Nobel in vendita

Per approfondire la conoscenza delle decorazioni, della loro conservazione e compravendita.
Deepening knowledge about decorations, their preservation and buy and sell.

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Nobel in vendita

Messaggioda Tilius » mercoledì 27 febbraio 2013, 23:54

http://www.corriere.it/esteri/13_febbra ... bb62.shtml

Notare la penosa giustificazione degli eredi per ammantare di nobili propositi la vendita.
Se avessero detto "vogliamo farci i $$$oldi" miglior figura avrebbero fatto.
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12209
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Nobel in vendita

Messaggioda Andrea Molle » giovedì 28 febbraio 2013, 0:05

Lo sappiamo per certo che e' una (cito) "penosa giustificazione"? Per quanto la cosa possa far pensare, io sarei per dare il beneficio del dubbio, la presunzione di innocenza.
cordialmente,
AM
"Domandar e' lecito, rispondere e' cortesia"
Andrea Molle
 
Messaggi: 133
Iscritto il: martedì 27 marzo 2012, 19:59
Località: Anaheim Hills, California, USA

Re: Nobel in vendita

Messaggioda Tilius » giovedì 28 febbraio 2013, 2:36

Bravo, lei sia per la presunzione di innocenza, il beneficio del dubbio.
Ma quando si vuole "renderlo disponibile a qualcuno che possa prendersene cura e anche metterlo in mostra. Questa è una parte della storia della scienza e c'è un selezionato gruppo di persone che vorrebbe comprarlo e metterlo in mostra, cosa per noi difficile. Speriamo possa ispirare la prossima generazione di scienziati." basta fare una donazione ad un museo.
Se lo si mette in asta, é per ricavarne pecunia (scopo lecitissimo, ma si abbia l'onestà intellettuale di non nobilitarlo con alti quanto falsi propositi).
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12209
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Nobel in vendita

Messaggioda Andrea Molle » giovedì 28 febbraio 2013, 3:43

Caro amico,

Si legga la storia in lingua originale, soprattutto distinguendo tra i commenti del giornalista e le dichiarazioni della famiglia, che forse La aiutera' a chiarire ed ammorbidire quelli che a mio limitato modo di vedere sono giudizi troppo affrettati sulle 'nobili' intenzioni che Lei presume e a Suo dire non sarebbero che falsi propositi.

http://www.huffingtonpost.com/2013/02/2 ... 60986.html

Per come leggo io, la famiglia non ha mai cercato di far apparire la vendita come un atto nobile ne dichiarato che lo scopo fosse caritatevole. Io non noto alcun (ig)nobile falso proposito. Se questo fosse stato lo scopo, come Lei ben suggerisce, sarebbe bastata una piu' sobria e discreta donazione. E' palese e dichiarato che il loro scopo e' ricavarne un profitto, parte del quale andra' a finanziare un istituto nel quale aveva studiato lo stesso Crick. I famigliari nutrono, mi permetto di farLe notare, solo la speranza che il pezzo sia messo in mostra, ma nulla piu' di questo. Forse una semplice dichiarazione di maniera, ad uso dei lettori. Non v'e' alcuna velleita' di nobilitare il gesto in cio' che io leggo. Si tratta della notizia della decisione di porre in vendita un oggetto che, ad ogni buon conto, la famiglia teneva lontano dalla vista e al quale probabilmente non era particolarmente legata. Opinabile, sono d'accordo, ma scelta assolutamente legittima e dichiarata in modo onesto. Sui motivi che hanno determinato questa scelta, non avendo elementi per giudicare o conoscere, continuo a concedere il beneficio del dubbio.

Sarebbe stato di cattivo gusto se avessero voluto far passare la vendita come un atto di beneficenza. Ma non mi sembra sia questo il caso. Pertanto ritengo, personalmente ci mancherebbe altro, che il Suo giudizio tranchant non sia condivisibile in quanto primo di fondamento e sia davvero poco rispettoso nei confronti di persone e situazioni che non conosciamo.

Poi potro' sbagliare, ma La invito alla cautela nell'esprimere giudizi basati su una sola fonte (per giunta tradotta).

cordialmente,
AM
"Domandar e' lecito, rispondere e' cortesia"
Andrea Molle
 
Messaggi: 133
Iscritto il: martedì 27 marzo 2012, 19:59
Località: Anaheim Hills, California, USA

Re: Nobel in vendita

Messaggioda Tilius » giovedì 28 febbraio 2013, 17:30

Guardi, le fonti in lingua originale le so leggere anch'io.
E confermo quanto ho scritto sopra.
I famigliari nutrono, mi permetto di farLe notare, solo la speranza che il pezzo sia messo in mostra, ma nulla piu' di questo. Forse una semplice dichiarazione di maniera, ad uso dei lettori. Non v'e' alcuna velleita' di nobilitare il gesto in cio' che io leggo.

Lei la velleità non ce la vede, io ce la vedo eccome.
Evidentemente abbiamo occhiali diversi.
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12209
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Nobel in vendita

Messaggioda Andrea Molle » giovedì 28 febbraio 2013, 17:39

Caro amico,
Non c'e' nulla di male nell'avere opinioni diverse.
cordialmente,
AM
"Domandar e' lecito, rispondere e' cortesia"
Andrea Molle
 
Messaggi: 133
Iscritto il: martedì 27 marzo 2012, 19:59
Località: Anaheim Hills, California, USA

Re: Nobel in vendita

Messaggioda Tilius » venerdì 1 marzo 2013, 1:54

Era appunto quello che le sostenevo anch'io. [cheers.gif]
E comunque concordo con lei su una cosa: é bene diffidare tanto dai toni quanto dai contenuti di ciò che propina l'italico giornalismo.
È la prima volta che un premio Nobel finisce in una vendita pubblica strombazza l'italico giornale.
Affermazione contraria a ogni logica (centinaia di pezzi conferiti in oltre cento anni a personaggi oggi per la massima parte passati al mondo dei più, il che significa una sola cosa: eredi) ed anche all'evidenza archivistica.

http://www.apnewsarchive.com/1985/Nobel ... 1a292734d0

A parziale attenuante, si può rilevare come la falsa notizia ("the first time a Nobel Prize has been up for public sale.") venga ripresa direttamente dalla fonte anglofona.
O forse é una aggravante: copiarenotizie é fare vero giornalismo?
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12209
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Nobel in vendita

Messaggioda Pantheon » venerdì 1 marzo 2013, 9:42

Giusto per cavalcare l'onda darei un'occhiatina anche qui.
Saluti.
Pantheon
 
Messaggi: 3277
Iscritto il: giovedì 8 aprile 2010, 13:29

Re: Nobel in vendita

Messaggioda Mario Volpe » venerdì 1 marzo 2013, 11:02

Questo il relativo medagliere:

Immagine

altri cimeli visibili qui: http://www.dailymail.co.uk/news/article ... -fees.html
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3510
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Re: Nobel in vendita

Messaggioda nicolad72 » venerdì 1 marzo 2013, 14:20

Immagine
faccio notare (il nostro è il personaggio a dx) che ha il primo bottone della giacca sbottonato... tipico degli ufficiali piloti della RAF
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10324
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Nobel in vendita

Messaggioda claudio2574 » domenica 10 marzo 2013, 23:34

Tilius ha scritto:.. copiarenotizie é fare vero giornalismo?

Bella domanda.
Ho avuto la ventura di scrivere software per le agenzie di stampa.
Ho visto molti "giornalisti" passare il loro tempo a chiacchierare davanti ad uno schermo di computer e, al momento in cui passa una notizia di agenzia sull'argomento "caldo" del momento (opportunamente avvisati dal software), buttarsi a pesce su mouse e tastiera per fare il copia e incolla del testo.
Errori di "stompa" compresi.
Giornalisti... bah...
(Poi ci sono quelli veri, lo so anche io)
Non chi comincia ma quel che persevera
Avatar utente
claudio2574
 
Messaggi: 149
Iscritto il: mercoledì 1 dicembre 2010, 18:58
Località: Cerveteri (RM)


Torna a Faleristica



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti