Aiuto per identificazione stemma su pietra tombale

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: Antonio Pompili, mcs

Aiuto per identificazione stemma su pietra tombale

Messaggioda Sacha Fornaciari » venerdì 12 gennaio 2018, 9:50

Gentili forumisti,
chiedo aiuto alla vostra competenza al fine di identificare gli stemmi presenti in una pietra tombale posta all'interno della millenaria pieve dei Santi Pietro e Paolo apostoli sita in Dignano (UD). La tomba è posta in una navata laterale costruita nei primi decenni del Cinquecento.
Negli archivi della Curia Arcivescovile di Udine non ho trovato documentazione riguardante alle tombe presenti nella chiesa; l'informazione mi sarebbe molto utile per la stesura di una relazione storica propedeutica al progetto di restauro dell'edificio sacro.
Cordialissimi saluti.

Sacha Fornaciari
Allegati
DSC_0598.jpg
Sacha Fornaciari
 
Messaggi: 28
Iscritto il: domenica 5 febbraio 2017, 19:48
Località: Udine

Re: Aiuto per identificazione stemma su pietra tombale

Messaggioda Sacha Fornaciari » venerdì 12 gennaio 2018, 20:04

Gentili forumisti,

sono riuscito a identificare lo stemma, appartenente alla famiglia aretina degli Spadari; chiedo ancora il vostro aiuto per cercare di capire chi può essere stato sepolto nello tomba citata nel precedente post.
Nel 1555 entravano a fare parte della Confraternita di San Giovanni Battista nella Pieve di Dignano il nobile aretino Baldo de' Spadari e la moglie Beatrice, nipote del pievano di Dignano, Bartolomeo da Collalto. Dopo la morte prematura di Beatrice una lite giudiziaria per motivi ereditari contrappone Baldo a Bartolomeo e alla Pieve.
Per questo motivo sembra improbabile che Baldo possa essere stato sepolto nella Pieve.
Vi chiedo dunque in primo luogo:
Se Beatrice, moglie di Baldo de' Spadari, fosse stata sepolta nella Pieve, sarebbe stato apposto sulla tomba lo stemma della casata del marito?
In secondo luogo: l'altro stemma apposto sulla pietra tombale reca le iniziali PBC sormontate da una croce. Potrebbero significare Plebanus Bartholomeus de Collato, e che dunque il pievano abbia voluto essere sepolto assieme alla nipote. Bartolomeo però apparteneva alla famiglia del conti di Treviso, poi patrizi veneziani. Vi erano forse la consuetudine o ragioni di opportunità per cui i membri del clero appartenenti alla nobiltà rinunciassero all'utilizzo dello stemma famigliare?
Grazie per l'attenzione e cordialissimi saluti.

Sacha Fornaciari
Sacha Fornaciari
 
Messaggi: 28
Iscritto il: domenica 5 febbraio 2017, 19:48
Località: Udine


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 9 ospiti