Creazione stemma di famiglia

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: Antonio Pompili, mcs

Creazione stemma di famiglia

Messaggioda rnd » lunedì 3 settembre 2018, 20:23

Buonasera,

da un po' di tempo seguo questo forum, in cui ho trovato diversi consigli e suggerimenti significativi, ed ora, dopo una serie di elucubrazioni e tentativi con Inkscape, vi scrivo per chiedervi un parere.

È da qualche tempo che mi sono messo in testa di creare uno stemma di famiglia, un segno di riconoscimento, e questo è il risultato dei miei tentativi (ho anche messo qualche decorazione ed un motto, quindi tecnicamente dovrebbe essere un'arma):

Immagine

Trattasi di stemma parlante, le figure riflettono direttamente il mio cognome e quello di mia moglie. Ho persino tentato una blasonatura, pur senza avere alcuna conoscenza in materia [sorry.gif]: Troncato, d'oro, all'orso bianco passante, e di rosso, alla conchiglia. Non c'è un motivo particolare per cui l'orso debba essere bianco piuttosto che "al naturale", tuttavia mi piace così. [thumbup.gif] La scelta dei colori è sicuramente poco originale: non abbiamo nulla a che fare con Napoli, la Sicilia ecc... (ho visto che la combinazione rosso-oro è moooooolto comune), abbiamo soltanto scelto separatamente il colore che preferiamo.

Le domande che voglio porvi sono:
  1. C'è qualche cosa di non corretto o inusuale nello stemma o nella blasonatura?
  2. Sto forse plagiando qualche stemma esistente, che voi sappiate?
  3. Avete qualche osservazione, in generale? [hmm.gif]

Vi ringrazio in anticipo per l'aiuto che vorrete darmi. [notworthy.gif]
Avatar utente
rnd
 
Messaggi: 5
Iscritto il: martedì 21 agosto 2018, 12:58

Re: Creazione stemma di famiglia

Messaggioda Antonio Pompili » lunedì 3 settembre 2018, 21:29

Innanzitutto mi è lieto rivolgerle un caloroso saluto a titolo personale come a nome di tutto il nostro forum, da ora - e spero per molto ancora - il suo forum!

Eccoci dunque alle richieste relative al suo stemma.
rnd ha scritto:[*]C'è qualche cosa di non corretto o inusuale nello stemma o nella blasonatura?
[*]Sto forse plagiando qualche stemma esistente, che voi sappiate?
[*]Avete qualche osservazione, in generale?


Quanto al blasone proposto si può migliorare, sicuramente in primo luogo specificando lo smalto della conchiglia. Lo stemma in sé è ben composto. Mi limito a parlare dello scudo, per gli ornamenti ci vorrebbe un discorso a parte. Nulla impedisce che un orso possa essere rappresentato di bianco, in fondo ne esistono anche in natura. Se pensasse specificamente a un orso polare potremmo parlare di orso polare, passante, al naturale. Meno facile da accettare per una certa visione puristica dell'araldica sarebbe la conchiglia di bianco. Ma personalmente sono per una visione dell'araldica pura e non per una visione puristica dell'araldica.

Escludere l'esistenza da qualche parte del mondo di uno stemma identico a quello ideato ex-novo da una persona non è impresa facile. Qui verrebbe poi tutto il discorso circa le armi che hanno ottenuto in un modo o nell'altro un riconoscimento araldico e quelle che sono semplicemente frutto di libera creazione. Ad ogni modo, soprattutto per il colore delle figure lo stemma forse non avrà altissime probabilità di esser involontario clone di altro preesistente.

Osservazioni in generale… riferendomi alla composizione (per la realizzazione grafica il discorso sarebbe diverso), direi che è un'arma semplice, il che in araldica è un pregio, e anche abbastanza originale. Anche se non posso far a meno di pensare a un'ispirazione allo stemma di Benedetto XVI.
Complimenti per il motto, pure originalissimo e di squisita estrazione biblica!
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3499
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Creazione stemma di famiglia

Messaggioda Romegas » lunedì 3 settembre 2018, 22:33

Gli svolazzi dovrebbero partire dalla cima dell'elmo. Poi non comprendo la distinzione tra puro e puristico fatta da Don Antonio.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 4501
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Creazione stemma di famiglia

Messaggioda Antonio Pompili » lunedì 3 settembre 2018, 23:15

Forse nel contesto più ampio del discorso che ho fatto sopra la mia breve riflessione sul puro/puristico è poco importante.
E tuttavia, visto che è richiesta una chiarificazione del mio pensiero, volentieri la fornisco. Dicendo che sono "per una visione dell'araldica pura e non per una visione puristica dell'araldica", intendevo dire che l'araldica nel suo senso più puro, cioè autentico, genuino, in quanto è insieme scienza ed arte va vista con tutto il rigore di una scienza quanto alla metodologia con cui deve essere approcciata, ma va vista anche con la poliedrica prospettiva con cui l'arte va ammirata nelle sue manifestazioni e nelle sue evoluzioni.
Per una visione puristica - tipica della manualistica dell'epoca barocca e post-barocca, acritica e un po' troppo dogmatica - l'uso del bianco, forse più passabile per un orso, su di una conchiglia sarebbe piuttosto da evitare in favore di un colore o di un metallo 'puro', cioè convenzionale.
Ma si trattava di una riflessione fatta per inciso e con nessuna pretesa di inoppugnabilità.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3499
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Creazione stemma di famiglia

Messaggioda Romegas » martedì 4 settembre 2018, 5:35

Grazie per la risposta.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 4501
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Creazione stemma di famiglia

Messaggioda rnd » martedì 4 settembre 2018, 6:45

Antonio Pompili ha scritto:Innanzitutto mi è lieto rivolgerle un caloroso saluto a titolo personale come a nome di tutto il nostro forum, da ora - e spero per molto ancora - il suo forum!


Grazie mille, per il benvenuto e per la risposta dettagliata! :D

Antonio Pompili ha scritto:Quanto al blasone proposto si può migliorare, sicuramente in primo luogo specificando lo smalto della conchiglia.


Antonio Pompili ha scritto:Se pensasse specificamente a un orso polare potremmo parlare di orso polare, passante, al naturale. Meno facile da accettare per una certa visione puristica dell'araldica sarebbe la conchiglia di bianco. Ma personalmente sono per una visione dell'araldica pura e non per una visione puristica dell'araldica.


In effetti la questione conchiglia mi era sfuggita. Dal momento che è opportuno inserire il suo smalto nel blasone, potrei considerara argentata: in questo modo potrebbe essere giustificata una rappresentazione bianca, oppure è meglio che la faccia un po' sul grigio?

Per quanto riguarda l'orso, in effetti, pensavo proprio ad un orso polare.

La seconda versione del blasone in fieri, quindi, potrebbe essere: troncato, d'oro, all'orso polare, passante, al naturale e di rosso, alla conchiglia d'argento

Antonio Pompili ha scritto:Mi limito a parlare dello scudo, per gli ornamenti ci vorrebbe un discorso a parte.

Romegas ha scritto:Gli svolazzi dovrebbero partire dalla cima dell'elmo.


In effetti ho dedicato diverso tempo a concepire lo stemma mentre ho aggiunto gli ornamenti soltanto pochi giorni fa, con questi due intenti:
  1. Anche gli ornamenti devono essere semplici, come lo scudo.
  2. Evitare l'inserimento di immagini che rimandassero a titoli di nobiltà o chissà cos'altro.

Questi due obiettivi sono sicuramente compatibili. [cool.gif]

Antonio Pompili ha scritto:Ad ogni modo, soprattutto per il colore delle figure lo stemma forse non avrà altissime probabilità di esser involontario clone di altro preesistente.


In effetti questo è il principale motivo per cui ho scelto un orso b̶i̶a̶n̶c̶o̶ polare, al naturale.

Antonio Pompili ha scritto:riferendomi alla composizione (per la realizzazione grafica il discorso sarebbe diverso), direi che è un'arma semplice, il che in araldica è un pregio, e anche abbastanza originale.


Ottima osservazione: la semplicità dello stemma (e, anche se sto ancora elucubrando, dell'intera arma) è proprio uno dei messaggi che volevo codificare. Si tratta infatti di una caratteristica di famiglia che nasce dall'interazione tra me e la consorte. [sweatdrop.gif]

La realizzazione grafica è soltanto un bozzetto, che ho avuto cura di realizzare in un formato vettoriale. Sebbene abbia fatto solo qualche ricerca, il concetto che in uno stemma, a differenza dei loghi e dei marchi registrati, quello che conta è la composizione, rispetto ad una singola rappresentazione grafica, mi è entrato bene in testa. [thumb_yello.gif]

Antonio Pompili ha scritto:Anche se non posso far a meno di pensare a un'ispirazione allo stemma di Benedetto XVI.


Oibò, indubbiamente! Ora che l'ho rivisto mi rendo conto che, tra i numerosi stemmi che ho visto prima, durante, e dopo la creazione del mio c'era sicuramente anche quello di Benedetto XVI, l'avevo rimosso completamente. :o

Antonio Pompili ha scritto:Complimenti per il motto, pure originalissimo e di squisita estrazione biblica!


In questo caso il criterio di scelta è stata la domanda: "qual è la cosa più importante per questa famiglia?". Passando di scrematura in scrematura siamo arrivati a questo, il resto viene di conseguenza. In particolare questa frase è presa dal libro di Daniele 14,25. Il profeta, intento a smascherare gli idoli che i persiani gli mettono davanti di volta in volta, dice questa frase al re: oltre alla parte positiva dell'affermazione, infatti, è significativa la parte negativa in essa implicita (adoro il Signore mio Dio, non l'idolo di terracotta, il drago ecc...). Gli idoli di oggi sono ben altri, ma il messaggio rimane lo stesso. ;)
Avatar utente
rnd
 
Messaggi: 5
Iscritto il: martedì 21 agosto 2018, 12:58

Re: Creazione stemma di famiglia

Messaggioda Antonio Pompili » martedì 4 settembre 2018, 9:17

rnd ha scritto:In effetti la questione conchiglia mi era sfuggita. Dal momento che è opportuno inserire il suo smalto nel blasone, potrei considerara argentata: in questo modo potrebbe essere giustificata una rappresentazione bianca, oppure è meglio che la faccia un po' sul grigio?

Per quanto riguarda l'orso, in effetti, pensavo proprio ad un orso polare.

La seconda versione del blasone in fieri, quindi, potrebbe essere: troncato, d'oro, all'orso polare, passante, al naturale e di rosso, alla conchiglia d'argento

In effetti ho dedicato diverso tempo a concepire lo stemma mentre ho aggiunto gli ornamenti soltanto pochi giorni fa, con questi due intenti:
  1. Anche gli ornamenti devono essere semplici, come lo scudo.
  2. Evitare l'inserimento di immagini che rimandassero a titoli di nobiltà o chissà cos'altro.

Certamente se la conchiglia deve essere d'argento andrà riempita di uno smalto che la distingua chiaramente dal bianco naturale dell'orso polare. In una rappresentazione vettoriale un grigio chiaro è sufficiente allo scopo.

Il blasone va bene ma migliorerei la punteggiatura, che anche nel linguaggio araldico ha la sua importanza:
Troncato: nel 1° d'oro, all'orso polare, passante, al naturale; nel 2° di rosso, alla conchiglia d'argento.

Quanto agli ornamenti il discorso é più complesso. Nulla impedisce che in uno stemma realizzato ex-novo ai nostri giorni possa apparire come timbro dello scudo un elmo ornato di svolazzi. Anche io ne realizzo se è desiderio del committente, ma non lo consiglio mai, anzi in genere tendo a sconsigliarlo. Ma se proprio si ha questo desiderio (parliamo di valore puramente ornamentale non essendo prevedibile alcun contrassegno di nobiltà in questo caso), è bene realizzare l'elmo in linea con le ultime regolamentazioni date in materia nel nostro Paese al tempo della Monarchia. Un elmo a cancelli e di tre quarti era previsto nella legislazione araldica del Regno d'Italia per gradi nobiliari.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3499
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Creazione stemma di famiglia

Messaggioda rnd » martedì 4 settembre 2018, 13:09

Antonio Pompili ha scritto:Nulla impedisce che in uno stemma realizzato ex-novo ai nostri giorni possa apparire come timbro dello scudo un elmo ornato di svolazzi. Anche io ne realizzo se è desiderio del committente, ma non lo consiglio mai, anzi in genere tendo a sconsigliarlo. Ma se proprio si ha questo desiderio (parliamo di valore puramente ornamentale non essendo prevedibile alcun contrassegno di nobiltà in questo caso), è bene realizzare l'elmo in linea con le ultime regolamentazioni date in materia nel nostro Paese al tempo della Monarchia. Un elmo a cancelli e di tre quarti era previsto nella legislazione araldica del Regno d'Italia per gradi nobiliari.


In effetti elmo e svolazzi sono decorazioni frutto di un compromesso. [sweatdrop.gif]

Sulla base delle indicazioni che, tra l'altro, sono riportate in questo forum (http://iagiforum.info/viewtopic.php?f=1&t=18878), ho sistemato un po' le decorazioni. Sebbene non abbiano ormai alcun valore legale, quelle leggi sono delle ottime linee guida.

Immagine

Grazie mille per le indicazioni.
Avatar utente
rnd
 
Messaggi: 5
Iscritto il: martedì 21 agosto 2018, 12:58

Re: Creazione stemma di famiglia

Messaggioda Tilius » martedì 4 settembre 2018, 20:24

Temo che non abbia ancora fatto completamente suo il concetto di lambrecchini/svolazzi.
Nelle armature, gli svolazzi o lambrecchini erano strisce di stoffa che scendevano dalla cima dell'elmo, probabilmente con l'originario scopo di proteggerlo dall'eccessiva esposizione ai raggi solari. Pertanto, gli svolazzi in araldica scendono dalla cima dell'elmo, ove sono trattenuti dal cercine.
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12300
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Creazione stemma di famiglia

Messaggioda rnd » mercoledì 5 settembre 2018, 11:22

Tilius ha scritto:Temo che non abbia ancora fatto completamente suo il concetto di lambrecchini/svolazzi.
Nelle armature, gli svolazzi o lambrecchini erano strisce di stoffa che scendevano dalla cima dell'elmo, probabilmente con l'originario scopo di proteggerlo dall'eccessiva esposizione ai raggi solari. Pertanto, gli svolazzi in araldica scendono dalla cima dell'elmo, ove sono trattenuti dal cercine.


Chiarissimo (spero). Avevo male interpretato, pensavo che bastasse aggiungere un cercine. [ops.gif]

Ho fatto un ulteriore tentativo, portando gli svolazzi in alto. Può andare, oppure è opportuno collegare in modo più evidente gli svolazzi ed il cercine?

Immagine

Grazie di nuovo.
Avatar utente
rnd
 
Messaggi: 5
Iscritto il: martedì 21 agosto 2018, 12:58

Re: Creazione stemma di famiglia

Messaggioda Tilius » mercoledì 5 settembre 2018, 12:13

rnd ha scritto:Ho fatto un ulteriore tentativo, portando gli svolazzi in alto. Può andare, oppure è opportuno collegare in modo più evidente gli svolazzi ed il cercine?

Già perfetto così. [thumb_yello.gif]
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12300
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti