Stemma araldico non conosciuto

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

Stemma araldico non conosciuto

Messaggioda T.G.Cravarezza » martedì 8 luglio 2003, 18:48

Egregi Signori,
sono stato contattato da un antiquario per stabilire il proprietario di un determinato stemma araldico di cui allego l'immagine:
Immagine
Chi può aiutrami?
Cordialmente
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6570
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » martedì 8 luglio 2003, 19:44

Egregio collega,
è la classica domanda da 100 milioni :( (di €uro, oltretutto... :( :( ). Visto che non possiamo ingrandire l'ago, cerchiamo almeno di ridurre il pagliaio... :lol: : sappiamo nulla sulla provenienza del manufatto? E se eventualmente fa parte di un gruppo di oggetti dotati di analogo stemma e di altri elementi decorativi e/o scritti (iniziali, motti, ecc.)?

Speriamo di poterne sapere qualcosa in più...

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda T.G.Cravarezza » sabato 12 luglio 2003, 14:22

egregio Sig. Fra Eusanio,
per ora non ho ancora dati sufficienti (me li forniranno il prima possibile). So solamente che è stato rinvenuto su una serie di divani e altri mobili risalenti al XVIII secolo.
Cordialmente
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6570
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Messaggioda T.G.Cravarezza » lunedì 14 luglio 2003, 11:56

Egregi Signori,
ho potuto solamente sapere che i divani provengono da una famiglia di avvocati romani. Il padre li acquistò una ventina di anni fa a Roma presso un restauratore che li aveva in consegna come pegno per un pagamento.
E' molto poco, ma fa pensare che comunque provenissero da una famiglia della zona laziale.
Cordialmente
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6570
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » lunedì 14 luglio 2003, 17:28

Egregio collega,
grazie per le precisazioni. Il dato stilistico di questo stemma calza con la datazione al XVIII secolo, e lo scioglimento dell'anonimato dovrebbe ottenersi per il tramite delle due particolari figure che lo caricano (una lorica elmata, posta in maestà, ed un leone dormiente, codardo e con la testa rivolta)... se saremo bravi a cercare! :P

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » martedì 15 luglio 2003, 15:58

Egregio collega,
in area laziale, e precisamente nel basso Viterbese, esisteva una famiglia che alzava uno stemma probabilmente simile a questo, e della quale è rimasta testimonianza in un limitato numero di armi compatibili con il periodo del manufatto da lei proposto.

Tale famiglia si chiamava Petti, ed aveva per arma una lorica (che quindi ne era l'emblema parlante): un esemplare in pietra del loro stemma, molto rovinato (conservato, mi pare, a Civita Castellana), è blasonabile in un troncato da un filetto: nel 1° un (?); nel 2° un (?) (le due figure sono ormai illeggibili). L'analogia formale con lo stemma ligneo della foto ci sarebbe... :P

Non so altro di questa famiglia, nemmeno se è estinta oppure no.

Tengo comunque a ribadire che quest'attribuzione è una pura e semplice ipotesi, fondata soltanto sull'assonanza formale fra lo stemma da lei dato e quello della famiglia Petti, la quale è tutto da dimostrare che sia collegabile con la mobilia da cui esso è stato tratto.

Dobbiamo cercare ancora... :(

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti