Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Per discutere sugli ordini cavallereschi e le onorificenze/ Discussions on orders of chivalry and honours

Moderatori: Mario Volpe, nicolad72, Tilius

Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda kyros » martedì 11 giugno 2019, 17:14

Illustrissimi,
sapete se la stessa lettera (vedere allegato) è stata inviata anche ai Gran Priorati italiani?
A prescindere dal tono polemico del blog su cui è stata pubblicata, cosa ne pensate?
http://wdtprs.com/blog/2019/06/chief-of ... 4lrt5rRcHI

Deferenti ossequi
Allegati
19_06_10_SMOM_TLM.jpg
Con i sensi della mia più alta stima

Ciro dr.Urselli
Avatar utente
kyros
 
Messaggi: 42
Iscritto il: domenica 10 luglio 2005, 19:24
Località: Grottaglie (Ta)

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » martedì 11 giugno 2019, 18:37

La lettera non sembra rivolta ai soli priorati inglesi ma a tutti i Gran Priorati, Priorati e associazioni.
Non è nemmeno il divieto di celebrare la Santa Messa nel rito tridentino ma solamente la richiesta di celebrarla nelle occasioni ufficiali (Investiture, pellegrinaggi ecc.) con il rito del Vaticano II, certamente più accessibile a tutti.
Non mi sembra una richiesta così peregrina.
Come interpretarla? Se l'ha scritta avrà avuto i suoi buoni motivi.

Certamente da qualche anno in diversi ambienti cattolici è di gran moda la dottrina della doppia Chiesa, quella di Papa Benedetto e quella Papa Francesco, quella del rito ordinario e quella del rito straordinario... e potremmo andare avanti così ancora per molto.
Dunque credo che l'interpretazione migliore sia quella di ristabilire, una volta per tutte, che la Chiesa è una: quella del Papa, a dispetto di tutti coloro che gridano allo scandalo ad ogni parola di Bergoglio... compreso chi ha scritto l'articolo in questione.

L'ho detto a molti amici : «Ubi Petrus, ibi Ecclesia».
In molti se ne dovranno fare una ragione.. anche qui nel forum ;)
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6762
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » martedì 11 giugno 2019, 18:53

Credo possa essere importante capire anche chi ha scritto l'articolo.
John Zuhlsdorf è un personaggio controverso https://en.wikipedia.org/wiki/John_Zuhlsdorf

Attualmente lavora come presidente della "Tridentine Mass Society" di Madison, nel Wisconsin.
Il presidente della di una società per la Messa tridentina che protesta contro il ridimensionamento della Messa tridentina?
Non c'è conflitto d'interessi?
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6762
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda Elmar Lang » martedì 11 giugno 2019, 20:42

Resta comunque il fatto che la messa secondo il rito tridentino, ha una solennità che purtroppo il rito postconciliare non ha, specie con le orripilanti "concessioni musicali" che ne sono seguite. Infatti, per la S. Messa, l'accompagnamento dovrebbe essere unicamente demandato all'organo ed al canto accompagnato dei fedeli. In particolari solennità, da orchestra, organo e coro.

Senza polemica, non capisco in cosa, il rito tridentino sarebbe meno "accessibile a tutti", essendosi che esso poteva essere officiato anche in italiano, visto che il latino, ormai, è meglio insegnato in Finlandia, che in Italia.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 3160
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » martedì 11 giugno 2019, 21:31

Possiamo star qui a discutere ore su quanto erano belli i canti gregoriani o quanto fosse solenne una Celebrazione in lingua latina.
La Sacrosanctum Concilium ormai è però storia e fu approvata dal Concilio con soli quattro voti contrari su 2000 vescovi partecipanti.
La riforma post conciliare che ne seguì aveva come principi fondanti la partecipazione cosciente, attiva e semplice dei fedeli alle liturgie della Chiesa (Sacrosanctum Concilium, 79).

E' riuscita in quanto si proponeva? Forse sì, forse no, forse in parte.
Certamente la liturgia è qualcosa che è in continua evoluzione e tutto si può migliorare.
Stare ancora a stracciarsi le vesti dopo oltre 50 anni per la Messa Tridentina però mi sembra davvero fuori tempo e fuori dal mondo.

Il solo scopo di questa gente è attaccare Papa Francesco..
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6762
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda Romegas » mercoledì 12 giugno 2019, 7:33

Scusa Alessio, controverso un personaggio che da luterano diventa cattolico? Mah! Che a te piaccia o no la messa tridentina sta avendo successo e questo da fastidio. Di persone controverse ne abbiamo molte tra chi sta intorno al papa e mi fermo qui.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 4695
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » mercoledì 12 giugno 2019, 9:04

Onestamente mi sono stancato di questi personaggi che si dicono cattolici e poi ogni giorno spalano letame sul Papa.
Questa gente non è cattolica. Torni a fare il luterano se ce l'ha tanto con il Papa.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6762
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda nicolad72 » mercoledì 12 giugno 2019, 9:44

Alessio Bruno Bedini ha scritto:Credo possa essere importante capire anche chi ha scritto l'articolo.
John Zuhlsdorf è un personaggio controverso https://en.wikipedia.org/wiki/John_Zuhlsdorf

Attualmente lavora come presidente della "Tridentine Mass Society" di Madison, nel Wisconsin.
Il presidente della di una società per la Messa tridentina che protesta contro il ridimensionamento della Messa tridentina?
Non c'è conflitto d'interessi?


Perché attacchi la persona e non le sue idee, l'attacco alla persona si fa quando non si hanno gli strumenti per contraddire dialetticamente le idee del contraddittore.
Chi parla della "doppia chiesa" nella chiesa è sempre una parte, che non è quella di Fr. Z, che sembra tenere la tenuta dogmatica delle posizioni che vuole combattere.
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10585
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda Tilius » mercoledì 12 giugno 2019, 10:03

Alessio Bruno Bedini ha scritto:Onestamente mi sono stancato di questi personaggi che si dicono cattolici e poi ogni giorno spalano letame sul Papa.
Questa gente non è cattolica. Torni a fare il luterano se ce l'ha tanto con il Papa.

Immagine
...
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12557
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda Elmar Lang » mercoledì 12 giugno 2019, 11:19

Io non attacco il Papa, perché la sua elezione è ispirata dallo Spirito Santo. Nel profondo del cuore di fedele, potrei avere sì dei "dubia", che la preghiera sa fugare e perché la Fede è rafforzata anche attraverso il saper dare una risposta ai dubbi, proprio entro la dottrina e gli insegnamenti della Chiesa.

Non dimentico però la temperie che generò certe scelte del Concilio Vaticano II. Vero, il rito postconciliare fu reso elementare e "desacralizzato". Lasciato poi alla mercé di chiunque pensò -magari in buona fede- di far bene, trasformando il rito in un'assemblea che ritiene sia più vicino a Dio pregare al suono di chitarre ed urla ritmate. Cosa questa, voluta e fatta da uomini e tollerata dall'infinita bontà dei Pontefici succedutisi sul trono di Pietro.

Leggo purtroppo solo frasi fatte, ripetute alla noia, quali appunto, cito, "partecipazione cosciente, attiva e semplice" al rito eucaristico. Ergo, chi pregava e partecipava alla messa fino alla "riforma", non sapeva quel che diceva?, non capiva ciò che il celebrante affermava con "salirò all'altare di Dio"? Non capiva l'assoluta eccellenza di musica che accompagnava alla pietas, quali le opere di Palestrina, e, avanti, fino a don Lorenzo Perosi?... opere sostituite con suoni e rumori che nulla hanno di artistico o ispirativo?

Circa il rito Tridentino, esso non fu abolito o, peggio, proibito (come certuni fecero credere) e forse questo andrebbe ricordato.

Salvo rare eccezioni, le chiese -specie in Italia- sono sempre più desolatamente vuote. Qualcuno dovrebbe anche chiedersi seriamente perché.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 3160
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » mercoledì 12 giugno 2019, 11:48

Elmar Lang ha scritto:Salvo rare eccezioni, le chiese -specie in Italia- sono sempre più desolatamente vuote. Qualcuno dovrebbe anche chiedersi seriamente perché.


E' questo un argomento di grande attualità.
Proprio ultimamente, in due occasioni diverse, ne ho parlato con due vescovi.
Le motivazioni sono molteplici e legate a complessi motivi che vanno ben oltre il rito.
Nessuno infatti ritiene che ripristinando il rito straordinario possa aumentare il numero di battezzati alla Messa domenicale o il loro impegno in parrocchia.

Certamente invece i continui attacchi al Papa e alle sue decisioni non fanno bene alla Chiesa.
Ovviamente Elmar non ce l'ho con te ma con i tanti intellettuali cattolici che scrivono su giornali, giornaletti e blog.
Questi rendono un pessimo servizio alla loro Fede Cattolica.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6762
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda nicolad72 » mercoledì 12 giugno 2019, 12:20

Non è un problema di rito? Dipende. Le chiese son vuote perché non sono più luoghi di culto. Al loro interno si fa politica, si tengono banchetti e concerti e tra un evento mondano ed un altro qualcuno di tanto in quanto prega.
Dipende perché una liturgia che sappia esprimere con i gesti il sacro di sicuro aiuta a trascendere l'uomo vero Dio.
Magari non sarò degno neppure di 4 secondi di applausi, ma ciò è quanto penso e nella libertà che lo stato e la chiesa mi riconoscono reputo mio dovere dirlo!
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10585
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » mercoledì 12 giugno 2019, 12:41

nicolad72 ha scritto:Non è un problema di rito? Dipende. Le chiese son vuote perché non sono più luoghi di culto. Al loro interno si fa politica, si tengono banchetti e concerti e tra un evento mondano ed un altro qualcuno di tanto in quanto prega.
Dipende perché una liturgia che sappia esprimere con i gesti il sacro di sicuro aiuta a trascendere l'uomo vero Dio.
Magari non sarò degno neppure di 4 secondi di applausi, ma ciò è quanto penso e nella libertà che lo stato e la chiesa mi riconoscono reputo mio dovere dirlo!


Certamente il tuo è un discorso sensato.
Una questione che spesso si pone è proprio sui frutti che sono generati da un certo "mondanismo": pochi, troppo pochi, in termini di vocazioni e partecipazione attiva dei fedeli.

Come dicevo però le motivazioni della crisi attuale della chiesa sono più profonde e si immergono pienamente nella crisi della nostra società.
Viviamo nell'epoca della post modernità e con questo dobbiamo fare i conti.
Non possiamo fare paragoni con un passato, anche vicino, che non tornerà mai.
E' una pia illusione pensare che con il rito straordinario le nostre Chiese torneranno a brulicare di fedeli..
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6762
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » mercoledì 12 giugno 2019, 12:53

Comunque è partita anche in Italia, con un paio di giorni di ritardo, la solita macchina del fango contro Papa Francesco https://www.ilmessaggero.it/vaticano/pa ... 52760.html

Il giornale della famiglia Caltagirone titola "Uno schiaffo al Papa emerito", tanto per rimarcare che esistono due Papi, così come due Chiese: quella di Benedetto e quella di Francesco.
E' la conferma che anche una semplice decisione come questa presa dal Gran Maestro di un Ordine Sovrano venga utilizzata per attaccare Bergoglio.

La giornalista riesce a inserire oltretutto due inesattezze in una stessa frase:
1. Nessuno ha vietato la celebrazione della Messa nel rito straordinario. Solamente si è stabilito di utilizzare la forma ordinaria durante le investiture e i pellegrinaggi. Cosa tra l'altro da sempre fatto almeno qui in Italia.
2. L'Ordine in questi anni non è cambiato. Forse cambierà con le nuove costituzioni che però ancora sono ben lontane dall'essere pubblicate. Facciamo un processo alle intenzioni? Addirittura si afferma che l'ordine sarebbe passato da un estremo all'altro.. qual era l'estremo di prima e quale sarebbe l'estremo di ora?

Chissà se si dispiacerà che una sua vecchia direttiva sulla possibilità di celebrare la messa in latino sia stata messa al bando proprio dall'Ordine di Malta, un organismo che, almeno sotto il suo pontificato, ha subito in pochissimi anni una trasformazione enorme, passando da un estremo all'altro.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6762
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Lettera ai Gran Priorati inglesi SMOM

Messaggioda kyros » mercoledì 12 giugno 2019, 14:14

E comunque, i commenti "fantastici" che attaccano tutti e tutto sono anche presenti sul gruppo facebook "Aristocrazia Europea" dove si riprende un articolo da un blog:
https://www.sabinopaciolla.com/il-gran- ... bI8Og8QRPU

Mala tempora currunt sed peiora parantur!
Con i sensi della mia più alta stima

Ciro dr.Urselli
Avatar utente
kyros
 
Messaggi: 42
Iscritto il: domenica 10 luglio 2005, 19:24
Località: Grottaglie (Ta)

Prossimo

Torna a Ordini Cavallereschi, Onorificenze e Sistemi premiali/ Orders of Chivalry & Honours



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 5 ospiti