Grazia d'attacco SMOM: interpretazione autentica

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Mario Volpe, nicolad72, Tilius

Grazia d'attacco SMOM: interpretazione autentica

Messaggioda Memini » giovedì 12 marzo 2020, 11:16

Buongiorno a tutti i competenti frequentatori del Forum.
Giacché l'emergenza sanitaria in corso ci tiene di più a casa,
ne approfitto per porre il seguente quesito:
Il Massimario per la ricezione nel SMOM del 1978 prevede la
cosiddetta "Grazia d'attacco", provvedimento che in ogni caso è
di pertinenza del Gran Maestro in uno col Sovrano Consiglio.
Consisterebbe, se ben interpreto, nella possibilità di agganciarsi ad
eventuali personaggi nobili, Cavalieri ricevuti nell'Ordine, che siano
ascendenti diretti del candidato in uno o più quarti.
Pertanto questa possibilità dovrebbe coinvolgere anche gli ascendenti per
via femminile, segnatamente se nelle ascendenti dirette del candidato vi
siano state figlie di Cavalieri nobili dell'Ordine.
Qualcuno può gentilmente fornire eventuali precisazioni in merito ?
Grazie anticipatamente [knight.gif]
Memini
 
Messaggi: 87
Iscritto il: mercoledì 1 luglio 2015, 10:18

Re: Grazia d'attacco SMOM: interpretazione autentica

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » giovedì 12 marzo 2020, 12:07

Memini ha scritto:Buongiorno a tutti i competenti frequentatori del Forum.
Giacché l'emergenza sanitaria in corso ci tiene di più a casa,
ne approfitto per porre il seguente quesito:
Il Massimario per la ricezione nel SMOM del 1978 prevede la
cosiddetta "Grazia d'attacco", provvedimento che in ogni caso è
di pertinenza del Gran Maestro in uno col Sovrano Consiglio.
Consisterebbe, se ben interpreto, nella possibilità di agganciarsi ad
eventuali personaggi nobili, Cavalieri ricevuti nell'Ordine, che siano
ascendenti diretti del candidato in uno o più quarti.
Pertanto questa possibilità dovrebbe coinvolgere anche gli ascendenti per
via femminile, segnatamente se nelle ascendenti dirette del candidato vi
siano state figlie di Cavalieri nobili dell'Ordine.
Qualcuno può gentilmente fornire eventuali precisazioni in merito ?
Grazie anticipatamente [knight.gif]


E' un argomento di cui ho sentito parlare ma non conosco nessun cavaliere ricevuto in questo modo.
Non se ne parla molto ed è ritenuto un argomento scabroso poiché far entrare in una categoria nobiliare persone che non hanno nobiltà nella linea paterna va contro ogni tradizione dell'Ordine.
Da quanto mi dicevano da molti anni è comunque sospesa questa possibilità.

Personalmente credo sia un nonsense.
Se c'è una tradizione si rispetta senza trovare escamotage.
Se non si hanno i requisiti .. pazienza!
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6979
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Grazia d'attacco SMOM: interpretazione autentica

Messaggioda malgoth » giovedì 12 marzo 2020, 13:57

Buongiorno!
La Grazia d'Attacco, leggendola insieme alle eventuali Sanatorie espresse nel Massimario, prende in considerazione i SOLI quarti secondari (ava paterna, avo e ava materni).
Inoltre, è superfluo ricordare che i quarti per cui si richiede la "Grazia d'Attacco" abbiano già superato le cosiddette Prove nobiliari.

Nella speranza di aver fornito un contributo chiarificatore, porgo cordiali saluti.
malgoth
 
Messaggi: 388
Iscritto il: sabato 14 aprile 2007, 20:06

Re: Grazia d'attacco SMOM: interpretazione autentica

Messaggioda Memini » giovedì 12 marzo 2020, 16:21

Grazie, ma, senza alcuno spirito di polemica,
la risposta del moderatore Bedini non fornisce alcuna
interpretazione della norma; per quanto invece scrive Malgoth,
se i quarti secondari sono già "passati" che bisogno avrebbero di
Grazie d'attacco ?
Io mi confesso assolutamente ignorante in materia tanto delicata e
per questo chiedo una interpretazione "autentica" nell'accezione legale
del termine.
Grazie per eventuali ulteriori contributi [knight.gif]
Memini
 
Messaggi: 87
Iscritto il: mercoledì 1 luglio 2015, 10:18

Re: Grazia d'attacco SMOM: interpretazione autentica

Messaggioda malgoth » giovedì 12 marzo 2020, 16:55

Memini ha scritto:Grazie, ma, senza alcuno spirito di polemica,
la risposta del moderatore Bedini non fornisce alcuna
interpretazione della norma; per quanto invece scrive Malgoth,
se i quarti secondari sono già "passati" che bisogno avrebbero di
Grazie d'attacco ?
Io mi confesso assolutamente ignorante in materia tanto delicata e
per questo chiedo una interpretazione "autentica" nell'accezione legale
del termine.
Grazie per eventuali ulteriori contributi [knight.gif]


Buon pomeriggio!

Cercherò di rispondere:

1) Occorre, con gli atti di battesimo e matrimonio, giungere all'avo Cavaliere con Prove nobiliari;
2) In questo caso, non occorre presentare il dispositivo di concessione della nobiltà stessa (vi potrebbero essere casi in cui esso nei secoli si sia perduto, nel qual caso ecco la possibilità della Grazia d'Attacco che, però, è sempre di esclusiva competenza di S.A.E. il Gran Maestro e del Sovrano Consiglio);
3) E' prevista, inoltre, la possibilità di giungere a un avo comune a un Cavaliere (ad esempio, nel caso l'avo diretto dell'aspirante e il cavaliere fossero stati fratelli bisognava giungere al loro padre). Anche in questo caso, e forse ancora di più, varrebbe la ragione espressa al punto 2.

Spero di essere stato esaustivo.
Cordiali saluti.
malgoth
 
Messaggi: 388
Iscritto il: sabato 14 aprile 2007, 20:06

Re: Grazia d'attacco SMOM: interpretazione autentica

Messaggioda Memini » venerdì 13 marzo 2020, 10:18

Buongiorno,
ringrazio malgoth dell'ultimo chiarimento.
Pertanto, se bene intendo, la presenza nei quarti
secondari ( anche più di uno) di Cavalieri nobili, ricevuti nell'Ordine e
ascendenti diretti (dimostrati sulla base della sequenza
battesimo-matrimonio) permette di chiedere al Gran Maestro
in uno col Sovrano Consiglio la Grazia d'attacco.
E' quindi nella facoltà assoluta dell'Istituzione melitense suprema
di concederla o meno valutando il richiedente nella sua interezza.
Ricambio cordiali saluti. [knight.gif]
Memini
 
Messaggi: 87
Iscritto il: mercoledì 1 luglio 2015, 10:18

Re: Grazia d'attacco SMOM: interpretazione autentica

Messaggioda malgoth » venerdì 13 marzo 2020, 13:14

Memini ha scritto:Buongiorno,
ringrazio malgoth dell'ultimo chiarimento.
Pertanto, se bene intendo, la presenza nei quarti
secondari ( anche più di uno) di Cavalieri nobili, ricevuti nell'Ordine e
ascendenti diretti (dimostrati sulla base della sequenza
battesimo-matrimonio) permette di chiedere al Gran Maestro
in uno col Sovrano Consiglio la Grazia d'attacco.
E' quindi nella facoltà assoluta dell'Istituzione melitense suprema
di concederla o meno valutando il richiedente nella sua interezza.
Ricambio cordiali saluti. [knight.gif]


Buongiorno.
È tutto giusto salvo ovviamente dimostrare almeno 200 anni di nobiltà del ramo paterno(conditio sine qua non)!
Cordiali saluti
malgoth
 
Messaggi: 388
Iscritto il: sabato 14 aprile 2007, 20:06

Re: Grazia d'attacco SMOM: interpretazione autentica

Messaggioda Memini » sabato 14 marzo 2020, 15:13

Buon pomeriggio,
mi scuso ancora per la mia ignoranza.
Mi chiedo però:
1) se si possiedono i 200 anni del quarto paterno
(qualcuno scende addirittura a cento) per Grazia e Devozione;
o 2) i 4/4 previsti per Onore e Devozione, alla fine a chi giova o
interessa la grazia d'attacco ?
Qual è la ratio che ispira tale norma, peraltro regolarmente
esplicitata nel Massimario nobiliare del SMOM.
Grazie ancora per la pazienza che vorrete dimostrarmi. [knight.gif]
Memini
 
Messaggi: 87
Iscritto il: mercoledì 1 luglio 2015, 10:18

Re: Grazia d'attacco SMOM: interpretazione autentica

Messaggioda malgoth » sabato 14 marzo 2020, 16:20

Memini ha scritto:Buon pomeriggio,
mi scuso ancora per la mia ignoranza.
Mi chiedo però:
1) se si possiedono i 200 anni del quarto paterno
(qualcuno scende addirittura a cento) per Grazia e Devozione;
o 2) i 4/4 previsti per Onore e Devozione, alla fine a chi giova o
interessa la grazia d'attacco ?
Qual è la ratio che ispira tale norma, peraltro regolarmente
esplicitata nel Massimario nobiliare del SMOM.
Grazie ancora per la pazienza che vorrete dimostrarmi. [knight.gif]


Buon pomeriggio!
Pur cercando comunque di rispondere nel modo più corretto, premetto che il nostro Forum ha, tra i suoi membri, chi potrebbe essere maggiormente esaustivo.
Innanzitutto, se la memoria non mi tradisce, requisiti per essere ammessi nella categoria di Grazie e Devozione sono o i 200 anni per il quarto paterno oppure più di 100 anni per il quarto paterno oltre ai 100 anni per il quarto dell'avo materno.
Detto questo, la Grazia d'Attacco (se concessa) potrebbe servire in tutti gli altri casi (es.: uno o più quarti hanno un Cavaliere ammesso 100 anni fa ma di più antica nobiltà consentirebbe di presentare i documenti religiosi solamente fino allo stesso con gran risparmio di tempo di ricerca) ma, soprattutto ritengo, quando in uno dei quarti sia andato perduto il dispositivo di concessione.

Cordiali saluti
malgoth
 
Messaggi: 388
Iscritto il: sabato 14 aprile 2007, 20:06


Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 16 ospiti