Pagina 3 di 4

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: lunedì 30 aprile 2018, 21:07
da Tilius
PS: se interessa, l'illuminante foglietto é in vendita - a un prezzo abominevolmente alto per il bibliofilo, ma ridicolmente basso per il ricercatore che abbia eletto questa famiglia a propria terra incognita d'esplorazione - presso una libreria antiquaria di Vienna (Antiquariat MEINDL & SULZMANN).

https://www.zvab.com/servlet/BookDetail ... ortby%3D20

Langue lì da tre anni: confido che, sborsando la pecunia e avendolo fra le mani, lo stemmino sarebbe assai più chiaramente discernibile.

Quel che é certo é che non vi sono leoni.
Quel che é certo é che non vi sono sbarre.
Quel che é certo é che non vi sono teste di moro.
Quel che é certo é che non vi sono nemmeno le conseguenti sceneggiature, a base di scontri crociati sui flutti mediterranei.
'Ste cose lasciamole a Game of Thrones. [dev.gif]

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: lunedì 30 aprile 2018, 22:13
da Tilius
b. ha scritto:A destra mi sembra di intravedere un soffiante Borea/Aquilone con paffute guance ;)


[eek.gif]

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: martedì 1 maggio 2018, 8:45
da Strikeiron
Tilius ha scritto:PS: se interessa, l'illuminante foglietto é in vendita - a un prezzo abominevolmente alto per il bibliofilo, ma ridicolmente basso per il ricercatore che abbia eletto questa famiglia a propria terra incognita d'esplorazione - presso una libreria antiquaria di Vienna (Antiquariat MEINDL & SULZMANN).

https://www.zvab.com/servlet/BookDetail ... ortby%3D20

Langue lì da tre anni: confido che, sborsando la pecunia e avendolo fra le mani, lo stemmino sarebbe assai più chiaramente discernibile.

Quel che é certo é che non vi sono leoni.
Quel che é certo é che non vi sono sbarre.
Quel che é certo é che non vi sono teste di moro.
Quel che é certo é che non vi sono nemmeno le conseguenti sceneggiature, a base di scontri crociati sui flutti mediterranei.
'Ste cose lasciamole a Game of Thrones. [dev.gif]


Mi perdoni, ma avanzo un siderale volo pindarico [dev.gif]
Quello potrebbe non essere lo stemma familiare, ma più semplicemente l'antisegnano dell'immagine marketing del prodotto (un po' come fare l'immagine del cinghiale per il brioschi!). Ovvero l'illustrazione di una boccetta del balsamo (leggi intruglio) purificatore del sangue con quello che si può trovare al suo interno (le montagne o la terra, l'aria e probabilmente non una banda ma il "livello del liquido" all'interno o più semplicemente l'acqua). Ai tempi facevano i trochisci (ostie) di carne di vipera perché la concezione di antidotismo era un po' TANTO fuori dai canoni moderni. Secondo me in quell'illustrazione fanno semplicemente vedere all'interno della boccetta una rappresentazione degli umori.
Tenderei invece a pensare che quello stemma internet (leone, bandiera bavarese e testa di Moro) sia reale, non in base alle mie interpretazioni ma alle Vostre. Ci sta tutto che una famiglia di parvenu, stabilizzati i commerci in Baviera, abbia voluto fare la ruota come il pavone con i concittadini porelli del paese d'origine affermando le proprie (false o più precisamente acquisite) origini Bavaresi. (Un po' come il "nah nah" di Nelson nei Simpson)
Quel foglietto illustrativo giace da tre anni a Vienna a prendere polvere? Scommetto che non include le spese di spedizione. [dev.gif]

Comunque Vi ringrazio molto, siete riusciti a fare piena luce su tutto. Non penso che si possa trovare altro sulla situazione.
Evito ai vostri poveri occhi il simbolo dei Gracco che la signora tedesca mi ha mostrato come "nuova scoperta". I Vostri occhi potrebberop autodistruggersi in 10 secondi dato il "valore" in rotolo di fibre di cellulosa del documento! [throw.gif]

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: martedì 1 maggio 2018, 9:32
da Tilius
Strikeiron ha scritto:Quello potrebbe non essere lo stemma familiare

Quello é lo stemma familiare, attestato come tale da elmo e iniziali affiancate allo stemma, in un documento coevo.

La plasticosa riproduzione sulla facciata del palazzetto non ha, per l'attuale evidenza documentaria, alcuna base che non sia una foto presa da un sito internet, foto riproducente uno stemma dipinto dall'aria non molto antica.

Veda lei quale soluzione le é più comodo fare propria.

PS: personalmente sarei curioso di vedere l'ultima scoperta.

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: martedì 1 maggio 2018, 9:45
da Strikeiron
No, non non vado per comodità. Vado per curiosità. Ora stavo vedendo che le montagne possono essere un simbolo di possedimenti montani (i livelli dati in garanzia dai Cramars per intraprendere l'attività di Materialisten?) e Borea rappresenta semplicemente i venti freddi.
Prima di tutto indagherò da dove proviene il simbolo plasticoso.
Ps in Friuli dicono "lassin piardi" che rende l'idea. [thumbdown.gif]

Pps... sto leggendo, grazie allo Smithsonian https://archive.org/details/grammaticaaraldi00trib

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: martedì 1 maggio 2018, 17:46
da marcello semeraro
sto leggendo, grazie allo Smithsonian https://archive.org/details/grammaticaaraldi00trib


Si tenga lontano da testi come questo. Rappresentano una visione vecchia e "simbolista" dell'araldica che ormai è stata superata da tempo. Tenga presente che gli stemmi non sono "simboli", ma perlopiù "emblemi", la cui funzione non è quella di nascondere chissà quali arcani significati, ma, al contrario, quella di mostrare l'identità del possessorre dell'arma. Pensi alle maglie calcistiche e al telecronistra che distingue le due squadre in base ai loro colori emblematici. Ecco, se sostituisce le squadre con i cavalieri di un torneo, di una giostra o di un campo di battaglia medievali e lo speaker con l'araldo, capirà che la funzione originaria degli stemmi non era quella di nascondere, ma, appunto, quella di palesare. Il pretesto "simbolismo araldico" è una costruzione apocrifa operata dai trattatisti del XVII secolo, che tanto danno hanno arrecato alla scienza del blasone e alla sua percezione.
Se le servono dei validi riferimenti bibliografici per avvicinarsi alla materia, basta chiedere e Tillius e gli altri del forum.

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: martedì 1 maggio 2018, 18:28
da Romegas
Infatti come da me scritto precedentemente basta cercare nel forum e ci sono dei testi consigliati di araldica.

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: martedì 1 maggio 2018, 18:31
da marcello semeraro
Romegas ha scritto:Infatti come da me scritto precedentemente basta cercare nel forum e ci sono dei testi consigliati di araldica.


;)

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: martedì 1 maggio 2018, 20:49
da Strikeiron
Romegas ha scritto:Infatti come da me scritto precedentemente basta cercare nel forum e ci sono dei testi consigliati di araldica.


E' quello che ho fatto!

viewtopic.php?f=7&t=2496#p32062

Se poi non concordate tra Voi, decidetevi! [thumb_yello.gif]

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: martedì 1 maggio 2018, 21:05
da Strikeiron
Ps: e comunque sono sicuro che il Signor Tilius, che mi ha preso in giro costantemente fino ad ora (con benevolenza e in modo ben accetto e ben giustificato per la mia dabbenaggine) è sicuramente una persona degna di fiducia e da ascoltare (così come il Signore che ha trovato il documento nell'antiquario di Vienna... una chicca!). Il testo che ho trovato sopra era l'unico online immediatamente reperibile e per diletto mi sono messo a leggerlo. Non ambisco assolutamente ad essere uno studioso fatto e formato. Si può essere (nel mio caso) hobbisti o dilettanti allo sbaraglio, o forse dopo anni di studio farsi appena appena un'idea. A me la storia è sempre piaciuta: nel passato impariamo qualcosa per il futuro (magari fosse così) e ritengo che prima di scrivere o di farsi un'idea sia necessario informarsi. Immagino avrete interpretato le mie domande come domande di uno sciocco e di un incompetente (quale sono) ma non pensiate che io sia una persona incapace di imparare. L'ho fatto per tutta la vita e continuerò a farlo. Per aver posto delle domande mi sono sentito dare dello stupido o dell'idiota (all'università questo). Pazienza. Meglio porsele le domande e ragionarci sopra. Ecco tutto.
Scusate la mia logorrea ma questo era per ringraziarVi TUTTI della Vostra pazienza e delle informazioni e per chirirVi che non era mia intenzione farVi perdere tempo a mio profitto... l'unica colpevole di questa mai è la mia testardaggine.
Buona vita!
[notworthy.gif]

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: martedì 1 maggio 2018, 21:07
da Romegas
Ben fatto, pero' guardi anche sotto "manuali di araldica".

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: martedì 1 maggio 2018, 21:09
da Strikeiron
Romegas ha scritto:Ben fatto, pero' guardi anche sotto "manuali di araldica".


In realtà quella voce che ho inserito è quella che è venuta fuori dalla ricerca "manuali araldica"

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: martedì 1 maggio 2018, 22:05
da Romegas
Scusi se insisto, ma l'argomento che dico io è "Manuali di araldica(Quale acquistare?)".

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: mercoledì 2 maggio 2018, 12:32
da Tilius
Tilius ha scritto:PS: se interessa, l'illuminante foglietto é in vendita - a un prezzo abominevolmente alto per il bibliofilo, ma ridicolmente basso per il ricercatore che abbia eletto questa famiglia a propria terra incognita d'esplorazione - presso una libreria antiquaria di Vienna (Antiquariat MEINDL & SULZMANN).


Ma vogliamo mettere il fascino storico di un documento d'epoca esposto in una bella bacheca nell'atrio?
La vetroresina sopra al portone (vieppiù con lo stemma sbagliato... :roll: ) sarà costata enormemente di più... [bangin.gif]

Re: Interpretazione di stemma da verificare

MessaggioInviato: giovedì 3 maggio 2018, 9:13
da Strikeiron
Tilius ha scritto:
Tilius ha scritto:PS: se interessa, l'illuminante foglietto é in vendita - a un prezzo abominevolmente alto per il bibliofilo, ma ridicolmente basso per il ricercatore che abbia eletto questa famiglia a propria terra incognita d'esplorazione - presso una libreria antiquaria di Vienna (Antiquariat MEINDL & SULZMANN).


Ma vogliamo mettere il fascino storico di un documento d'epoca esposto in una bella bacheca nell'atrio?
La vetroresina sopra al portone (vieppiù con lo stemma sbagliato... :roll: ) sarà costata enormemente di più... [bangin.gif]


Io qua non ho messo la storia dei Cramars che mi sono studiato per fare una presentazione all'Università Terza Età. Secondo me la Signora dovrebbe levare la vetroresina ed allestire una stanza con una "mini-mostra" della storia del balsamo miracoloso. Ma non sono io quello che devo dire le cose agli altri... per curiosità mia ho un po' chiarito (con il Vostro aiuto) la storia. A questo punto "trasmetto" le informazioni e poi vedranno i proprietari. Se vogliono fare "turismo" (sano turismo) questo è uno dei modi per realizzarlo. Ma io ho una concezione diversa della realtà delle cose (leggi sono tutto strano, si veda qui sotto).

https://www.facebook.com/www.farmaciari ... 84/?type=1

Ps non ho intenzione di fare pubblicità, quindi se ho offeso eliminate IMMEDIATAMENTE il link della presentazioen sui cramars. Semplicemente non sapevo se qui esistesse il codice "spoiler".