Commissione vaticana e SMOM

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Re: Commissione vaticana e SMOM

Messaggioda cassinelli » sabato 29 aprile 2017, 16:11

Rumors confermati.

Giacomo e Giuseppe Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto: due fratelli luogotenenti SMOM e OESSG.
Alessio Cassinelli Lavezzo
Avatar utente
cassinelli
 
Messaggi: 1813
Iscritto il: martedì 26 dicembre 2006, 21:40
Località: Milano

Re: Commissione vaticana e SMOM

Messaggioda nicolad72 » sabato 29 aprile 2017, 16:22

Bhe tolto il titolo della carica... i ruoli gli onori e gli oneri sono ben diversi!
Immagine
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 9793
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Commissione vaticana e SMOM

Messaggioda g.iaia » sabato 29 aprile 2017, 16:22

"Non dormitabit neque dormiet....."
motto cardinalizio di S. Em.za Rev.ma il sign. Cardinale Alfonso Castaldo
g.iaia
 
Messaggi: 91
Iscritto il: giovedì 24 novembre 2005, 18:03
Località: Napoli

Re: Commissione vaticana e SMOM

Messaggioda brixianus » sabato 29 aprile 2017, 16:28

Una scelta non casuale...
La trasformazione dello SMOM in Ordine pontificio non mi pare così improbabile
Avatar utente
brixianus
 
Messaggi: 84
Iscritto il: mercoledì 2 gennaio 2013, 11:14

Re: Commissione vaticana e SMOM

Messaggioda Pasquale M. M. Onorati » sabato 29 aprile 2017, 17:10

Habemus Papam. [jump.gif]
Fructum affert in patientia
Pasquale M. M. Onorati
 
Messaggi: 1792
Iscritto il: venerdì 4 giugno 2004, 17:34
Località: Caserta - Terra di Lavoro

Re: Commissione vaticana e SMOM

Messaggioda pierfe » sabato 29 aprile 2017, 17:14

Sul sito del Sovrano Militare Ordine di Malta è apparsa la notizia della nomina del Luogotenente
https://www.orderofmalta.int/it/2017/04/29/fra-giacomo-dalla-torre-del-tempio-di-sanguinetto-eletto-luogotenente-del-gran-maestro-del-sovrano-ordine-di-malta/

Riporto quanto viene scritto:

Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto eletto Luogotenente del Gran Maestro del Sovrano Ordine di Malta

Roma, 29/04/2017

Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto è stato eletto questa mattina Luogotenente del Gran Maestro del Sovrano Ordine di Malta. Il Consiglio Compito di Stato, l’organismo elettivo, si è riunito nella Villa Magistrale di Roma, una delle due sedi istituzionali dell’Ordine di Malta.

Il nuovo eletto presterà giuramento davanti al Delegato speciale del Papa presso il Sovrano Ordine di Malta, l’Arcivescovo Angelo Becciu, ed ai membri del Consiglio Compito di Stato domani mattina nella chiesa di Santa Maria in Aventino.

Fra’ Giacomo Dalla Torre succede a Fra’ Matthew Festing, 79° Gran Maestro, che ha presentato le sue dimissioni il 28 gennaio 2017.

Papa Francesco è stato informato tramite una lettera dell’elezione. Successivamente sono stati informati tutti i Gran Priorati, i Sotto Priorati e le Associazioni Nazionali dell’Ordine nel mondo, insieme ai 106 Stati con i quali il Sovrano Ordine di Malta intrattiene relazioni diplomatiche.

Il Luogotenente del Gran Maestro, che resterà in carica un anno, ha espresso la volontà di lavorare insieme al Sovrano Consiglio dell’Ordine per promuovere le attività diplomatiche, sociali e umanitarie e per fortificare la vita spirituale e l’impegno dei suoi 13.500 membri e quello dei suoi oltre 100.000 volontari e dipendenti.

Profilo di Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto
È nato a Roma nel 1944. Laureato in Lettere e Filosofia all’Università di Roma, con specializzazione in Archeologia cristiana e Storia dell’arte, ha ricoperto ruoli accademici nella Pontificia Università Urbaniana, insegnando Greco classico. È stato inoltre responsabile della Biblioteca e Archivista per importanti collezioni dell’Università. Ha pubblicato saggi e articoli sulla storia dell’arte medievale.

Entrato a far parte del Sovrano Ordine di Malta nel 1985, ha pronunciato i voti solenni nel 1993. Dal 1994 al 1999 è stato Gran Priore di Lombardia e Venezia e dal 1999 al 2004 membro del Sovrano Consiglio. Il Capitolo Generale del 2004 lo ha eletto Gran Commendatore dell’Ordine e alla morte del 78° Gran Maestro Fra’ Andrew Bertie è stato il Luogotenente interinale. Dal 2008 Fra’ Giacomo Dalla Torre ricopre la carica di Gran Priore di Roma.

Il primo impegno ufficiale del Luogotenente del Gran Maestro sarà il 59° Pellegrinaggio internazionale dell’Ordine di Malta a Lourdes, che si terrà dal 5 al 9 maggio. Ogni anno oltre 7.000 membri e volontari provenienti da tutto il mondo partecipano al pellegrinaggio, assistendo circa 1.500 pellegrini malati e disabili. Il pellegrinaggio a Lourdes rappresenta uno dei momenti più significativi della vita spirituale dei membri e dei volontari dell’Ordine.

La riforma costituzionale
Uno dei compiti più importanti di Fra’ Giacomo Dalla Torre durante l’anno del suo mandato, sarà quello di lavorare al processo di riforma della Costituzione e del Codice dell’Ordine di Malta. La Carta Costituzionale è stata promulgata nel giugno 1961 e riformata nel 1997.

In particolare, la riforma costituzionale affronterà eventuali carenze istituzionali. La recente crisi ha messo alla luce alcune debolezze nei sistemi di controllo e nell’equilibrio della governance: la riforma ne terrà conto. La riforma si concentrerà sull’esigenza dell’Ordine di rafforzare la sua vita spirituale e di aumentare il numero dei suoi membri professi. Sono già state avviate consultazioni e tutti i membri dell’Ordine sono stati invitati a proporre i loro suggerimenti.

Il Luogotenente del Gran Maestro
Secondo la Costituzione dell’Ordine, il Luogotenente del Gran Maestro rimane in carica per un anno con gli stessi poteri di un Gran Maestro. Il Luogotenente del Gran Maestro deve riconvocare il Consiglio Compito di Stato prima della fine del suo mandato.

Il Luogotenente del Gran Maestro, quale Sovrano e Superiore religioso, deve dedicarsi pienamente all’incremento delle opere dell’Ordine ed essere d’esempio per tutti i membri nell’osservanza religiosa. Ha la suprema autorità. Insieme al Sovrano Consiglio, emana i provvedimenti legislativi non previsti dalla Carta Costituzionale, promulga gli atti del governo e ratifica gli accordi internazionali.
Il Luogotenente del Gran Maestro risiede presso la sede dell’Ordine di Malta, il Palazzo Magistrale a Roma.

Pier Felice degli Uberti
Pier Felice degli Uberti
Sine virtute nulla nobilitas
pierfe
Presidente IAGI
 
Messaggi: 2071
Iscritto il: domenica 12 gennaio 2003, 2:11
Località: Bologna

Re: Commissione vaticana e SMOM

Messaggioda T.G.Cravarezza » sabato 29 aprile 2017, 19:39

Con l'elezione del Luogotenente del Gran Maestro Fra' Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto possiamo considerare conclusa l'attuale discussione.
A breve sarà aperta una nuova discussione dedicata alle prossime e possibili modifiche alla Carta costituzionale e al Codice dello SMOM.

In questo momento uniamoci nella preghiera per sostenere il Luogotenente Fra' Giacomo affinché possa aiutare l'Ordine, insieme alla Santa Sede e al Papa, a proseguire il suo continuo e incessante servizio a Dio ed al Prossimo
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6131
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: Può lo SMOM sopravvivere a una frattura con la Santa Sed

Messaggioda Bessarione » domenica 30 aprile 2017, 14:00

[offtopic.gif]
Dato che l'altra discussione è stata (giustamente) chiusa, posto qui due link con foto relative agli eventi di questi ultimi giorni:
http://formiche.net/files/2017/04/CAVAL ... 24x683.jpg
http://cdn.saleminteractivemedia.com/as ... 4223b6.jpg
Abbiamo la prova fotografica che è veramente venuto a Roma.
P.S.: il Venerando Balì Gran Priore titolare indossa un abito alquanto strapazzato... d'altra parte è stato egli stesso abbastanza strapazzato nell'ultimo periodo.
Fine dell'off topic
In hoc signo vinces
Avatar utente
Bessarione
 
Messaggi: 143
Iscritto il: sabato 4 giugno 2016, 18:17

Re: Può lo SMOM sopravvivere a una frattura con la Santa Sed

Messaggioda adj » domenica 30 aprile 2017, 15:02

Nella seconda foto, assieme all'(ex) Gran Maestro, i due fra' della Delegazione Piemonte e Valle d'Aosta.
adj
 
Messaggi: 3815
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2007, 19:21
Località: Torino

Re: Può lo SMOM sopravvivere a una frattura con la Santa Sed

Messaggioda nicolad72 » domenica 30 aprile 2017, 15:13

che l'unico balì gran priore onorario posizione che lo colloca al vertice tra i vari balì sia al fondo nell'ultima fila prima dei cavalieri di giustizia fa pensare.
Immagine
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 9793
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Può lo SMOM sopravvivere a una frattura con la Santa Sed

Messaggioda adj » martedì 2 maggio 2017, 14:09

Segnalo un articolo di Marco Tosatti, molto interessante, in quanto contiene anche il testo della famosa lettera del Papa al Cardinal Burke, in cui si chiedeva di far pulizia all'interno dell'Ordine.
http://www.marcotosatti.com/2017/05/01/ ... .publishes

Trascrivo la frase finale di Tosatti, a commento del tutto:
L’impressione che mi ha lasciato questa vicenda è penosa. Se leggete la lettera del Pontefice, non è possibile evitare l’impressione che abbia prima appoggiato un certo tipo di azione, e poi, consigliato, o spinto in una direzione diversa, abbia rinnegato le sue stesse parole, dando l’avallo a un’azione che certamente resterà nella storia e non come uno degli episodi più gloriosi né della Chiesa né dell’Ordine di Malta. Per non parlare poi della strumentalizzazione immediatamente armata contro il card. Burke, reo di aver firmato i famosi “Dubia” sull’Amoris Laetitia, e di conseguenza bersaglio preferito – anche a costo di una menzogna, come abbiamo visto più sopra – dalla fazione iperpapale. Se questo è il rinnovamento, delle anime soprattutto, siamo serviti.
adj
 
Messaggi: 3815
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2007, 19:21
Località: Torino

Re: Commissione vaticana e SMOM

Messaggioda Tilius » martedì 2 maggio 2017, 14:44

La lettera (ammesso che sia autentica... nel qual caso bisogna avvertire Sua Eminenza di essere meno distratto nel lasciare in giro la sua corrispondenza privata...) invita al "dialogo".
(Tentare di) silurare la gente é una ben strana concezione di dialogo da parte di Sua (Ex) Altezza Reverendissima Festing & Sua Eminenza Burke.
Marco Tosatti ha scritto:Von Boeselager “protestò subito” quando seppe della sua [di Burke, n.d.r.] nomina a Cardinale Patrono.

Anche io, nel mio piccolo, alla nomina del Cardinale ebbi un subitaneo, fortissimamente pessimo presentimento per le sorti dell'Ordine.
Fui facile profeta.
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11707
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Commissione vaticana e SMOM

Messaggioda T.G.Cravarezza » giovedì 4 maggio 2017, 21:35

Intervista dell'Osservatore Romano del 4 maggio 2017 al Luogotenente fra' Giacomo Dalla Torre


Un organismo quasi millenario che ha avuto come obiettivo primario quello di offrire aiuto, sostegno, vicinanza ai malati, ai poveri, agli esclusi. Oggi in tutto il mondo, senza distinzioni di nazionalità, lingua, religione. Con i suoi tredicimila membri e i centomila volontari e dipendenti, il Sovrano militare ordine di Malta è una realtà che è sempre stata al servizio della Chiesa e del bene integrale dell’uomo. Ne parla in questa intervista all’Osservatore Romano, il luogotenente di Gran maestro appena eletto, fra Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto, che, come primo impegno pubblico, accompagnerà i “signori malati” a Lourdes nel pellegrinaggio internazionale al quale parteciperà l’arcivescovo Angelo Becciu, sostituto della Segreteria di Stato e delegato speciale del Papa per l’ordine.


Che significato assume questa coincidenza tra l’elezione e il pellegrinaggio?

Il pellegrinaggio internazionale dell’ordine di Malta a Lourdes organizzato ogni primo fine settimana di maggio da 59 anni, rappresenta un momento molto importante e ricco di significati per i membri dell’ordine e per i suoi volontari. Sono per questo particolarmente lieto di dare inizio al mio mandato di luogotenente di Gran maestro con questo evento che riunirà circa settemila persone da tutto il mondo. Non importa quante volte si è partecipato al pellegrinaggio: è sempre una nuova esperienza che arricchisce l’anima e ci avvicina al Signore. Sono certo che questo pellegrinaggio con i “signori malati” — come chiamiamo i nostri assistiti — mi darà una nuova forza per affrontare le sfide che dovrò affrontare in questo nuovo incarico.


Cos’è oggi l’ordine e come si concretizza il servizio a poveri e malati, che è all’origine della sua storia e della sua specificità?

L’ordine di Malta ha una storia di quasi mille anni. Nasce in Terra santa come ordine ospedaliero e nel corso del tempo, anche in momenti di grande difficoltà, non ha mai dimenticato la sua missione: aiutare i poveri, i malati, gli esclusi, insomma chiunque viva nel bisogno, senza distinzione di origine o religione. Lo stabilisce la nostra carta costituzionale. I nostri centomila volontari e dipendenti e i 13.500 membri mettono in pratica questo principio ogni giorno, nei 120 paesi dove operiamo. Le nostre opere rispondono ai bisogni di chi assistiamo: gestiamo mense sociali e centri medici, sosteniamo programmi di accompagnamento di disabili e anziani, prestiamo soccorso sanitario alle persone che fuggono dalla guerra e dalla povertà, sia in terraferma sia nel Mediterraneo sulle imbarcazioni della Marina militare italiana, interveniamo in caso di disastri naturali.
Questa presenza capillare pone l’ordine in prima linea a contatto con culture, lingue, tradizioni e religioni diverse. Quale significato assume questo ruolo così particolare?
Tempo fa con una battuta un giornalista ha definito l’ordine di Malta un’antica espressione delle Nazioni Unite. In effetti l’ordine raggruppa associazioni, corpi di volontariato e di soccorso, ambasciate, in tutto il mondo. E tutte queste entità hanno tutte il medesimo obiettivo: alleviare la sofferenza dei nostri fratelli. A questo scopo l’ordine è per costituzione neutrale e apolitico. Non agisce in base ad agende politiche o economica, ed è questo il nostro vero punto di forza, che ci permette di operare e di essere accolti da comunità diverse, anche in zone critiche. Per esempio, in Turchia al confine con la Siria operiamo in un ospedale da campo e le nostre cliniche mobili portano assistenza medica nei campi rifugiati nel nord Iraq. In Libano alcuni progetti medico-sociali vengono gestiti in stretta collaborazione con le comunità sciite e sunnite: un bellissimo esempio di collaborazione tra confessioni diverse. A Betlemme il nostro ospedale della Sacra Famiglia fa nascere ogni anno oltre tremila bambini. In Germania abbiamo circa 150 centri di assistenza per i migranti. Per noi lingue, culture e tradizioni diverse sono un arricchimento e non una minaccia.


Suo nonno Giuseppe è stato direttore dell’Osservatore Romano dal 1920 al 1960. Che ricordi ha?

Mio nonno era una persona molto diretta e affettuosa. Come gran parte dei veneti aveva uno spiccato senso dell’umorismo e amava fare battute. Venne chiamato a dirigere «L’Osservatore Romano» in decenni difficilissimi. Durante il fascismo, il nonno si schierò apertamente contro la persecuzione degli ebrei e degli antifascisti e ospitò a casa sua, in Vaticano, diversi oppositori del regime, tra cui Alcide De Gasperi. Per le sue posizioni la nostra famiglia ha vissuto dei momenti difficili. Era davvero un cattolico molto impegnato.
di Nicola Gori
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6131
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: Modifiche alla Carta e al Codice dello SMOM

Messaggioda simonesdm » venerdì 12 maggio 2017, 15:31

Tra l'altro, durante la cerimonia di consegna delle medaglie a Lourdes, il Luogotenente ha sottolineato con forza la fedeltà al Papa ....
simonesdm
 
Messaggi: 73
Iscritto il: sabato 7 ottobre 2006, 16:13

Re: Modifiche alla Carta e al Codice dello SMOM

Messaggioda adj » lunedì 15 maggio 2017, 16:35

simonesdm ha scritto:Tra l'altro, durante la cerimonia di consegna delle medaglie a Lourdes, il Luogotenente ha sottolineato con forza la fedeltà al Papa ....

A volte con la fedeltà ci si brucia, almeno stando a questa chiara e documentata esposizione di Tosatti:
http://www.marcotosatti.com/2017/05/15/ ... .publishes
adj
 
Messaggi: 3815
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2007, 19:21
Località: Torino

PrecedenteProssimo

Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 4 ospiti