Evitare che uno stemma venga copiato

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda O' Barone IV » venerdì 27 marzo 2009, 20:52

quali sono i modi per evitare che il proprio stemma venga copiato da un altro?
registrarlo allo stemmario italiano?
O' Barone IV
 

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda monteprandone » sabato 28 marzo 2009, 12:32

Ci sono strumenti giuridici a tutela dello stemma.
La dimostrazione dell'uso pubblico dello stemma da parte di un soggetto o di una famiglia trova la tutela nel codice civile quale diritto alla tutela del nomen familiae oppure nell'art. 2569 e 2571 c.c.

Mauro di Monteprandone
monteprandone
monteprandone
 
Messaggi: 90
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 20:31
Località: perugia

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda Nightfox » domenica 29 marzo 2009, 17:45

O' Barone IV ha scritto:quali sono i modi per evitare che il proprio stemma venga copiato da un altro?
registrarlo allo stemmario italiano?


Potrebbe definire [omissis], non ne sono a conoscenza [bangin.gif] .
Nobili genere natus avitae nobilitatis etiam inter angustias fortunae retinet.
Avatar utente
Nightfox
 
Messaggi: 107
Iscritto il: martedì 3 aprile 2007, 19:35

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda monteprandone » domenica 29 marzo 2009, 18:28

dal punto di vista giuridico qualsiasi situazione che configuri il cd."possesso" viene tutelata dal ns.ordinamento purchè da tale uso arrechi pregiudizio economico o anche solo "morale".
l'essdere lo stessa di una determinata famiglia su "stemmari"o "elenchi ufficiali" puo' aiutare molto ma non è indispensabile.
non posso andare oltre si dovrebbe redigere un "parere pro veritate".!!
monteprandone
monteprandone
 
Messaggi: 90
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 20:31
Località: perugia

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda Guido5 » domenica 29 marzo 2009, 19:18

Cari amici,
l'organizzazione che era stata citata da Alessandro è soltanto un archivio privato. Posso sbagliarmi ma credo che in Italia il modo più semplice, efficace ed economico di tutelare uno stemma sia quello di registrarlo come marchio industriale presso:

Ufficio Italiano Brevetti e Marchi
via Molise 19
00187 Roma RM

L'indirizzo internet è http://www.uibm.gov.it, il telefono 06.4705-5800 e il fax 06.47887779.

Ciao a tutti!
Guido5
Guido Buldrini - Fides Salvum Fecit
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 5139
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda AndreaSperelli » domenica 29 marzo 2009, 22:56

Guido5 ha scritto:Cari amici,
l'organizzazione che era stata citata da Alessandro è soltanto un archivio privato. Posso sbagliarmi ma credo che in Italia il modo più semplice, efficace ed economico di tutelare uno stemma sia quello di registrarlo come marchio industriale presso:

Ufficio Italiano Brevetti e Marchi
via Molise 19
00187 Roma RM

L'indirizzo internet è http://www.uibm.gov.it, il telefono 06.4705-5800 e il fax 06.47887779.

Ciao a tutti!
Guido5


Esattamente, direi che oggi sia l'unica strada "legalmente" percorribile e con effettivo valore giuridico. Del resto, nel corso della storia, le "copiature" degli stemmi non sono di certo una novità, direi che il caso più eclatante fu quello di Giovanni Angelo Medici di Marignano (papa Pio IV), che pure non essendo imparentato con i Medici di Firenze usò il loro stemma.

Saluti,
A.S.
Avatar utente
AndreaSperelli
 
Messaggi: 866
Iscritto il: sabato 13 gennaio 2007, 1:33

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » lunedì 30 marzo 2009, 13:21

É appena il caso di ricordare che uno stemma è figura pregna di valenze storiche e simboliche.

Molto più di un logo o di un marchio commerciale qualsiasi, col quale è opportuno che non venga confuso.

A nessun titolo.

Bene :D valete
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda O' Barone IV » lunedì 30 marzo 2009, 22:42

Guido5 ha scritto:Cari amici,
l'organizzazione che era stata citata da Alessandro è soltanto un archivio privato. Posso sbagliarmi ma credo che in Italia il modo più semplice, efficace ed economico di tutelare uno stemma sia quello di registrarlo come marchio industriale presso:

Ufficio Italiano Brevetti e Marchi
via Molise 19
00187 Roma RM

L'indirizzo internet è http://www.uibm.gov.it, il telefono 06.4705-5800 e il fax 06.47887779.

Ciao a tutti!
Guido5


ma è a pagamento? (economico???)
O' Barone IV
 

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda Salvennor » lunedì 30 marzo 2009, 23:08

In riferimento all'ultimo post: E certamente che sarà a pagamento. Mi sorprenderei del contrario. Gli organismi abilitati a registrare brevetti, marchi etc... operano in modo da esaminare il brevetto, o il marchio o lo stemma, controllano che non sia già esistente e che la sua genesi sia chiaramente identificabile, e successivamente attuano le procedure di registrazione. È sotto un certo punto di vista anche una procedura legale-notarile. Ci sono le tariffe. Spesso un ostacolo allo sviluppo di certi progetti o brevetti è proprio l'alta tariffa che occorre per registrare legalmente il brevetto stesso.
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1039
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda Guido5 » lunedì 30 marzo 2009, 23:50

O' Barone IV ha scritto:...ma è a pagamento? (economico???)

Caro amico,
nel mio messaggio ho indicato un sito: bastava un clic per dare un'occhiata. E ti è mai capitato che lo Stato ti abbia fatto qualcosa senza farti pagare qualche euro di tasse o bolli? Che si tratti di un ente governativo è evidente dal "gov" dell'URL. Comunque credo di aver capito: ti piacciono ancora gli omogeneizzati perché evitano anche la fatica di masticare...

Ciao a tutti!
Guido5
Guido Buldrini - Fides Salvum Fecit
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 5139
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda Paolo Bizzozero » mercoledì 6 maggio 2009, 15:43

Anche se in ritardo mi permetto intervenire, nella speranza di poter essere in qualche modo utile.

Gli stemmi araldici familiari oggi in Italia non godono di alcuna specifica tutela giuridica, solo in via di principio si può invocare per essi la stessa tutela riservata al nome, ma ad oggi non vi è alcuna norma o precedente giuridico che confermi nella pratica tale principio.

Ciò premesso si possono provare a percorrere diverse strade per tutelare l'uso di uno stemma familiare, ma proprio a causa della premessa sopra esposta, tutte palesano evidenti limiti.

Come già anticipato da alcuni illustri frequentatori del forum esiste la possibilità di registrare lo stemma come marchio. Una strada certamente percorribile (spesa di circa 500-600 euro), ma è doveroso ribadire quanto evidenziato dal sommo fra' Eusanio: uno stemma araldico (familiare ma non solo) resta cosa diversa da un logo commerciale. Conseguentemente la tutela offerta sarà sempre imperfetta, basterà che un leone sia disegnato in maniera diversa (più grasso, più magro, con il pelo ispido) o un colore rappresentato con una tonalità differente, per rischiare di perdere la tutela conseguita; altro aspetto da non sottovalutare sono le diverse modalità con cui avviene la trasmissibilità di un logo commerciale rispetto alla trasmissibilità di uno stemma araldico familiare.

A mio modestissimo avviso la soluzione più efficace resta il deposito dell'arma presso un notaio, congiunta magari con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. In tal caso -ferma restando la premessa di cui all'inizio- vi sarebbe comunque un riconoscimento ed un'attestazione pubblica dell'uso dell'arma. L'inconveniente di tale sistema è dato dai costi e dalla laboriosità della procedura.

La soluzione appena esposta si caratterizza per due elementi: l'ufficialità dell'atto certificato in qualche modo dalla pubblica amministrazione e la notorietà che si vuole dare alla circostanza che un dato stemma è in uso ad una data persona e/o famiglia, in modo tale da costituire un precedente storico.
Quest'ultimo obiettivo può essere perseguito però anche in altri innumerevoli modi, frutto dell'inventiva, della fantasia e dell'intraprendenza dei singoli. In tal caso ogni iniziativa che mi permetta di far sapere a quante più persone possibili che quel determinato stemma è in uso a quella determinata persona e/o famiglia almeno da una specifica data, è utile.
Facciamo qualche esempio: posso affrescare lo stemma su un immobile (l'inconveniente è che la data resterà sempre opinabile e sarà comunque visibile ad un numero più o meno limitato di persone), posso farlo pubblicare su un giornale, posso creare un sito internet dedicato allo scopo, ...
Tutte iniziative private, che con modalità più o meno costose, più o meno efficaci, hanno comunque tutte l'obiettivo di rendere pubblico l'uso di uno stemma.

In questo contesto si inserisce anche Stemmario Italiano (o altre proposte simili); un'iniziativa privata che può contribuire a rendere nota l'adozione di un'arma da parte di una persona e/o da parte di una famiglia. I vantaggi che potrebbero derivare da un servizio di tale tipo sono dati dalla discreta notorietà raggiunta dal sito (circa 800 contatti unici al giorno, più di 200.000 l'anno), dalla pertinenza alla materia del sito (lo stemma non viene pubblicato su una rivista che tratta di uncinetto), dalla facile accessibilità, dall'essere comunque un ente terzo rispetto a chi registra l'arma, dalla precisa identificazione del chi e del quando un'individuo utilizzi l'arma e dalla gratuità del servizio.

Cordiali saluti
Paolo Bizzozero
Centro Studi Araldici
Avatar utente
Paolo Bizzozero
 
Messaggi: 51
Iscritto il: giovedì 19 luglio 2007, 11:11

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda O' Barone IV » mercoledì 6 maggio 2009, 21:17

[thumb_yello.gif]
O' Barone IV
 

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda Franz Joseph von Trotta » giovedì 7 maggio 2009, 16:47

Le interessanti osservazioni di cui sopra indicano chiaramente come, allo stato attuale in Italia, il riconoscimeto e la tutela giuridica dello stemma personale del "Signor Rossi" sia "de facto" poco praticabile, macchinosa, se non quasi impossibile al lato pratico. In questa "branca" dell'araldica però mi lasciano sempre perplesso l'uso di termini quali "REGISTRAZIONE", "DEPOSITO", etc. sovente usati dalle tante associazioni private italiane ed estere, termini che sembrano sottendere una qualche sorta di "compiutezza documentaria" a seguito della raffigurazione dello stemma del Signor Rossi nelle loro raccolte.

Si tratta, in effetti "solo" di mere rappresentazioni dello stemma del Signor Rossi all'interno di compilazioni o collezioni araldiche che per quanto meritorie e utili siano - e senza alcun dubbio lo sono anche come documento sociologico dei nostri tempi - e al di là dei roboanti e magniloquenti timbri e sigilli che spesso le corredano, sono prive di alcun valore giuridico o legale. Una versione moderna degli antichi stemmari compilati da privati che oggi ci testimoniano come secoli fa le famiglie ivi rappresentate facessero liberamente uso di un loro stemma.

Se però quelle raccolte, dopo tanti secoli dalla loro compilazione conferiscono agli stemmi lì riuniti un eminente valore storico - una famiglia che può vantare il proprio stemma sullo Stemmario Trivulziano non è cosa da poco - per queste contemporanee si dovrà pazientare ed attendere che il tempo passi.

Saluti cordiali,

FJVT
«Ich bin das Wilde, Dumpfe, das man schlug,
Das man erschlagen, weil es fremd und stumm…»
G. Kolmar
Avatar utente
Franz Joseph von Trotta
 
Messaggi: 1664
Iscritto il: martedì 2 dicembre 2003, 13:57

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda O' Barone IV » giovedì 7 maggio 2009, 21:00

[thumb_yello.gif] [thumb_yello.gif]
O' Barone IV
 

Re: Evitare che uno stemma venga copiato

Messaggioda Bartolomei Bastoni » venerdì 8 maggio 2009, 0:00

Gentilissimi,
spero il mio dubbio non sia peregrino con l'argomento: le regole elencate per lo stemma valgono anche per evitare che venga copiato il motto di una Famiglia?
Cordialmente
Bartolomei Bastoni
Bartolomei Bastoni
 
Messaggi: 34
Iscritto il: lunedì 23 giugno 2008, 23:10

Prossimo

Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Astrid e 4 ospiti

cron