cinquecentina

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: Antonio Pompili, mcs

cinquecentina

Messaggioda Paolo.Fornelli » giovedì 8 marzo 2018, 9:38

Buongiorno a tutti,
all'interno di una pergamena utilizzata quale copertina di un volume del seicento(?) è stato ritrovato il cartone dipinto che allego.
La pergamena è datata 1504, quindi, il cartone dovrebbe essere databile almeno una cinquantina di anni prima.
Privo di una qualsiasi dicitura potrebbe suggerire interpretazioni diverse. Per questo ho pensato utile sottoporlo alla vostra attenzione restando in attesa di suggerimenti ed idee.
Ringrazio tutti per l'attenzione.
Paolo
Allegati
IMG_7445 - Copia.JPG
Paolo.Fornelli
 
Messaggi: 3
Iscritto il: mercoledì 7 marzo 2018, 17:38

Re: cinquecentina

Messaggioda Romegas » giovedì 8 marzo 2018, 10:37

Sembrerebbe lo stemma della famiglia D'Avalos del Regno di Napoli.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 4360
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: cinquecentina

Messaggioda Gennaro » giovedì 8 marzo 2018, 11:30

D'avalos
Avatar utente
Gennaro
 
Messaggi: 233
Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2012, 16:09
Località: Caserta

Re: cinquecentina

Messaggioda Paolo.Fornelli » giovedì 8 marzo 2018, 15:46

Vi ringrazio.
Sembrerebbe, però, poco probabile poiché sia la coperta sia il volume, sono in area Lomellina (provincia di Pavia) e, considerata l'epoca, appare remota - a mio modesto parere - la possibilità a questo riferimento anche se convengo con voi sulla similitudine.
Saluti cordiali,
Paolo
Paolo.Fornelli
 
Messaggi: 3
Iscritto il: mercoledì 7 marzo 2018, 17:38

Re: cinquecentina

Messaggioda Gennaro » giovedì 8 marzo 2018, 16:15

Che lo stemma sia dei D'Avalos non ci piove, Ferrante d'Avalos (Fernando Francesco d'Avalos, Napoli 1490 - Milano 1525), da condottiero qual era ha operato proprio in quelle zone, da wiki:

Nel 1512 comandò un reparto di cavalleria leggera nella battaglia di Ravenna dove fu ferito e preso prigioniero dai francesi. Grazie all'intervento di uno dei più eminenti generali dell'esercito francese, l'italiano Gian Giacomo Trivulzio, che gli era parente per via di matrimonio, gli fu concesso di riscattarsi per 6.000 ducati, e fu rilasciato alla fine della guerra della Lega Santa.

Comandò la fanteria spagnola nella Battaglia de La Motta, o di Vicenza il 7 ottobre 1513. Fu in quell'occasione che chiese ai suoi uomini di preoccuparsi di calpestarlo prima dei nemici se fosse caduto. Dalla battaglia di Vicenza del 1513 fino a quella della Bicocca il 29 aprile 1522, continuò il suo servizio come comandante degli spagnoli come compagno, piuttosto che subordinato, di Prospero Colonna.

Dopo la battaglia della Bicocca, Carlo V nominò Prospero Colonna comandante in capo. D'Avalos, che si considerò defraudato, compì un viaggio a Valladolid in Spagna, dove si trovava in quel momento l'imperatore, per far valere le sue ragioni. Carlo V, col quale aveva avuto lunghi e confidenziali colloqui, lo convinse a sottostare, per il momento, al comando del Colonna. In questi incontri però, egli acquisì una certa confidenza con Carlo V. La sua origine e le sue simpatie spagnole lo segnalarono come un comandante più fidato in Italia di quanto lo sarebbe stato un italiano "puro".

Quando Francesco I invase l'Italia nel 1524, D'Avalos fu nominato luogotenente dell'imperatore per respingere l'invasione. Le difficoltà del suo ruolo furono enormi, dato che vi era grande malcontento nell'esercito, che era molto sotto-pagato. La tenacia, la pazienza e il tatto di D'Avalos trionfarono su ogni ostacolo. La sua influenza sulle truppe dei veterani spagnoli e sui mercenari tedeschi ne garantì la fedeltà durante il lungo assedio di Pavia.

Il 24 febbraio 1525 sconfisse e prese prigioniero Francesco I con un brillante attacco durante la battaglia di Pavia, dove combatté anche suo cugino Alfonso III d'Avalos. Il piano di D'Avalos fu notevole per l'audacia e la perizia dimostrate nell'annientamento della cavalleria pesante francese attuato con degli assalti sui fianchi di archibugieri e cavalleria leggera. Si crede però che egli non fu soddisfatto del trattamento ricevuto dall'imperatore e Girolamo Morone, segretario del Duca di Milano, lo contattò con un progetto per cacciare dall'Italia i francesi, gli spagnoli e i tedeschi e ottenere per sé il trono. D'Avalos potrebbe essere stato tentato, ma nei fatti si comportò lealmente, riferì dell'offerta a Carlo V e mise in prigione Morone. La sua salute, comunque aveva cominciato a peggiorare per gli sforzi e le ferite e morì di tisi a Milano pochi giorni dopo essere stato nominato governatore della città il 3 dicembre 1525.
Avatar utente
Gennaro
 
Messaggi: 233
Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2012, 16:09
Località: Caserta

Re: cinquecentina

Messaggioda Paolo.Fornelli » giovedì 8 marzo 2018, 16:54

Caro Gennaro, ti ringrazio infinitamente per le delucidazioni che, ora, mi consentono di dare seguito alla ricerca e studio in questa direzione.
Mea culpa, mea culpa.... abitando proprio nella città della famosa battaglia di Pavia. Che vergogna!
La mia perplessità, prima non esplicitata, consisteva nel fatto che io, nello stemma dei d'Avalos, interpretavo più una torre con torricelle che non un castello con torri.
Grazie ancora.
Paolo
Paolo.Fornelli
 
Messaggi: 3
Iscritto il: mercoledì 7 marzo 2018, 17:38


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Ricky Fox e 8 ospiti