Pagina 2 di 2

Re: Ordine dell'Aquila bianca

MessaggioInviato: domenica 7 marzo 2010, 0:59
da Tilius
Mario Volpe ha scritto:...e il bello è che anche il suo predecessore, il Duca di Modena Francesco IV, indossa in un ritratto una fascia simile:

Immagine

a parte però l'Ordine di Francesco I del Regno delle Due Sicilie (che però presenta una placca diversa e mi pare poco probabile), non riesco ancora ad individuarlo...


Qui, soprattutto grazie alla placca, lo identificherei con un Santo Stefano d'Ungheria (dove il viola della fascia é stato reso sul rosso, che comunque é più cupo del rosso del nastro del Toson d'Oro e delle brache dell'uniforme... inoltre la placca direi che comunque lascia poco spazio ai dubbi).

Re: Ordine dell'Aquila bianca

MessaggioInviato: domenica 7 marzo 2010, 12:07
da Montenotte
Buongiorno,
considerando che Francesco V aveva sposato la principessa Adelgonda Augusta di Baviera potrebbe trattarsi della placca dell’Ordine di Sant’Uberto, di cui il duca era insignito. Anche se non quadra con la fascia che dovrebbe essere bordata di verde e non di blu. [hmm.gif]

Immagine

Montenotte

Re: Ordine dell'Aquila bianca

MessaggioInviato: domenica 7 marzo 2010, 12:45
da Tilius
savoia.loveno ha scritto:
Tilius ha scritto:Scorrendo le pagine del Volpe (ormai possiamo chiamare il testo come il suo autore, no? :D ) m'é sovvenuto un dubbio:
quale ordine indossa Francesco V d'Austria-Este in questo ritratto? [hmm.gif]


Al collo direi senz'altro il Toson d'oro
savoia loveno


Sì. Ringrazio, ma mi riferivo all'altro ordine (fascia + placca).

Tornando alla proposta di Montenotte, penso che sia molto ma molto valida...

Mario Volpe ha scritto:Immagine


La placca del Sant'Uberto si avvicina molto a quella nei ritratti scolpiti e dipinti, e il colore della bordura dalla fascia, che nel ritratto dipinto non corrisponde, potrebbe essere un semplice errore dell'artista.

Re: Ordine dell'Aquila bianca

MessaggioInviato: domenica 7 marzo 2010, 13:22
da Mario Volpe
Ci avevo pensato anch'io (ripassandomi tutti gli ordini di origine tedesca), ma le differenze con la fascia dell'Ordine sono piuttosto notevoli...

Immagine

Re: Ordine dell'Aquila Estense

MessaggioInviato: lunedì 8 marzo 2010, 3:11
da Bertazzo Patrizia
Andrea, penso che l'ordine estense esistesse già prima da quando l'ha istituito il Duca perchè nell'emblema vi è l'effige di S.Contardo che è vissuto intorno al 1216 e si pensa che sia fratello di Beata Beatrice III , e figlio di Aldobrandino, nipote di Azzo VII e di B. Beatrice I . Abito ad Este e l'emblema dell'Aquila l'ho trovata in un dipinto che risale verso la fine del 1300 di prima non ho tracce.

Re: Ordine dell'Aquila Estense

MessaggioInviato: lunedì 8 marzo 2010, 9:43
da Elmar Lang
Salve,

fascia e placca di quel ritratto sono quelle dell'Ordine reale Ungherese di Santo Stefano, che era la più alta onorificenza al merito civile della monarchia austroungarica.

A presto,

Elmar Lang

P.S.: ops!... si era già detto...

Re: Ordine dell'Aquila Estense

MessaggioInviato: lunedì 8 marzo 2010, 10:54
da Tilius
Bertazzo Patrizia ha scritto:Andrea, penso che l'ordine estense esistesse già prima da quando l'ha istituito il Duca perchè nell'emblema vi è l'effige di S.Contardo che è vissuto intorno al 1216 e si pensa che sia fratello di Beata Beatrice III , e figlio di Aldobrandino, nipote di Azzo VII e di B. Beatrice I . Abito ad Este e l'emblema dell'Aquila l'ho trovata in un dipinto che risale verso la fine del 1300 di prima non ho tracce.


Nell'insegna sono presenti sia il simbolo araldico per eccellenza della Casa d'Este (l'aquila d'argento), sia uno dei santi di famiglia.
Questo non significa assolutamente che l'ordine sia più antico, ma semplicemente che si volle (nel 1855) creare qualcosa che richiamasse le tradizioni storiche familiari (procedimento abituale e direi anzi tipico in tutti gli ordini dinastici creati "a tavolino" e non divenuti tali per vicende storiche plurisecolari).
L'ordine é stato creato nel 1855.
28 dicembre 1855.
Ed é stato creato in un contesto storico-politico ben preciso: come (tentativo di) riaffermazione politica in un'epoca in cui il trono ducale appariva già traballante.
Altri ordini italiani del pari recenti vennero creati in analoghe situazioni di precarietà politica (l'Ordine toscano di San Giuseppe durante l'esilio salisburghese in epoca napoleonica, l'Ordine sempre toscano del Merito Civile Militare praticamente contemporaneo all'Aquila Estense).
Perché si aspettò tanto per creare un proprio ordine dinastico?
Temo che solo gli inteeressati (ormai defunti da secoli) potrebbero dare una risposta degna di tal nome.
Noi possiamo solo ipotizzare.
Prima (nel '700, quando l'ordine di famiglia diventa un must: é in questo secolo che proliferano tutti o quasi gli ordini delle grandi e piccole monarchie di area tedesca, Austria inclusa) possiamo solo prendere ad esempio i Farnese, che NON crearono un ordine ex-novo ma che, quando ne sentirono la necessità, ne comprarono uno più antico (il Costantiniano). Altri ordini antichi sulla piazza non ce n'erano.
Dopo (nell'800) forse la mancanza di un ordine estense va ricercata nel forte legame familiare con l'Austria (dove già abbondavano ordini a bizzeffe e che quindi poteva fungere da fornitore per le tutto sommato modeste esigenze del Ducato), di cui Modena era poco più che una dépendance.

Re: Ordine dell'Aquila Estense

MessaggioInviato: lunedì 8 marzo 2010, 14:47
da Tilius
Elmar Lang ha scritto:P.S.: ops!... si era già detto...
;)

Questo esemplare di Aquila Estense é conservato presso i musei civici di Modena.
Immagine Immagine

Re: Ordine dell'Aquila Estense

MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 23:53
da brixianus
Essendo trascorsi alcuni anni dall'ultimo post, mi chiedo se, nel frattempo, siano stati effettuati conferimenti dell'Ordine dell'Aquila Estense

Re: Ordine dell'Aquila Estense

MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 23:57
da nicolad72
A quanto mi consti è conferito solo all'interno della famiglia.