Consigli per un restauro

Per approfondire la conoscenza delle decorazioni, della loro conservazione e compravendita.
Deepening knowledge about decorations, their preservation and buy and sell.

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Consigli per un restauro

Messaggioda Tilius » giovedì 5 gennaio 2017, 15:39

Innanzitutto, chiedo un picciolo aiuto sulla datazione. ;)

Poi, un più grave problema mi affligge. Vedendo nella fotografia il tondo sbilenco, immaginavo che fosse solo "smollato".
Ipotesi errata: in realtà é stato sciaguratamente quanto saldamente fissato (con bostik o colla similare).
Forzando il distacco col pollice e la massima forza applicabile, non si ottiene alcun distacco.
Help. [crybaby.gif]
Allegati
03$_57.JPG
02$_57.JPG
01$_57.JPG
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11701
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Consigli per un restauro

Messaggioda Elmar Lang » giovedì 5 gennaio 2017, 22:53

Oh che bella decorazione! Un merito Melitense austriaco, del tipo conferito pre-1918...

Per un'esatta datazione, dovrei poterlo esaminare de visu.

Circa la riparazione del medaglione anteriore, se non è stato fissato con colla epossidica (nel caso, minacciare di ridurre a ruina fumantizza, la casa di chi avesse perpetrato quell'abominio), consiglio di utilizzare dell'acetone o del solvente nitro, immergendovi con coraggio la decorazione: questi venefici fluidi, dovrebbero dissolvere ogni colla del tipo Bostik e simili attaccatutto.

La colla epossidica è praticamente inattaccabile, se non (molto forse) con procedure di cui potrei chiedere lumi a mia moglie.

E.L.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2571
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Consigli per un restauro

Messaggioda Tilius » venerdì 6 gennaio 2017, 11:29

Grazie. Proverò il solvente nitro (previa rimozione del nastro, ça va sans dire). I residui giallognoli mi confortano sul fatto che non dovrebbe essere cianoacrilato. Però potrebbe essere colla epossidica.

Non é la "solita" edizione di Rothe: bordo liscio invece che zigrinato, fondo smalto rosso completamente diverso su entrambi i lati, anche la croce maltese é diversa (e geometricamente errata: quella di Rothe é bella puntuta e geometricamente ineccepibile). Cercherò eventuali punzoni.
Allegati
47O151120_147_10011_30_a.jpg
47O151120_147_10011_30_a.jpg (18.16 KiB) Osservato 559 volte
47O151120_147_10011_30.jpg
47O151120_147_10011_30.jpg (18.86 KiB) Osservato 559 volte
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11701
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Consigli per un restauro

Messaggioda Elmar Lang » venerdì 6 gennaio 2017, 16:51

Certo, meglio togliere il nastro.

Il cianoacrilato è rimovibile abbastanza facilmente, cosi' come le colle tipo Bostik e simili. La resina epossidica, invece, una volta essiccata è praticamente eterna ed irrimovibile, se non con mezzi meccanici... Purtroppo, spesso assume un colorito giallognolo. Speriamo...

Enzo (E.L.)
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2571
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia


Torna a Faleristica



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron