Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Mario Volpe, nicolad72, Tilius

Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » mercoledì 3 giugno 2020, 14:41

https://www.quirinale.it/elementi/49412

Mattarella ha insignito dell’onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana cittadini distintisi nel servizio alla comunità durante l’emergenza del coronavirus
Come annunciato ieri a Codogno, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto insignire dell’onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica un primo gruppo di cittadini, di diversi ruoli, professioni e provenienza geografica, che si sono particolarmente distinti nel servizio alla comunità durante l’emergenza del coronavirus. I riconoscimenti, attribuiti ai singoli, vogliono simbolicamente rappresentare l’impegno corale di tanti nostri concittadini nel nome della solidarietà e dei valori costituzionali.

Annalisa Malara e Laura Ricevuti, rispettivamente, anestesista di Lodi e medico del reparto medicina di Codogno, sono le prime ad aver curato il paziente 1 italiano.

Maurizio Cecconi, professore di anestesia e cure intensive all’Università Humanitas di Milano, è stato definito da Jama (il giornale dei medici americani) uno dei tre eroi mondiali della pandemia.

Mariateresa Gallea, Paolo Simonato, Luca Sostini sono i tre medici di famiglia di Padova che volontariamente si sono recati in piena zona rossa per sostituire i colleghi di Vo’ Euganeo messi in quarantena.

Don Fabio Stevenazzi del direttivo della Comunità pastorale San Cristoforo di Gallarate (VA) è tornato a fare il medico presso l’Ospedale di Busto Arsizio.

Fabiano Di Marco, primario di pneumologia all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo ha raccontato la tragica situazione della città e dell’ospedale.

Monica Bettoni, ex senatrice e Sottosegretaria alla Sanità, medico in pensione, ha deciso di tornare in corsia a Parma.

Elena Pagliarini è l’infermiera di Cremona ritratta nella foto diventata simbolo dell’emergenza coronavirus. Positiva, è guarita.

Marina Vanzetta, operatrice del 118 di Verona, ha soccorso una anziana donna e le è stata accanto fino alla morte.

Giovanni Moresi, autista soccorritore di Piacenza Soccorso 118, ha offerto una testimonianza del ruolo degli autisti soccorritori del 118.

Beniamino Laterza, impiegato presso l’Istituto di vigilanza “Vis Spa” e presta servizio nell’ospedale Moscati di Taranto, presidio Covid.



Del team presso l'Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma – struttura di eccellenza della sanità pubblica fanno parte:

Maria Rosaria Capobianchi, a capo del team che ha contribuito a isolare il virus

Concetta Castilletti, responsabile della Unità dei virus emergenti.

Francesca Colavita, Fabrizio Carletti, Antonino Di Caro, Lucia Bordi, Eleonora Lalle, Daniele Lapa, Giulia Matusali, biologi



Nel team di ricerca dell’ospedale Sacco e dell'Università degli Studi di Milano, poli di eccellenza nell’ambito del sistema sanitario e di ricerca nazionale:

Claudia Balotta a capo del team, ora in pensione. Nel 2003 aveva isolato il virus della Sars.

Gianguglielmo Zehender, professore associato.

Arianna Gabrieli, Annalisa Bergna, Alessia Lai, Maciej Stanislaw Tarkowski ricercatori


Ettore Cannabona, Comandante della Stazione dei Carabinieri di Altavilla Milicia (Palermo), ha devoluto in beneficenza l’intero stipendio mensile.

Bruno Crosato in rappresentanza degli Alpini della Protezione civile del Veneto che hanno ripristinato in tempi record 5 ospedali dismessi della regione.

Mata Maxime Esuite Mbandà, giocatore per il Zebra Rugby Club e per la nazionale italiana, volontario sulle ambulanze per l’Associazione Seirs Croce Gialla di Parma.

Marco Buono e Yvette Batantu Yanzege della Croce Rossa Riccione hanno risposto all’appello della Lombardia che chiedeva aiuto a medici e personale con ambulanze.

Renato Favero e Cristian Fracassi, il medico che ha avuto l’idea di adattare una maschera da snorkeling a scopi sanitari e l’ingegnere che l’ha realizzata.

Concetta D’Isanto, addetta alle pulizie in un ospedale milanese. Fa parte di quella schiera di lavoratori che ha permesso alle strutture sanitarie di andare avanti nel corso dell’emergenza.

Giuseppe Maestri, farmacista a Codogno, ogni giorno ha percorso cento km per recarsi in piena zona rossa.

Rosa Maria Lucchetti, cassiera all’Ipercoop Mirafiore di Pesaro, ha lasciato una lettera agli operatori 118 donando loro anche tre tessere prepagate di 250 euro.

Ambrogio Iacono, docente presso l’istituto professionale alberghiero Talete di Ischia. Positivo, ricoverato al Rizzoli di Lacco Ameno, ha continuato a insegnare a distanza nei giorni di degenza.

Daniela Lo Verde, preside dell’istituto “Giovanni Falcone” del quartiere Zen di Palermo, ha lanciato una campagna di raccolta fondi per regalare la spesa alimentare ad alcune famiglie in difficoltà. Suo l’appello per recuperare pc e tablet per consentire ai suoi allievi di seguire le lezioni a distanza.

Cristina Avancini, l’insegnante di Vicenza che nonostante il contratto scaduto non ha interrotto le video-lezioni con i suoi studenti.

Alessandro Santoianni e Francesca Leschiutta, direttore della casa di riposo della Parrocchia di San Vito al Tagliamento (PN) e coordinatrice infermieristica che, insieme agli altri dipendenti, sono rimasti a vivere nella struttura per proteggere gli anziani ospiti.

Piero Terragni, imprenditore di Bellusco (Monza e Brianza), in seguito alla morte di un dipendente, Erminio Misani, che lasciava la moglie e tre figli, ha assunto la moglie Michela Arlati.

Riccardo Emanuele Tiritiello, studente dell’istituto Paolo Frisi di Milano. Con il padre e il nonno hanno cucinato gratuitamente per i medici e gli infermieri dell’ospedale Sacco.

Francesco Pepe, quando ha dovuto chiudere il suo ristorante a Caiazzo di Caserta ha preparato pizze e biscotti per i poveri e gli anziani in difficoltà, organizzando una raccolta fondi per l’ospedale di Caserta.

Irene Coppola ha realizzato, a sue spese, migliaia di mascherine. Ha aiutato una associazione per sordi inventando una mascherina trasparente per leggere il labiale.

Alessandro Bellantoni con il proprio taxi ha fatto una corsa gratis di 1.300 km per portare da Vibo Valentia all’ospedale Bambin Gesù di Roma una bambina di tre anni per un controllo oncologico.

Mahmoud Lufti Ghuniem, in Italia dal 2012, fa il rider. Si è presentato alla Croce Rossa di Torino con uno stock di mille mascherine acquistate di tasca sua.

Daniele La Spina in rappresentanza dei giovani di Grugliasco al servizio della città di Torino che hanno portato prodotti di prima necessità a chi ne ha bisogno, in particolare agli anziani soli.

Giacomo Pigni, volontario dell’Auser Ticino-Olona ha coinvolto una ventina di studenti che hanno iniziato a fare chiamate di ascolto per dare compagnia alle persone sole.

Pietro Floreno, malato da oltre dieci anni di Sla ha comunicato di voler mettere a disposizione della ASL, per i malati di coronavirus, il suo ventilatore polmonare di riserva.

Maurizio Magli, in rappresentanza dei 30 operai della Tenaris di Dalmine che, quando è arrivata la commessa per la produzione di 5mila bombole nel minor tempo possibile, hanno volontariamente continuato a lavorare.

Greta Stella, fotografa professionista, volontaria presso la Croce Rossa di Loano (Savona), ha realizzato un racconto fotografico dell’attività quotidiana dei volontari.

Giorgia Depaoli, cooperante internazionale e si dedica in particolare alla difesa dei diritti delle donne. Ha subito dato la sua disponibilità alla piattaforma “Trento si aiuta” .

Carlo Olmo,ha contribuito nel rifornire gratuitamente Comuni e strutture sanitarie del Piemonte di mascherine, guanti, camici.

Maria Sara Feliciangeli, fondatrice dell’Associazione Angeli in Moto, insieme ai suoi amici motociclisti si è impegnata per consegnare i farmaci a domicilio alle persone con sclerosi multipla.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6970
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda nicolad72 » mercoledì 3 giugno 2020, 17:25

Rimango dell'idea che una medaglia ai benemeriti della salute pubblica sarebbe stata più appropriata.... decorazione che il Presidente della Repubblica può conferire motu proprio alla stregua del cavalierato OMRI
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10890
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda Carvilius » mercoledì 3 giugno 2020, 18:39

nicolad72 ha scritto:Rimango dell'idea che una medaglia ai benemeriti della salute pubblica sarebbe stata più appropriata.... decorazione che il Presidente della Repubblica può conferire motu proprio alla stregua del cavalierato OMRI

Oltre ad essere d'accordo con l'idea che forse sarebbe stato meglio utilizzare ciò che già esiste e che calza benissimo alla fattispecie di comportamento virtuoso che si intende premiare, mi vengono in mente un paio di altre considerazioni.

Anzitutto, poiché dai vari comunicati sembrerebbe che a questi conferimenti ne seguiranno altri (si parla espressamente di un primo gruppo di cittadini), mi chiedo se non fosse stato più opportuno istituire un segno d'onore ad hoc per questa emergenza, eventualmente articolato su più livelli a seconda dell'impegno che si intende onorare (medaglia d'oro, d'argento, di bronzo) e lasciando perdere l'ormai abusato OMRI o anche la stessa medaglia ai benemeriti della salute pubblica, che a sua volta verrebbe iperinflazionata in caso di un numero di conferimenti particolarmente elevato.

Sono assai perplesso, poi, sulla scelta del Quirinale di conferire il cavalierato OMRI a singole persone ma a voler comunque simbolicamente rappresentare l’impegno corale di tanti nostri concittadini. I conferimenti OMRI, con conseguente attribuzione di un grado equestre, sono necessariamente rivolti a singoli individui in riconoscimento delle benemerenze da essi personalmente acquisite nei confronti della nazione. Pensare che si possa elevare al rango di cavaliere un singolo infermiere o un singolo cassiere di supermercato in rappresentanza di tutti gli infermieri e di tutti i cassieri d'Italia mi pare sinceramente fare un favoritismo agli insigniti ed un torto a tutti i colleghi esclusi, magari ugualmente meritevoli di un analogo riconoscimento.
Carvilius
 
Messaggi: 96
Iscritto il: lunedì 30 maggio 2016, 13:22

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda Tilius » mercoledì 3 giugno 2020, 20:25

Carvilius ha scritto:Oltre ad essere d'accordo con l'idea che forse sarebbe stato meglio utilizzare ciò che già esiste [...] mi chiedo se non fosse stato più opportuno istituire un segno d'onore ad hoc per questa emergenza


http://www.treccani.it/vocabolario/coerenza/
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12754
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda il-prof » mercoledì 3 giugno 2020, 20:44

Io, invece, penso che il Presidente della Repubblica abbia fatto benissimo a insignire le persone elencate. Si tratta di gente che ha fatto molto, molto di più del proprio dovere.
Piuttosto, a mio parere va stigmatizzata la concessione delle onorificenze OMRI a individui che nella loro vita professionale non hanno fatto nulla di rimarchevole e degno di essere tramandato alla posterità.
Amedeo Ferri
il-prof
 
Messaggi: 104
Iscritto il: martedì 19 agosto 2014, 18:56

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda Romegas » mercoledì 3 giugno 2020, 23:20

Concordo in pieno sia con Nicola sia con Carvillus. Tra poco l'OMRI lo troveremo nei supermercati e nelle uova di Pasqua come sorpresa. Poi delle premiazioni fatte ci sarebbe da discutere molto.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 4880
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » giovedì 4 giugno 2020, 1:34

L'Ordine al merito della Repubblica è nato con lo scopo di «ricompensare benemerenze acquisite verso la Nazione nel campo delle lettere, delle arti, dell'economia e nell'impegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici e umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari».

Rientra un po' tutto nell'OMRI.. forse effettivamente troppo..
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6970
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda Carvilius » giovedì 4 giugno 2020, 7:52

Tilius ha scritto:
Carvilius ha scritto:Oltre ad essere d'accordo con l'idea che forse sarebbe stato meglio utilizzare ciò che già esiste [...] mi chiedo se non fosse stato più opportuno istituire un segno d'onore ad hoc per questa emergenza


http://www.treccani.it/vocabolario/coerenza/

Francamente non comprendo il richiamo alla coerenza.

Mi pare di aver espresso molto chiaramente il mio pensiero, ossia che avrei ritenuto più opportuno (quantomeno per le azioni meritorie direttamente correlate all'ambito sanitario) il conferimento della medaglia ai benemeriti della salute pubblica, nei suoi vari gradi. Poi ho espresso un'ulteriore considerazione, legata alla circostanza che ha visto il Quirinale diramare un comunicato nel quale si lascia intendere che ci saranno ulteriori conferimenti. E poiché tali conferimenti potrebbero essere assai numerosi, ho ipotizzato l'opportunità di istituire un segno d'onore che da un lato caratterizzasse l'azione meritoria, circoscrivendola all'ambito dell'emergenza che stiamo vivendo, e dall'altro non andasse ad inflazionare un segno d'onore che tradizionalmente vede un numero limitato di conferimenti l'anno (rendendolo peraltro assai prestigioso). Per stessa ammissione del Colle, che addirittura ritiene questi primi conferimenti "rappresentativi" dell'impegno di tanti altri concittadini, le persone meritevoli potrebbero essere tante (quanti medici, quanti infermieri, quanti farmacisti, quanti cassieri di supermercato si sono fatti onore durante l'emergenza?). L'idea del conferimento di centinaia, se non addirittura migliaia, di medaglie ai benemeriti della salute pubblica a me francamente non convince del tutto. Ovviamente è un mio modesto modo di vedere le cose...

Ad ogni buon conto, mi avrebbe fatto piacere una critica costruttiva al mio pensiero, anche eventualmente argomentando le ragioni per le quali in esso fosse stata ravvisata incoerenza. Mi spiace, invece, aver ricevuto un secco invito a consultare il vocabolario della lingua italiana, il quale peraltro include tanti altri termini interessanti che forse potrebbe far comodo andare a rivedere prima di sentenziare. Me ne viene in mente giusto uno:

http://www.treccani.it/vocabolario/educazione/
Carvilius
 
Messaggi: 96
Iscritto il: lunedì 30 maggio 2016, 13:22

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda rio87 » giovedì 4 giugno 2020, 9:44

Buongiorno, A me sembra, finalmente, un esempio di persone che danno lustro ad una onorificenza e non il contrario, spesso le vedo date a grandi personalità solo perchè ricoprono determinati ruoli (non dimenticando che tanti che sono in determinati ruoli sono persone brillanti che sicuramente si spendono per la nazione o causa in modo superiore agli altri). Ma tante volte ci sono dei veri e propri paletti che anche se una persona ha tutti i requisiti per essere insignita, non le viene concessa perchè non ricopre un determinante ruolo che dovrebbe essere ininfluente.
Spero di essermi spiegato in modo comprensibile.
rio87
 
Messaggi: 9
Iscritto il: sabato 25 gennaio 2020, 11:26

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda nicolad72 » giovedì 4 giugno 2020, 9:54

La scelta di premiare qualcuno in rappresentanza di molti è biasimevole. L'art. 3 cost impone parità di trattamento a condizione che sussistano posizioni equivalenti.
Il premiare qualcuno tra molti che si trovano nelle medesime situazioni crea una situazione di privilegio ingiustificato.
L'omri dovrebbe premiare una carriera non un'azione o un fatto, lo dice chiaramente la legge che lo istituisce.
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10890
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda Tilius » giovedì 4 giugno 2020, 11:21

nicolad72 ha scritto:L'omri dovrebbe premiare una carriera non un'azione o un fatto, lo dice chiaramente la legge che lo istituisce.

Dove sta scritto che le "benemerenze acquisite verso la Nazione" non possano essere un'azione o un fatto?
É anche vero che la legge prevede gli esiziali "lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari", ma finché non si capirà che sono proprio i lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari a costituire il cancro che svaluta il prestigio degli ordini di merito con concessioni a pioggia dal nullo significato etico e istituzionale... ci sarà gente che si lamenta della pagliuzza di qualche concessione occasionata dal covid, ignorando bellamente la camionate di travi delle concessioni per legem.
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12754
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » giovedì 4 giugno 2020, 11:28

Esatto .. per i lunghi e segnalati servizi esistono molte altre onorificenze sia per le carriere civili sia per le carriere militari..
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6970
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda rio87 » giovedì 4 giugno 2020, 12:24

perdonatemi, io conosco forse piu militari che civili, anzi no forse, sicuramente conosco piu militari che civili e conosco solo 3 cavalieri al merito della Repubblica, e sono 1 un militare, 1 un pizzaiolo e un ultimo che è stato un operaio civile della difesa. sui conferimenti a pioggia ho qualche dubbio.
rio87
 
Messaggi: 9
Iscritto il: sabato 25 gennaio 2020, 11:26

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda Tilius » giovedì 4 giugno 2020, 13:27

rio87 ha scritto:perdonatemi, io conosco forse piu militari che civili, anzi no forse, sicuramente conosco piu militari che civili e conosco solo 3 cavalieri al merito della Repubblica, e sono 1 un militare, 1 un pizzaiolo e un ultimo che è stato un operaio civile della difesa. sui conferimenti a pioggia ho qualche dubbio.


Aldilà che erigere le proprie esperienze personali a modello dell'universo-mondo non è mai cosa buona e giusta (e anzi la letteratura lo considera sintomo preclaro di altre cose su cui non mi dilungo), ipotizzo che codesto fatto possa essere spiegato dal frequentare eminentemente militari di bassa truppa.
Cordialità.
Маурицио Тигльери
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12754
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Cavalieri OMRI per l’emergenza del coronavirus

Messaggioda il-prof » giovedì 4 giugno 2020, 13:34

Romegas ha scritto:...Tra poco l'OMRI lo troveremo nei supermercati e nelle uova di Pasqua come sorpresa. Poi delle premiazioni fatte ci sarebbe da discutere molto.


Tra poco? Si tolga lo sfizio di leggere le motivazioni di certe concessioni fatte negli anni passati sulle pagine delle prefetture di Cremona e Piacenza.
Amedeo Ferri
il-prof
 
Messaggi: 104
Iscritto il: martedì 19 agosto 2014, 18:56

Prossimo

Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti