Rovere (o quercia) e lo stile araldico italiano

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

Messaggioda antonio_conti » martedì 28 dicembre 2004, 19:36

Un aggiornamento su questa annosa questione!

In attesa che in Umbria smetta di nevicare, ho cominciato a guardare il Manuel du Blason di Donald Lindsay Galbreath che sono riuscito a comprare via internet da un antiquario tedesco (quando ho visto il pacchettino mi è preso un mezzo coccolone... ricordavo il grande formato della ristampa del 1977, ma giustamente l'antiquario mi ha spedito l'originale del 1942 :shock: , che ora mi tocca maneggiare con cura estrema).

Ebbene a pagina 132 è riprodotto il disegno del sigillo del XV secolo di Albert Moine e della moglie Gabrielle de Dassin, nell'arma partita si vede un rovere sradicato con i rami decussati.
Dunque dalla Francia, un esempio quattrocentesco, sempre, comunque, coevo ai Della Rovere nostrani.

A presto (spero) notizie da Assisi

Antonio Conti
Libertà vo cercando
antonio_conti
 
Messaggi: 827
Iscritto il: venerdì 21 febbraio 2003, 0:35
Località: Fano & Urbino

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » mercoledì 29 dicembre 2004, 20:51

antonio_conti ha scritto:Un aggiornamento su questa annosa questione!
In attesa che in Umbria smetta di nevicare, ho cominciato a guardare il Manuel du Blason di Donald Lindsay Galbreath che sono riuscito a comprare via internet da un antiquario tedesco (quando ho visto il pacchettino mi è preso un mezzo coccolone... ricordavo il grande formato della ristampa del 1977, ma giustamente l'antiquario mi ha spedito l'originale del 1942 :shock: , che ora mi tocca maneggiare con cura estrema).

...e fa bene, caro amico! :P

Ebbene a pagina 132 è riprodotto il disegno del sigillo del XV secolo di Albert Moine e della moglie Gabrielle de Dassin, nell'arma partita si vede un rovere sradicato con i rami decussati. Dunque dalla Francia, un esempio quattrocentesco, sempre, comunque, coevo ai Della Rovere nostrani.

Coevo, ma non credo anche collegato... :shock:

A presto (spero) notizie da Assisi

Antonio Conti


Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda antonio_conti » giovedì 30 dicembre 2004, 11:23

Caro fra' Eusanio,
collegato no (almeno non credo), infatti io non l'ho detto! :wink:

Corialmente

Antonio Conti
Libertà vo cercando
antonio_conti
 
Messaggi: 827
Iscritto il: venerdì 21 febbraio 2003, 0:35
Località: Fano & Urbino

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » giovedì 30 dicembre 2004, 18:54

:shock: ...detto no, è vero, ma...

...pensato? :twisted:

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda antonio_conti » giovedì 30 dicembre 2004, 20:15

Eh! no, frà Eusanio,
non mi faccia il processo alle intenzioni.
Davvero mi crede capace di tanto? :evil:

un cordiale saluto :wink:

Antonio Conti
Libertà vo cercando
antonio_conti
 
Messaggi: 827
Iscritto il: venerdì 21 febbraio 2003, 0:35
Località: Fano & Urbino

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » giovedì 30 dicembre 2004, 20:20

...sì... :oops:

Bene :wink: vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda antonio_conti » giovedì 30 dicembre 2004, 23:11

... fra' Eusanio, lei mi lusinga!
:D

Salvo altre novità impreviste, ci rivediamo sull'argomento dopo la mia prossima visita ad Assisi per il rovere del Cardinale Partino!

con cordialità

Antonio Conti
Libertà vo cercando
antonio_conti
 
Messaggi: 827
Iscritto il: venerdì 21 febbraio 2003, 0:35
Località: Fano & Urbino

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » venerdì 7 gennaio 2005, 16:56

Attendiamo l'esito del viaggio! :wink:

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda antonio_conti » lunedì 30 maggio 2005, 19:42

Ci eravamo lasciati nel lontano mese di novembre... poi la neve... gli impegni altri... adesso il caldo :lol: ... insomma non sono ancora andato ad Assisi...
Ma... in una interessantissima guida La Basilica di San Francesco in Assisi, Bonechi Edizioni per il Turismo, ho trovato la fotografia della vetrata della cappella di Santo Stefano (un tempo dedicata a San Luigi di Tolosa) commissionata dal cardinale Partino dopo il 1312.
Nella fotografia pubblicata dalla guida lo scudo con l'arma (immagino del cardinale) è alto solo 5 mm, ma i miei potenti mezzi fotografici sono riusciti nell'intento di renderla apprezzabile anche nel web :wink: , ecco l'arma riprodotta nella vetrata
Immagine
Che mi dice caro fra' Eusanio, è quella di cui parlavamo e di cui non ha voluto anticiparmi nulla nonostante le mie suppliche :1: ...

Purtroppo le giunture poste in palo ed in fascia ( 8) ) proprio nel mezzo della quercia rendono difficile chierire il dubbio sull'effettiva posizione dei rami del nobile albero :roll: .
Tuttavia a me sembra che i rami si aprano (per così dire) a ventaglio, più che essere decussati o doppiamente decussati... :?
A questo punto la mia curiosità aumenta... e sono sempre più convinto che l'ampia diffusione del disegno araldico della quercia con i rami doppiamente decussati derivi dall'influenza delle armi dei due pontefici rovereschi Sisto IV e Giulio II.
A parte il caso dei diversi Della Rovere piemontesi, esistono esempi d'armi con questa particolare figura precedenti alla seconda metà del Quattrocento?

Cordialmente :wink:

Antonio Conti
Libertà vo cercando
antonio_conti
 
Messaggi: 827
Iscritto il: venerdì 21 febbraio 2003, 0:35
Località: Fano & Urbino

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » lunedì 30 maggio 2005, 19:54

...a questo punto, non vorrei che le giunzioni del vetro abbiano tratto in inganno il :cry: già seminvalido occhio del vecchio frate...

...che, onestamente, sta cominciando a pensare seriamente alla :wink: validità della tua ipotesi...

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda antonio_conti » martedì 31 maggio 2005, 21:11

Caro fra' Eusanio, questa idea mi è frullata nella testa (ha trovato parecchio spazio per farlo... devo dire :( ) quando ho potuto vedere come molte delle armi con questa figura sono riconducibili ai Della Rovere savonesi (pontefici e duchi di Urbino). Restano esclusi i Della Rovere Piemontesi, naturalmente.
Sarebbe interessante sapare se gli eventuali stemmi contenenti questa figura (non riconducibili alle vicende roveresche) abbiano avuto la quercia così disegnata anche prima del del 1467 (nomina a cardinale di frate Francesco Della Rovere) o del 1471 (elezione di papa Sisto IV).
Del resto ho lette sull'ultimo numero di "Nobiltà", il n. 65, a p. 153, che un nostro comune amico Maurizio Carlo Alberto Gorra ha scritto a proposito della particolarità del disegno della quercia araldica roveresca: "Ne nasce un emblema fortemente caratterizzato e di gradevole resa estetica, che ben si presta alle più svariate forme decorative, e di immediata riconoscibilità (anche perché poco utilizzato per altri stemmi)."

Un caro saluto

Antonio Conti

PS
Caro frà Eusanio, mi ostino a darle del lei (nonostante ormai interloquiamo pubblicamente da tempo), questo in ossequio alla sua somma competenza e massima disponibilità... davvero francescana, direi!, ed alla sua veneranda età.
Mi permetta però di chiederle di poterle dare del tu, come ormai faccio con la maggiorparte degli amici del Forum, per i quali ovviamente ho la massima stima :wink:
Attendo fiducioso un cenno di assenso :D

Antonio
Libertà vo cercando
antonio_conti
 
Messaggi: 827
Iscritto il: venerdì 21 febbraio 2003, 0:35
Località: Fano & Urbino

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » martedì 31 maggio 2005, 21:23

antonio_conti ha scritto:...(omissis)...Sarebbe interessante sapare se gli eventuali stemmi contenenti questa figura (non riconducibili alle vicende roveresche) abbiano avuto la quercia così disegnata anche prima del del 1467 (nomina a cardinale di frate Francesco Della Rovere) o del 1471 (elezione di papa Sisto IV).

Che tu sappia, mio roveresco amico, esistono degli studi specifici al riguardo?

Del resto ho lette sull'ultimo numero di "Nobiltà", il n. 65, a p. 153, che un nostro comune amico Maurizio Carlo Alberto Gorra ha scritto a proposito della particolarità del disegno della quercia araldica roveresca: "Ne nasce un emblema fortemente caratterizzato e di gradevole resa estetica, che ben si presta alle più svariate forme decorative, e di immediata riconoscibilità (anche perché poco utilizzato per altri stemmi)."

Ah, beh, il mio ex discipule è sicuramente attrezzato al riguardo se ha scritto così... peccato non sia nel forum!

Un caro saluto
Antonio Conti
PS
Caro frà Eusanio, mi ostino a darle del lei (nonostante ormai interloquiamo pubblicamente da tempo), questo in ossequio alla sua somma competenza e massima disponibilità... davvero francescana, direi!, ed alla sua veneranda età.

Troppo buono, amico mio...

Mi permetta però di chiederle di poterle dare del tu, come ormai faccio con la maggiorparte degli amici del Forum, per i quali ovviamente ho la massima stima :wink:

...hai davvero bisogno del permesso? Ma dài, piantala...

Attendo fiducioso un cenno di assenso :D
Antonio


...mi verrebbe :twisted: da negartelo...

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda antonio_conti » mercoledì 1 giugno 2005, 0:07

fra' Eusanio da Ocre ha scritto:
...mi verrebbe :twisted: da negartelo...

Bene :D vale


... ma non l'hai fatto! :D

Io non mi sono mai imbattuto in uno studio specifico su questo aspetto, ma questo naturalmente non garantisce che non sia stato fatto... chissà magari in qualche rivista araldica (se non proprio una monografia), il tuo scriptorium conserva qualcosa?
Ho raccolto un po' di materiale attinente alle concessioni d'arma (e di cognome) dei duchi di Urbino, ho raccolto esempi di assunzione del rovere nelle armi ecclesiastiche di diversi cardinali, poi abbiamo il caso dell'arma dell'Arma che io ho definito un capo roveresco brisato :lol: .
Ma una volta compiuto questo censimento post 1471 sarebbe appunto interessante vedere quante querce preesistenti nelle armi non "roveresche" sono divenute "roveri araldiche".
Per esempio i Roverella... se la memoria non mi inganna... bisognerebbe trovare degli stemmi originali precedenti al 1471 (o meglio al 1467, per sicurezza).
Al momento non sono in grado di fare queste verifiche :( , chissà in futuro... o chissà... altri curiosi di cose araldiche :wink:

Naturalmente in caso di novità aggiorneremo questo topic!

Ciao :wink:

Antonio
Libertà vo cercando
antonio_conti
 
Messaggi: 827
Iscritto il: venerdì 21 febbraio 2003, 0:35
Località: Fano & Urbino

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » mercoledì 1 giugno 2005, 15:44

antonio_conti ha scritto:... ma non l'hai fatto! :D

... :wink: ...

Io non mi sono mai imbattuto in uno studio specifico su questo aspetto, ma questo naturalmente non garantisce che non sia stato fatto... chissà magari in qualche rivista araldica (se non proprio una monografia), il tuo scriptorium conserva qualcosa?

Avevo già cercato, se ben ricordo... ma mi hai fatto venire in mente un testo che mi è capitato sott'occhio la scorsa settimana... darai :oops: tempo al vecchio frate?

...(omissis)...Al momento non sono in grado di fare queste verifiche :( , chissà in futuro... o chissà... altri curiosi di cose araldiche :wink: Naturalmente in caso di novità aggiorneremo questo topic! Ciao :wink:
Antonio


Certo. E credo si tratterebbe di una bella ricerca che tu, montefeltrane :wink: discipule, potresti svolgere con bell'agio... e renderla un'opera interessante e degna di pubblicazione! :P

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda antonio_conti » venerdì 3 giugno 2005, 11:57

Magari :!: caro fra' Eusanio... magari...
ma il lavoro è decisamente vasto e complesso (come bene immagini...).
Censire le famiglie con un rovere nello stemma, eliminare quelle "roveresche", quindi procedere nella verifica delle fonti precedenti al 1467... in palazzi, archivi, chiese e quant'altro... sparse magari in tutta Italia... AIUTO! Ci vorrebbero tempo e soprattutto mezzi di cui non dispongo.
La ricerca che sto conducendo attinente a due famiglie mi è bastata per darmi la misura di quale lavoro comporti.
Magari con un beneficium... una prebenda... :lol: :lol: :lol: potrei almeno risolvere una parte dei problemi 8)

Certamente il tema resta al centro della mia attenzione e non mancherò di cercare ed annotare, ma senza promettere ad altri ed a me stesso un impegno che non potrei mantenere :roll:

Fammi sapere per il testo al quale hai accennato, potrebbe comunque essermi utile per le ricerche che sto svolgendo ora :wink:

Grazie per la fiducia

Ciao

Antonio
Libertà vo cercando
antonio_conti
 
Messaggi: 827
Iscritto il: venerdì 21 febbraio 2003, 0:35
Località: Fano & Urbino

PrecedenteProssimo

Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nunkij e 10 ospiti