stemma comune di Treviso

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

stemma comune di Treviso

Messaggioda Giorgio Aldrighetti » mercoledì 29 gennaio 2020, 22:03

Qualcuno conosce il motivo delle due stelle (8) al capo nell'arme della città di Treviso ? grazie sin d'ora...
Giorgio
Avatar utente
Giorgio Aldrighetti
 
Messaggi: 447
Iscritto il: domenica 2 aprile 2006, 14:04
Località: Chioggia

Re: stemma comune di Treviso

Messaggioda GJo » giovedì 30 gennaio 2020, 12:58

Come in altri casi si tratta solo, a mio modesto parere, di un segno di differenziazione rispetto agli altri Comuni che usavano (ed usano) un segno così diffuso, specie nel nord Italia, come la croce d'argento su fondo rosso (solo in provincia di Treviso troviamo Castelfranco Veneto e Oderzo (entrambi con croce e stelle) oltre Ceneda – ora parte di Vittorio Veneto – che usava la sola croce); naturalmente non manca la (un po' confusa) spiegazione mitico-religiosa:
Si legge nella Storia di Trevigi di Giovanni Bonifacio, rodigino, del 1591: E volendo i Trevisani dar segno della loro cristiana religione (nei primordi del Cristianesimo) lasciando la loro arma, la torre, levarono la Croce bianca in campo rosso, con due stelle nella parte superiore, per esprimere che essi, con la purità delle loro candide coscienze, e lo spargimento del loro vermiglio sangue, erano pronti a portare la Croce con isperanza di esser collocati nel Cielo: ove nel cospetto della Divina Gloria, abbiano a risplendere come chiarissime stelle.
Testo da: Antonio Furlanetto, Guida di Treviso e la Marca trevigiana. Monografia e guida illustrata. Storia - Geografia - Arte e artisti - Itinerari Turistici - Pianta della Città - Carta della provincia - 28 schizzi dell'autore, Poligrafiche Bolis, Bergamo, 1963, p. 28.

La "torre" – in realtà rappresentazione della città turrita – nominata non è nient'altro che il sigillo della Città – la cui prima testimonianza è del 1330 e che ora viene usato quale stemma della Provincia – che per un certo periodo, a partire dal 1826, data del decreto imperial-regio di riconoscimento, fu usato quale emblema civico. Lo stemma con le stelle e la croce fu ripristinato grazie ai giusti rilievi di Luigi Coletti (espressi in Luigi Coletti, Lo stemma e il sigillo di Treviso, in «Arte nostra. Bollettino dell'Associazione per il patrimonio artistico trevigiano, I, 1910, pp. 29-36) e venne riconosciuto con decreto del Capo del Governo in data 22 agosto 1941.
GJo
 
Messaggi: 156
Iscritto il: giovedì 16 luglio 2009, 13:54

Re: stemma comune di Treviso

Messaggioda Giorgio Aldrighetti » giovedì 30 gennaio 2020, 13:28

Grazie di cuore...
Giorgio
Avatar utente
Giorgio Aldrighetti
 
Messaggi: 447
Iscritto il: domenica 2 aprile 2006, 14:04
Località: Chioggia

Re: stemma comune di Treviso

Messaggioda GJo » giovedì 30 gennaio 2020, 14:23

Si figuri, di niente.
GJo
 
Messaggi: 156
Iscritto il: giovedì 16 luglio 2009, 13:54

Re: stemma comune di Treviso

Messaggioda Cawdor » giovedì 30 gennaio 2020, 19:20

Avatar utente
Cawdor
 
Messaggi: 1003
Iscritto il: martedì 29 aprile 2008, 14:48

Re: stemma comune di Treviso

Messaggioda Giorgio Aldrighetti » giovedì 30 gennaio 2020, 19:32

Dire grazie, é dir poco,
Giorgio
Avatar utente
Giorgio Aldrighetti
 
Messaggi: 447
Iscritto il: domenica 2 aprile 2006, 14:04
Località: Chioggia

Re: stemma comune di Treviso

Messaggioda GJo » lunedì 3 febbraio 2020, 17:13

La quantità degli esempi di stemmi di comuni italiani recanti la croce rende evidente la citata affermazione del Louda circa la difficoltà che si incontra nel distinguere le varie città del nostro Paese attraverso le loro insegne araldiche. Proprio tale difficoltà di riconoscimento si trova, forse, alla base del fatto che talune croci cittadine risultano accompagnate da altre figure. Per tutti i possibili esempi valga quello che offre lo stemma comunale di Treviso: “di rosso, alla croce d’argento, accompagnata nei due cantoni superiori da due stelle dello stesso”; l’aggiunta delle due stelle rimonta ad un’epoca sicuramente non posteriore all’anno 1315, come dimostra un documento notarile di detto anno, riguardante la dipintura di una porta della città: nell’istrumento si legge testualmente che sulla porta si dovevano effigiare ab utroque latere clipeos armature comunis Tarvisii cum crucibus et stellis argenteis(70).


Luigi Borgia, Introduzione allo studio dell’araldica civica italiana, con particolare riferimento alla Toscana, in Gli stemmi dei comuni toscani al 1860 dipinti da Luigi Paoletti e descritti da Luigi Passerini, a cura di Gian Piero Pagnini, Polistampa - Giunta regionale toscana, Firenze, 1991, p. 91

(70) Cit. in A. Marchesan, Treviso medievale, Treviso, 1923, p. 398.
GJo
 
Messaggi: 156
Iscritto il: giovedì 16 luglio 2009, 13:54

Re: stemma comune di Treviso

Messaggioda Giorgio Aldrighetti » lunedì 3 febbraio 2020, 19:01

Ancora un grande GRAZIE di cuore...Il prof. Luigi Borgia é un mio amico, da una vita, anche se é molto che non lo sento...
Giorgio
Avatar utente
Giorgio Aldrighetti
 
Messaggi: 447
Iscritto il: domenica 2 aprile 2006, 14:04
Località: Chioggia


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti