Stemma dei Brunacci di Montenovo

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

Stemma dei Brunacci di Montenovo

Messaggioda bibliotanfani » lunedì 4 maggio 2020, 22:44

Buonasera, ho bisogno di essere aiutata nella descrizione di questo stemma che appartenne alla famiglia dei Brunacci di Montenovo (oggi Ostra Vetere - Ancona).
Ho bisogno di sapere anche cosa sono quei decori (mi sembrano di carattere botanico) che si trovano sopra lo stemma e se fanno parte o meno dello stemma stesso o se sono soltanto dei decori utilizzati per legare lo stemma alla lapide che sta sopra.

Ringrazio quanti possono darmi un proprio contributo.

Saluti

Cinzia
Allegati
IMG-20200504-WA0003.jpg
bibliotanfani
 
Messaggi: 14
Iscritto il: giovedì 14 febbraio 2013, 19:00

Re: Stemma dei Brunacci di Montenovo

Messaggioda cleobulo » martedì 5 maggio 2020, 1:18

Salve se intende quei decori ai lati dell'elmo sono degli svolazzi, o lambrecchini https://it.wikipedia.org/wiki/Svolazzi
é possibile vedere l'iscrizione che sormonta lo stemma per intero? Dove si trova esattamente?
Avatar utente
cleobulo
 
Messaggi: 279
Iscritto il: sabato 13 settembre 2008, 16:54

Re: Stemma dei Brunacci di Montenovo

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » martedì 5 maggio 2020, 1:45

Ipotizzo una blasonatura (i colori sono indicati con xx dato che non li conosciamo);

Siemipartito troncato: nel primo di xx al giglio di xx, nel secondo di xx al giglio di xx, nel terzo di xx all' aquila xx posata sul monte xx con le ali aperte.

I decori sono solo ornamentali.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6995
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Stemma dei Brunacci di Montenovo

Messaggioda bibliotanfani » martedì 5 maggio 2020, 6:59

cleobulo ha scritto:é possibile vedere l'iscrizione che sormonta lo stemma per intero? Dove si trova esattamente?

Ora non ho la foto dell'intera lapide, ma me la procuro. Oggi si trova nel chiostro della Chiesa di Santa Croce dei frati minori di Ostra Vetere, ma prima si trovava in chiesa ed è un monumento funebre fatto fare dalla famiglia a Gaudenzio Brunacci nella chiesa dove è stato sepolto. È di fine 1600. Grazie per la sua riaposta.
bibliotanfani
 
Messaggi: 14
Iscritto il: giovedì 14 febbraio 2013, 19:00

Re: Stemma dei Brunacci di Montenovo

Messaggioda bibliotanfani » martedì 5 maggio 2020, 7:09

Alessio Bruno Bedini ha scritto:Ipotizzo una blasonatura (i colori sono indicati con xx dato che non li conosciamo);

Siemipartito troncato: nel primo di xx al giglio di xx, nel secondo di xx al giglio di xx, nel terzo di xx all' aquila xx posata sul monte xx con le ali aperte.

I decori sono solo ornamentali.


Un'aquila? Noi pensavamo fosse un corvo. Ma come si sceglievano i simboli da mettere negli stemmi? Era pura fantasia della famiglia che voleva adottarlo? Si voleva comunicare qualcosa di sè? E c'è un modo per trovare lo stemna con i colori che lo contraddistinguevano? Noi dei brunacci abbiamo solo questo stemma e un'altro non più leggibile che sormonta il portone della casa di loro proprietà. La famiglia si è estinta i primi anni del 1700.
bibliotanfani
 
Messaggi: 14
Iscritto il: giovedì 14 febbraio 2013, 19:00

Re: Stemma dei Brunacci di Montenovo

Messaggioda bibliotanfani » martedì 5 maggio 2020, 7:15

Chiedo ancora: perchè si metteva l'armatura?
bibliotanfani
 
Messaggi: 14
Iscritto il: giovedì 14 febbraio 2013, 19:00

Re: Stemma dei Brunacci di Montenovo

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » martedì 5 maggio 2020, 8:43

L'uccello effettivamente sembra più un corvo che un'aquila. Sulla scelta di questo simbolo non saprei.
In genere si sceglieva qualcosa che avesse assonanza col cognome, per rendere lo stemma immediatamente riconoscibile.
Mi vengono in mente le pignatte per i Pignatelli o la Merola per i Marullo
L'elmo sullo scudo dava anche esso delle informazioni. In questo caso senza corona potrebbe indicare una nobilta non titolata.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6995
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Stemma dei Brunacci di Montenovo

Messaggioda bibliotanfani » martedì 5 maggio 2020, 10:00

Alessio Bruno Bedini ha scritto:L'uccello effettivamente sembra più un corvo che un'aquila. Sulla scelta di questo simbolo non saprei.
In genere si sceglieva qualcosa che avesse assonanza col cognome, per rendere lo stemma immediatamente riconoscibile.
Mi vengono in mente le pignatte per i Pignatelli o la Merola per i Marullo
L'elmo sullo scudo dava anche esso delle informazioni. In questo caso senza corona potrebbe indicare una nobilta non titolata.


Ho letto su wikipedia che il corvo simboleggia l'oratoria e mi era sembrato adeguato visto che i Brunacci erano tutti dottori in legge, laureati come dice il figlio Pietro Paolo in "ambo i diritti".

Invece la scelta del giglio può significare una provenienza toscana? (perdonate se dico fesserie)
Sembrerebbe infatti che i nostri Brunacci provenissero da Peccioli in Toscana.

Riguardo all'ultima affermazione sull'indicazione di "una nobiltà non titolata", lo credo anch'io. Non credo fossero nobili. Ho trovato per Antonio Brunacci l'appellativo di "cavaliere".
bibliotanfani
 
Messaggi: 14
Iscritto il: giovedì 14 febbraio 2013, 19:00

Re: Stemma dei Brunacci di Montenovo

Messaggioda Romegas » martedì 5 maggio 2020, 15:46

Ho controllato nel libro dello Squarti Perla sulle famiglie nobili marchigiane e questa famiglia non compare. Nel blasonare lo stemma aggiungerei che il semipartito troncato e' doppimerlato alla guelfa.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 4906
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Stemma dei Brunacci di Montenovo

Messaggioda Antonio Pompili » mercoledì 6 maggio 2020, 0:33

Romegas ha scritto:Nel blasonare lo stemma aggiungerei che il semipartito troncato e' doppimerlato alla guelfa.

Per quel che posso vedere e capire, parlerei piuttosto di semipartito troncato, alla controdoppiomerlatura sulla partizione.
Non occorre specificare si tratti di merli alla guelfa, è sottinteso, essendo necessario blasonarne la forma solo se alla ghibellina.

Quanto alla natura del volatile resto nel dubbio. Io non escluderei nemmeno una colomba.
Però - semplice ipotesi - il nome Brunacci potrebbe pur essere espresso da una figura allusiva, di colore tendente al nero, scuro. Per questo, al di là delle fattezze non facilmente definibili, il corvo potrebbe essere la figura più a suo agio in questo stemma.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3624
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 18 ospiti

cron