L'Araldica scozzese come veicolo pubblicitario

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

L'Araldica scozzese come veicolo pubblicitario

Messaggioda Landenulfo da Sarno » lunedì 6 settembre 2004, 20:28

Il tema sembrerà forse strano ma, tramite lo studio delle immagini che avrò cura di inviare al sempre disponibile Cravarezza, vorrei chiederVi se potreste aiutarmi a definire dei particolari "charges" dell'araldica scozzese che appaiono sulla confezione di un noto alcolico i cui produttori definiscono "Scotland Prince of Wiskies'". In particolare, come noterete di seguito, ho rintracciato due diverse 'edizioni' della scatola cartacea.

Nella vecchia edizione si vedono rappresentati dei motivi ornamentali su tre diversi 'ordini' così divisi (dal basso verso l'alto):
a- figure di scozzesi in abito tradizionale (kilt), probabilmentre di diverse epoche, dall'alto medioevo all'età dell'assolutismo;
b- quadretti di battaglie (in una si vede un guerriero scoto che riposa in una grotta - Ossian?)
c- fascia propriamente araldica, ordinatata in due registri per facciata in cui si scorgono: un leone passante (il rosso di Scozia, quello dei Bruce o di Wallace?); un elmo affiancato da una rosa databile come stile al 1300-1400; una decusse (bandiera di Scozia) accantonata da un cuore, una testa di cinghiale, una rosa ed una nave (che richiama l'arme dei McDonald, McIntosh, McPherson, McLaine...), forse dovuta al ricordo delle incursioni norvegesi nelle Orcadi e nelle Shetlands; un castello, forse quello che appare sullo stemma di Edinburgo; un cardo sormontato da una corona regale (e sarà senz'altro allusivo al Cardo di Scozia, all'Ordine del Cardo e così via); due elementi decorativi in forma di pianta (rosone) ed uno strano disegno che sembra un candelabro sul quale campeggia un gallo.

Nella nuova edizione della stessa scatola sono più evidenti dei motivi cordiformi che separano le varie vignette, forse a ricordo di un passato marinaresco del quale però non sono certo (però ho visto in un altro topic l'albero dei McDuck nel quale compaiono alcuni commodori britannici), mentre ben noti erano i temibili quadrati di fanteria di highlanders, al posto dei personaggi in kilt vi sono altri heraldic charges:
a- fascia inferiore: cardo e rosa che sorgono da una sola radice, si vuole che questa figura sia stata introdotta allorquando il poeta W. Dunbar scrisse il poemetto "Ye thistle and ye rose" per l'avvenuto matrimonio tra James IV Stuart e Margaret principessa d'Inghilterra nel 1507; Uno stemma di clan sul quale non mi pronuncio, non avendo riscontri grafici da indagare, sormontato dal grido gaelico "treibhireas bunaiteachd" in bellissima capitale onciale insulare, la scrittura nazionale celtica (quella dei vangeli di Lindisfarne); si nota poi una rosa molto elaborata secondo lo stile dell'intreccio celtico; due chiavi con l'ingegno rivolto verso l'alto, anch'esse in decusse e dal manico intarsiato con delle figure araldiche (torre, giglio, leone); una croce celtica intarsiata affiancata da animali mitici (del tipo Book of Kell); un giglio richiamante probabilmente la bordura dello stemma nazionale oppure i significativi legami con la Francia; un'arpa gaelica, perchè gli Scoti provennero dall'Irlanda nel V-VI sec. d.C. e quivi fondarono il regno d'Albany; uno scudo rotondo con intarsi floreali caricato da due spade in stile '600 poste (guarda un po') in decusse anch'esse.

Ciò che vorrei proporre all'attenzione degli amici del forum sono le tre figure non identificate del terzo ordine, i due motivi floreali e quel candelabro accostato da due stemmi. Cosa è? Come si dovrebbe blasonare?

Cosa ne pensate delle altre interpretazioni? Sono stati scelti dei simboli nazionali per aumentare il prestigio di un prodotto ormai afferente ad una multinazionale? Notate i quadri della nuova edizione: su di una sorta di manto, pergamena, cuoio, sono poste due lance tornearie del secolo XIV. Le linee di separazione dei quadretti rappresentano un particolare charge araldico scozzese, una sorta di mostrina di marineria (sul quale sono, però, ignorante), oppure sono motivi scelti a piacere dall'estensore del bozzetto?

Che ne dite di divertirci un po' a decifrare questi simboli? Grazie per ogni Vs. prezioso suggerimento, aiuto, e (perchè no?) anche correzione.

In fede,
a.f.
[...] E allora non essere troppo generoso nel distribuire la morte nei tuoi giudizi [...] (J.R.R. Tolkien, Il Signore degli Anelli, Lib. I)
Avatar utente
Landenulfo da Sarno
 
Messaggi: 150
Iscritto il: domenica 4 luglio 2004, 14:03
Località: Sarno

Messaggioda T.G.Cravarezza » martedì 7 settembre 2004, 9:32

Gentili Signori,
ecco le immagini del famoso liquore:

Immagine

Immagine

Immagine
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6585
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Messaggioda Guglielmino » martedì 7 settembre 2004, 20:05

Abito vicino alla distilleria "Chivas Glenlivet". Spero d'aver delle notizie fra poco!

Guglielmino


***********************************************************
Alterius non sis
Avatar utente
Guglielmino
 
Messaggi: 44
Iscritto il: sabato 28 agosto 2004, 21:07
Località: Scozia

Messaggioda T.G.Cravarezza » mercoledì 8 settembre 2004, 10:32

Gentili Signori,
ecco ulteriori immagini sempre inviatemi dal gentile Landenulfo:

Immagine

Immagine

Immagine
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6585
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: L'Araldica scozzese come veicolo pubblicitario

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » giovedì 9 settembre 2004, 15:43

Landenulfo da Sarno ha scritto:...(omissis)...Uno stemma di clan sul quale non mi pronuncio, non avendo riscontri grafici da indagare, sormontato dal grido gaelico "treibhireas bunaiteachd" in bellissima capitale onciale insulare, la scrittura nazionale celtica (quella dei vangeli di Lindisfarne)...(omissis)...


Di sicuro, caro Landenulfo, questa divisa non è fra quelle pertinenti agli stemmi di clan scozzesi riconosciuti dallo Standing Council of Scottish Chiefs e dal Lyon King of Arms (quanto meno fino al 1975, anno cui mi risale l'informazione).

É qui appena il caso di sottolineare come i motti in gaelico siano un eccellente segno di pietas verso le radici di codeste dinastie, e come tali siano :P ricchi di significatività e tipicità (un po' come i motti in etrusco usati da noi italiani)... benché ci risultino oscuri e incomprensibili! :(

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Il grido d'arme...

Messaggioda Landenulfo da Sarno » venerdì 10 settembre 2004, 18:43

Grazie Tomaso e Guglielmino |attendo speranzoso| per l'interesse.
Caro fra' Eusanio, innanzitutto grazie per l'info. |sempre utili|.

Motti/Gridi che assolvono il ruolo di miti d'origine? Perchè no! In effetti di miti e di tradizioni adulterate la storia scozzese |e più in generale britannica| ne è piena, a partire dall'immaginaria Scota che avrebbe fondato il regno nel nord della Britannia alle gesta del "Braveheart", finanche al kilt inventato nel 1701 o giù di lì da un fabbricante di stoffe e subito acclamato come "antico costume del medioevo highlander". Furono poi squisiti scrittori come McPherson e W. Scott ad avvalorare queste "tradizioni" con le loro opere.

Non mi stupisco del fatto che grido e stemma non siano riconosciuti dal Lyon, ma potrebbe anche essere che la famiglia abbia deciso di non tutelarli presso l'ufficio araldico ma, molto più proficuamente |e quindi da scozzesi!|, abbia assimilato lo stemma alla produzione del whisky e quindi abbia realto quel simbolo alla marca produttrice.
[...] E allora non essere troppo generoso nel distribuire la morte nei tuoi giudizi [...] (J.R.R. Tolkien, Il Signore degli Anelli, Lib. I)
Avatar utente
Landenulfo da Sarno
 
Messaggi: 150
Iscritto il: domenica 4 luglio 2004, 14:03
Località: Sarno


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti