Faleristica costantiniana

Per approfondire la conoscenza delle decorazioni, della loro conservazione e compravendita.
Deepening knowledge about decorations, their preservation and buy and sell.

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda Bessarione » giovedì 12 aprile 2018, 10:29

Elmar Lang ha scritto:Purtroppo il diploma in latino, con gli inserti in spagnolo sono però una mistura inaccettabile. Alla fine, quel "Romae," e la data in spagnolo son quasi ridicoli.

Possibile che il magnificentissimo Ordine Costantiniano non riesca a trovare uno straccio di latinista disoccupato, e designarlo "Gran Scriba", affinché possa dettare un testo corretto al "Gran Calligrafo"?

Questa è una delle cose che più mi turba dei diplomi scritti in latino: io sarei addirittura propenso per tradurre anche il nome dell'insignito in latino (come era prassi consueta, fino a qualche decennio fa, nei vari documenti redatti nella vetusta lingua).

Non sarebbe nemmeno necessario trovare un latinista, basterebbe avere la traduzione in latino dei vari gradi/nomi delle medaglie e fare copia-incolla. Pure con le date ed i nomi basterebbe fare lo stesso.

P.S.: nel diploma è scritto Roma, non Romae.
In hoc signo vinces
Avatar utente
Bessarione
 
Messaggi: 163
Iscritto il: sabato 4 giugno 2016, 18:17

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda Elmar Lang » giovedì 12 aprile 2018, 11:35

Bessarione ha scritto: (...) P.S.: nel diploma è scritto Roma, non Romae.


Grazie dell'osservazione, la mia svista era nel "DATVM..." già stampato, cui è seguìto "Roma" e la data in spagnolo. Sarebbe quindi dovuto essere "DATVM Romae... etc."

Quindi, se vogliamo, ancora peggio.

Quella sulla ricerca d'un latinista da nominare "Gran Scriba", affiancato dal "Gran Calligrafo" era, ahimè, una battuta.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2804
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Faleristica costantiniana

Messaggioda Bessarione » giovedì 12 aprile 2018, 12:09

Elmar Lang ha scritto:Quella sulla ricerca d'un latinista da nominare "Gran Scriba", affiancato dal "Gran Calligrafo" era, ahimè, una battuta.

In realtà i documenti della Santa Sede in latino sono frutto di un gruppo di latinisti (il Cardinale Giovanni Coppa era uno di loro), quindi da qualche parte esiste veramente qualche Gran Scriba. E suppongo che lo stesso valga per i Gan Calligrafi (il diploma dello SMOM è interamente scritto a mano, giusto?). Anche se probabilmente avranno nomi meno altisonanti.
Quindi, pur essendo una semplice battuta, ha un senso.

E comunque, come facevo notare nel mio post precedente, non servono molte competenze in latino per realizzare diplomi Costantiniani i vari "señor".
In hoc signo vinces
Avatar utente
Bessarione
 
Messaggi: 163
Iscritto il: sabato 4 giugno 2016, 18:17

Precedente

Torna a Faleristica



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite