ovviamente devono essere medaglie non portative all'esterno della Casata/Ordine e meglio ancora se senza nastro (ma so che questo è chiedere troppo [dev.gif] )
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6384
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda nicolad72 » sabato 7 aprile 2018, 11:49

T.G.Cravarezza ha scritto:Personalmente ...


La domanda è seria... quel personalmente non ha nulla di serio tanto meno di scientifico... fatti e idee giuridicamente rilevanti please... il personalmente et similia facciamoli al bar o al circolo della caccia.
Si accettano risposte con presupposti tipo: in base alla legge (tizia del); in base alla consuetudine riconosciuta da; secondo tale giurisprudenza o caia riconosciuta dottrina, oppure ermeneutiche giuridiche fatte da chi ne ha i comprovati e necessari titoli.

Il resto sono solo inutili speculazioni o simil pettegolezzi, dai quali chiedo di astenersi.
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10366
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda gnr56 » sabato 7 aprile 2018, 16:15

nicolad72 ha scritto:Certo, ma non per prendermi la medaglia costantiniana, che non ho e che anzi ho pure rifiutato! Ma tu non sei cavaliere del ramo ultrogenito?


Secondo la tua visione, l'accesso a San Paolo fuori le Mura per la Santa Messa era consentito ai soli cavalieri dell'obbedienza spagnola?

A me non risulta: tra i fedeli erano presenti anche cavalieri costantiniani dell'obbedienza francese, simpatizzanti e persone normali.

Come sarà accaduto anche oggi, nella celebrazione del Pontificale nella Basilica costantiniana al Flaminio.

nicolad72 ha scritto:Sai durante i giubilei il servizio di primo soccorso nelle basiliche maggiori è svolto dal SMOM!


Lo so, lo so. Infatti nel Giubileo della Misericordia in alcune delle vostre squadre ho potuto vedere persone che con lo Smom poco centravano se non per lucrare la benemerenza giubilare.
gnr56
 
Messaggi: 1234
Iscritto il: giovedì 11 giugno 2009, 16:53

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda nicolad72 » sabato 7 aprile 2018, 16:21

Almeno il SMOM chiede 7 gg di lavoro e delle certificazioni medicge per darti la medaglia, e ti paga pure vitto e alloggio.

Ma gettar discredito su ciò che non riesci ad avere è il tuo hobby preferito. Le favole di Esopo, però, le conosciamo tutti.
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10366
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda Elmar Lang » sabato 7 aprile 2018, 17:11

GENS VALERIA ha scritto:Ci sono utenti di questo forum , anche di altissimo profilo che farebbero follie per trovare su una bancarella di robivecchi non solo un' onorificenza conferita da stato sovrano riconosciuto dalla Repubblica Italiana ma anche coniate da e per la Repubblica Italiana , o no ?
Credo proprio che non la indosseranno mai in pubblico
Per un briciolo di onestà intellettuale , perché cotanto atteggiamento leggermente stizzito ed un poco spocchioso quando si parla di medaglie commemorative o di benemerenza(?) emanazione di un Ordine Cavalleresco antico e riconosciuto.
Nessuno si è mai posto la domanda :
cosa ci fa in vendita, il cofanetto del giubileo costantiniano, nella pagina dedicata di una nota sartoria romana
http://maurelli.eu/index.php?route=prod ... ath=65_113.
A parte coloro i quali ne hanno diritto , il tipo di vendita e ciò che spinge all' acquisto dell' oggetto è lo stesso ruspante desiderio compulsivo di chi ne va a caccia una bancherella..
Come una collezione di Guipiere:
Tutti la possono acquistare , pochissimi la possono esibire in pubblico.


Io sono studioso e collezionista di faleristica.

Ovviamente, mai indosserei le insegne che fanno parte della mia collezione, in quanto non ne sono insignito.

Ma questo cosa ha a che vedere con il personale giudizio che io -pur nel mio basso profilo- sento di dover dare circa le onorificenze attualmente conferite da dinastie decadute? Quale dovrebbe essere il "briciolo di onestà intellettuale"? Devo quindi ritenere -vista la chiarezza del Suo scritto- che Lei intende accusarmi di disonestà intellettuale?

Dove sarebbero la "stizza" e la "spocchia"? Forse, parlerei piuttosto di noia.

Semplicemente, collegandomi all'acuta osservazione di Nicola, questi discendenti di famiglie un tempo regnanti anziché creare medaglie la cui caccia è fatta non tanto da collezionisti quali il sottoscritto modestissimo, ma bensì soprattutto da persone con la smania di potersi fare medaglieri "folti" e pittoreschi come quelli di dittatori sudamericani o africani degli anni '60, potrebbero invece creare dei pregevoli diplomi ad personam, muniti dell'augusto autografo, che i partecipanti a giubilei, proclamazioni di encicliche, benedizioni ed altro, potranno artisticamente incorniciare ed appendere nel proprio studio o in biblioteca.

Vieppiù mi convinco che dovrebbe esistere una legge che chiaramente proibisca il porto di ordini e decorazioni che non fossero conferiti da stati sovrani riconosciuti dalla Repubblica Italiana.

Art.1
E' tassativamente proibito il porto di insegne, decorazioni e medaglie, che non siano state conferite dai governi di stati sovrani, riconosciuti dalla Repubblica Italiana.
Fanno eccezione gli Ordini e le Decorazioni collegati alla S. Sede, Il Sovrano Militare Ordine di Malta, la Croce Rossa e le Nazioni Unite.

Art. 2
I trasgressori saranno puniti con un'ammenda da Euro 500,- ad Euro 3.500,- .
La sanzione viene raddoppiata qualora i trasgressori, al momento dell'illecito facciano parte delle FF.AA., della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza, dei VV.FF. e delle Polizie Locali, indossando le dette insegne sull'uniforme o sull'abito civile; con trascrizione nello stato di servizio.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2997
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

PrecedenteProssimo

Torna a Faleristica



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti