Storia di un cavaliere di Malta che diventò gesuita

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Storia di un cavaliere di Malta che diventò gesuita

Messaggioda Furio » sabato 29 aprile 2017, 13:44

Riporto la storia di un cavaliere che lasciò l'ordine di Malta per farsi gesuita e morì santamente curando i malati di peste, in questo giorno in cui molti oppongono gesuiti e melitensi mi sembra sia un esempio di unità della chiesa.....
dal:
Menologio di pie memorie d’alcuni religiosi della compagnia di Gesù
dal 1538 al 17** IV volume, di Giuseppe Antonio Patrignani
II. OTTOBRE 1656. DEL P. GlO: PASQUALINI.
Nella Città di Bari di nobilissimo sangue nacque il Padre Gio: (Tommaso) Pasqualini. Era egli Giovane, e Cavaliere di Malta, quando da quella nobile Religiosa Milizia passò a militare nella Compagnia di Gesù. Ma poco fu tenace nel suo santo proponimento. lmperocchè sotto speciosi coloriti pretesti di maggior* bene, tra ch'era Nobile, e ricco, si lasciò raggirar dal Demonio a uscir della Compagnia. Otto anni dopo questa uscita passò nel secolo, ma sempre con qualche rammarico al cuore: d’ avere abbandonata la povera Croce di Cristo: finalmente pentitosi assai della sua incostanza si portò a Roma, e gittatosi a piedi del Padre General Víttelleschi supplícò a sua Paternità di riammetterlo nella Compagnia, e vi su riammesso: e vi riuscì poi un esemplare a tutti di sincera umiltà, e di Carità Apostolica, sino a meritare la Professione solenne di quattro voti.
Amò sempre nella Compagnia il più basso luogo e i ministerj più umili tra la gente più rozza, e vile. Sei anni insegnò Grammatica in una infima scuola . Dodici anni nella Casa Professa di Napoli fece a Ragazzi, e alla plebe la Dottrina Cristiana, abbassandosi non solo ad impiegarsi negli Offizj servili de’ nostri Fratelli Coadjutori, ma di più, per effetto d’umiltà, e di fatica passava all’ Orto domestico a vangare, e zappare, e dall’orto bene spesso chiamato in Chiesa ad udir le Confessioni, passava dalla zappa al confessionale. - Poindi passò operario a Bari, e per quindici interi anni coltivò quella Città con frutto infinito: ivi a consolar Carcerati; ivi a servire infermi e ivi a prosciogliere peccatori; ivi ad istruire la plebe; ivi a santificare colle Missioni anco le vicine Campagne.
In tutti gli anni quindici detti, suo costume fu, mentre. udiva col suono del Campanello la notte chiamarsi alcuno de’ Padri agl’infermi, di offerirsi al Superiore per far quella carità . Ma questa sua carità allora seppe farla sua mostra, quando entrata in Bari nell'anno 1656. la peste, ottenuta licenza di esporre la vita sua, ogni sera in abito penitente usciva come un Giona a predicare la penitenza a quella Città. Andava similmente a piedi scalzi per 'le contrade di quella cercando appestati per dar loro salute Spirituale, e corporale ancora se poteva. E perchè scordato affatto di sè medesimo, non s’aveva riguardo alcuno, cadde vittima di carità e morto in età di 68. anni . Ma non ci è noto il mese della sua santa morte.
(Giovan Tommaso Pasqualino detto anche Padre Tomasino s.j., nato a Bari nel novembre 1588, morto di 68 anni nel 1656,)
Furio
 
Messaggi: 197
Iscritto il: venerdì 13 giugno 2008, 14:52

Re: Storia di un cavaliere di Malta che diventò gesuita

Messaggioda nicolad72 » sabato 29 aprile 2017, 13:56

Avere un problema con un gesuita non vuol dire avere problemi con i gesuiti... ai rapporti umani la proprietà transitiva non si applica!
Immagine
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 9678
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Storia di un cavaliere di Malta che diventò gesuita

Messaggioda T.G.Cravarezza » domenica 30 aprile 2017, 13:43

Grazie Furio per l'interessante storia di Padre Tommasino cavaliere di san Giovanni e gesuita. Penso vi siano molte vicende similari nei secoli di religiosi passati da un ordine ad un altro e sicuramente anche dallo SMOM (o dall'OSML o dallo SMOCG...) ad altri ordini religiosi e viceversa.
Sarebbe interessante approfondire tali situazioni, quanti furono, in che epoche e anche le motivazioni personali.
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6038
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: Storia di un cavaliere di Malta che diventò gesuita

Messaggioda Sacha Fornaciari » domenica 30 aprile 2017, 16:05

Per un interessante saggio introduttivo sui rapporti dell'Ordine di San Giovanni con la Compagnia di Gesù, v. A. Leanza, "La Compagnia di Gesù e la Sacra Milizia Gerosolimitana in Malta", in "Archivio Storico di Malta", 10 (1938-39). http://melitensiawth.com/incoming/Index/Archivio%20storico%20di%20Malta/ASM.10(1938-39)1(28Ott.-28Genn.)/02.pdf

Sacha Fornaciari
Sacha Fornaciari
 
Messaggi: 25
Iscritto il: domenica 5 febbraio 2017, 19:48
Località: Udine

Re: Storia di un cavaliere di Malta che diventò gesuita

Messaggioda Furio » domenica 30 aprile 2017, 16:48

Le "milizie " cristiane combattono insieme, mi sembra la lezione da ricordare....Aggiungerei che persino san Francesco (...) voleva diventare cavaliere e partì in guerra per questo motivo, preso prigioniero la sua vita prese un'altra dimensione, sant'Ignazio a sua volta usa una terminologia cavalleresca,tutta la sua spiritualità usa riferimenti cavallereschi!, il cristianesimo e la cavalleria, i cavalieri cristiani sono un patrimonio imprescindibile della chiesa latina....
Furio
 
Messaggi: 197
Iscritto il: venerdì 13 giugno 2008, 14:52

Re: Storia di un cavaliere di Malta che diventò gesuita

Messaggioda Romegas » lunedì 1 maggio 2017, 9:31

Grazie Sacha per l'articolo sui Gesuiti e i Cavalieri di Malta. Interessante.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 3941
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Storia di un cavaliere di Malta che diventò gesuita

Messaggioda Sacha Fornaciari » lunedì 1 maggio 2017, 12:25

[cheers.gif]
Sacha Fornaciari
 
Messaggi: 25
Iscritto il: domenica 5 febbraio 2017, 19:48
Località: Udine


Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti