Delegazioni OESSH: requisiti

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Delegazioni OESSH: requisiti

Messaggioda commodoro » sabato 28 ottobre 2017, 15:57

Qualcuno sa quali sono i requisiti per istituire una nuova Delegazione dell'Ordine del S. Sepolcro nell'ambito di una Sezione?
A parte, ovviamente, un congruo numero di cavalieri/dame che risiedono in un certo territorio quali altri requisiti sono necessari? Per esempio il territorio deve coincidere con una Diocesi o una provincia o che altro? Ho letto attentamente lo Statuto dell'Ordine ma nulla è detto a tal proposito.
Sarei interessato soprattutto alle opinioni "documentate" che portino quindi fonti e documenti ufficiali del Gran Magistero. Grazie.

Un saluto a tutti
Commodoro
Avatar utente
commodoro
 
Messaggi: 4
Iscritto il: domenica 30 novembre 2014, 20:48

Re: Delegazioni OESSH: requisiti

Messaggioda T.G.Cravarezza » martedì 31 ottobre 2017, 14:46

Solitamente nello statuto degli Ordini sono indicate le norme generali, poi sono predisposti regolamenti ad hoc per quelle più particolari. Anche per lo SMOM la Carta e il Codice trattano l'argomento delle Delegazioni in modo molto sintetico e generale e poi vi sono regolamenti ad hoc circa le norme particolari della vita delegatizia. Presumo ci sia qualcosa di simile nell'OESSG, ma non ho a disposizione tali documenti. Speriamo che qualcuno più addentro all'Ordine possa fornirceli.
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6098
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: Delegazioni OESSH: requisiti

Messaggioda Sagittario » martedì 31 ottobre 2017, 17:18

commodoro ha scritto:Qualcuno sa quali sono i requisiti per istituire una nuova Delegazione dell'Ordine del S. Sepolcro nell'ambito di una Sezione?
A parte, ovviamente, un congruo numero di cavalieri/dame che risiedono in un certo territorio quali altri requisiti sono necessari? Per esempio il territorio deve coincidere con una Diocesi o una provincia o che altro? Ho letto attentamente lo Statuto dell'Ordine ma nulla è detto a tal proposito.
Sarei interessato soprattutto alle opinioni "documentate" che portino quindi fonti e documenti ufficiali del Gran Magistero. Grazie.

Un saluto a tutti
Commodoro


Il quesito mi ha intrigato… e, nel silenzio dello Statuto, ho guardato cosa dicono in merito il sito internet ufficiale del Vaticano http://www.oessh.va/content/ordineeques ... ro/it.html e gli altri siti reperibili delle sette Luogotenenze italiane… ed ho scoperto alcuni elementi che rispondono in parte al quesito.
Le Luogotenenze non coincidono mai con un territorio geografico ben definito e costante ma sono composte da un numero di regioni variabili (in base al numero dei Cavalieri? In base all’orografia territoriale?...) e vanno da una sola regione (ad esempio la Luogotenenza Italia Sardegna o quella della Sicilia) a numerosi regioni (la Luogotenenza Italia Settentrionale che comprende Emilia, Friuli, Liguria, Lombardia, Piemonte, Romagna, Trentino e Veneto). Conseguentemente anche le Sezioni nelle quali si suddividono le Luogotenenze sono costituite da un territorio molto variabile: nella Luogotenenza Italia Sardegna abbiamo due sezioni: Sardegna Nord, Sardegna Sud con le rispettive Delegazioni di Cagliari, Sassari, Oristano e Nuoro... mentre nella Luogotenenza Italia Settentrionale una Sezione è costituita da una regione ed ogni Sezione ha più Delegazioni che coincidono con i vari capoluoghi di provincia. Tutte le Sezioni e/o Delegazioni sono regolarmente provviste di un Priore che non sempre coincide con la figura del Vescovo, ove questo non sia presente per diversa circoscrizione dell’arcidiocesi o diocesi. Ovvero dove non vi è la figura vescovile il priore è uno degli altri prelati (e spesso anche con il solo grado di Cavaliere).
Caso ancora diverso quello della Luogotenenza Italia Sicilia (costituita dalla sola Sicilia) con quattro Sezioni (Palermo, Catania, Messina e Siracusa) mentre le Delegazioni si trovano presso i capoluoghi di provincia di Caltanissetta, Ragusa e Agrigento (l’Ordine è assente nei capoluoghi di Enna e Ragusa) che nelle quattro diocesi di Patti, Noto, Mazara del Vallo e Piazza Armerina, tutte dotate di un Priore Vescovo.

E’ quindi possibile dire con certezza che il territorio di una Delegazione OESSG non coincide con quello di una Diocesi né con quello di una provincia, ma è assolutamente variabile.

I motivi che poi possano indurre il Gran Magistero a costituire una nuova Delegazione non sono noti e le speculazioni che si possono fare sono infinite.

Ricambio il saluto e lo porgo a tutti i frequentatori.
Socio Ordinario A.I.O.C.
Avatar utente
Sagittario
 
Messaggi: 437
Iscritto il: mercoledì 13 gennaio 2010, 15:19


Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti