Istituto del Nastro Azzurro

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Mario Volpe, nicolad72, Tilius

Istituto del Nastro Azzurro

Messaggioda CRFÓB » sabato 22 maggio 2004, 13:30

Cari frequentatori del forum,

faccio riferimento al "Regolamento per l'Emblema Araldico" dell'Istituto del Nastro Azzurro fra combattenti decorati al Valor Militare, citato - assieme al Regio Decreto 7 ottobre 1926 - nella premessa di un diploma dell'anno 1929 dello stesso Istituto. C'è qualcuno che conosce il dettato di questo Regolamento?

Cordialmente,

Cillian Roberto Fani Ó Broin
For my part, I may speak it to my shame,
I have a truant been to chivalry...
- Henry IV Part I, act IV scene iv
CRFÓB
 
Messaggi: 162
Iscritto il: mercoledì 17 marzo 2004, 22:33
Località: Perugia

Messaggioda Federica » giovedì 3 giugno 2004, 19:45

Gentile Signor CRFOB,
ho trovato molto interessante il sito http://digilander.libero.it/nastroazzur ... azione.htm
Dispongono tra l'altro di indirizzo mail e credo possano fornirLe le info richieste.
Sto ancora cercando il testo integrale del Regio Decreto che ha subito svariate modifiche.
Cordialità.
Federica
Avatar utente
Federica
 
Messaggi: 64
Iscritto il: venerdì 28 novembre 2003, 12:33

Messaggioda CRFÓB » giovedì 3 giugno 2004, 19:58

Cara Federica,

La ringrazio molto per il Suo interessamento. Avevo già scritto ad una sezione ma senza esito positivo. Il sito da Lei segnalato invece fornisce anche numero di telefono e dunque stavolta tenterò di mettermi in contatto telefonico.

L'argomento, a mio avviso, è interessantissimo e vorrei ben capire il valore - passato e presente - di queste concessioni di stemmi!

Ancora grazie,

Cillian Roberto Fani Ó Broin
For my part, I may speak it to my shame,
I have a truant been to chivalry...
- Henry IV Part I, act IV scene iv
CRFÓB
 
Messaggi: 162
Iscritto il: mercoledì 17 marzo 2004, 22:33
Località: Perugia

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » giovedì 3 giugno 2004, 20:06

Caro Roberto,
mi scuso fin d'ora per il parziale off topic, ma vorrei segnalare che nel centro storico di Deruta (PG), una delle capitali umbre della ceramica, sulla facciata di un palazzo decorato (per l'appunto) a ceramiche policrome spicca, fra altre raffigurazioni emblematiche e stemmi pertinenti ai territori redenti dopo la 1ª guerra mondiale, anche uno stemma dell'Istituto del Nastro Azzurro, in un insieme vistoso, bello ed evidentemente voluto all'epoca da un suo appartenente.

Che io sappia, è uno dei rari e più palesi esemplari di questo stemma che sia possibile vedere in giro per il nostro Paese.

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda CRFÓB » giovedì 3 giugno 2004, 20:13

Caro fra' Eusanio,

mille grazie per la segnalazione! Il tutto a meno di mezz'ora di automobile. Mi prometto di andarci presto e, se può interessare, fotografare lo stemma e (con il consenso del Signor Cravarezza) inserirlo nel forum.

Dal sito segnalato dalla Signorina(?) Federica si legge di 90,000 concessioni. Tuttavia, gli stemmi che ho visto finora non si discostano mai di tanto da quello originale dell'Istituto stesso.

Sempre cordialmente,

Cillian Roberto Fani Ó Broin
For my part, I may speak it to my shame,
I have a truant been to chivalry...
- Henry IV Part I, act IV scene iv
CRFÓB
 
Messaggi: 162
Iscritto il: mercoledì 17 marzo 2004, 22:33
Località: Perugia

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » giovedì 3 giugno 2004, 20:20

CRFÓB ha scritto:Caro fra' Eusanio,
mille grazie per la segnalazione! Il tutto a meno di mezz'ora di automobile. Mi prometto di andarci presto e, se può interessare, fotografare lo stemma e (con il consenso del Signor Cravarezza) inserirlo nel forum.

Attendiamo più che volentieri il suo ritorno... :wink:

Dal sito segnalato dalla Signorina(?) Federica si legge di 90,000 concessioni. Tuttavia, gli stemmi che ho visto finora non si discostano mai di tanto da quello originale dell'Istituto stesso.

...anzi, secondo me non si discostano affatto, se non a causa di qualche libertà dell'artefice esecutore!

Sempre cordialmente,
Cillian Roberto Fani Ó Broin


Non so in che termini si esplichi la diffusione e l'uso di tale stemma, ma di certo quelle pochissime volte che l'ho trovato in giro non l'ho mai visto in abbinamento con altri (che so, in un partito, un troncato, un inquartato, un capo...): del resto, si tratta di un emblema talmente complesso (ed a suo modo poco araldico) che pone non pochi problemi già solo ad essere blasonato, figuriamoci a riutilizzarlo!

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda CRFÓB » giovedì 3 giugno 2004, 21:15

Infatti in famiglia c'è stata una concessione, il cui stemma viene (piuttosto malamente) blasonato sul diploma:
"d'azzurro con filetto d'oro in banda - una stella d'argento in basso - il capo d'oro e la campagna d'oro - timbrato d'un elmo di ferro posto in maestà - svolazzi a forma di piuma d'oro, d'argento e d'azzurro il tutto contornato d'un filetto d'oro."
e non mi risulta che questo stemma sia mai stato utilizzato o incorporato in quello di famiglia.

Cillian Roberto Fani Ó Broin
For my part, I may speak it to my shame,
I have a truant been to chivalry...
- Henry IV Part I, act IV scene iv
CRFÓB
 
Messaggi: 162
Iscritto il: mercoledì 17 marzo 2004, 22:33
Località: Perugia

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » giovedì 3 giugno 2004, 21:22

CRFÓB ha scritto:...(omissis)...stemma (piuttosto malamente) blasonato sul diploma:
"d'azzurro con filetto d'oro in banda - una stella d'argento in basso - il capo d'oro e la campagna d'oro - timbrato d'un elmo di ferro posto in maestà - svolazzi a forma di piuma d'oro, d'argento e d'azzurro il tutto contornato d'un filetto d'oro."

Non mi dica che il testo testuale del blasone è proprio questo... :shock:

e non mi risulta che questo stemma sia mai stato utilizzato o incorporato in quello di famiglia.
Cillian Roberto Fani Ó Broin


Questo è già più normale... :wink:

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda CRFÓB » giovedì 3 giugno 2004, 21:32

Ahimé si. Il testo è proprio quello. Bisogna ammettere che non fa molto onore alle pretese araldiche dell'Istituto che, sempre in base al diploma (e visto il citato R.D. 7 ottobre 1926 ed appunto il ricercato Regolamento per l'Emblema Araldico), "autorizza a fregiarsi a tutti gli effetti araldici del seguente emblema ... ".

CRFÓB
For my part, I may speak it to my shame,
I have a truant been to chivalry...
- Henry IV Part I, act IV scene iv
CRFÓB
 
Messaggi: 162
Iscritto il: mercoledì 17 marzo 2004, 22:33
Località: Perugia

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » giovedì 3 giugno 2004, 21:35

CRFÓB ha scritto:Ahimé si. Il testo è proprio quello.


:oops: ...se ero un fumetto, dicevo "Sob!"

Bene :D vale, no :roll: comment
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda CRFÓB » martedì 8 giugno 2004, 9:24

Non sono ancora riuscito a vedere copia del Regolamento di cui sopra. Sulla seguente pagina web, http://www.comune.vercelli.it/retecivic ... /index.htm , vi è però una storia (legislativa) più dettagliata dell'Istituto. Di particolare nota:
"Con Regie Patenti 29 marzo 1928, in applicazione al R.D. 17 novembre 1927 fu riconosciuto all'Istituto del Nastro Azzurro ed ai suoi soci il diritto di far uso di un Emblema Araldido.
Con successiva Regie Patenti 16 gennaio 1936 in applicazione al R.D. 19 dicembre 1935, tale diritto fu esteso anche ai soci dell'Istituto decorati di Croce di Guerra al Valor Militare.
"

Le ricerche continuano.

Cillian Roberto Fani Ó Broin
For my part, I may speak it to my shame,
I have a truant been to chivalry...
- Henry IV Part I, act IV scene iv
CRFÓB
 
Messaggi: 162
Iscritto il: mercoledì 17 marzo 2004, 22:33
Località: Perugia

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » martedì 8 giugno 2004, 16:22

Grazie, caro amico, delle sempre nuove notizie che riesce a reperire al riguardo; quest'ultima, però, mi lascia sorgere qualche dubbio:
CRFÓB ha scritto:...(omissis)..."Con Regie Patenti 29 marzo 1928, in applicazione al R.D. 17 novembre 1927 fu riconosciuto all'Istituto del Nastro Azzurro ed ai suoi soci il diritto di far uso di un Emblema Araldido.
Con successiva Regie Patenti 16 gennaio 1936 in applicazione al R.D. 19 dicembre 1935, tale diritto fu esteso anche ai soci dell'Istituto decorati di Croce di Guerra al Valor Militare.
"...(omissis)...


Ciò significa che un fregiato del Nastro Azzurro, privo di stemma, aveva diritto di crearsene uno?
Oppure di utilizzare quello dell'Istituto?

Lo stemma rilevato a Deruta (di cui parlavamo sopra) sembrerebbe far propendere per la seconda ipotesi...

...e del resto, nella prima ipotesi, chi lo creava? L'insignito stesso? O l'Istituto? O un altro Ente di Stato? Ed in che forma esso, una volta creato, poteva o doveva essere riconosciuto?

Scusi le barbosità :oops: di questo vecchio pedante: ormai dovrei aver fatto il callo ai dispositivi normativi :roll: carenti, incompleti o oscuri che dir si vogliano, ma... il vizio di pensare non riesco a togliermelo! :wink:

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda CRFÓB » martedì 8 giugno 2004, 16:51

Caro frà Eusanio,

le Sue domande non sono affatto barbose! Anzi, colpiscono il cuore delle mie ricerche pedanti!

A giudicare dal diploma in mio possesso, l'emblema veniva concesso direttamente dall'Istituto assieme all'iscrizione. Quello che vorrei capire è esattamente la validità (e dunque spendibilità legale) di questi "emblemi" personali, sia nel passato che (possibilmente) tuttora nel presente. In altre parole, esiste oggi in Italia un'istituto che, sia pure in ambito ristretto (i decorati al valor militare), concede legalmente stemmi araldici a privati?

Sempre cordialmente,

CRFÓB
For my part, I may speak it to my shame,
I have a truant been to chivalry...
- Henry IV Part I, act IV scene iv
CRFÓB
 
Messaggi: 162
Iscritto il: mercoledì 17 marzo 2004, 22:33
Località: Perugia

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » martedì 8 giugno 2004, 17:07

CRFÓB ha scritto:Caro frà Eusanio, le Sue domande non sono affatto barbose! Anzi, colpiscono il cuore delle mie ricerche pedanti!

Bene, vuol dire che almeno siamo in due... :wink:

A giudicare dal diploma in mio possesso, l'emblema veniva concesso direttamente dall'Istituto assieme all'iscrizione. Quello che vorrei capire è esattamente la validità (e dunque spendibilità legale) di questi "emblemi" personali,

É proprio qui che mi s'inceppa :cry: il cervello: come possiamo parlare di stemma o emblema personale, se poi (di fatto) l'insignito si limitava ad usare lo stemma del Nastro Azzurro (Deruta :roll: docet...)?

sia nel passato che (possibilmente) tuttora nel presente. In altre parole, esiste oggi in Italia un'istituto che, sia pure in ambito ristretto (i decorati al valor militare), concede legalmente stemmi araldici a privati?

Non mi risulta affatto... :shock:

Sempre cordialmente,

CRFÓB


Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda CRFÓB » martedì 8 giugno 2004, 17:12

Infatti! Mi pare che la parte araldica dell'Istituto è nata e vissuta (vive tuttora?) male.

L'iscritto viene "autorizzato" a fregiarsi dello stemma - sempre chiamato "emblema" ma è a tutti gli effetti uno stemma! - e non dice nulla riguardo ai suoi discendenti ... in quanto immagino che l'Istituto si possa solo rivolgere ai propri iscritti. Quel "Regolamento" diventa sempre più prezioso!

CRFÓB
For my part, I may speak it to my shame,
I have a truant been to chivalry...
- Henry IV Part I, act IV scene iv
CRFÓB
 
Messaggi: 162
Iscritto il: mercoledì 17 marzo 2004, 22:33
Località: Perugia

Prossimo

Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti