Pagina 2 di 3

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: venerdì 28 dicembre 2018, 23:25
da Romegas
Una risposta che lascia il tempo che trova.

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: venerdì 28 dicembre 2018, 23:48
da Alessio Bruno Bedini
Alcuni biografi di San Pio V riportano come lui avesse fatto voto alla Madonna della Quercia di Viterbo prima della battaglia di Lepanto.
Nel chiostro del Bramante all'interno della Basilica della Quercia è conservato un affresco del 1619 nel quale San Pio V prega la Madonna viterbese durante la battaglia.

Immagine

Subito dopo la battaglia San Pio V fece portare, come ex voto, alla Quercia, da Giovanni d'Austria, due bandiere sottratte ai turchi. Una di queste bandiere ancora è ancora pubblicamente esposta in chiesa e nel 1968 il rettore della basilica la ha simbolicamente consegnata a S.E. fra' Angelo de Mojana, in pellegrinaggio con tutto l'Ordine Gerosilimitano alla Madonna viterbese.

Qui un brevissimo video su Youtube in cui si vede lo stendardo turco conservato a Viterbo.

https://youtu.be/G9aRU74i004

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: mercoledì 9 gennaio 2019, 20:22
da Nicolella De Vicaris
Il 7 ottobre poi, nella liturgia cattolica, fu proclamato data liturgica della "Madonna della Vittoria" e anche della "Madonna del Rosario" (il secondo nome di mio padre). Chi porta gli antichi nomi di Rosario o Maria Rosaria festeggia il 7 ottobre il suo onomastico (in dialetto martinese al femminile diventa un grezzissimo "Marusàrie" [bangin.gif] ). Non male festeggiare ancora oggi con regolare messa solenne e preghiere mariane l'anniversario di un massacro [mf_argue.gif]

Papa Pio V, anzi San Pio V (uno dei Santi che più tengo sullo stomaco, e lo dico senza vergogna perchè sono feroce nemico di ogni ipocrisia specie ecclesiastica [dev.gif] ) non fu nuovo a massacri del genere. Inflessibile esecutore della Controriforma, fece fuori 30.000 eretici valdesi rifugiatisi in Calabria (da cui la fondazione di Guardia Piemontese), fra cui uomini donne e bambini, arrivando a far dissotterrarne le ossa e bruciarle dalle truppe papaline come pure i loro villaggi. D'altro canto i turchi al seguito di Akhmet Pascià nell'agosto 1480, per controparte, assediarono Otranto compiendo efferatezze che ancora oggi lasciano attoniti: Giovanni Michele Laggetto, cronista otrantino figlio di uno scampato prigioniero dei Turchi del celebre assedio di Otranto, nel 1537 racconta con le lacrime agli occhi e il terrore per i racconti racapriccianti di suo padre nella sua "Historia della guerra di Otranto" che i Turchi (sempre in nome di Allah, si noti) irruppero nella cattedrale dove si erano rifugiati vecchi, donne e bambini, mozzarono la testa al vescovo Stefano Pendinelli sulla sua cattedra (poi fatto beato per il Suo martirio), ammazzarono a colpi di scimitarre tutti gli otrantini ivi rifugiati, e non contenti di ciò imbiancarono tutte le immagini sacre, sventrarono le sepolture sul bel pavimento musivo fatto nel 1163 dal monaco Pantaleone già completamente inondato di sangue, tirarono fuori le ossa degli antichi otrantini e le bruciarono come fece poi qualche decennio dopo l'esercito di (San?) Pio V in Calabria coi valdesi. La cattedrale, per tutta la durata dell'assedio musulmano, fu convertita in moschea e stalla.

"Io non so se Dio esiste, ma se Dio esiste non ci fa certo una bella figura" (cit. un giovane pugliese mio amico). Scusate [crybaby.gif]

Damy

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: mercoledì 9 gennaio 2019, 21:13
da Romegas
Un esercito papalino in Calabria nel 500? Semmai spagnolo.

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: mercoledì 9 gennaio 2019, 21:21
da Cav.OSSML
Romegas ha scritto:Un esercito papalino in Calabria nel 500? Semmai spagnolo.

La strage dei Valdesi di Calabria fu perpetrata dalla fine di maggio al giugno del 1561 dalle truppe spagnole del Vicereame di Napoli, che fecero migliaia di vittime.
Al massacro dei valdesi in Calabria nel 1561 diede un contributo non indifferente l’inquisitore generale fra’ Michele Ghislieri, l’unico piemontese diventato Papa Pio V (1566-1572).

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: giovedì 10 gennaio 2019, 10:20
da nicolad72
Decontestualizzate le vicende storiche non è operazione intellettualmente onesta.
Valutare gli episodi del passato con i filtri dell' oggi è proprio una solenne sciocchezza perché si falsa la storia e quindi la realtà.

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: giovedì 10 gennaio 2019, 10:57
da Cav.OSSML
nicolad72 ha scritto:Decontestualizzate le vicende storiche non è operazione intellettualmente onesta.
Valutare gli episodi del passato con i filtri dell' oggi è proprio una solenne sciocchezza perché si falsa la storia e quindi la realtà.

Sul suddetto principio non si può che concordare.
Tuttavia, la canonizzazione di un persona (e la persistenza nei secoli fino ad oggi nel continuare a considerarla santa), la quale ha espresso il seguente pensiero: „[Con gli eretici] riconciliarsi mai; non mai pietà; sterminate chi si sottomette e chi resiste; perseguitate a oltranza, uccidete, ardete, tutto vada a fuoco e a sangue purché sia vendicato il Signore.“ (da una lettera di Pio V del 1570 a Filippo II), mettendolo in atto, fa perlomeno riflettere.

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: giovedì 10 gennaio 2019, 13:42
da Elmar Lang
nicolad72 ha scritto:Decontestualizzate le vicende storiche non è operazione intellettualmente onesta.
Valutare gli episodi del passato con i filtri dell' oggi è proprio una solenne sciocchezza perché si falsa la storia e quindi la realtà.


Perfettamente d'accordo! Ti ringrazio.

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 0:46
da nicolad72
Cav.OSSML ha scritto:
nicolad72 ha scritto:Decontestualizzate le vicende storiche non è operazione intellettualmente onesta.
Valutare gli episodi del passato con i filtri dell' oggi è proprio una solenne sciocchezza perché si falsa la storia e quindi la realtà.

Sul suddetto principio non si può che concordare.
Tuttavia, la canonizzazione di un persona (e la persistenza nei secoli fino ad oggi nel continuare a considerarla santa), la quale ha espresso il seguente pensiero: „[Con gli eretici] riconciliarsi mai; non mai pietà; sterminate chi si sottomette e chi resiste; perseguitate a oltranza, uccidete, ardete, tutto vada a fuoco e a sangue purché sia vendicato il Signore.“ (da una lettera di Pio V del 1570 a Filippo II), mettendolo in atto, fa perlomeno riflettere.


Il rigore usato nel condurre un processo di beatificazione e canonizzazione è massimo... E non dimentichiamoci che per giungere a te i passi e serve riconoscimento di almeno due miracoli ho tenuti Grazie all'intercessione del beatificando/canonizzando.

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 3:15
da Tilius
La proclamazione dei santi - come altre svariate cose - non é mai stata infallibile.
Così come ci sono stati santi pienamente leggendari (e come tali espunti dal calendario, mentre altri - del pari leggendari - ancora vi permangono vorrei dire "inspiegabilmente" ma in realtà spiegabilissimamente per il grande fanbase), altri ve ne sono stati la cui proclamazione ha seguito vie più politiche che divine, più terrene che celesti.
Fra questi ultimi, Pio V Ghislieri è forse l'esempio dalla biografia più greve.

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 9:40
da Romegas
Caro Tilius, questo e' il tuo pensiero che non corrisponde per fortuna alla realta' ma tu hai il gusto di debellare ogni cosa, si sa.

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 11:53
da Cav.OSSML
Il 22 giugno 2015, Papa Francesco ha visitato il Tempio Valdese a Torino.
Durante questa storica visita (Papa Francesco è il primo Pontefice della storia a visitare la chiesa cristiana di tradizione valdese), il Santo Padre ha pronunciato un toccante discorso di Misericordia, chiedendo perdono ai Valdesi per quanto fatto contro loro dai cattolici con queste toccanti parole: “Da parte della Chiesa Cattolica vi chiedo perdono, vi chiedo perdono per gli atteggiamenti e i comportamenti non cristiani, persino non umani che, nella storia, abbiamo avuto contro di voi. In nome del Signore Gesù Cristo, perdonateci!".

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 12:18
da Romegas
Io non condivido il bergoglian pensiero. I protestanti pensassero a quello che hanno fatto loro.

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 12:29
da Tilius
Romegas ha scritto:Caro Tilius, questo e' il tuo pensiero che non corrisponde per fortuna alla realta' ma tu hai il gusto di debellare ogni cosa, si sa.

Caro Romegas, questo é il tuo pensierio di dare contro al mio pensiero, sempre e comunque, si sa (per fortuna riesco a dormire lo stesso).
[thumbup.gif]
Riprova ne sia il fatto che i tuoi santi furori non hanno colpito Cav.OSSML che aveva espresso posizioni analoghe alle mie, prima di me.
[clapping.gif]
E questo a prescindere che i grevi trascorsi inquisitori di Pio V avrebbero sconsigliato (e di fatto sconsigliarono per quasi 150 anni...) santificazioni dall'impronta quantomeno discutibile.

Re: Lo stendardo rubato ai Cavalieri di Malta a Lepanto

MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 12:33
da Tilius
Romegas ha scritto:Io non condivido il bergoglian pensiero. I protestanti pensassero a quello che hanno fatto loro.

I valdesi non sono protestanti (esistevano ben prima di Lutero).
E non hanno "fatto" proprio niente, se non subire persecuzioni.
Anche da parte di Michele (al secolo Antonio) Ghislieri.