Dimissioni dall'Ordine di Malta

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Dimissioni dall'Ordine di Malta

Messaggioda adj » domenica 16 luglio 2017, 14:54

In genere cerco di evitare di parlare di me, ma in questo caso ne sono praticamente costretto, essendo questo l'unico modo a mia disposizione per manifestare lo sconcerto e il disappunto per quanto accaduto nell'Ordine di Malta.
Passati oltre 20 giorni dall'invio della mia lettera di dimissioni dall'Ordine, la pubblico qui, oscurando solo alcuni dati sensibili (e scusandomi per l'impaginazione approssimativa).



Oggetto: dimissioni dal Sovrano Militare Ordine di Malta

A: Delegazione di Piemonte e Valle d’Aosta del Sovrano Militare Ordine di Malta

e, p.c.:
- Gran Priorato di Lombardia e Venezia del Sovrano Militare Ordine di Malta
- Luogotenente di Gran Maestro Fra’ Giacomo Dalla Torre
- Segreteria di Stato della Santa Sede


Io sottoscritto Alberto Di Janni [omissis] considerati:
1) l’ingerenza di Francesco I nelle questioni interne dell’Ordine, ingerenza da me reputata inaccettabile tanto nella forma quanto nella sostanza;
2) la supina sottomissione dei vertici e dei membri dell’Ordine alla suddetta ingerenza, con particolare riguardo dapprima all’accettazione delle dimissioni del Gran Maestro Matthew Festing e in seguito alla sua mancata rielezione;
3) l’essersi l’Ordine trasformato da glorioso baluardo a difesa della fede e a protezione dall’invasione degli infedeli in strumento che tale invasione favorisce e agevola, trasformazione evidenziata anche dall’elisione dell’appellativo “Militare” dai comunicati dell’Ordine;
4) il non poter promettere ubbidienza e fedeltà a un Papa che non ritengo fedele alle Scritture e alla Tradizione della Chiesa,
presento le mie dimissioni da membro dell’Ordine.
È un passo che mi costa rincrescimento e dolore, specie nel ricordo della nobile figura di molti appartenenti all’Ordine, ma se un tempo era per me un onore l’appartenenza all’Ordine di Malta, ora la mia coscienza e il mio onore mi impongono di uscirne.
Mi riservo di rendere pubblica questa mia lettera.

[omissis]
adj
 
Messaggi: 3803
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2007, 19:21
Località: Torino

Re: Dimissioni dall'Ordine di Malta

Messaggioda pierfe » domenica 16 luglio 2017, 20:49

adj ha scritto:In genere cerco di evitare di parlare di me, ma in questo caso ne sono praticamente costretto, essendo questo l'unico modo a mia disposizione per manifestare lo sconcerto e il disappunto per quanto accaduto nell'Ordine di Malta.
Passati oltre 20 giorni dall'invio della mia lettera di dimissioni dall'Ordine, la pubblico qui, oscurando solo alcuni dati sensibili (e scusandomi per l'impaginazione approssimativa).



Oggetto: dimissioni dal Sovrano Militare Ordine di Malta

A: Delegazione di Piemonte e Valle d’Aosta del Sovrano Militare Ordine di Malta

e, p.c.:
- Gran Priorato di Lombardia e Venezia del Sovrano Militare Ordine di Malta
- Luogotenente di Gran Maestro Fra’ Giacomo Dalla Torre
- Segreteria di Stato della Santa Sede


Io sottoscritto Alberto Di Janni [omissis] considerati:
1) l’ingerenza di Francesco I nelle questioni interne dell’Ordine, ingerenza da me reputata inaccettabile tanto nella forma quanto nella sostanza;
2) la supina sottomissione dei vertici e dei membri dell’Ordine alla suddetta ingerenza, con particolare riguardo dapprima all’accettazione delle dimissioni del Gran Maestro Matthew Festing e in seguito alla sua mancata rielezione;
3) l’essersi l’Ordine trasformato da glorioso baluardo a difesa della fede e a protezione dall’invasione degli infedeli in strumento che tale invasione favorisce e agevola, trasformazione evidenziata anche dall’elisione dell’appellativo “Militare” dai comunicati dell’Ordine;
4) il non poter promettere ubbidienza e fedeltà a un Papa che non ritengo fedele alle Scritture e alla Tradizione della Chiesa,
presento le mie dimissioni da membro dell’Ordine.
È un passo che mi costa rincrescimento e dolore, specie nel ricordo della nobile figura di molti appartenenti all’Ordine, ma se un tempo era per me un onore l’appartenenza all’Ordine di Malta, ora la mia coscienza e il mio onore mi impongono di uscirne.
Mi riservo di rendere pubblica questa mia lettera.

[omissis]


Mi permetta d'intervenire in merito al suo post che trovo di pessimo gusto, e le ragioni sono semplici da esporre.
Lei non ha cariche all'interno del SMOM e per quanto sono a conoscenza è un donato, e se è vero che è stato ricevuto come donato, lei deve sapere cosa è il donato all'interno del SMOM, ovvero una persona che non viene ancora ritenuta degna di essere cavaliere, ma nonostante questo l'Ordine gli permette un inglobamento che non si può dire completo.
Se mi sono sbagliato sul suo grado e ceto di appartenenza chiedo scusa, ma non muta il mio pensiero sul pessimo gusto nell'esporre una propria decisione privata NON motivata da valide ragioni d’interesse pubblico in un forum riservato a persone che sono interessate anche alle tematiche cavalleresche e basta.
Questo forum non è il luogo adatto a esternazioni di questo genere perché esprime la piena adesione all'operato del Santo Padre Papa Francesco, e a quello di S.E. il Luogotenente di Gran Maestro, del Sovrano Consiglio, nonché di S.E. Mons. Angelo Becciu ecc., che stanno lavorando alacremente per rendere migliore il più antico Ordine Cavalleresco del mondo sopravvissuto a tante alterne vicende.
E dato che non sono ancora note le "novità" del SMOM qui non ci si permette neppure di discutere facendo delle congetture che possono avere come riferimento solo le "patturnie" di chi l'esprime.
Questo è il pensiero delle organizzazioni che danno vita a questo forum, non è certo vietato pensare nel modo che meglio si vuole, ma è opportuno farlo fuori di qui.
Pier Felice degli Uberti
Sine virtute nulla nobilitas
pierfe
Presidente IAGI
 
Messaggi: 2063
Iscritto il: domenica 12 gennaio 2003, 2:11
Località: Bologna

Re: Dimissioni dall'Ordine di Malta

Messaggioda adj » lunedì 17 luglio 2017, 8:38

pierfe ha scritto:Mi permetta d'intervenire in merito al suo post che trovo di pessimo gusto, e le ragioni sono semplici da esporre.
Lei non ha cariche all'interno del SMOM e per quanto sono a conoscenza è un donato, e se è vero che è stato ricevuto come donato, lei deve sapere cosa è il donato all'interno del SMOM, ovvero una persona che non viene ancora ritenuta degna di essere cavaliere, ma nonostante questo l'Ordine gli permette un inglobamento che non si può dire completo.
...[omissis]

Mi stupisco per la virulenza, la mancanza di discrezione e l'offensività di questo commento.
Vorrei solo far presente che un Donato può essere più degno di onore e di rispetto di un Cavaliere di Gran Croce.
A volte capita che un Donato si dimetta.
A volte capita che un Cavaliere faccia i salti mortali e coinvolga anche il Santo Padre per non essere buttato fuori.
adj
 
Messaggi: 3803
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2007, 19:21
Località: Torino

Re: Dimissioni dall'Ordine di Malta

Messaggioda pierfe » lunedì 17 luglio 2017, 9:33

Come vede qui è permesso il diritto di replica.
Lei scrive: Mi stupisco per la virulenza, la mancanza di discrezione e l'offensività di questo commento.
Questo perchè lei non conosce quando uso virulenza in una discussione, sono molto diverso.
Lei scrive nel suo post che si dimette dal SMOM per vari motivi il primo è questo: 1) l’ingerenza di Francesco I nelle questioni interne dell’Ordine, ingerenza da me reputata inaccettabile tanto nella forma quanto nella sostanza;
Papa Francesco è il Capo della Chiesa e il SMOM è parte della Chiesa, quindi al lettore le proprie conclusioni.
Lei aggiunge: 4) il non poter promettere ubbidienza e fedeltà a un Papa che non ritengo fedele alle Scritture e alla Tradizione della Chiesa,
Questo riguarda unicamente la sua persona, però per questa affermazione lei dovrebbe lasciare la Chiesa, almeno sino a che sarà Sommo Pontefice Sua Santita Papa Francesco, non le pare?
Una mia ultima considerazione: il Sovrano Militare Ordine di San Giovanni di Gerusalemme è ancora un ordine militare? Penso proprio di si, quindi quando si parla in ambito militare ci si presenta con GRADO nome e cognome.
Non ho nulla contro di lei, ma non desidero che il forum diventi un mezzo per pubblicizzare problemi personali.
Pier Felice degli Uberti
Pier Felice degli Uberti
Sine virtute nulla nobilitas
pierfe
Presidente IAGI
 
Messaggi: 2063
Iscritto il: domenica 12 gennaio 2003, 2:11
Località: Bologna

Re: Dimissioni dall'Ordine di Malta

Messaggioda adj » lunedì 17 luglio 2017, 11:28

Gentile Presidente,
che il Sovrano Militare Ordine di San Giovanni di Gerusalemme sia ancora un ordine militare è quanto meno dubbio, visto che hanno cancellato il termine militare dagli stessi comunicati ufficiali dell'Ordine, definendosi soltanto più "Sovrano Ordine di Malta". Era stata anche aperta una discussione in proposito: viewtopic.php?f=2&t=21463
Detto questo trovo stucchevole e di pessimo gusto che lei continui a insistere sulla mia qualifica di Donato, come se essere un Donato significasse automaticamente doversi comportare come un cagnolino privo di dignità, tenuto soltanto a scodinzolare e leccare la mano del suo padrone.
Parimenti stucchevole il suo insistere sul mio avere omesso tale qualifica, lasciando quasi intendere - almeno così pare dal tono del suo intervento - che io volessi spacciarmi per quello che non sono o comunque sorvolare sul mio bassissimo grado di appartenenza all'Ordine.
Per quanto poi concerne la mia posizione dentro o fuori questa Chiesa credo non sia argomento di competenza del forum.
Nulla di personale, ma critiche dai toni così aspri giustificano una replica altrettanto aspra. Oltre a dimostrare che anche le dimissioni di un povero Donato possono dare un qualche fastidio.
Alberto Di Janni
adj
 
Messaggi: 3803
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2007, 19:21
Località: Torino


Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 3 ospiti

cron