Cimato e sostenente.

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

Cimato e sostenente.

Messaggioda Nunkij » lunedì 1 giugno 2020, 0:11

Salve a tutti,
esiste una vera differenza di utilizzo tra gli attributi cimato e sostenente? Oppure si utilizzano solo per dare a una figura maggiore importanza rispetto all'altra?
Inoltre sostenuto è equivalente a cimato o ha altre accezioni?

In pratica:

D'oro, alla torre di rosso, cimata da un uccello di nero.
D'oro, alla torre di rosso, sostenente un un uccello di nero.
D'oro, all'uccello di nero, sostenuto da una torre di rosso.

Sono blasoni equivalenti o leggendoli vi vengono in mente stemmi differenti?

Grazie a chi mi risponderà.
Avatar utente
Nunkij
 
Messaggi: 272
Iscritto il: domenica 15 aprile 2018, 13:47
Località: Firenze

Re: Cimato e sostenente.

Messaggioda marcello semeraro » lunedì 1 giugno 2020, 7:52

Secondo i dizionari blasonici, cimato si applica a figura o pezza la cui sommità ne sostiene un'altra, ma si usa anche per gli ornamenti esterni; sostenente si impiega per figura o pezza accompagnata da un'altra al di sopra di essa, quando vi è contatto.

Si tratta dunque, al di là delle sfumature che si possono rilevare caso per caso, di due sinonimi. Infatti, lo stesso De Boos, nel suo Dictionnaire du Blason, li considera tali.
URIA MATER
Avatar utente
marcello semeraro
 
Messaggi: 1193
Iscritto il: sabato 5 aprile 2014, 15:39
Località: Oria

Re: Cimato e sostenente.

Messaggioda Nunkij » lunedì 1 giugno 2020, 15:19

Grazie mille.
E per quanto riguarda la scelta di usare cimato/sostenente o sostenuto, secondo lei, si basa solo sull'importanza data a una figura?
Avatar utente
Nunkij
 
Messaggi: 272
Iscritto il: domenica 15 aprile 2018, 13:47
Località: Firenze

Re: Cimato e sostenente.

Messaggioda Antonio Pompili » martedì 9 giugno 2020, 11:16

Io non parlerei di importanza delle figure, ma solo di precisione.

Di una torre sulla quale è posato un uccello direi senza dubbio che essa è cimata. Si potrebbe usare in modo corretto anche sostenente. Ma la torre ha una cima. Il termine cimato va a segno. Sostenente sarebbe corretto, ma impreciso.

Se consideriamo altre figure si impone invece il termine più generico sostenente. Prendiamo ad esempio l'elegante stemma di Bobbio (http://www.comune.bobbio.pc.it/default.asp)
Qui dovremmo dire:
di rosso, alla croce d'argento, ogni braccio sostenente un colombo bianco, il destro rivolto.
Non potremmo usare in modo appropriato il termine cimato.

Porrei quindi la questione da diversa prospettiva da come l'ha posta il caro Marcello
marcello semeraro ha scritto:Si tratta dunque, al di là delle sfumature che si possono rilevare caso per caso, di due sinonimi. Infatti, lo stesso De Boos, nel suo Dictionnaire du Blason, li considera tali.

Direi che solo in alcuni casi i termini possono essere considerati sinonimi, con tutto il rispetto per il De Boos. E che per lo più sostenente può (con il suo valore più generico) essere usato per definire una figura che potremmo indicare come cimata, e che nel caso faremmo bene ad indicare così. Ma non tutto ciò che è sostenente lo potremmo indicare con esattezza concettuale, e dunque terminologica, come cimato.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3633
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Cimato e sostenente.

Messaggioda marcello semeraro » martedì 9 giugno 2020, 11:32

Sì certo caro don Antonio, infatti ho precisato
al di là delle sfumature che si possono rilevare caso per caso
.
URIA MATER
Avatar utente
marcello semeraro
 
Messaggi: 1193
Iscritto il: sabato 5 aprile 2014, 15:39
Località: Oria

Re: Cimato e sostenente.

Messaggioda Antonio Pompili » martedì 9 giugno 2020, 11:36

Mi perdonerai la pignoleria. Io non parlerei proprio di sinonimi. Nemmeno precisando circa "sfumature che si possono rilevare caso per caso". A mio modesto parere in alcuni casi sono sinonimi (e comunque mai perfettamente), in altri non lo sono affatto, senza sfumature.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3633
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Cimato e sostenente.

Messaggioda Nunkij » martedì 9 giugno 2020, 14:38

L'osservazione è molto interessante.
Vi pongo un altro quesito, quindi.

Ipotizziamo un castello con due torri con una colomba posata sopra di lui.

Il blasone

"D'oro, al castello di rosso cimato da una colomba d'argento"

ha senso? Cioè dato che se non viene specificata la posizione, verrà messa al centro e quindi sarà posata sull'antimuro. Questo però non costituisce la cima del castello in quanto le torri sono di sicuro più alte.
Può andare bene perché è l'unica rappresentazione possibile di questo blasone oppure anche in questo caso è usato impropriamente e sarebbe meglio utilizzare sostenente?

[edit] allo stesso modo una pezza spesso non ha una cima, quindi la colomba posta su una fascia non sarà descritta da "cimato" ma da sostenente". Giusto?
Avatar utente
Nunkij
 
Messaggi: 272
Iscritto il: domenica 15 aprile 2018, 13:47
Località: Firenze


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti