Pagina 1 di 1

Nastri fluttuanti fuori dallo scudo

MessaggioInviato: giovedì 5 novembre 2020, 21:58
da FP
Che significato hanno i nastri fluttuanti al di fuori degli scudi del '600 e inizio '700? Un esempio:

Immagine

Re: Nastri fluttuanti fuori dallo scudo

MessaggioInviato: venerdì 6 novembre 2020, 9:14
da marcello semeraro
Nessun significato specifico, semplici elementi decorativi.

Re: Nastri fluttuanti fuori dallo scudo

MessaggioInviato: venerdì 6 novembre 2020, 12:12
da Romegas
Esatto, puro ornamento estetico molto in voga a quei tempi.

Re: Nastri fluttuanti fuori dallo scudo

MessaggioInviato: venerdì 6 novembre 2020, 19:49
da nicolad72
Mero ornamento esteriore privo di significato araldico... nel disegno postato rappresenta il nastro con il quale, in modo figurativo, lo scudo è attaccato al muro

Re: Nastri fluttuanti fuori dallo scudo

MessaggioInviato: venerdì 6 novembre 2020, 21:26
da FP
nicolad72 ha scritto:Mero ornamento esteriore privo di significato araldico... nel disegno postato rappresenta il nastro con il quale, in modo figurativo, lo scudo è attaccato al muro


Eppure mi hanno detto, ma devo appurarlo, che alcuni nastri usati a mo' di corona in alcuni stemmi stanno a simboleggiare la nobiltà derivante da esercizio di Magistrature e quindi generosa...

Re: Nastri fluttuanti fuori dallo scudo

MessaggioInviato: sabato 7 novembre 2020, 0:01
da marcello semeraro
fesserie

Re: Nastri fluttuanti fuori dallo scudo

MessaggioInviato: sabato 7 novembre 2020, 20:45
da FP
marcello semeraro ha scritto:fesserie


Sono abituato sempre a dubitare e ad approfondire, ma con garbo.

Re: Nastri fluttuanti fuori dallo scudo

MessaggioInviato: giovedì 12 novembre 2020, 0:32
da Antonio Pompili
Certamente quando in araldica si tratta di nastri si tratta di meri elementi decorativi.

Ma in fondo delle stesse corone possiamo dire, e anzi diciamo normalmente, che si tratta di elementi ornamentali. Non per niente anche esse, pur essendosi evolute nel tempo come contrassegni di dignità in relazione a specifiche fattezze, fecero la loro comparsa e si imposero come timbri degli scudi per il loro valore decorativo. E in alcuni casi le corone tale generico valore ornamentale mantengono, come le corone che timbrano alcuni stemmi di ordini religiosi.

Un nastro è di sicuro solo genericamente elemento ornamentale, senza avere il valore di contrassegno e appartenenza che possono avere timbri e accollature.

Giustamente Nicola ha ricordato anche il valore figurativo come di elemento strutturale, laddove dei nastri, spesso con grande perizia artistica, sono stati rappresentati con lo scopo di far apparire lo scudo pendente da una parete o da un monumento.

Eppure in quel che tu affermi caro Francesco penso possiamo dire ci sia qualcosa di vero.

Seppure di fatto i nastri posti a mo' di corona non avevano il preciso valore di un riferimento a una qualsivoglia nobiltà, quando questi venivano rappresentati con certe posizioni e fattezze evidentemente intendevano richiamare l'insigne componente della corona osservabile in altre composizioni araldiche. E questo, seppure non poteva corrispondere ad arbitraria nobilitazione del titolare dello stemma, era certamente un artificio utile per dare un aspetto più fiero allo stemma medesimo.

Vorrei citare qui lo stemma dell'Opera della Cattedrale Metropolitana di Siena, in una duplice versione.

Immagine

Qui sopra un nastro che, idealmente appeso al muro, tiene, sempre idealmente, uno scudo a testa di cavallo e lo decora con semplice eleganza muovendosi sinuosamente dai suoi fianchi.

Immagine

Qui invece lo stesso stemma appare nella veste di uno scudo sagomato decorato da un nastro che, nel suo muoversi sopra il capo, richiama alquanto (e volutamente, possiamo ben pensare) una corona, per poi più sommessamente scendere ad ornare - diremmo da semplice umile nastro - i fianchi dello scudo.

Re: Nastri fluttuanti fuori dallo scudo

MessaggioInviato: giovedì 12 novembre 2020, 22:27
da FP
Antonio Pompili ha scritto:Certamente quando in araldica si tratta di nastri si tratta di meri elementi decorativi.

Ma in fondo delle stesse corone possiamo dire, e anzi diciamo normalmente, che si tratta di elementi ornamentali. Non per niente anche esse, pur essendosi evolute nel tempo come contrassegni di dignità in relazione a specifiche fattezze, fecero la loro comparsa e si imposero come timbri degli scudi per il loro valore decorativo. E in alcuni casi le corone tale generico valore ornamentale mantengono, come le corone che timbrano alcuni stemmi di ordini religiosi.

Un nastro è di sicuro solo genericamente elemento ornamentale, senza avere il valore di contrassegno e appartenenza che possono avere timbri e accollature.

Giustamente Nicola ha ricordato anche il valore figurativo come di elemento strutturale, laddove dei nastri, spesso con grande perizia artistica, sono stati rappresentati con lo scopo di far apparire lo scudo pendente da una parete o da un monumento.

Eppure in quel che tu affermi caro Francesco penso possiamo dire ci sia qualcosa di vero.

Seppure di fatto i nastri posti a mo' di corona non avevano il preciso valore di un riferimento a una qualsivoglia nobiltà, quando questi venivano rappresentati con certe posizioni e fattezze evidentemente intendevano richiamare l'insigne componente della corona osservabile in altre composizioni araldiche. E questo, seppure non poteva corrispondere ad arbitraria nobilitazione del titolare dello stemma, era certamente un artificio utile per dare un aspetto più fiero allo stemma medesimo.

Vorrei citare qui lo stemma dell'Opera della Cattedrale Metropolitana di Siena, in una duplice versione.

Immagine

Qui sopra un nastro che, idealmente appeso al muro, tiene, sempre idealmente, uno scudo a testa di cavallo e lo decora con semplice eleganza muovendosi sinuosamente dai suoi fianchi.

Immagine

Qui invece lo stesso stemma appare nella veste di uno scudo sagomato decorato da un nastro che, nel suo muoversi sopra il capo, richiama alquanto (e volutamente, possiamo ben pensare) una corona, per poi più sommessamente scendere ad ornare - diremmo da semplice umile nastro - i fianchi dello scudo.


Grazie Antonio! Ero certo avresti potuto illuminarmi. Ho trovato un caso esattamente identico al secondo che hai postato, davvero molto interessante!