Sigillo

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: Antonio Pompili, mcs

Sigillo

Messaggioda Rachis » domenica 15 gennaio 2017, 13:55

Amici, buona giornata.

Un mio amico mi ha mostrato un reliquiario apparentemente dei secc.- XVIII-XIX, ma è possibile che esso si stato rifatto.
Il contenitore della reliquia (la reliquia: un frammento ligneo della santa Croce) sembrerebbe più datato.
C'è un sigillo. Ai conoscitori di sfragistica ma a tutti voi, Vi chiedo: dalle insegne a chi potrebbe appartenere? La berretta è forse abbaziale?
Grazie a chi vorrà darmi indicazioni.

Immagine
Minima quoque docent.
Fragmenta colligere.
Rachis
 
Messaggi: 95
Iscritto il: domenica 22 novembre 2009, 10:03
Località: Verdello

Re: Sigillo

Messaggioda Romegas » domenica 15 gennaio 2017, 15:45

Probabilmente è un vescovo.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 3686
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Sigillo

Messaggioda Antonio Pompili » domenica 15 gennaio 2017, 19:35

Dall'aspetto dello stemma il sigillo sembrerebbe collocabile nella prime metà del XIX secolo. Ed effettivamente sembrerebbe uno stemma vescovile.
Se ne potessimo sapere la zona di provenienza e magari vedere un'immagine a più alta risoluzione (semplicemente dello stemma), forse se ne potrebbe tentare una più precisa identificazione.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3417
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Sigillo

Messaggioda Rachis » domenica 15 gennaio 2017, 19:57

Ho provato a inserire una foto a definizione maggiore ma il sistema non le accetta.
Minima quoque docent.
Fragmenta colligere.
Rachis
 
Messaggi: 95
Iscritto il: domenica 22 novembre 2009, 10:03
Località: Verdello

Re: Sigillo

Messaggioda Antonio Pompili » domenica 15 gennaio 2017, 20:04

Non resta allora che provare inviando l'immagine al nostro sempre gentile amministratore Tomaso Giuseppe Cravarezza.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3417
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Sigillo

Messaggioda marcello semeraro » domenica 15 gennaio 2017, 20:40

Anche io credo si tratti di uno stemma vescovile.
URIA MATER
Avatar utente
marcello semeraro
 
Messaggi: 907
Iscritto il: sabato 5 aprile 2014, 15:39
Località: Oria

Re: Sigillo

Messaggioda Rachis » lunedì 16 gennaio 2017, 20:10

In effetti guardando un manuale concordo che dalla berretta e dalla croce, posta sullo scudo, il sigillo sia di un vescovo.
Di chi?
Gli esperti di araldica potrebbero fornire indicazioni sui simboli utilizzati nella composizione dello scudo.
Grazie ancora.
Minima quoque docent.
Fragmenta colligere.
Rachis
 
Messaggi: 95
Iscritto il: domenica 22 novembre 2009, 10:03
Località: Verdello

Re: Sigillo

Messaggioda marcello semeraro » lunedì 16 gennaio 2017, 20:27

È difficile dirlo..La risoluzione non è delle migliori e non si conosce la zona di provenienza. Con questi limiti, non si possono nemmeno formulare delle ipotesi.
URIA MATER
Avatar utente
marcello semeraro
 
Messaggi: 907
Iscritto il: sabato 5 aprile 2014, 15:39
Località: Oria

Re: Sigillo

Messaggioda Salvanèl » lunedì 16 gennaio 2017, 23:51

Ughelli, Italia sacra, vol. 1, p. 1004
Allegati
aaa.JPG
Avatar utente
Salvanèl
 
Messaggi: 345
Iscritto il: domenica 17 ottobre 2010, 11:30

Re: Sigillo

Messaggioda marcello semeraro » martedì 17 gennaio 2017, 0:23

Nonostante la somiglianza, non credo sia lo stemma del vescovo di Montepulciano Spinello Benci (1562 -1596). Non ci siamo a livello cronologico.
URIA MATER
Avatar utente
marcello semeraro
 
Messaggi: 907
Iscritto il: sabato 5 aprile 2014, 15:39
Località: Oria

Re: Sigillo

Messaggioda Antonio Pompili » martedì 17 gennaio 2017, 0:47

Un vescovo Benci, Marcello Maria Benci, è esistito anche in tempi più vicini ai nostri giorni, e fu Vescovo di Colle di Val d'Elsa dal 1807 al 1810 (anno della sua morte).
Saremmo anche in perfetta consonanza con il periodo verosimilmente corrispondente alla realizzazione del sigillo.
Era nato in Montepulciano, luogo di origine della Famiglia Benci, la stessa di Spinello di Sinolfo (di cui sopra è stato riportato lo stemma...).
Penso che potremmo esserci.
Sempre se la piccolezza dell'immagine del sigillo da cui partiamo non ci inganna circa la natura di quelle che sembrerebbero rose. E sempre se gli smalti corrispondono.
Certamente una maggiore certezza ce la darebbe la conoscenza del luogo di provenienza del sigillo, che già abbiamo auspicato.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3417
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti