Stemma visconteo

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

Stemma visconteo

Messaggioda Giorgio Aldrighetti » giovedì 21 febbraio 2019, 15:27

Qualche forumista mi può cortesemente chiarire quali erano gli smalti e le figure dello scudo visconteo nei secoli XIV e XV e il tipo di corona che timbrava tali scudi. Grazie sin d'ora.
Quanto sopra vedendone proprio - come si suol dire - "di tutti i colori" ...
Giorgio
Avatar utente
Giorgio Aldrighetti
 
Messaggi: 418
Iscritto il: domenica 2 aprile 2006, 14:04
Località: Chioggia

Re: Stemma visconteo

Messaggioda Jean.de. Courtois » giovedì 21 febbraio 2019, 17:11

leggo da Wikipedia ( e stavolta mi sembra attendibile) : https://it.wikipedia.org/wiki/Visconti



Viene offerto dal comune di Milano a uno della nobilissima stirpe dei Visconti che ne sembri il più degno un vessillo con una biscia dipinta in azzurro che inghiotte un saraceno rosso; e questo vessillo si porta innanzi ad ogni altro; e il nostro esercito non si accampa mai se prima non vede sventolare da un'antenna l'insegna della biscia. Questo privilegio si dice concesso a quella famiglia in considerazione delle vittoriose imprese compiute in Oriente contro i saracini da un Ottone Visconti valorosissimo uomo.»

(Bonvesin de la Riva, De magnalibus urbis Mediolani[50])

Secondo il libro Storia di Milano (1945) di Alessandro Visconti, lo stemma dei Visconti fu in origine uno dei vessilli del Comune di Milano: era una bandiera bianca che riproponeva in azzurro il serpente della basilica di Sant'Ambrogio. A seguito della crociate vi posero l'insegna di un saraceno sanguinante[51].

In molti dimostrabili esempi la stessa iconografia risale al tardo impero romano ed è prodotto della nuova fede cristiana che, come simbolo di resurrezione e profezia, adoperano l'immagine di Giona, che nell'Antico e nel Nuovo Testamento viene ingoiato e, dopo tre giorni, vomitato da un grande pesce, raffigurato dagli artisti dell'epoca come un biscione.

Il poeta forlivese Giacomo Allegretti, nel XIV secolo, scrisse un carme sulla "bissa milanese", cioè il biscione. Nello stemma dei Visconti il mostro, persa la sua caratterizzazione di "cattivo", porta in bocca un uomo. Non dovendo più seminare paura tra i nemici, viene amichevolmente chiamato col nome di "biscione".

Una leggenda popolare vuole che il biscione sia stato aggiunto allo stemma di famiglia dopo che un esponente della famiglia Visconti, al seguito dell'imperatore di Germania come generale, avendo trovato una vipera nell'elmo, senza scomporsi l'abbia presa con la mano e gettata lontano senza venire morso da questa.
Jean.de. Courtois
 
Messaggi: 95
Iscritto il: lunedì 7 novembre 2011, 18:10

Re: Stemma visconteo

Messaggioda Giorgio Aldrighetti » giovedì 21 febbraio 2019, 19:27

Grazie
Giorgio
Avatar utente
Giorgio Aldrighetti
 
Messaggi: 418
Iscritto il: domenica 2 aprile 2006, 14:04
Località: Chioggia

Re: Stemma visconteo

Messaggioda Jean.de. Courtois » venerdì 22 febbraio 2019, 16:59

de nada, sono contento se le sono stato un po' utile.

grazie a lei

con stima
jean
Jean.de. Courtois
 
Messaggi: 95
Iscritto il: lunedì 7 novembre 2011, 18:10

Re: Stemma visconteo

Messaggioda Giorgio Aldrighetti » venerdì 22 febbraio 2019, 19:13

Grazie ancora...
Giorgio
Avatar utente
Giorgio Aldrighetti
 
Messaggi: 418
Iscritto il: domenica 2 aprile 2006, 14:04
Località: Chioggia


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti