Datazione e blasonatura di uno stemma

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

Re: Datazione e blasonatura di uno stemma

Messaggioda Guido5 » venerdì 9 ottobre 2009, 23:37

Antonio Pompili ha scritto:... - un inquartato, dove nel 2° dovremmo intravedere piuttosto la campagna a sostenere la sirena ...

Caro don Antonio,
... e nel 3°? Il punto interrogativo che seguiva "colmo" in un mio precedente intervento è rimasto tale. Non userei invece "campagna" bensì "pianura" perché la prima dovrebbe essere un terzo dello scudo (qui della partizione, ovviamente) mentre "terrazzo", che avevo ipotizzato inizialmente, sarebbe esatto se la linea superiore fosse sinouosa o leggermente convessa, a dare, appunto, l'impressione del terreno (o del mare, ma di rosso?).
Quanto alla partizione dello scudo propendo per l'inquartato proprio perché se si trattasse di partito (o partito semitroncato) la "fascia" (ma non ci siamo con le proporzioni...) sarebbe centrale, il punto mediano dell'altezza dovrebbe corrispondere cioè alla base dell'altra.

Ciao a tutti!
Guido5
Guido Buldrini - Fides Salvum Fecit
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 5168
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Re: Datazione e blasonatura di uno stemma

Messaggioda Antonio Pompili » venerdì 9 ottobre 2009, 23:57

Guido5 ha scritto:
Antonio Pompili ha scritto:... - un inquartato, dove nel 2° dovremmo intravedere piuttosto la campagna a sostenere la sirena ...

Caro don Antonio,
... e nel 3°? Il punto interrogativo che seguiva "colmo" in un mio precedente intervento è rimasto tale.

Vero! Non lo avevo notato. Scusami, caro Guido! Sì, in teoria potremmo anche leggere un inquartato con una campagna diminuita nel 2° e un colmo nel 3°.

Non userei invece "campagna" bensì "pianura" perché la prima dovrebbe essere un terzo dello scudo (qui della partizione, ovviamente) mentre "terrazzo", che avevo ipotizzato inizialmente, sarebbe esatto se la linea superiore fosse sinouosa o leggermente convessa, a dare, appunto, l'impressione del terreno (o del mare, ma di rosso?).

Esatto per l'esclusione del terrazzo. Ma come ho scritto sopra, se ammettiamo che quella pezza non sia una fascia, è opportuno a mio avviso parlare di campagna diminuita, essendo la pianura di per sè una campagna diminuita della metà (e la nostra non arriva ad essere così piccola).

Quanto alla partizione dello scudo propendo per l'inquartato proprio perché se si trattasse di partito (o partito semitroncato) la "fascia" (ma non ci siamo con le proporzioni...) sarebbe centrale, il punto mediano dell'altezza dovrebbe corrispondere cioè alla base dell'altra.

Anche su questo siamo almeno parzialmente d'accordo, caro Guido. Si tratta dei problemi di "allineamento" tra una pezza orizzontale e l'altra di cui in altri termini e secondo diverse prospettive (e con conclusioni non proprio identiche) parlavo io poco sopra. Siamo ancora per certi punti d'accordo. Comunque io parlerei senza problemi di inquartato solo nel caso riconoscessimo, secondo la tua ragionevole intuizione, la presenza di un colmo a destra e di una campagna diminuita a sinistra. In caso diverso dovremmo ritenere nell'ipotetico inquartato una imprecisione nella rappresentazione (ideale) della linea del troncato.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3647
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Datazione e blasonatura di uno stemma

Messaggioda Il Sannita » domenica 11 ottobre 2009, 0:07

Ho provato a "smaltare" lo stemma con un programma di grafica per rendere visibile l'ipotesi prospettata da Guido5 e Antonio Pompili, tenendo fede agli smalti e ai metalli presenti nel disegno.
Il risultato è questo :

Immagine


Mi confermate inoltre che il decoro dello stemma è accartocciato e lo scudo è ovale?
Il Sannita
 
Messaggi: 9
Iscritto il: lunedì 14 settembre 2009, 18:38

Re: Datazione e blasonatura di uno stemma

Messaggioda Il Sannita » mercoledì 14 ottobre 2009, 16:17

Provo a fare una sintesi

Famiglia NARDOVINO

Scudo: Ovale
Decoro: accartocciato
Datazione: inizi del 1600

Descrizione:
Inquartato: al primo d'azzurro a tre stelle d'oro male ordinate; al secondo d'oro ad una sirena a due code, in atto di tenerle entrambe alte nelle mani, al naturale sulla campagna diminuita di rosso; al terzo d'oro ad un monte di tre cime di verde, al colmo di rosso; al quarto di rosso a tre vasi d'oro male ordinati.
Il Sannita
 
Messaggi: 9
Iscritto il: lunedì 14 settembre 2009, 18:38

Precedente

Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti