Stemma da descrivere

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: Antonio Pompili, mcs

Re: Stemma da descrivere

Messaggioda Romegas » mercoledì 3 maggio 2017, 19:50

La rosa quando ha il nucleo di colore diverso dai petali si dice bottonata di.... I petali normalmente sono 5, e penso che se superano quel numero devono essere indicati.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 3882
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Stemma da descrivere

Messaggioda Antonio Pompili » lunedì 8 maggio 2017, 13:09

Mariarca Esposito ha scritto:Il fatto che il fiore abbia 6 petali non cambia niente? Non si deve descrivere?
E il fatto che la parte centrale sia banca o gialla, non si capisce bene, non deve essere descritta questa cosa?

Sì. Dice bene Romegas. Il numero ordinario dei petali di una rosa araldica è di 5. Ogni differenza numerica va blasonata.
Correttissimo e doveroso è parlare di rosa bottonata nel caso di diverso smalto del bottone centrale.
Quanto ai campi diaprati, la fantasia in forma di fiorami che troviamo nel capo è molto elegante, e geniale direi: congegnata in modo tale da accogliere armonicamente al suo interno le tre rose, quasi ne fossero le naturali terminazioni. Ma come ha già sottolineato Marcello ciò non ha nessun valore araldico.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3433
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Stemma da descrivere

Messaggioda Mariarca Esposito » lunedì 8 maggio 2017, 15:04

Il fatto che la fascia blu non è centrata, ma sta spostata verso l'alto?
(però nello stemma tondo sta al centro.)

Va decritto anche il tipo si stemma, cioè che questo è acuto?


E' il fatto che il centro della rosa ha quel bottone di colore giallo o bianchccio... va descritto?

Quindi la descrizione sarebbe questa?
"D'argento, alla fascia d'azzurro accompagnata in capo da tre rose di rosso ordinate in fascia con 6 petali e bottonate d'oro. I campi campi sono diaprati."
Mariarca Esposito
 
Messaggi: 32
Iscritto il: venerdì 1 luglio 2016, 10:33

Re: Stemma da descrivere

Messaggioda Tilius » lunedì 8 maggio 2017, 16:39

"rabescato" é più immediatamente comprensibile (anche se gli araldisti puristi senz'altro avranno a preferire diaprato).
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11562
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Stemma da descrivere

Messaggioda Mariarca Esposito » lunedì 8 maggio 2017, 17:07

Grazie a tutti!
Mariarca Esposito
 
Messaggi: 32
Iscritto il: venerdì 1 luglio 2016, 10:33

Re: Stemma da descrivere

Messaggioda Romegas » lunedì 8 maggio 2017, 18:55

Sarebbe bello conoscere a chi apparteneva lo stemma.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 3882
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Stemma da descrivere

Messaggioda Antonio Pompili » martedì 9 maggio 2017, 2:04

Mariarca Esposito ha scritto:Il fatto che la fascia blu non è centrata, ma sta spostata verso l'alto?
(però nello stemma tondo sta al centro.)

Si parla semplicemente di fascia rialzata


Va decritto anche il tipo si stemma, cioè che questo è acuto?

No. La forma dello scudo non ha nessun valore araldico e non richiede descrizione (tranne il caso in cui uno scudo, di più piccole dimensioni, compaia come figura tra le altre)

E' il fatto che il centro della rosa ha quel bottone di colore giallo o bianchccio... va descritto?

Certo. Come sopra abbiamo accennato. Immaginando che si tratti di oro, diremmo che sono rose bottonate d'oro

Quindi la descrizione sarebbe questa?
"D'argento, alla fascia d'azzurro accompagnata in capo da tre rose di rosso ordinate in fascia con 6 petali e bottonate d'oro. I campi campi sono diaprati."

Direi che è un blasone quasi perfettamente formulato. Ma comincerei con l'omettere la descrizione dei campi diaprati, essendo questa caratteristica di valore puramente decorativo e non essenziale per la definizione e il valore della composizione araldica.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3433
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Precedente

Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: RFVS e 1 ospite