Pro Virtute Militari

Per approfondire la conoscenza delle decorazioni, della loro conservazione e compravendita.
Deepening knowledge about decorations, their preservation and buy and sell.

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Pro Virtute Militari

Messaggioda Montenotte » giovedì 3 aprile 2014, 18:41

Alla caduta del Regno d’Italia napoleonico, la medaglia Pro Virtute Militari fu concessa dal governo austriaco ai sottufficiali e militari di truppa, in sostituzione della decorazione di cavaliere dell’Ordine della Corona di Ferro.
Questo è il secondo esemplare apparso di recente in vendita, l’altro era nella collezione del compianto Souyris-Rolland venduto in asta da Hermann Historica nel 2011.
Secondo quanto riportato da Brambilla (fonte Staatsarchiv Wien) ne sarebbero stati coniati solo 175 esemplari.

Immagine
When you have eliminated the impossible, whatever remains, however improbable, must be the truth.
Avatar utente
Montenotte
 
Messaggi: 755
Iscritto il: sabato 19 settembre 2009, 21:41
Località: Dipartimento del Tanaro

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Elmar Lang » giovedì 3 aprile 2014, 19:20

Bella, bella medaglia... rara e sogno di tanti collezionisti.

Invero, un altro bell'esemplare fu venduto -mi pare nel 2010 o 2011- alla San Giorgio, in una bella asta di decorazioni.

Questo pezzo, dove sarà in vendita?

Pure questa, negli anni '80 fu ampiamente falsificata ed in Germania ed Austria, non conoscendola bene, ci caddero in tanti...

A presto,

E.L.

P.S.: confermo i dati riportati nella nuova edizione del Brambilla.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2511
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Montenotte » giovedì 3 aprile 2014, 19:47

La settimana prossima chez Thierry de Maigret http://www.thierrydemaigret.com/html/calendrier.jsp?t=f un catalogo di tutto rispetto.
When you have eliminated the impossible, whatever remains, however improbable, must be the truth.
Avatar utente
Montenotte
 
Messaggi: 755
Iscritto il: sabato 19 settembre 2009, 21:41
Località: Dipartimento del Tanaro

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Elmar Lang » venerdì 4 aprile 2014, 17:21

Belle cose invero.

La medaglia in oggetto non ha un prezzo di partenza stratosferico, ancorché mancante di anello e nastro. L'appiccagnolo, cosa importante, mi sembra comunque quello originale.

Da tener presente, che dei 175 esemplari coniati ne sopravvissero ben pochi, perché tutti quelli restituiti da Milano a Vienna, tranne l'esemplare per il Münzkabinett, furono poi fusi per recuperare il metallo prezioso. Ora non lo ho sottomano, ma sul volume di Brambilla il conteggio è stato fatto con cura.

A presto,

E.L.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2511
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Delehaye » venerdì 4 aprile 2014, 18:34

devo dire che la spartana essenzialità non mi dispiace.

ImmagineImmagine


ma che nastro aveva?

questo "giallo-oro" che è qui riportato?

Immagine

oppure "giallo bordato di blu" come qui?

ImmagineImmagine

domanda da profano ignorante: ma all'epoca il nastro all' "austriaca" (triangolare) non si usava ancora? [bangin.gif]
"Venne anche preso lo stendardo da battaglia (guðfani), che chiamavano "Corvo"."
Avatar utente
Delehaye
 
Messaggi: 2334
Iscritto il: martedì 28 febbraio 2012, 1:42
Località: Napoli

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Montenotte » domenica 6 aprile 2014, 18:15

Di 85 medaglie inviate in Lombardia solo 55 furono effettivamente distribuite, le rimanenti furono rinviate a Vienna per essere fuse. Pare anche a me una medaglia piuttosto sottovalutata, quella venduta da Hermann spuntò 1.000 euro.

Il nastro conforme era quello giallo (oro) con bordi verdi, anche Mericka conferma.
When you have eliminated the impossible, whatever remains, however improbable, must be the truth.
Avatar utente
Montenotte
 
Messaggi: 755
Iscritto il: sabato 19 settembre 2009, 21:41
Località: Dipartimento del Tanaro

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Tilius » lunedì 7 aprile 2014, 20:59

Montenotte ha scritto:Pare anche a me una medaglia piuttosto sottovalutata

Signori, suvvia, sarà anche rara, non lo nego, ma rimane un tocco di metallo stampato... [dev.gif]
Probabilmente é la poca aura di eroismo (non é come per le medaglie al merito del Kaiser Franz, per dire) a fallire nel corroborare il prezzo.
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11699
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Montenotte » martedì 8 aprile 2014, 19:56

Sono in parte d’accordo con te, nel senso del tocco di metallo stampato. Infatti a me manca la Campagne de Chine (4.000 esemplari, vado a memoria) ma mi rifiuto di spendere 5-600 euro, anche considerando che da quante ne circolano (originali s’intende) ve ne dovevano essere notevoli scorte alla Monnaie. Ma varrebbe lo stesso per una Crimea sarda anonima.
Tuttavia mi pare strano che i collezionisti di area austro-tedesca non si interessino più di tanto ad una medaglia di cui esistettero in circolazione solo 55 esemplari, certificati.
When you have eliminated the impossible, whatever remains, however improbable, must be the truth.
Avatar utente
Montenotte
 
Messaggi: 755
Iscritto il: sabato 19 settembre 2009, 21:41
Località: Dipartimento del Tanaro

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Elmar Lang » martedì 8 aprile 2014, 21:46

Ogni tanto, torno con una certa nostalgia ai "fasti" delle aste di decorazioni tenutesi a Genova con il mio piccolo contributo tecnico: lì, una Pro Virtute Militari fu aggiudicata a ben più degli striminziti 1.000 Euro spuntati alla HH (sicuramente con la gioia del compratore) e l'acquirente ne fu ben contento.

E' un "tocco di metallo" davvero raro ed importante.

Circa il nastro, confermo dovesse essere quello del cessato Ordine della Corona Ferrea napoleonico, poiché la detta medaglia era il "Rémplacement" dell'Ordine per coloro che non rivestivano il grado di ufficiale.

A presto,

E.L.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2511
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Tilius » mercoledì 9 aprile 2014, 11:32

Elmar Lang ha scritto:Circa il nastro, confermo dovesse essere quello del cessato Ordine della Corona Ferrea napoleonico, poiché la detta medaglia era il "Rémplacement" dell'Ordine per coloro che non rivestivano il grado di ufficiale.

Immagino che gli ufficiali abbiano ricevuto quale rimpiazzo la croce della corona ferrea austriaca... :roll:
Che classismo deliziosamente cacanico. :D
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11699
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Elmar Lang » mercoledì 9 aprile 2014, 16:36

Alla caduta di Napoleone, l'Imperatore d'Austria, divenuto anche Re del Lombardo-Veneto, sicuramente anche per ingraziarsi i nuovi sudditi, vide bene di "riconfermare" l'antico ordine napoleonico, modificandone però statuti e foggia delle decorazioni.

Restava il problema di coloro che, come sudditi del cessato Regno Italico, ricevettero l'altrettanto cessato Ordine Reale Italiano della Corona Ferrea: per essi, parallelamente al nuovo Ordine, fu creato il c.d. "Ordre du Rémplacement", pure suddiviso in tre classi, ma d'aspetto sostanzialmente diverso dalla decorazione austriaca vera e propria, affinché sussistesse comunque una differenza tra gli "antichi" decorati napoleonici e quelli nuovi.

Era necessario che i decorati presentassero prova d'esser stati decorati e nel contempo consegnassero le insegne francesi all'autorità preposta ed in base al grado già posseduto, veniva loro consegnata la "nuova" decorazione (ho però prova inconfutabile di decorati che trattennero l'insegna francese, che pure ottennero il loro "Rémplacement"):

- in argento con dettagli smaltati, da portare al petto, per i già Cavalieri;

- in oro con dettagli smaltati, da portare al petto, per i già Commendatori;

- in oro con dettagli smaltati, più grande, da portare appesa alla sciarpa a tracolla, per i già Dignitari, con in più una placca brodée (talvolta, con dettagli in oro e smalti), priva del motto "AVITA ET AVCTA", sostityito da un serto di foglie di quercia.

Tutte, per meglio distinguerle dal nuovo Ordine austriaco, appese al nastro francese giallo, bordato di verde.

In Europa, la Francia postrivoluzionaria fu un'eccezione, gli ordini cavallereschi erano esclusivo appannaggio -per i militari- del corpo degli ufficiali: in questo, l'Austria della Restaurazione non fece eccezione. Rimaneva quindi il problema di tutti quei bass'uffiziali e soldati che avendo dimostrato eccezionale valore in battaglia, ricevettero la Corona Ferrea. Per l'Imperatore, essi non dovevano in alcun modo essere esclusi.

Per questo, fu creata un'apposita medaglia: appunto, la "PRO VIRTUTE MILITARI", anch'essa da appendere al nastro già francese. Incidentalmente, per sobrietà e qualità, essa è a mio avviso una delle più belle medaglie europee del XIX Sec.; tanto più rara, perché fu difficilissimo se non in pochi casi, rintracciare materialmente dei soldati semplici e procedere al "cambio" tra la vecchia decorazione e la medaglia.

In questo caso, l'Imperatore ebbe un gesto molto significativo, di rispetto verso dei valorosi, semplici soldati, contro l'iniziale parere dei parrucconi che sedevano nella sua cancelleria militare.

Un gesto abbastanza simile a quello che gli fece istituire la Medaglia per il fatto di Villiers-en-Couché, a seguito dell'opposizione del Capitolo del MMThO a concedere il Cavalierato a degli stranieri, per quanto ufficiali e combattenti al fianco del Kaiser, che arrivarono addirittura con tutta probabilità a salvargli la vita.

Da tenere presente che l'Imperatore dispose che tutti i decorati del cessato Ordine della Corona Ferrea qualunque fosse il loro rango militare, potessero ancora godere del soldo concesso dall'ex-Monte Napoleone, indipendentemente dal fatto che avessero consegnato le insegne francesi o meno.

A presto,

E.L.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2511
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Montenotte » martedì 15 aprile 2014, 21:55

Venduta a 950 euro. Regina dell'asta è stata questa "cosa", nel senso che non ho idea di cosa sia [sorry.gif] , venduta a 75.000 €

Immagine

Rare insigne du 1er type, 1ère classe, 2e grade, rond, en or, orné au centre d'une pierre rose translucide (rubis ?); il porte, de chaque côté, une bélière, celle du haut est munie d'une tresse en soie verte, celle du bas d'une tresse, également en soie verte, de laquelle pendent deux pampilles, l'une en soie rouge, l'autre en soie verte; diamètre 39 mm, épaisseur 4 mm, poids 40 g, longueur avec les pampilles 44 cm. Époque, Chine, Troisième-République
:?:
When you have eliminated the impossible, whatever remains, however improbable, must be the truth.
Avatar utente
Montenotte
 
Messaggi: 755
Iscritto il: sabato 19 settembre 2009, 21:41
Località: Dipartimento del Tanaro

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Elmar Lang » mercoledì 16 aprile 2014, 9:19

Immaginavo che quest'insegna cinese avrebbe fatto sfracelli: quando i collezionisti dell'ex-Celeste Impero trovano qualcosa di loro, sono peggio dei russi pre-2008.

Sono invece estremamente sorpreso dell'aggudicazione della Pro Virtute Militari. Nonostante le mie casse siano esauste, a quel prezzo l'avrei acquistata ben volentieri (pur considerando i costi accessori, specie per la spedizione, che caratterizzano le aste in Francia). Non ho nemmeno pensato di partecipare, sapendo -solitamente- a quanto finisce; evitando perciò di far perdere tempo al personale della Casa d'Aste con una mia telefonata, che ritenevo inutile.

Congratulazioni all'acquirente.

E.L.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2511
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Montenotte » venerdì 18 aprile 2014, 12:43

Decisamente sono di moda in questo momento.

Lot Sammleranfertigungen,
3 Stück, versch. MET., Großes Armeekreuz 1813/14, Silbernes Zivilehrenkreuz, Medaille Pro virtute militari, meist an Bändern, alles Sammleranfertigungen, I/II


Immagine

http://www.dorotheum.com/it/asta-dettag ... 5465866019

Le sbavature sono molto evidenti (forse volute?), ma il fatto che circolino anche Sammleranfertingungen deve invitare ulteriormente alla prudenza...
When you have eliminated the impossible, whatever remains, however improbable, must be the truth.
Avatar utente
Montenotte
 
Messaggi: 755
Iscritto il: sabato 19 settembre 2009, 21:41
Località: Dipartimento del Tanaro

Re: Pro Virtute Militari

Messaggioda Tilius » venerdì 18 aprile 2014, 13:16

Delehaye ha scritto:Immagine


Direi che questa (anch'essa passata per il Dorotheum...) é stretta parente (i.e. uscite entrambe dalla stessa matrice).
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11699
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Prossimo

Torna a Faleristica



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron