Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda Egon von Kaltenbach » martedì 2 gennaio 2018, 19:09

Leggendo queste nota del Sig. Lang mi rendo conto come a volte la vis polemica superi le intenzioni e, se questo può bastare, gli assicuro che, con la medesima, io concordo pienamente. Tante volte intendersi è difficile, ma l'importante è al fine pervenirci. Mi creda. Cordialità.
Egon von Kaltenbach
 
Messaggi: 301
Iscritto il: sabato 6 ottobre 2012, 21:08

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda Elmar Lang » martedì 2 gennaio 2018, 19:28

Ringrazio per le parole gentili e ricambio la cordialità.

Vero: su un forum, alla fine ci si intende. In altri tempi, ci si sarebbe fatto scambio di messaggi attraverso i nostri secondi, nell'osservanza dei precetti del Gelli...
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 3008
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda thinkingfree945 » venerdì 5 gennaio 2018, 19:14

T.G.Cravarezza ha scritto:Come sempre ci vuole la giusta via di mezzo.

Questa è una saggia affermazione la quale però va contestualizzata.
Se per "via di mezzo" si dovesse intendere una mediazione tra i valori fondanti di una istituzione per sua natura ideologica come è un ordine di cavalleria (i.e. mi permetto di evidenziare come la cavalleria sia anzitutto un valore ed essa quindi comporta una forte componente ideologica che connota - forse sarebbe più corretto dovrebbe connotare, ma argomentando in termini generali uso termini con valore semantico assoluto - e permea tutto l'agire dei suoi membri e della collettività degli stessi) allora non si potrebbe più parlare di affermazione saggia ma di resa.
La domanda è rispetto a cosa è necessario trovare la via di mezzo?
Chiedo ciò perché nel suo intervento non è così chiaro il rispetto a che cosa sia necessario mediare, e sul punto le chiederei un necessario chiarimento. Io una idea me la sono fatta, ma poiché Lei più volte accusa chi effettua fondate valutazioni di fare processi alle intenzioni prima di dire la mia e di essere nuovamente tacciato di essere un "giudice superficiale" le chiedo conto e ragione della sua espressione nei termini sopra esposti.

T.G.Cravarezza ha scritto:Un ordine cavalleresco militare come lo SMOM non basa le sue fondamenta sulle uniformi o sull'essere militare o sull'essere sovrano, perché sono tutti accessori che possono esistere come non esistere.

Su questo devo energicamente dissentire. La natura tradizionalmente militare e sovrana dell'Ordine Giovannita ne costituiscono l'anima che fanno di questa istituzione l'unico ordine indipendente oggi esistente. Se uno di questi due elementi dovesse essere soppresso, ciò che ne risulterebbe sarebbe un nuovo ordine di San Giovanni di Gerusalemme, che del precedente si dichiarerebbe erede delle tradizioni e dei valori, che sicuramente perseguirebbe, ma l'Ordine di Malta venendo meno uno di questi presupposti che sono essenziali alla sua stessa esistenza, verrebbe a cessare definitivamente ed irrimediabilmente (anche a volerlo re-istituire si tratterebbe sempre di una rifondazione, magari in continuità, ma non più la stessa cosa).
Mi spiace davvero che uno come lei, che si dichiara studioso e appassionato della materia, non abbia sufficiente acume per giungere a queste pacifiche conclusioni. Soprattutto perché non solo è l'amministratore di quello che sul web è il luogo privilegiato ove leggere e discutere di queste materie, ma anche perché si pone in contrasto con quelle che è la posizione dell'ICOC Register la cui posizione costituisce la "dottrina ufficiale" (consentitemi l'espressione, volutamente forte) del forum su cui calibrare tutte le discussioni.
Se si mette in discussione la natura essenziale di una istituzione, vieppiù senza indicare le ragioni, se non con generiche opinioni soggettive fondate non si sa bene su quali posizioni dottrinali, si scade nel relativismo - bestia nera di questi tempi - più volgare (da vulgo) e tutt'altro che sofisticato (in accademia si userebbero argomentazioni di diversa portata).
Son quindi curioso di sapere in base a quali elementi Lei possa affermare - contraddicendo il registro che nel regolamento è il faro che dovrebbe guidare le discussioni in materia cavalleresca -
T.G.Cravarezza ha scritto:lo SMOM non basa le sue fondamenta ... sull'essere militare o sull'essere sovrano, perché sono tutti accessori che possono esistere come non esistere.
thinkingfree945
 
Messaggi: 22
Iscritto il: domenica 19 novembre 2017, 9:38

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda T.G.Cravarezza » venerdì 5 gennaio 2018, 19:55

Ho scritto molteplici interventi sull'argomento e non ho interesse a ripetermi.

In estrema sintesi.

Sulla sovranità dell'Ordine ho già indicato in passato come, per mia opinione personale, essa non possa basarsi sul privilegio del 1113 che con l'autonomia "concessa" dalla Santa Sede all'Ordine circa i principi e vescovi locali non poteva fare dell'Ordine un ente sovrano in senso assoluto, ma semplicemente concedeva per l'appunto il privilegio di non dover sottostare alla giurisdizione dei principi e vescovi locali proprio in virtù della missione dell'Ordine a favore dell'intera Chiesa e per permettergli di potersi organizzare in tutto il mondo senza dover di volta in volta sottostare a questo o quel principe o vescovo (anche e soprattutto a livello tributario). Del resto è ciò che fu concesso da lì in avanti anche ad altri ordini cavallereschi e religiosi, infatti ancora oggi gli ordini religiosi non sottostanno alla giurisdizione dell'ordinario locale, ma ciò non li pone a livello sovrano.
La sovranità vera e propria nasce in seguito, con i primi reali possedimenti, ma ritengo che tale sovranità debba sempre essere considerata accessoria all'Ordine e alle sue finalità e pur sempre sottoposta all'Ente che gli è superiore, cioè la Santa Sede. Del resto gli insigni giuristi ci ricordano come un ente sovrano non può essere sopposto ad altro Ente e questo fa dell'Ordine qualcosa di sui generis.Lo SMOM non è vincolato alla Santa Sede e al soglio Petrino? Non lo accetto né come membro dell'Ordine né come cultore della materia.
Quindi se in futuro la sovranità dell'Ordine dovesse interferire con i suoi due carismi, essi sì fondanti, allora se ne potrebbe fare a meno, poichè la ritengo solamente funzionale agli stessi. Del resto vi sono tanti ordini religiosi e cavallereschi che svolgono la loro missione spirituale e caritatevole senza bisogno del riconoscimento internazionale. Lo stesso SMOM mi pare svolga molteplici attività negli USA e in altri Stati con cui non ci sono rapporti diplomatici senza particolari difficoltà.
Poi, ripeto a scanso di equivoci, non sono contrario alla sovranità dell'Ordine se essa è utile e funzionale ai suoi carismi e quindi finché c'è, finché è riconosciuta dagli Stati e finché, sottolineo, è utile ai carismi, ben venga mantenerla, ma non la considero fondante l'Ordine.

Sul suo essere militare.
Dal testo "Regolamenti e Commenti" dello SMOM
Ordine “tradizionalmente militare”
Le minacce contro i pellegrini da parte dei loro nemici indussero i primi membri dell’Ordine a proteggere la fede ed i fedeli, difendendoli dagli attacchi provenienti dall’esterno. L’Ordine ai nostri giorni non ha più compiti militari, ma il dovere diessere praticamente e spiritualmente pronto al combattimento è ancora valido: deve combattere “la nobile battaglia per lo sviluppo e la difesa della persona umana”39. Inoltre i suoi membri partecipano alla battaglia spirituale dei cristiani “contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo tenebroso, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti” (Ef 6, 12 e seg.). Poiché i membri dell’Ordine riconoscono l’immagine di Dio in ogni persona, sono obbligati a prestare il loro servizio ovunque la dignità della vita umana40, donata da Dio, sia in pericolo.


Dal testo si evince come il riferimento "militare" non indicasse, almeno in passato, una semplice e generica "miliza di Cristo" intesa in senso spirituale, ma una vera e propria caratteristica pratica di attività militare contro o in difesa di terzi. Infatti viene specificato che l'Ordine "fu indotto a proteggere la fede e i fedeli" (quindi per uno specifico contesto storico) e che oggi "non ha più compiti militari".Che poi, proprio perché oggi non c'è più quello scopo, rimane "tradizionalmente militare" inteso dal lato di "battaglia spirituale", mi sta anche bene, ma voler trasformare quel militare inserito nella titolazione nei secoli passati in senso solo spirituale... sarebbe anacronistico.
Inoltre dobbiamo avere bene presente le discussioni che ci furono a Gerusalemme proprio in seno all'Ordine se fosse opportuno l'uso delle armi e questo è indice di come l'Ordine nacque religioso e ospedaliero e "divenne militare" per necessità contingenti. Senza contare che il suo essere ordine cavalleresco è già implicitamente caratteristica di "miles Christi" come lo dovrebbe essere qualsiasi cavaliere militante cristiano, quindi il sottolineare ulteriormente la caratteristica militare non ha davvero senso se non la si intendesse, in passato, come appunto "guerriera".Che poi possiamo oggi, dopo 9 secoli, mantenere tale caratteristica intendendola dal lato spirituale, mi va più che bene e lo condivido, ma è appunto una "trasformazione" odierna essendo venuta meno la caratteristica originaria. Di conseguenza non casca il mondo se si decidesse di togliere l'aggettivo dalla denominazione contratta. Anche perché mi stupisce come tutti si straccino le vesti per la proposta (per altro non mi pare confermata se non da voci di corridoio) di eliminare l'aggettivo "militare" dall'acronimo SMOM, mentre nessuno si lamenta dell'assenza, da sempre, dell'aggettivo "ospedaliero", quello sì fondante l'Ordine ed uno dei suoi principali carismi.

Come sarebbe anacronistico pensare che il "tradizionalmente nobiliare" fosse sempre stato inteso come "nobiltà di spirito" (come oggi viene indicato dal testo "Regolamenti e Commenti"). No, non è così. L'Ordine nacque come ordine aperto solo ai nobili e questo per un fatto molto semplice e banale. Non perché i nobili fossero tutti santi o migliori degli altri uomini, ma semplicemente perché all'epoca di fondazione erano la classe dirigente dell'epoca, la più acculturata, economicamente solida, con conoscenze politiche e militari. Ovvio che un nuovo ordine scegliesse i suoi membri da tale ceto avendo necessità di avere membri economicamente solidi, capaci politicamente e militarmente e socialmente influenti. Ma quello era il contesto dell'epoca di fondazione e fino a circa l'800. Oggi la nobiltà reale, non essendoci quasi più nel mondo e non avendo più quella capacità economica, di influenza sociale, culturale, politica che aveva in passato..., è sostituita da quella di spirito ed è cosa buona e giusta così come è condivisibile, almeno dalle voci di corridoio, eliminare il vincolo dell'onore e devozione per l'elezione del Gran Maestro (ed io aggiungerei per qualsiasi Carica dell'Ordine) non essendo più giustificato dal mutato contesto sociale odierno.
La tradizione deve essere mantenuta quando essa apporta un valore da tutelare, non deve divenire un macigno che deve essere trascinato a fatica.

Ricordo l'art. 1 della Carta Costituzionale:
Il Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme, detto di Rodi, detto di Malta, sorto dal gruppo degli Ospitalari dell’Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme, chiamato dalle circostanze ad aggiungere ai primitivi compiti assistenziali un’attività militare per la difesa dei pellegrini della Terra Santa e della civiltà cristiana in Oriente, sovrano, successivamente, nelle isole di Rodi e poi di Malta, è un Ordine religioso laicale, tradizionalmente militare, cavalleresco e nobiliare.


In questo articolo si specifica come l'Ordine nacque inizialmente assistenziale e la caratteristica militare fu aggiunta dopo. Così come la sovranità fu aggiunta con i possedimenti di Rodi e Malta (e quindi non può essere considerata fondante) e conclude che è un ordine religioso, da cui deriva che qualsiasi sovranità deve essere comunque posta gerarchicamente in secondo piano rispetto alla Santa Sede e che qualsiasi politica interna o esterna deve essere basata sulla dottrina sociale e morale della Chiesa.

Tutto deve essere contestualizzato. Quello che non può cambiare è l'essere ordine religioso, cavalleresco e ospedaliero e i suoi due carismi fondanti, tuitio fidei et obsequium pauperum. Le altre caratteristiche devono seguire le necessità del contesto storico e sociale.

Concludo ribadendo che queste sono mie opinioni personali ed il bello di un forum è quello di condividere i pensieri sulle materie che ci interessano. Ovviamente il mio pensiero non vincola né l'Amministrazione del forum né le Associazioni patrocinanti.
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6391
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda Cav.OSSML » venerdì 5 gennaio 2018, 20:31

Che Papa Francesco sia un teorico della società aperta, libera, liquida e senza frontiere (i suoi detrattori parlano di “teologia dell’immigrazionismo”) è sotto gli occhi di tutti.
Per rendersene conto basta ascoltarlo (vedi ad esempio la recente omelia di Natale).
A prescindere dalla considerazione se questo sia un bene o un male, e senza voler fare un processo alle intenzioni, mi sembra tuttavia evidente che il Santo Padre, messi da parte i tradizionalisti (Festing e Burke in testa), intende procedere ad una modernizzazione del SMOM nel senso auspicato dall’amministratore del forum.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 375
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda Romegas » venerdì 5 gennaio 2018, 20:46

Modernizzazione? E' un eufemismo. Poi non si tratta di intenzioni ma fatti. La cosa è ben diversa. Che ancora deve fare per convincere chi si ostina a non vedere?
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 4493
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda T.G.Cravarezza » venerdì 5 gennaio 2018, 20:50

Cav.OSSML ha scritto:mi sembra tuttavia evidente che il Santo Padre, messi da parte i tradizionalisti (Festing e Burke in testa), intende procedere ad una modernizzazione del SMOM nel senso auspicato dall’amministratore del forum.

A scanso di equivoci perché sembra che il messaggio non sia compreso, io non auspico né che lo SMOM perda la sovranità né che tolga l'aggettivo militare o tolga le uniformi o elimini gli onore e devozione...
La sovranità, l'essere militare e nobiliare sono sicuramente importanti e che se sono utili a perseguire i carismi dello SMOM è giusto mantenere pur aggiornati ai nuovi contesti storici e sociali. Semplicemente li ritengo "accessori" all'Ordine per cui, se nel caso si decidesse, per le necessità attuali, di doverli eliminare, non verrebbe meno l'Ordine che ritengo fondato sul suo essere cavalleresco, religioso e ospedaliero, questi sì fondamentali. Per questo apprezzo molto "Commenti e Regolamenti" recentemente edito dallo SMOM in cui l'essere sovrano, militare e nobiliare vengono inseriti nel contesto più spirituale adeguato all'oggi e come funzionali ai carismi dell'Ordine.
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6391
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda nicolad72 » venerdì 5 gennaio 2018, 21:35

T.G.Cravarezza ha scritto:Semplicemente li ritengo "accessori" all'Ordine per cui,

Sai già che non condivido... e altri non condividono questa tua personale e sciagurata valutazione.

Nonostante tale forte e motivata opposizione tu continui a riproporla come un mantra... senza spiegare le ragioni giuridiche alla base della tua - assurda - tesi. Salvo dire il tuo solito "secondo me"... ma essendo tu nel mondo del diritto un emerito nessuno... dubito tu abbia la levatura dottrinale per poterti permettere di limitarti ad un "secondo me". Di sicuro la levatura non te la conferisce l'essere amministratore di questo forum.
Qualcuno giustamente ha fatto anche notare che la tua posizione è in manifesto contrasto con i principi ICOC (di cui uno riguarda proprio il SMOM) di cui il forum è sostenitore, e poiché l'amministrazione è portavoce delle organizzazioni che sostengono il forum... insomma trai tu le conseguenze a livello di danno di credibilità che tale tua posizione arreca.

Da giurista con ventennale esperienza reputo la tua posizione ampiamente risibile. Denuncia la tua ignoranza giuridica, poiché è evidente che tu non abbia la ben che minima cognizione su come individuare gli elementi essenziali di un ente (se sbaglio correggimi e indicameli in prosieguo). Ti diverti a fare il bastian contrario... va bene, ma non penso sia corretto per il ruolo che rivesti, farlo in modo così sciocco e subdolo.
Si, subdolo! Riproponi pedissequamente la tua tesi, sempre senza motivarla o giustificarla, con la sola speranza che a suon di sentirla ripetere per qualcuno poco avvezzo alla materia alla fine finisca per credervi.... qualcosa di simile la teoria sulle scie chimiche la quale a suon di proclami reiterati ha finito per avere un suo seguito di "credenti", nonostante si fondi sul nulla se non sulla fanta-scienza.

Mi permetto di aggiungere che in un forum pubblico chi scrive ha anche il dovere di pensare alle eventuali implicazioni dei propri pensieri, quando, distorti e fuorvianti, vengono pubblicamente esternati da chi ha obblighi non solo morali verso l'istituzione di cui parla e fa parte.
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10381
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda Dantes » venerdì 5 gennaio 2018, 22:26

T.G.Cravarezza ha scritto:La sovranità [...] utili a perseguire i carismi dello SMOM è giusto mantenere pur aggiornati ai nuovi contesti storici e sociali. Semplicemente li ritengo "accessori" all'Ordine


Mi permetta di dire che queste affermazioni sono tutto tranne che giuridiche.
Voglia cortesemente spiegare in temini di diritto cosa significa aggiornare - ai tempi moderni come lei dice - il concetto di sovranità.
E, sempre nei medesimi termini, spieghi perché la sovranità dovrebbe essere accessoria in un soggetto di diritto internazionale.
Avatar utente
Dantes
 
Messaggi: 49
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2014, 19:32

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda T.G.Cravarezza » venerdì 5 gennaio 2018, 23:08

Ovvio che lo SMOM è in una situazione sui generis riguardo a sovranità e la sua posizione nel contesto internazionale e i rapporti con la Santa Sede lo dimostrano. Ma al di là di ciò, quando affermo che la sovranità è accessoria intendo che può perderla/rinunciarvi (quindi essere un ordine religioso-cavalleresco sottoposto in toto alla Santa Sede e da cui deriverebbe la qualità cavalleresca, una sorta di sub-collazione) senza per questo snaturarsi essendo la sua essenza originaria il suo essere ordine religioso, ospedaliero cavalleresco, non obbligatoriamente sovrano o militare. Le due caratteristiche (la sovranità e l'essere militare) sono state assunte per il contesto storico-sociale dell'epoca, ma non le ritengo fondamentali all'essenza dell'Ordine. Finché contribuiscono a perseguire meglio i suoi fini (nel 1500 difendere la cristianità con le armi era tra questi scopi), ben venga mantenere tali caratteristiche. Se tali caratteristiche oggi, domani o fra 500 anni non saranno più utili o saranno onerose o di ostacolo per il perseguimento dei carismi dell'Ordine, non ritengo possa snaturarsi se vi dovesse rinunciarvi.
Circa l'aggiornamento oggi, era riferito alle caratteristiche nobiliare e militare (aggiornate già in senso spirituale come riportato da "Commenti e Regolamenti" e come probabilmente porteranno le riforme eliminando le discriminazioni in base alla categoria nobiliare per le Alte Cariche e il Gran Maestro), non a quella sovrana che, bene o male, o c'è o non c'è (anche se per lo SMOM forse siamo ad una via di mezzo [sweatdrop.gif] ).
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6391
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda nicolad72 » venerdì 5 gennaio 2018, 23:21

La tua personalissima tesi oltre che essere storicamente inesatta null'altro è dal punto di vista giuridico che un puro obrobrio.
Ti faccio notare, e faccio notare a tutti gli utenti, come tu ti stia limitando a ribadire sempre la medesima zuppa! E come di converso tu stia evitando di rispondere alle domande dei tanti che ti hanno più volte richiesto di giustificare scientificamente tale tesi. Io qui ti chiedo formalmente di indicarci qual è il criterio ermeneutico in base al quale sia possibile determinare per un ente quali siano gli elementi fondanti e quindi necessari e quali quelli accessori.
Io ti ho già posto in privato questa domanda più volte e non mi hai mai dato risposta. Ora ti sfido pubblicamente e pretendo una risposta, altrimenti ti invito a non reiterare oltre talle assurda tesi.

Visto che insisti nel ribadire che l'attributo della sovranità non è un elemento fondante e quindi essenziale dell'ordine, ti chiedo quindi di indicarci quali siano i criteri per individuare se un elemento abbia o meno tale caratteristica. Se non lo fai è di tutta evidenza che tu ti sia innamorato di una tesi e che la voglia sostenere-magari perché sentita anche da terzi - senza avere la benché minima base di natura scientifica per poterlo fare.
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10381
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda T.G.Cravarezza » venerdì 5 gennaio 2018, 23:33

Non sono un giurista e mi pare sia evidente non avendo mai io indicato dettagli legali a sostegno della mia tesi, ma una mera opinione "filosofica" circa cosa io creda sia l'essenza dello SMOM e cosa invece mero accessorio.
Ho esposto una mia opinione in merito dopo esplicita richiesta. Ovviamente si è liberi di non condividere come il moderatore Nicola ha giustamente espresso.
Visto il protrarsi di equivoci e fraintendimenti, ritengo opportuno evitare il proseguimento da parte mia su tale argomento, anche perché i miei interventi precedenti ben esplicitano il mio pensiero.
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6391
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda nicolad72 » venerdì 5 gennaio 2018, 23:41

Mi sembri uno di quei fanatici delle scie chimiche che non avendo le benché minime basi né di chimica né di ingegneria la buttano anche loro in "filosofia".

La questione è puramente giuridica.

Ora ti arrampichi sugli specchi per cercare di giustificare qualcosa che altrimenti non sarebbe giustificabile.

Un dignitoso silenzio per me ti consentirebbe di far miglior figura.

Non posso far altro che ribadire l'insensatezza della tua personalissima tesi e di come il forum e le associazioni che lo sostengono si dissocino da tale assurda idea "filosofica" - perché anche la filosofia è ben altra cosa!
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10381
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda Egon von Kaltenbach » sabato 6 gennaio 2018, 0:27

Mentre, in merito a come l'Ordine deve essere, ribadisco la mia prospettiva in toto tradizionale, aggiungo che, quanto alla sovranità, ritengo un grave danno non aver mai, in tutto il tempo trascorso dalla perdita di Malta, ottenuto il recupero di una ancorché modesta estrinsecazione territoriale della medesima. Credo infine che, con tale status , la protervia antistorica e antitradizionale di chi ha provocato i noti danni a questa nobile istituzione sarebbe stata costretta, dal diritto internazionale e dalle stesse Nazioni Unite, in ben più modesti confini e probabilmente non si sarebbe nemmeno manifestata. La forza coi deboli è da sempre stigma d'ignobiltà.
Egon von Kaltenbach
 
Messaggi: 301
Iscritto il: sabato 6 ottobre 2012, 21:08

Re: Sovrano Cavalleresco Ordine di Malta

Messaggioda Cav.OSSML » sabato 6 gennaio 2018, 1:10

Da giurista ormai di lungo corso non posso che concordare con quanto osservato da Nicola.
Per quanto concerne il profilo nobiliare del SMOM, pur spiegando e giustificando la sua natura cavalleresca e la sua storia il mantenimento del carattere nobiliare dell’Ordine stesso, ritengo tuttavia che il processo di riforma della Carta Costituzione e del Codice del Sovrano Ordine di Malta, volto sostanzialmente all’aggiornamento ai nuovi contesti storici e sociali, e finalizzato ad un sistema di governo più al passo con i tempi, difficilmente non andrà ad incidere in qualche modo sulle categorie nobiliari.
A scanso di equivoci ci tengo a precisare che non auspico affatto che vengano eliminati i cavalieri di onore e devozione, ma penso al contempo che è necessario essere realistici.
Non soltanto la morale cristiana, ma anche l’art. 1 della dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948 recita: “tutti gli esseri umani nascono liberi e uguali in dignità e diritti...” e l’art. 3 della nostra Costituzione sancisce che “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge:..”.
Una differenziazione tra cavalieri nobili di sangue e tra cavalieri nobili di spirito ma non di sangue, che conduce tra l'altro a diversi trattamenti (per esempio nomina a Gran Maestro, preclusa ai non nobili) a mio giudizio è al tempo attuale difficilmente giustificabile.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 375
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

PrecedenteProssimo

Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti