Templari Cattolici d'Italia

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda Elmar Lang » venerdì 9 giugno 2017, 8:50

Vorrei soggiungere che i vari ordini fasulli non sono una novità d'oggi: essi sono sempre esistiti e temo che il lo spazio da loro occupato non sia da attribuire alla brama di appartenere alla Cavalleria, ma solo alla soddisfazione della vanità, cosa del resto ben testimoniata dalla diffusa smania di poter esibire una data decorazione o distintivo, ancorché ufficiale.

La mia affermazione, perché i detti ordini fasulli, per appartenervi, richiedono solo il pagamento di una quota più o meno consistente.

Non sono quindi il segno visibile del riconoscimento di valore o merito, ma solo una sorta di appagamento del desiderio, attraverso l'esborso di denaro.

E.L.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2422
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda Romegas » venerdì 9 giugno 2017, 9:53

Giuste osservazioni quelle di Elmar. Anche io la penso così.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 3882
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda Egon von Kaltenbach » venerdì 9 giugno 2017, 15:40

Resta il fatto che, con un diverso assetto statale e legislativo, i farlocchi sarebbero perseguiti e avrebbero comunque minori opportunità di nuocere anche perché il contesto sociale di eventuale loro riferimento sarebbe meno sprovveduto di quanto lo sia adesso.
Egon von Kaltenbach
 
Messaggi: 200
Iscritto il: sabato 6 ottobre 2012, 21:08

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda Romegas » venerdì 9 giugno 2017, 22:37

Purtroppo in Italia si continua a depenalizzare tutto adducendo le più svariate scuse.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 3882
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda T.G.Cravarezza » venerdì 9 giugno 2017, 23:49

Egon von Kaltenbach ha scritto:Resta il fatto che, con un diverso assetto statale e legislativo, i farlocchi sarebbero perseguiti e avrebbero comunque minori opportunità di nuocere anche perché il contesto sociale di eventuale loro riferimento sarebbe meno sprovveduto di quanto lo sia adesso.


Sinceramente non so quanto l'Italia sia da considerarsi come "patria" dei falsi ordini e come gli altri Stati, con diverso assetto statale e legislativo, siano così immuni dagli ordini farlocchi.
Non voglio fare pubblicità a tali organizzazioni e quindi non propongo i loro siti, ma con una rapida ricerca online ho trovato 3 falsi ordini templari inglesi con tanto di commende sparse in tutta l'isola e investiture sia in chiese cattoliche sia in chiese protestanti inglesi (perché, ovviamente, sono ordini "ecumenici" [knight.gif] [stretcher.gif] ); inoltre ho trovato ben due ordini di Saint John in Canada (fatto grave se si considera che il Canada, facendo parte del Commonwealth, dovrebbe tutelare unicamente il Venerabile Ordine di Saint John), più qualche altro ordine di altra natura.
Insomma, se il Regno Unito ha tutti questi ordini farlocchi... non dico che noi dobbiamo rallegrarcene, ma semplicemente che ieri come oggi è difficile estirparli (ricordiamoci che molte di queste organizzazioni esistevano prima dell'avvento della Repubblica e decorazioni fasulle c'erano prima del 1946).

Purtroppo è difficile una loro epurazione, anche con una legislazione favorevole (vuoi per scarsi controlli, vuoi perché l'interpretazione dei fatti è sempre discutibile, vuoi perché vi sono reati più gravi...), senza contare l'ignoranza che regna sovrana sia a livello statale sia a livello ecclesiastico con troppi dirigenti statali e vescovi che non distinguono un'organizzazione templare farlocca dallo SMOM.
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6027
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda Elmar Lang » sabato 10 giugno 2017, 11:43

Il fatto che esistano ordini "farlocchi" anche fuori d'Italia, è certo... e sicuramente ve ne sono anche di più che nella sola Italia (il mondo è grande e la vanità è equamente distribuita in tutto l'orbe terracqueo).

Il "depenalizzare" o il "penalizzare" è poi cosa relativa: ciò che è grave è che nel contesto di cerimonie religiose, trovino posto (e da ciò ottengano una sorta di crisma di legalità), delle pagliacciate come i c.d. "templari".

E.L.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2422
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda T.G.Cravarezza » sabato 10 giugno 2017, 12:39

Elmar Lang ha scritto:ciò che è grave è che nel contesto di cerimonie religiose, trovino posto (e da ciò ottengano una sorta di crisma di legalità), delle pagliacciate come i c.d. "templari".

E.L.


Questo è il punto della questione. Perché poi, parliamoci chiaro, ci sono essenzialmente solo due momenti in cui questi ordini farlocchi possono indossare i loro mantelli e patacche: durante le messe e durante gli eventi organizzati da loro (perché alla festa del 2 giugno o al 4 novembre al massimo indossano una rosetta o una medaglietta e la cosa finisce lì, non arrivano in piazza con il mantello).

Finchè sono al chiuso, a casa loro, durante i loro eventi... alla fin fine fanno poco danno di immagine perché ci sono essenzialmente solo loro.

Il problema è quando partecipano a processioni o messe solenni o addirittura svolgono le loro cerimonie di investiture in chiese importanti: in tali occasioni loro si mescolano ai veri ordini e il danno d'immagine per la vera cavalleria è notevole, con il rischio, come giustamente scritto, che siano considerati "veri" dal fedele poco pratico proprio perchè sono accettati dagli ecclesiastici.
La Chiesa su questo dovrebbe essere più severa, ma abbiamo visto come ciò purtroppo non avvenga e soluzioni non ce ne sono (il delegato SMOM o OESSG che si lamenta con il vescovo per la presenza dei templari difficilmente ottiene qualcosa: o il vescovo è preparato sulla materia, ma quindi già non li accetta, oppure significa che il vescovo non è interessato a queste questioni e quindi lascerà correre).
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6027
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda Nessuno » sabato 10 giugno 2017, 18:33

Egon von Kaltenbach ha scritto:In pieno concordo con queste sconsolate conclusioni. Vorrei solo aggiungere che tutto il fiorire di ordini fasulli un senso lo abbia: ovvero che, in modo distorto e irredimibilmente grottesco, tali manifestazioni esprimono un conculcato bisogno di solennità, di adesione a una storia intesa in qualche modo importante ai fini dell'appartenenza sia religiosa, sia di ruolo che il singolo dovrebbe avere nella società cui appartiene. Ci sono paesi in cui l'esprit regalien è sopravvissuto e già la differenza tra la deprimente nostra parata del 2 Giugno e quella analoga della pur repubblicana Francia dà la misura di cosa intendo. Ovvio poi il riferimento all'Inghilterra dove, oltre a tutti i ben noti aspetti che in tal senso la caratterizzano, esiste - e questo da noi è assai meno noto - la ricca, articolata Freemasonry dove ordini, ritualità e imponenza dei luoghi di riunione (capillarmente diffusi) soddisfano le aspirazioni anche di classi che sarebbero altrimenti marginalizzate da quel sistema sociale, mentre è con la protezione e con la guida della Corona (GM è sempre un membro della Royal Family) e della Chiesa d'Inghilterra (i cui membri anche di altissimo livello sono sempre stati ben presenti nelle logge), che anche gli altrimenti esclusi, vengono così socialmente e autorevolmente gratificati. Questo ruolo lo giocava da noi Santa Romana Chiesa, ma ormai da decenni il mutamento è stato drammatico e la resa alla sciatteria dominante minaccia ormai anche il poco che sopravvive.


Non sono mai stato così d'accordo con il pensiero di una persona.

pierfe ha scritto:Ma questo avviene nel nostro settore non solo per gli ordini cavallereschi, bensì anche per le associazioni, l'araldica e persino i Libri privati di nobità (o paranobiltà).
Concludo con quanto scriveva San Luca 34, 24 "... perdonali, perché non sanno quello che fanno".
Pier Felice degli Uberti


Esistono davvero? Ormai ho perso il conto di quante cose strane il mondo offre...
Nessuno
 
Messaggi: 119
Iscritto il: lunedì 9 febbraio 2009, 22:08

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda Nessuno » sabato 10 giugno 2017, 18:38

T.G.Cravarezza ha scritto:
Egon von Kaltenbach ha scritto:Resta il fatto che, con un diverso assetto statale e legislativo, i farlocchi sarebbero perseguiti e avrebbero comunque minori opportunità di nuocere anche perché il contesto sociale di eventuale loro riferimento sarebbe meno sprovveduto di quanto lo sia adesso.


Sinceramente non so quanto l'Italia sia da considerarsi come "patria" dei falsi ordini e come gli altri Stati, con diverso assetto statale e legislativo, siano così immuni dagli ordini farlocchi.
Non voglio fare pubblicità a tali organizzazioni e quindi non propongo i loro siti, ma con una rapida ricerca online ho trovato 3 falsi ordini templari inglesi con tanto di commende sparse in tutta l'isola e investiture sia in chiese cattoliche sia in chiese protestanti inglesi (perché, ovviamente, sono ordini "ecumenici" [knight.gif] [stretcher.gif] ); inoltre ho trovato ben due ordini di Saint John in Canada (fatto grave se si considera che il Canada, facendo parte del Commonwealth, dovrebbe tutelare unicamente il Venerabile Ordine di Saint John), più qualche altro ordine di altra natura.
Insomma, se il Regno Unito ha tutti questi ordini farlocchi... non dico che noi dobbiamo rallegrarcene, ma semplicemente che ieri come oggi è difficile estirparli (ricordiamoci che molte di queste organizzazioni esistevano prima dell'avvento della Repubblica e decorazioni fasulle c'erano prima del 1946).

Purtroppo è difficile una loro epurazione, anche con una legislazione favorevole (vuoi per scarsi controlli, vuoi perché l'interpretazione dei fatti è sempre discutibile, vuoi perché vi sono reati più gravi...), senza contare l'ignoranza che regna sovrana sia a livello statale sia a livello ecclesiastico con troppi dirigenti statali e vescovi che non distinguono un'organizzazione templare farlocca dallo SMOM.


La difficoltà nel debellare il fenomeno è proprio questa: addirittura il Regno Unito, il quale tutela il patrimonio araldico di ogni persona/ente che ne sia in possesso e persegue coloro che operano al di fuori dei binari, non riesce a controllare tutto questo... Figuriamoci se la Repubblica Italiana, disinteressata in materia in quanto Repubblica, possa riuscire a far meglio.
Nessuno
 
Messaggi: 119
Iscritto il: lunedì 9 febbraio 2009, 22:08

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda pierfe » sabato 10 giugno 2017, 19:59

pierfe ha scritto:Ma questo avviene nel nostro settore non solo per gli ordini cavallereschi, bensì anche per le associazioni, l'araldica e persino i Libri privati di nobità (o paranobiltà).
Concludo con quanto scriveva San Luca 34, 24 "... perdonali, perché non sanno quello che fanno".
Pier Felice degli Uberti


Esistono davvero? Ormai ho perso il conto di quante cose strane il mondo offre...[/quote]

Ritengo che ha voluto fare una piacevole battuta.
Tutto quanto non venne riconosciuto (dico legalmente riconosciuto e non solo proposto o possibile) rientra nella sfera privata, ovvero quanto hanno prodotto le "manie" scaturite dal cervello di chi le ha inventate, e non passeranno alla storia degli studiosi del passato. Pensi, durante il regno per giustificare o meglio informare che esistevano titoli nobiliari dati dal Papa o dalla repubblica di San Marino, ma non ancora riconosciuti ufficialmente dalle leggi nobiliari del regno, vennero create associazioni e pubblicazioni per autoesaltazione rivolta ad un pubblico che non sempre conosceva quelle concessioni.
In quell'epoca esistevano davvero autorità sovrane che concedevano nobiltà e titoli nobiliari, oggi che questo mondo non esiste più figuriamoci il valore...
In uno stato dove la nobiltà è riconosciuta tutto quello che non è riconosciuto dall'autorità statale è PARANOBILTA'
Se un diritto storico esiste davvero che importanza ha che venga riconosciuto da organismi privati operanti in una repubblica che non riconosce la nobiltà?
Esistono le famiglie storiche che nessuno può cancellare, esiste l'identificazione personale, e altri gingilli che sostituiscono meglio le leggi inapplicabili del regno.
Non dico se uno ama giocare di non partecipare a certi giochi, ma almeno sapendo di non avere nulla in mano.
Pier Felice degli Uberti
Pier Felice degli Uberti
Sine virtute nulla nobilitas
pierfe
Presidente IAGI
 
Messaggi: 2045
Iscritto il: domenica 12 gennaio 2003, 2:11
Località: Bologna

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda Romegas » sabato 10 giugno 2017, 21:42

Fino a che è un gioco passi, ma sovente dietro a questi ordini farlocchi o similari ci sono interessi e cose poco chiare, diciamola tutta senza nasconderci dietro ad un dito.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 3882
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » sabato 10 giugno 2017, 22:21

Leggo sul sito Templari Oggi:

A tal proposito, si riporta di seguito uno stralcio del parere / sentenza di Mons. Guido Ottria, Vicario Giudiziale del TRIBUNALE ECCLESIASTICO appartenente alla REGIONE ECCLESIASTICA PIEMONTE In ORGANICO DEL TRIBUNALE ECCLESIASTICO REGIONALE PIEMONTESE DI PRIMA E DI SECONDA ISTANZA

“Legittimità dell’Ordine e sua Denominazione Legittimità e Conformità. I Cavalieri Templari del Sovrano Militare Ordine del Tempio – Poveri Cavalieri di Cristo e del Tempio di Salomone (definizione antica) sono stati de facto riammessi nella comunione dei fedeli cristiani cattolici romani essendo stata stralciata la Bolla Pontificia Vox in Excelso (emanata da Papa Clemente V il 22 marzo 1312 e con la quale si scomunicavano i Templari) dal nuovo diritto canonico promulgato da Papa Giovanni Paolo II il 25 gennaio 1983.

Inoltre: “Il codice di diritto canonico promulgato da Papa Giovanni Paolo II il 25.01.1983 al canone 6 paragrafo 1, n. 3, stabilisce che con l’entrata in vigore del nuovo codice sono abrogate: “…leges poenales quaelibet, sive universales, sive particulares, a sede Apostolica latae, nisi in hoc ipso codice recipiantur” (.tutte le leggi penali, sia universali che particolari, promulgate dalla Sede Apostolica, se non si recepiscono in questo stesso codice). Il canone 58 paragrafo 1 stabilisce : “…un decreto singolare cessa con la cessazione della legge per la cui esecuzione venne emanato”. In merito alla scomunica comminata ai Templari da Clemente V, considerate le modalità con cui il Papa era giunto alla sua emanazione, si può anche far riferimento al canone 125 che dichiara nullo un atto giuridico posto sotto costrizione insuperabile ed anche al canone 126 che dichiara nulli gli atti posti per ignoranza o per errore che verta su ciò che ne costituisce la sostanza. Ritengo pertanto priva di ogni efficacia la scomunica contro i Templari.

Alessandria, Sacre Ceneri 2008 (6 febbraio 2008, n.d.r.).
In fede, Monsignor Guido Ottria
Vicario Generale della Diocesi di Alessandria”


Cosa ne pensate di questo parere?
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6225
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda adj » domenica 11 giugno 2017, 9:13

Alessio Bruno Bedini ha scritto:Cosa ne pensate di questo parere?

Che da un vicario giudiziale di un tribunale ecclesiastico ci si aspetterebbe una conoscenza almeno elementare del diritto canonico.
A prescindere dal fatto che si gioca sull'ambiguità. Ammettiamo anche che i "Cavalieri Templari del Sovrano Militare Ordine del Tempio – Poveri Cavalieri di Cristo e del Tempio di Salomone (definizione antica)" siano stati "de facto riammessi nella comunione dei fedeli cristiani cattolici romani": siccome non mi risulta che alcuno di questi antichi Templari sia ancora in vita, chi sarebbe stato riammesso? Non certo coloro che si sono autoproclamati templari, né qualcuno delle decine e decine di ordini psudotemplari.
Temo che il monsignore in questione, per propalare una tale stupidaggine, abbia interessi privati.
adj
 
Messaggi: 3796
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2007, 19:21
Località: Torino

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda nicolad72 » domenica 11 giugno 2017, 9:22

Il fatto stesso che sia stata revocata la scomunica - sancita con bolla - nel 1983 con la promulgazione del nuovo Codice di diritto canonico non fa sì che l'Ordine Templare possa essere tornato in vita. Il parere è volutamente ambiguo perché si limita a parlare di scomunica facendo intendere tra le righe che l'ordine per questo fatto sia legittimo. Ben sappiamo che così non è poiché l'ordine fu soppresso, sarebbe comunque estinto per naturale prescrizione e la Santa Sede, unico ente che potrebbe ricostituire tale entità giuridica, non l'ha mai fatto.

La callidità di certe associazioni si manifesta nell'inviare petizioni a molti se non a tutti i vicari giudiziali delle diocesi italiane nella speranza che uno di questi risponda secondo i loro desiderata. Appare evidente che in Alessandria abbiano trovato qualcuno che li assecondase.

Un parere non è una sentenza, ed una sentenza non può essere un parere. Parlare di parere/sentenza giuridicamente è un abominio che fa sanguinare le orecchie al solo sentir pronunciare tale locuzione. Ciò la dice lunga sulla serietà di quanto riportato.
Immagine
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 9665
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Templari Cattolici d'Italia

Messaggioda Egon von Kaltenbach » domenica 11 giugno 2017, 21:33

Grottesco poi che codesto monsignore trovi legittima e conforme la denominazione di questo raggruppamento; infatti egli, in tal forma, dichiara che sia conforme a realtà l'attributo di sovrano. Sarebbe da chiedergli se abbia una benché minima idea riguardo a ciò che, secondo il diritto internazionale, è un ente sovrano.
Egon von Kaltenbach
 
Messaggi: 200
Iscritto il: sabato 6 ottobre 2012, 21:08

PrecedenteProssimo

Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti