un sigillo, due stemmi

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: Antonio Pompili, mcs

un sigillo, due stemmi

Messaggioda MAX08 » lunedì 23 gennaio 2017, 15:18

Gentili Amici,

vi chiedo lumi su questo sigillo inedito che ho reperito. A sinistra dell'immagine vi è lo stemma del titolare (uno sconosciuto Da Camino dei conti di Ceneda noto solo da questa impronta). Nella legenda del sigillo è riportato solo il nome del titolare, tra l'altro senza alcun appellativo.

Lo stemma sulla destra potrebbe essere quello della consorte? Quale arma o oggetto è riportato sullo stemma? A quale famiglia potrebbe appartenere?
Ho controllato già gli stemmi delle famiglie che si conoscono aver contratto matrimonio con i Da Camino nel Trecento - reputo il sigillo di quell'epoca per la fattura -, ma non ho trovato nulla che vi somigli.
Posso solo dire, in maniera generica sapendo già che non sarà di aiuto, che lo stemma sulla destra è con molta probabilità del Triveneto; propenderei più per il Friuli.

Scusatemi se non posso essere più preciso.

Immagine
quod homines de Cenedese, Belluno, et Feltre erant liberi homines et nobiles (a.D. 1179) - Massimo Della Giustina

http://www.ascenedese.it
https://independent.academia.edu/massimodellagiustina
Avatar utente
MAX08
 
Messaggi: 513
Iscritto il: mercoledì 13 febbraio 2008, 13:10
Località: Pedemontana veneta

Re: un sigillo, due stemmi

Messaggioda MAX08 » lunedì 23 gennaio 2017, 15:39

Potrebbe essere dei Della Torre?

Immagine
quod homines de Cenedese, Belluno, et Feltre erant liberi homines et nobiles (a.D. 1179) - Massimo Della Giustina

http://www.ascenedese.it
https://independent.academia.edu/massimodellagiustina
Avatar utente
MAX08
 
Messaggi: 513
Iscritto il: mercoledì 13 febbraio 2008, 13:10
Località: Pedemontana veneta

Re: un sigillo, due stemmi

Messaggioda marcello semeraro » lunedì 23 gennaio 2017, 17:32

Lo stemma di destra potrebbe appartenere alla consorte o alla famiglia materna del titolare, oppure potrebbe rappresentare l'insegna di un territorio soggetto alla sua giurisdizione.

Si può avere un'immagine completa dl questa impronta?
URIA MATER
Avatar utente
marcello semeraro
 
Messaggi: 900
Iscritto il: sabato 5 aprile 2014, 15:39
Località: Oria

Re: un sigillo, due stemmi

Messaggioda MAX08 » lunedì 23 gennaio 2017, 18:39

marcello semeraro ha scritto:
Si può avere un'immagine completa dl questa impronta?


Sono spiacente, proveniendo da una collezione privata il proprietario è stato ben chiaro su questo punto.
quod homines de Cenedese, Belluno, et Feltre erant liberi homines et nobiles (a.D. 1179) - Massimo Della Giustina

http://www.ascenedese.it
https://independent.academia.edu/massimodellagiustina
Avatar utente
MAX08
 
Messaggi: 513
Iscritto il: mercoledì 13 febbraio 2008, 13:10
Località: Pedemontana veneta

Re: un sigillo, due stemmi

Messaggioda marcello semeraro » lunedì 23 gennaio 2017, 19:18

Certo capisco...Comunque questo è il perimetro entro cui bisogna muoversi per identificare il secondo stemma. I sigilli di tipo araldico del XIV secolo prevedevano le possibilità che ho elencato prima.

Lo stemma della Torre senza l'emblema parlante è attestato nel XIV secolo?
URIA MATER
Avatar utente
marcello semeraro
 
Messaggi: 900
Iscritto il: sabato 5 aprile 2014, 15:39
Località: Oria

Re: un sigillo, due stemmi

Messaggioda MAX08 » lunedì 23 gennaio 2017, 22:19

Si, i bastoni gigliati decussati sono presenti nei conii dei patriarchi di Aquileia Raimondo (1273-1299) e Ludovico della Torre (1359-1365). Non ho fatto ricerche in merito, qualcuno più ferrato di me in numismatica sa se anche i patriarchi Cassono della Torre (1317-1318) e Pagano della Torre (1319-1331) abbiano usato questo tipo di arma?

Denaro di Raimondo
Immagine

Immagine



Denaro di Ludovico
Immagine

Grazie.
quod homines de Cenedese, Belluno, et Feltre erant liberi homines et nobiles (a.D. 1179) - Massimo Della Giustina

http://www.ascenedese.it
https://independent.academia.edu/massimodellagiustina
Avatar utente
MAX08
 
Messaggi: 513
Iscritto il: mercoledì 13 febbraio 2008, 13:10
Località: Pedemontana veneta

Re: un sigillo, due stemmi

Messaggioda Elmar Lang » martedì 24 gennaio 2017, 9:53

Purtroppo, non potendo vedere i dati completi dell'iscrizione presente sul sigillo, o lo stesso nel suo insieme, diventa ben difficile poter avanzare nell'indagine.

Ma si sa, i proprietari di oggetti antichi, sono talvolta assai gelosi dei loro oggetti, peccato.

Da quel che è dato vedere, ma potrei sbagliarmi, lo scudo di destra non mi pare rechi gigli decussati...

E.L.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 2245
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: un sigillo, due stemmi

Messaggioda marcello semeraro » martedì 24 gennaio 2017, 9:59

Immagine
Denaro scodellato di Pagano della Torre

Sul verso compare il tipo con la torre e i bastoni gigliati decussati.

Comunque i bastoni raffigurati sui conii del patriarchi Della Torre non sono armi stricto sensu, ma emblemi, che poi furono araldizzati. La mia domanda era un'altra: nel XIV secolo sono documentati scudi dei Della Torre con i soli bastoni gigliati?
URIA MATER
Avatar utente
marcello semeraro
 
Messaggi: 900
Iscritto il: sabato 5 aprile 2014, 15:39
Località: Oria

Re: un sigillo, due stemmi

Messaggioda MAX08 » martedì 24 gennaio 2017, 12:30

Su questo sito, che non riporta purtroppo le fonti, si possono vedere diversi esempi di stemmi dei della Torre. Figurano alcuni anche con i soli bastoni gigliati decussati, sia nei quarti sia come blasone completo.

http://www.dellatorredimilano.it/stemma.html

http://www.dellatorredimilano.it/guardastemmi.html

Il Crollalanza non è di aiuto purtroppo [crybaby.gif].
quod homines de Cenedese, Belluno, et Feltre erant liberi homines et nobiles (a.D. 1179) - Massimo Della Giustina

http://www.ascenedese.it
https://independent.academia.edu/massimodellagiustina
Avatar utente
MAX08
 
Messaggi: 513
Iscritto il: mercoledì 13 febbraio 2008, 13:10
Località: Pedemontana veneta

Re: un sigillo, due stemmi

Messaggioda MAX08 » martedì 24 gennaio 2017, 13:36

marcello semeraro ha scritto:[img]... emblemi, che poi furono araldizzati.


Credo che il caso in questione rispecchi esattamente la sua affermazione :)
quod homines de Cenedese, Belluno, et Feltre erant liberi homines et nobiles (a.D. 1179) - Massimo Della Giustina

http://www.ascenedese.it
https://independent.academia.edu/massimodellagiustina
Avatar utente
MAX08
 
Messaggi: 513
Iscritto il: mercoledì 13 febbraio 2008, 13:10
Località: Pedemontana veneta


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite