vecchie decorazioni OESSG

Per approfondire la conoscenza delle decorazioni, della loro conservazione e compravendita.
Deepening knowledge about decorations, their preservation and buy and sell.

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

vecchie decorazioni OESSG

Messaggioda Sagittario » mercoledì 20 luglio 2016, 13:39

Un caro amico ha acquistato in una bottega romana questa bella decorazione da Cavaliere OESSG. Il negoziante asseriva trattarsi di medaglia risalente agli anni ‘70/’80, sulla base della storia riferita dal precedente proprietario. Chiedo il vostro illuminante parere in merito, specialmente per capire di quale produttore possa trattarsi, atteso che insegne e scatola non recano alcun nominativo e/o segno distintivo.

Fronte medaglia formato ordinario
Immagine

Recto medaglia formato ordinario
Immagine

miniatura
Immagine

scatola
Immagine

scatola
Immagine
Socio Ordinario A.I.O.C.
Avatar utente
Sagittario
 
Messaggi: 429
Iscritto il: mercoledì 13 gennaio 2010, 15:19

Re: vecchie decorazioni OESSG

Messaggioda Cristiano Ciani » giovedì 28 luglio 2016, 16:30

Molto bella la croce potenziata sul trofeo
Cristiano Ciani
 
Messaggi: 588
Iscritto il: lunedì 27 marzo 2006, 23:02

Re: vecchie decorazioni OESSG

Messaggioda Sagittario » giovedì 28 luglio 2016, 16:42

in verità apprezzo molto tutte le incisioni (sicuramente non è la terminologia corretta, ma rende il concetto...) apposte sul trofeo, specialmente se le confrontiamo con le insegne oggi in commercio. Chi erano i migliori produttori negli anni 70/80 ?
Socio Ordinario A.I.O.C.
Avatar utente
Sagittario
 
Messaggi: 429
Iscritto il: mercoledì 13 gennaio 2010, 15:19

Re: vecchie decorazioni OESSG

Messaggioda Tilius » giovedì 28 luglio 2016, 17:52

C'erano la Johnson di Milano, o la Alberti, come a Roma c'erano Cravanzola (Gardino) e Guccione.
All'epoca la qualità delle insegne era già vistosamente calata (si vedano le sbavature di fusione/conio sul retro del trofeo, mai rimosse - e la cosa sarebbe stata inaccettabile anche solo su una insegna degli anni '50-60 - oppure l'assenza di rifiniture a bulino), ma almeno c'erano ancora dorature vere e smalti a fuoco.
L'abisso abietto delle dorature plastificate e degli smaltini (vernicette a freddo... pardon, smalto epossidico non raserato) era ancora da venire...
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11666
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol


Torna a Faleristica



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti