ordini preunitari

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Mario Volpe, nicolad72, Tilius

ordini preunitari

Messaggioda Elassar » giovedì 1 maggio 2003, 8:51

Avrei una domanda da rivolgere ai frequentatori del forum, e soprattutto al Prof. Degli Uberti (vista la sua competenza in argomento).
Ho letto nel sito della Commissione internazionale per lo studio degli Ordini Cavallereschi che tra gli ordini esistenti ve ne sarebbero tre dinastici facenti capo ai Savoia (Santissima Annunziata, Santi Maurizio e Lazzaro e Ordine Civile di Savoia), ed addirittura ho letto in una precedente discussione di questo forum che ci sono persone che recentemente sono state insignite del collare dell’Annunziata.
A questo punto però mi è venuto un dubbio: l’art. 9 della più volte citata l. 178/1951 (quella sugli ordini cavallereschi, per intenderci), precisa che l’Ordine dell’Annunziata è soppresso, mente è cessato il conferimento delle onorificenze dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro.
Di conseguenza, di fatto si tratterebbe di ordini inoperanti perché soppressi o non in grado di rilasciare nuovi conferimenti.
A ciò si aggiunga che il conferimento di onorificenze, decorazioni e distinzioni cavalleresche, nonché il relativo porto, sono considerati dalla legge italiana reato (puniti con l’ammenda). Che si tratti di reato è fuori discussione, sia perché così si esprime la stessa legge (vd. co. 3 art. 8), sia perché la sanzione prevista è tipica delle contravvenzioni di diritto penale.
A questo punto mi sorge un dubbio.
Delle due l’una: o gli ordini in questione non sono dinastici, ma nazionali (con la conseguenza che con la loro soppressione o inefficacia hanno cessato di operare, stante un legittimo provvedimento dello Stato), oppure sono dinastici (ma allora perché il legislatore italiano sarebbe intervenuto con una previsione di reato?).
E questo pone l’ulteriore questione, se essi siano effettivamente soppressi o non in rado di conferire nuove onorificenze.
Si tratta di una questione che, secondo la mia modesta opinione, non è priva di risvolti pratici. Pensiamo solo la problema della perseguibilità e punibilità di quelle persone che portano le onorificenze di questi ordini.
Aspetto le Vs. considerazioni, che spero possano fugare i miei dubbi.
Elassar
Non nobis, Domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam
Avatar utente
Elassar
 
Messaggi: 534
Iscritto il: domenica 16 marzo 2003, 10:46
Località: Catania

Messaggioda T.G.Cravarezza » giovedì 1 maggio 2003, 12:50

Gentile Sig. Elassar,
non vorrei affermare stupidaggini, quindi, come sempre, attendo il parere del dott. Degli Uberti. Secondo me gli ordini da lei citati sono ordini dinastici e pertanto S.A.R. Vittorio Emanuele ha tutto il diritto di conferirli.
Il problema della Costituzione è che l'assemblea costituente doveva a tutti i costi "vendicarsi" con qualcuno e qualcosa e fu scelta la Real Casa d'Italia come capro espiatorio.
In ogni caso comunque solo in Italia tali ordini non sarebbero riconosciuti, all'estero invece sono riconosciuti. Il problema si pone adesso, in quanto S.A.R. Vittorio Emanuele è cittadino italiano a tutti gli effetti e pertanto dovrebbe cercare di farsi riconoscere la prerogativa di poter conferire i Suoi ordini dinastici, come succede già per altre Case di regni preunitari
Cordialmente
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6537
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino


Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti