OSSML newbie

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Re: OSSML newbie

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » martedì 26 giugno 2018, 10:12

Cav.OSSML ha scritto:Sinceramente non so se i padri costituenti ed il legislatore del '51 si siano, o si siano seriamente, posti il problema sulla qualificazione cavalleresca da dare all'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, ma sono convinto che i provvedimenti adottati dagli stessi sono da considerarsi giuridicamente ultra vires, secondo i noti principi dettati dall'ICOC per stabilire la validità degli Ordini di Cavalleria (- Gli Ordini dinastici o di famiglia appartenenti Jure sanguinis a una Casa Sovrana (cioè a quelle case regnanti o ex regnanti il cui rango sovrano venne riconosciuto internazionalmente all’epoca del congresso di Vienna o più tardi) conservano intatta la loro validità storica cavalleresca e nobiliare, indipendentemente da ogni rivolgimento politico. È da ritenersi pertanto giuridicamente ultra vires l’eventuale ingerenza dei nuovi Stati succeduti alle antiche Dinastie, sia sul piano legislativo che su quello amministrativo nei confronti degli Ordini dinastici. Che questi non siano riconosciuti ufficialmente dai nuovi governanti, non inficia la loro validità tradizionale e il loro status, ai fini araldici, cavallereschi e nobiliari -).
L’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, data la sua natura dinastica, appartenente jure sanguinis ad una Casa Sovrana (riconosciuta internazionalmente come tale già col Trattato di Utrecht nel 1713, come pure all'epoca del Congresso di Vienna 1814-1815) conserva quindi intatta la sua validità indipendentemente da ogni rivolgimento politico.


Questo è un altro punto controverso.
"Gli Ordini dinastici o di famiglia appartenenti Jure sanguinis a una Casa Sovrana (cioè a quelle case regnanti o ex regnanti il cui rango sovrano venne riconosciuto internazionalmente all’epoca del congresso di Vienna o più tardi) conservano intatta la loro validità storica cavalleresca e nobiliare".
L'OSSML nel 1945, dopo le tante modifiche intervenute, era ancora un ordine dinastico? Conservava ancora la sua validità storica cavalleresca e nobiliare?
In caso, come accaduto per l'OSSML, di fortissimi cambiamenti di statuti, cosa accade?
Può un ordine dinastico essere trasformato, dallo stesso capo della dinastia e capo di stato, in un ordine di Stato?
Se un ordine dinastico viene trasformato in ordine statale, in un seguente rivolgimento politico può essere avocato dallo Stato?

Cav.OSSML ha scritto:Infatti, nonostante l’opposizione del Vaticano attraverso l’allora Segretario di Stato S.E.R. Il Cardinale Giovanni Battista Montini, futuro Papa Paolo VI che ravvisò la propria giurisdizione sull’Ordine Mauriziano, basata su carte diplomatiche che riconoscevano assoluta indipendenza all’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro come Ordine Religioso e Militare, qualificandolo -la Santa sede- come Ente Ecclesiastico di Diritto Pubblico, la XIV disposizione transitoria e finale della Costituzione Repubblicana al terzo comma lo faceva suo mantenendolo come Ente Ospedaliero e demandandone l’operatività ad una legge che venne promulgata 15 anni dopo.


Ti ringrazio per questa testimonianza. Potrebbe avere molta importanza.
S.E.R. Il Cardinale Giovanni Battista Montini scriveva a titolo personale o per conto della Santa Sede?
In questo secondo caso significherebbe che la Santa Sede, ancora nel 1951, considerava l'OSSML come Ordine religioso, come Ente Ecclesiastico di Diritto Pubblico!
Molto interessante!
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6490
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: OSSML newbie

Messaggioda Cav.OSSML » martedì 26 giugno 2018, 10:19

Alessio Bruno Bedini ha scritto:No, se pensiamo che SS. Annunziata e OSSML erano diventati ordini statali

Nella foga volta a sminuire la valenza degli Ordini cavallereschi della Reale Casa di Savoia cerchiamo per favore almeno di non scrivere evidenti sciocchezze.
Il legislatore del '51 per quanto concerne l'Ordine della Santissima Annunziata, nella sua non particolare conoscenza della materia cavalleresca, ne ha comunque espressamente ammesso e riconosciuto la natura dinastica.
Infatti nella Comunicazione al Senato della Repubblica del disegno di legge «Istituzione dell’Ordine cavalleresco “Al Merito della Repubblica Italiana” e disciplina del conferimento e dell’uso delle onorificenze», riguardo all'Ordine della Santissima Annunziata, è dato leggere testualmente: "Ultimo problema che il disegno ha dovuto affrontare è quello della sorte degli ordini preesistenti al mutamento delle forme istituzionali e delle onorificenze già conferite. A ciò provvede l’articolo 9, il cui primo comma riguarda l’Ordine della SS. Annunziata. La soppressione di questo ordine e delle sue onorificenze può ritenersi già implicitamente avvenuta per il loro evidente ed esclusivo carattere dinastico, tant’è che le relative decorazioni furono ritirate dall’ex sovrano all’atto dell’abbandono del territorio nazionale. Si è ritenuta peraltro necessaria un’espressa istituzione, per esigenze di completezza e per evitare ogni possibile dubbio in proposito".
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 357
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Re: OSSML newbie

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » martedì 26 giugno 2018, 10:44

Cav.OSSML ha scritto:Nella foga volta a sminuire la valenza degli Ordini cavallereschi della Reale Casa di Savoia cerchiamo per favore almeno di non scrivere evidenti sciocchezze.
Il legislatore del '51 per quanto concerne l'Ordine della Santissima Annunziata, nella sua non particolare conoscenza della materia cavalleresca, ne ha comunque espressamente ammesso e riconosciuto la natura dinastica.
Infatti nella Comunicazione al Senato della Repubblica del disegno di legge «Istituzione dell’Ordine cavalleresco “Al Merito della Repubblica Italiana” e disciplina del conferimento e dell’uso delle onorificenze», riguardo all'Ordine della Santissima Annunziata, è dato leggere testualmente: "Ultimo problema che il disegno ha dovuto affrontare è quello della sorte degli ordini preesistenti al mutamento delle forme istituzionali e delle onorificenze già conferite. A ciò provvede l’articolo 9, il cui primo comma riguarda l’Ordine della SS. Annunziata. La soppressione di questo ordine e delle sue onorificenze può ritenersi già implicitamente avvenuta per il loro evidente ed esclusivo carattere dinastico, tant’è che le relative decorazioni furono ritirate dall’ex sovrano all’atto dell’abbandono del territorio nazionale. Si è ritenuta peraltro necessaria un’espressa istituzione, per esigenze di completezza e per evitare ogni possibile dubbio in proposito".


Assolutamente non voglio sminuire l'altissimo significato storico che questi ordini hanno avuto: che questo sia ben chiaro.
Il mio scopo è solo quello di studiare e capire insieme la loro storia, la loro natura e la loro evoluzione.
Al contrario se il fine della discussione fosse la semplice esaltazione dell'ordine passato e "presente" .. me ne ritirerei, forse con buona pace di tutti.
Sciocchezze cerco di non scriverne ma sto postando solo semplici domande .. alla quale ancora nessuno ha risposto.

La comunicazione che hai postato è interessante, perché stabiliva per l'Annunziata un carattere ancora dinastico nel 1945.
Certamente l'Annunziata, a differenza dell'OSSML, era conferito a totale discrezione del Re, cosa che ne accentua la natura dinastica.
Ti faccio un'altra domanda però: perché Umberto II nel suo testamento ha destinato i collari della SS. Annunziata allo Stato Italiano?
Perchè Umberto II si è fatto inumare con i sigilli, alcuni dicono anche spezzandoli?
Tu consideri ancora oggi questi ordini in vita contro l'evidente volontà dell'ultimo Re d'Italia ?
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6490
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: OSSML newbie

Messaggioda Cav.OSSML » martedì 26 giugno 2018, 11:35

Alessio Bruno Bedini ha scritto:
Cav.OSSML ha scritto:Nella foga volta a sminuire la valenza degli Ordini cavallereschi della Reale Casa di Savoia cerchiamo per favore almeno di non scrivere evidenti sciocchezze.
Il legislatore del '51 per quanto concerne l'Ordine della Santissima Annunziata, nella sua non particolare conoscenza della materia cavalleresca, ne ha comunque espressamente ammesso e riconosciuto la natura dinastica.
Infatti nella Comunicazione al Senato della Repubblica del disegno di legge «Istituzione dell’Ordine cavalleresco “Al Merito della Repubblica Italiana” e disciplina del conferimento e dell’uso delle onorificenze», riguardo all'Ordine della Santissima Annunziata, è dato leggere testualmente: "Ultimo problema che il disegno ha dovuto affrontare è quello della sorte degli ordini preesistenti al mutamento delle forme istituzionali e delle onorificenze già conferite. A ciò provvede l’articolo 9, il cui primo comma riguarda l’Ordine della SS. Annunziata. La soppressione di questo ordine e delle sue onorificenze può ritenersi già implicitamente avvenuta per il loro evidente ed esclusivo carattere dinastico, tant’è che le relative decorazioni furono ritirate dall’ex sovrano all’atto dell’abbandono del territorio nazionale. Si è ritenuta peraltro necessaria un’espressa istituzione, per esigenze di completezza e per evitare ogni possibile dubbio in proposito".


Assolutamente non voglio sminuire l'altissimo significato storico che questi ordini hanno avuto: che questo sia ben chiaro.
Il mio scopo è solo quello di studiare e capire insieme la loro storia, la loro natura e la loro evoluzione.
Al contrario se il fine della discussione fosse la semplice esaltazione dell'ordine passato e "presente" .. me ne ritirerei, forse con buona pace di tutti.
Sciocchezze cerco di non scriverne ma sto postando solo semplici domande .. alla quale ancora nessuno ha risposto.

La comunicazione che hai postato è interessante, perché stabiliva per l'Annunziata un carattere ancora dinastico nel 1945.
Certamente l'Annunziata, a differenza dell'OSSML, era conferito a totale discrezione del Re, cosa che ne accentua la natura dinastica.
Ti faccio un'altra domanda però: perché Umberto II nel suo testamento ha destinato i collari della SS. Annunziata allo Stato Italiano?
Perchè Umberto II si è fatto inumare con i sigilli, alcuni dicono anche spezzandoli?
Tu consideri ancora oggi questi ordini in vita contro l'evidente volontà dell'ultimo Re d'Italia ?

Carissimo,
innanzitutto mi fa piacere che almeno da un punto di vista storico riconosci agli Ordini cavallereschi dei Savoia un altissimo significato.
Sul testamento di Re Umberto II, sui sigilli reali e sull'archivio dei Savoia, nulla so di certo, non conoscendo in particolare il contenuto del testamento.
Su di essi ho letto nella stampa, la quale ha riportato notizie e considerazioni che mi sembra non abbiano consistenza giuridica, rimanendo essi a livello di gossip.
Per quanto riguarda i Collari dell'Ordine della Santissima Annunziata, sembra comunque che la Consulta Araldica avrebbe sciolto i dubbi: "Non sono di proprietà del Capo di Casa Savoia in quanto appartengono all' Ordine medesimo. Il Capo della Casa Savoia ne è solo depositario e non può quindi disporre dei Collari ad alcun titolo. Trasmettendosi la carica di Gran Maestro e Capo Sovrano dell' Ordine Supremo della Santissima Annunziata da Umberto II al principe di Napoli, i Collari non possono rimanere che all' Ordine medesimo per essere, al caso, ulteriormente conferiti".
Su questo punto, mi risulta che c'era l' accordo dei familiari, anche della Regina Maria Josè.
Personalmente ritengo, analogamente a quanto sostenuto dall'autorevolissima ICOC, che sia l'Ordine della Santissima Annunziata che quello dei Santi Maurizio e Lazzaro siano Ordini Dinastici, il cui attuale Gran Maestro è S.A.R. il Principe Reale Ereditario Vittorio Emanuele di Savoia, Principe di Piemonte e Principe di Napoli.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 357
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Re: OSSML newbie

Messaggioda Cav.OSSML » martedì 26 giugno 2018, 14:25

Cav.OSSML ha scritto:La legge n. 178 del 1951 ha istituito un nuovo Ordine cavalleresco (denominato Ordine al Merito della Repubblica Italiana) di carattere generale, destinato, cioè, a ricompensare cittadini e stranieri che abbiano comunque acquisito titoli di benemerenza verso la Nazione.
Nella citata legge, nonchè nei lavori parlamentari, che hanno proceduto l'approvazione del relativo disegno di legge non vi è traccia alcuna circa la volontà di voler sostituire all’OSSML e/o all’Ordine della Corona d’Italia questo nuovo Ordine cavalleresco repubblicano.
Un problema che il disegno di legge ha dovuto ovviamente affrontare è quello della sorte degli Ordini preesistenti al mutamento delle forme istituzionali e delle onorificenze già conferite.
A ciò provvede l’articolo 9 della suddetta legge, il cui secondo comma stabilisce la cessazione del conferimento delle onorificenze cavalleresche dell’Ordine Mauriziano.
Per l’Ordine Mauriziano si parla di cessazione del conferimento delle onorificenze, anziché di soppressione, in quanto, secondo la disposizione XIV transitoria della Costituzione, esso continua a sussistere come persona giuridica pubblica, sebbene con più limitate finalità.
Infatti, nonostante l’opposizione del Vaticano attraverso l’allora Segretario di Stato S.E.R. Il Cardinale Giovanni Battista Montini, futuro Papa Paolo VI che ravvisò la propria giurisdizione sull’Ordine Mauriziano, basata su carte diplomatiche che riconoscevano assoluta indipendenza all’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro come Ordine Religioso e Militare, qualificandolo -la Santa sede- come Ente Ecclesiastico di Diritto Pubblico, la XIV disposizione transitoria e finale della Costituzione Repubblicana al terzo comma lo faceva suo mantenendolo come Ente Ospedaliero e demandandone l’operatività ad una legge che venne promulgata 15 anni dopo.
Con la legge 1596 del 5 novembre 1962 infatti i cospicui beni dell’Ordine Mauriziano vennero eretti in Ente Ospedaliero, con compiti di istruzione, beneficenza e culto, posto sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica e sotto la diretta vigilanza del Ministero dell’Interno.
Molto probabilmente, se non vi fosse stata la suddetta esigenza, anche l'Odine dei Santi Maurizio e Lazzaro avrebbe seguito le medesime sorti dell'Ordine della Santissima Annunziata, ovvero la soppressione.
Sinceramente non so se i padri costituenti ed il legislatore del '51 si siano, o si siano seriamente, posti il problema sulla qualificazione cavalleresca da dare all'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, ma sono convinto che i provvedimenti adottati dagli stessi sono da considerarsi giuridicamente ultra vires, secondo i noti principi dettati dall'ICOC per stabilire la validità degli Ordini di Cavalleria (- Gli Ordini dinastici o di famiglia appartenenti Jure sanguinis a una Casa Sovrana (cioè a quelle case regnanti o ex regnanti il cui rango sovrano venne riconosciuto internazionalmente all’epoca del congresso di Vienna o più tardi) conservano intatta la loro validità storica cavalleresca e nobiliare, indipendentemente da ogni rivolgimento politico. È da ritenersi pertanto giuridicamente ultra vires l’eventuale ingerenza dei nuovi Stati succeduti alle antiche Dinastie, sia sul piano legislativo che su quello amministrativo nei confronti degli Ordini dinastici. Che questi non siano riconosciuti ufficialmente dai nuovi governanti, non inficia la loro validità tradizionale e il loro status, ai fini araldici, cavallereschi e nobiliari -).
L’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, data la sua natura dinastica, appartenente jure sanguinis ad una Casa Sovrana (riconosciuta internazionalmente come tale già col Trattato di Utrecht nel 1713, come pure all'epoca del Congresso di Vienna 1814-1815) conserva quindi intatta la sua validità indipendentemente da ogni rivolgimento politico.
Attualmente, non sono autorizzabili in Italia, per motivi di opportunità politica, le insegne degli Ordini di Casa Savoia, in armonia con quanto stabilito dalla legge 3 marzo 1951, n. 178, istitutiva dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.
Che un Ordine Dinastico compensi per dei meriti poi non mi sembra un elemento sufficiente a determinare inesorabilmente il necessario riposizionamento nella categoria degli ordini statuali di merito.
L'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro poi non è stato in periodo regnicolo affatto conferito ai soli cittadini italiani, ma anche a stranieri (Tra gli insigniti dell'Ordine degni di rilievo si ricordano diversi monarchi come gli imperatori Francesco Giuseppe I d'Austria, Guglielmo II di Germania, Nicola II di Russia ed Haile Selassie d'Etiopia, oltre a sovrani come Giorgio V del Regno Unito, Mozaffar ad-Din Shah Qajar di Persia e Capi di Stato come alcuni Gran Maestri del Sovrano Militare Ordine di Malta o Sovrani stranieri come il maharaja Jagatjit Singh. Tra i militari si ricordano ad esempio i generali statunitensi John Pershing, George Marshall e Ulysses S. Grant III, il feldmaresciallo tedesco Walther von Brauchitsch, Heinrich Himmler, Hermann Goering, i generali François d'Astier de La Vigerie, Tasker H. Bliss, Mark W. Clark, Ira C. Eaker, Peyton C. March, ecc.. Altre personalità vennero insignite per meriti diversi, spazianti in differenti campi sociali come ad esemo le scienze (Charles Combes) e persino la filantropia (Thomas Hanbury e John Pierpont Morgan).

Vogliate cortesemente scusare un’inesattezza contenuta nel mio intervento, dovuta all’eccessiva lunghezza dello stesso.
Ho erroneamente indicato Giovanni Battista Montini (futuro Papa Paolo VI) come Segretario di Stato, in realtà egli fu Sostituto Segretario di Stato vaticano.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 357
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Re: OSSML newbie

Messaggioda nicolad72 » martedì 26 giugno 2018, 14:33

Alessio... non giocare a fare il giurista, non ne hai la basi e scrivi sciocchezze.
Il bel gioco dura poco... e il poco è finito e tra un po' modero!
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10371
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: OSSML newbie

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » martedì 26 giugno 2018, 15:02

nicolad72 ha scritto:Alessio... non giocare a fare il giurista, non ne hai la basi e scrivi sciocchezze.
Il bel gioco dura poco... e il poco è finito e tra un po' modero!


Scriverò anche sciocchezze ma ho fatto molte domande alle quali nessuno ha ancora risposto.
Attendo risposta nel merito.. non fuffa!
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6490
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: OSSML newbie

Messaggioda nicolad72 » martedì 26 giugno 2018, 15:20

Io ti ho risposto.
Non si tratta di novazione
L'ordine sussiste ed è patrimonio dinastico della casa Sabauda
La repubblica non ha alcun potere sul OSSML

Null'altro vi è da aggiungere. il resto sono sterili e sciocche speculazioni prive di fondamenti giuridici.
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10371
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: OSSML newbie

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » martedì 26 giugno 2018, 15:58

Un ordine dinastico i cui statuti nel 1907 vengono controfirmati dal presidente del consiglio e dal ministro di grazia e giustizia dello Stato Italiano?
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6490
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: OSSML newbie

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » martedì 26 giugno 2018, 20:19

Un'altra domanda per chi vuole rispondere:
Il R.D. 16-III-191l, art. 4 stabilì che "Nessuno potrà essere decorato dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro se prima non risulterà insignito da almeno un anno di ugual grado nell'Ordine della Corona d'Italia."

Da quando, per essere insigniti di un ordine dinastico occorre essere insigniti prima di un ordine statuale?
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6490
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: OSSML newbie

Messaggioda nicolad72 » mercoledì 27 giugno 2018, 9:16

Il capo di un ordine dinastico può fare quello che vuole... anche richiedere tre pitoette reggendosi solo sulla lingua!

La controfirma sugli atti di prerogativa regia attestava solo la provenienza: una sorta di autentica nulla più basta leggere lo statuto!

Perché ti ostini a cercare fantasmi?
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10371
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: OSSML newbie

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » mercoledì 27 giugno 2018, 9:51

Nicola sono consapevole del fatto che mi manchino troppi dati ed elementi per poter comprendere bene la storia e l'evoluzione dell'OSSML a cavallo tra XIX e XX secolo.

Ciononostante, dagli elementi che conosco, emerge piuttosto chiaramente la pesante trasformazione che subì l'OSSML da ordine dinastico-religioso a statuale-di merito. Lo stesso presidente ICOC riconosce che i Savoia trattarono durante il periodo regnicolo sempre l'OSSML come ordine di merito perché fino al 1868 lo Stato italiano non ne aveva uno.
In giurisprudenza certamente non ci fu mai un atto che certificò questa trasformazione da dinastico a statuale ma molti piccoli segnali significativi come la citata riforma del 1907 e il citato regio decreto del 1911.

Non capisco cosa si voglia negare di questo ragionamento.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6490
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: OSSML newbie

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » mercoledì 27 giugno 2018, 10:54

nicolad72 ha scritto:Il capo di un ordine dinastico può fare quello che vuole... anche richiedere tre pitoette reggendosi solo sulla lingua!

La controfirma sugli atti di prerogativa regia attestava solo la provenienza: una sorta di autentica nulla più basta leggere lo statuto!

Perché ti ostini a cercare fantasmi?


Non era una "sorta di autentica" ma ben più.
Dagli statuti del 1907 dell'OSSML (grassetto e sottolineatura sono mie):

Art. 40
Le modificazioni degli Statuti dell'Ordine e la costituzione di nuove disposizioni che regolino qualche
rapporto tra l'Ordine e lo Stato, debitamente discusse dal Consiglio dell'Ordine, sulla proposta del Primo
Segretario, saranno da esso comunicate al Presidente del Consiglio dei Ministri per l'opportuna disamina
e le R.M. Provvisioni saranno controfirmate dal Ministro di Grazia e Giustizia, Guardasigilli dello Stato e
dal Primo Segretario del Gran Magistero


Una "disamina" non è un'autentica..

Ancora:
Art. 41
Con le disposizioni contenute nel presente Statuto rimangono abrogate quelle comprese in precedenti Reali
Decreti e Magistrali Patenti, in quanto siano ad esse contrarie.
Il Presidente del Consiglio dei Ministri ed il Nostro Primo Segretario per il Gran Magistero Mauriziano,
Cancelliere dell'Ordine della Corona d'Italia, sono incaricati della esecuzione del presente decreto che,
munito della firma del ministro Guardasigilli dello Stato, sarà registrato al Controllo Generale dell'Ordine
Mauriziano ed alla Cancelleria dell'Ordine della Corona d'Italia
.


Quando il presidente del consiglio dei ministri è "incaricato della esecuzione del decreto" non è un'autentica.
Il Re inoltre ci teneva a sottolineare come il decreto fosse "munito della firma del ministro guardasigilli dello STATO (italiano)"
Perchè è importante la firma del guardasigilli? Ancora oggi qualsiasi atto legislativo dello STATO senza la firma del ministro guardasigilli non è valido.
Dunque questo atto fu a tutti gli effetti un atto del re come capo di STATO non di Vittorio Emanuele capo della dinastia.

Vorrei si riconoscesse, con un po' di onestà, almeno il fatto che effettivamente c'è qualcosa che non va in quello che dovrebbe essere un mero ordine dinastico..
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6490
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: OSSML newbie

Messaggioda Cav.OSSML » mercoledì 27 giugno 2018, 11:19

Alessio Bruno Bedini ha scritto:Nicola sono consapevole del fatto che mi manchino troppi dati ed elementi per poter comprendere bene la storia e l'evoluzione dell'OSSML a cavallo tra XIX e XX secolo.

Ciononostante, dagli elementi che conosco, emerge piuttosto chiaramente la pesante trasformazione che subì l'OSSML da ordine dinastico-religioso a statuale-di merito. Lo stesso presidente ICOC riconosce che i Savoia trattarono durante il periodo regnicolo sempre l'OSSML come ordine di merito perché fino al 1868 lo Stato italiano non ne aveva uno.
In giurisprudenza certamente non ci fu mai un atto che certificò questa trasformazione da dinastico a statuale ma molti piccoli segnali significativi come la citata riforma del 1907 e il citato regio decreto del 1911.

Non capisco cosa si voglia negare di questo ragionamento.

Carissimo,
persino la Fondazione Ordine Mauriziano, erede del patrimonio dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, nel suo sito Internet, considera l’OSSML dinastico, infatti ivi è dato testualmente leggere: “Con la XIV Disposizione Transitoria e Finale della Costituzione Italiana, l’Ordine Mauriziano cessò di essere un ordine dinastico, ma viene conservato come ospedaliero con le funzioni e l’ordinamento stabiliti dalla legge costituzionale del novembre 1962”.
Con la proclamazione del Regno d'Italia, l'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, pur mantenendo la propria natura di ordine dinastico, fu "prestato" al servizio dello Stato.
Nel sostenere la statualità dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro fai parte di una netta minoranza.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 357
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Re: OSSML newbie

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » mercoledì 27 giugno 2018, 12:13

Cav.OSSML ha scritto:[..]Con la proclamazione del Regno d'Italia, l'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, pur mantenendo la propria natura di ordine dinastico, fu "prestato" al servizio dello Stato.


Questo discorso mi interessa. Come fa a mantenere la sua natura se cambiano le finalità e le caratteristiche dei membri accolti?
Ritiro fuori un vecchio post di Nicola del 22 maggio 2011 che condivido in pieno: viewtopic.php?f=2&t=13087
L'Ordine fu Istituito da un Pontefice, assegnandone il Gran Magistero ai Savoia, i quali nel corso le 1800 lo modificarono radicalmente, così tanto che l'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro che esiste oggi, non può ritenersi quello dei Santi Maurizio e Lazzaro voluto e istituito e confermato dai Pontefici.
Il Vecchio ordine si è estinto ed è stato istituito - di fatto - un Nuovo ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, che del vecchio mantiene i segni "esteriori" le insegne, la cocolla, il colore del nastro.
Dell'OSSML è rimasto il guscio, ma l'essere che abitava quel guscio non vi è più ed è stato sostituito con un altro.
Questo è quanto è accaduto (in una concisissima sintesi).

La domanda che ci dobbiamo porre ora è questa: è possibile far regredire il Nuovo ordine al Vecchio? Se si in forza di quale diritto? Se no perché?
Se no: è possibile far ulteriormente evolvere il nuovo OSSML in qualcos'altro che assomigli al vecchio OSSML, ma la FH di cui gode casa Savoia è in grado di ottenere questo risultato? oppure è necessario per far evolvere il Nuovo ordine in qualcos'altro una sinergia tra la FH sabauda e la potestà canonia?

Sono molte le domande a cui dar risposta...


Io personalmente ritengo che oggi per far vivere l'ordine come ordine dinastico religioso servirebbe la FH sabauda e un nuovo intervento del Papa... cosa al momento impossibile..
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6490
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

PrecedenteProssimo

Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti