Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: Antonio Pompili, mcs

Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda Simone Martini » mercoledì 30 dicembre 2015, 1:09

Carissimi,
da un po' di tempo sto cercando di risalire alle origini della mia famiglia, cosa ancora in corso, ma soprattutto all'interpretazione di uno stemma di cui so ben poco. A parte la mia poca conoscenza della materia e quindi l'impossibilità, al momento di fornire una blasonatura, mi chiedo se questo stemma abbia all'origine qualche cosa. La famiglia è originaria di San Miniato e di questo stemma ho una prova di un uso certo fin dai primi del 900, dal momento che veniva utilizzato in una carta intestata di una azienda vinicola che appartenne al mio bisavolo. Dal momento che San Miniato ebbe una nobiltà civica, può questo stemma esservi ricollegato in qualche modo? O risale a diversi provvedimenti? Purtroppo l'archivio storico di San Miniato non ne sa niente. Ringrazio tutti quelli che potranno arricchire anche solo con idee o ipotesi.
Grazie
Simone Martini
Immagine
Simone Martini
 
Messaggi: 15
Iscritto il: giovedì 15 gennaio 2015, 0:02

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda GENS VALERIA » giovedì 31 dicembre 2015, 15:09

Simone Martini ha scritto:Carissimi,
da un po' di tempo sto cercando di risalire alle origini della mia famiglia, cosa ancora in corso, ma soprattutto all'interpretazione di uno stemma di cui so ben poco. A parte la mia poca conoscenza della materia e quindi l'impossibilità, al momento di fornire una blasonatura, mi chiedo se questo stemma abbia all'origine qualche cosa. La famiglia è originaria di San Miniato e di questo stemma ho una prova di un uso certo fin dai primi del 900, dal momento che veniva utilizzato in una carta intestata di una azienda vinicola che appartenne al mio bisavolo. Dal momento che San Miniato ebbe una nobiltà civica, può questo stemma esservi ricollegato in qualche modo? O risale a diversi provvedimenti? Purtroppo l'archivio storico di San Miniato non ne sa niente. Ringrazio tutti quelli che potranno arricchire anche solo con idee o ipotesi.
Grazie
Simone Martini
Immagine

Le famiglie Martini in Toscana sono numerose.
Nella raccolta Ceramelli Papiani ne sono riportate alcune . Lo stemma non è ravvisabile con certezza.
http://www.archiviodistato.firenze.it/c ... ogo=&note=

Cordialmente
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 4947
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda mcs » sabato 2 gennaio 2016, 13:16

Gent.mo Simone Martini,

la prima cosa che mi viene da dirle è che se all'Archivio storico di San Miniato non ne sanno niente, questo non significa necessariamente che non ve ne siano tracce al suo interno: ha mai provato a consultarlo? Ad esempio, ha chiesto se esiste un "indice dei nomi" o un armoriale o altri manoscritti di araldica es. antiche tavole topografiche?
Le medesime ricerche si possono poi svolgere all'Archivio di Stato... anzi, se suo nonno era titolare di un'azienda vinicola, provi a fare la ricerca anche in riferimento ad essa.
MARIA CRISTINA SINTONI
"Un vaso rotto crudo si può riformare, ma il cotto no"
Leonardo da Vinci
Avatar utente
mcs
Moderatore Forum Araldica
 
Messaggi: 1732
Iscritto il: lunedì 22 dicembre 2003, 19:45
Località: Romagna

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda contegufo » martedì 5 gennaio 2016, 1:06

Salve

Di solito uno stemma non nasce inquartrato come il suo.
Questo avviene successivamente per matrimoni, eredità, estinzione di una famiglia in un'altra, eccetera.
Poterebbe decomporre lo stemma per vedere di trovare il bandolo della matassa.
http://leonemarinato.it potrebbe darle una mano.

Saluti
Immagine
Avatar utente
contegufo
 
Messaggi: 2170
Iscritto il: sabato 1 maggio 2010, 21:13
Località: Repubblica di Lucca

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda Simone Martini » mercoledì 6 gennaio 2016, 10:44

Ringrazio per le preziose risposte... Effettivamente all'epoca del mio bisavolo (anni 80 del 1800) un matrimonio importante c'è stato, ma della famiglia della moglie del mio bisavolo non c'è traccia. Lo stemma sicuramente in uso ai primi del 900, potrebbe essere quindi nato poco prima o quanto meno modificatosi. Purtroppo non ho grande competenza in materia. Faccio però notare che le spade presenti, sono riportate su un palazzo di Firenze dove ancora oggi fanno mostra di se. Gli uccelli dovrebbero essere Martin Pescatori, almeno così mi è sempre stato detto soprattutto per l'assonanza col nome. Il resto lo ignoro purtroppo.
Immagine
Simone Martini
 
Messaggi: 15
Iscritto il: giovedì 15 gennaio 2015, 0:02

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda mcs » mercoledì 6 gennaio 2016, 11:02

Gent.mo Simone,

le "spade del palazzo di Firenze", sono un'arma vera e propria, ma non è affatto detto che siano le stesse presenti nella sua o che ad essa siano riconducibili.
Non ho a portata di mano il mio archivio (domani si però), ma sono certa che altri frequentatori del forum le posteranno ulteriori chiarimenti a tal proposito.
MARIA CRISTINA SINTONI
"Un vaso rotto crudo si può riformare, ma il cotto no"
Leonardo da Vinci
Avatar utente
mcs
Moderatore Forum Araldica
 
Messaggi: 1732
Iscritto il: lunedì 22 dicembre 2003, 19:45
Località: Romagna

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda Salvanèl » mercoledì 6 gennaio 2016, 11:12

Nel Dizionario storico-blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti di Giovanni Battista di Crollalanza. – Pisa : Giornale araldico, 1886-1890, si descrive uno stemma molto simile a quello del partito di destra:
MENEGHINI di Ceneda (Vittorio Veneto). — Arma : troncato: nel 1° d'azzurro, a tre stelle d'oro; nel 2° di rosso, a tre spade alzate in palo al naturale ; colla fascia d'oro attraversante sulla partizione
Avatar utente
Salvanèl
 
Messaggi: 354
Iscritto il: domenica 17 ottobre 2010, 11:30

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda bardo » mercoledì 6 gennaio 2016, 15:07

Lo stemma fotografato, così come il palazzo sul cui cantone si trova, fa rifermento alla famiglia Minerbetti (di rosso, a tre spade basse appuntate d'argento, guarnite d'oro, v. Raccolta Ceramelli Papiani). Il palazzo si trova a Firenze, ad angolo tra via dei Tornabuoni e via del Parione.

un saluto ;)
Luca
Tempus loquendi, tempus tacendi.

Associazione Storico-Culturale RiminiSparita
bardo
 
Messaggi: 1403
Iscritto il: martedì 23 marzo 2010, 1:45
Località: Rimini

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda mcs » giovedì 7 gennaio 2016, 23:05

Grazie a tutti per i contributi che puntualmente sono arrivati!

Ecco due esempi di armi dove compaiono le 3 spade, ma in campo rosso e non verde come nell'arma oggetto di questo topic; tra l'altro le stelle sono argento (e non oro), in campo rosso (e non blu) come per i Meneghini... tutto questo solo per dire che ci troviamo di fronte ad un'arma che ha nel primo partito figure piuttosto "comuni" e che occorre fare una particolare attenzione quando si indirizzano le ricerche verso armi all'apparenza "simili".
MARIA CRISTINA SINTONI
"Un vaso rotto crudo si può riformare, ma il cotto no"
Leonardo da Vinci
Avatar utente
mcs
Moderatore Forum Araldica
 
Messaggi: 1732
Iscritto il: lunedì 22 dicembre 2003, 19:45
Località: Romagna

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda Simone Martini » sabato 9 gennaio 2016, 17:16

Ringrazio ancora tutti per le risposte ed i validi contributi.... Per quanto riguarda l'archivio di San Miniato, mi dicono che nel libro d'oro non c'è traccia della mia famiglia. Il libro d'oro però è una copia, in quanto ai tempi della prima rivoluzione giacobina l'originale venne distrutto. Inoltre non conterrebbe le annotazioni degli anni 50 del 1800. Esiste tuttavia presso l'archivio di stato di Firenze, il fondo "Deputazione sopra la nobiltà e cittadinanza" che dovrò consultare. Ma se lo stemma derivasse da una nobiltà cittadina sarebbe ugualmente riportata? E soprattutto se lo stemma non fosse altro che (scusatemi il linguaggio semplice ma dei termini araldici ancora non ho padronanza) un collage di altri, o frutto magari di una improvvisa ricchezza con annessa voglia diciamo di notorietà..... Credo sarebbe assai difficile... L'unica cosa certa è che riguardo a San Miniato so esattamente la zona dove la famiglia abitava ed il popolo, quindi presso l'archivio diocesano non dovrebbe essere troppo difficile andare un po' a ritroso... Al momento sono giunto con certezza ai dati di nascita e di morte del bisavolo, mentre per il trisavolo ho la certezza della data di nascita, e se i nomi sono esatti anche quella del quadrisavolo che risulta nato nel 1780. Il tutto grazie all'aiuto di un'impiegata dell'anagrafe di San Miniato ed al sito sulla ricerca degli antenati.... Per il resto poi purtroppo, si naviga a vista..... Ancora grazie a tutti....
Simone Martini
 
Messaggi: 15
Iscritto il: giovedì 15 gennaio 2015, 0:02

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda Messanensis » sabato 9 gennaio 2016, 19:00

A mio parere non si tratta di uno stemma nobiliare, ma di uno stemma borghese (definito di cittadinanza durante il Regno d'Italia).
Ogni erba si conosce per lo seme.
Dante
Messanensis
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 1406
Iscritto il: mercoledì 15 gennaio 2003, 19:47
Località: Messina

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda Luigi Guttri » sabato 9 gennaio 2016, 20:30

credo che i seguenti brani siano MOLTO interessanti... sarebbe il caso di poter acquisire direttamente il libro in fonte per avere più notizie...

"... proprietario di un negozio di pannine e di uno di calzoleria, che con pubblico giuramento si impegnò ad affidare a dei dipendenti per vivere senza esercitare arti meccaniche (promettendo, cioè, "di noin andare alle fiere e mercati per vendere, di non tagliare e vendere ai banchi de propri negozi di panni na e calzoleria"), così come previsto dalla legge, dal momento che, non dimentichiamolo, l'ammissione alla cittadinanza era il primo passo per raggiungere lo status di nobile. Il Ceccarelli ottenne il rescritto favorevole di Pietro Leopoldo il 10 novembre 1768.
Più complessa fu la concessione della cittadinanza a Santi d'Andrea Pierazzi e a Tommaso di Leonardo Martini richiesta nel 1770. Il 22 settembre di quell'anno il solito cancelliere Tallinucci inviò a Firenze il suo parere in proposito, una pagina ancora una volta illuminante sulle caratteristiche della società sanminiatese di quell'epoca.
L'ammissione dei due alla cittadinanza, secondo il Tallinucci, doveva "giudicarsi un vantaggio, perché verrebbe ad aumentarsi il numero dei cittadini troppo ristretto in Samminiato, dal che avviene che gl'affari pubblici (sic!) vengono sempre ad essere ristretti nelle stesse mani e il numero de' cittadini non resta in proporzione colla nobiltà e fginalmente che si rende poco decorosa la magistratura di una città che si vede composta di tanti pochi sogetti dalla diminuzion de' quali restano vacanti i pubblici uffizi". A sostegno delle sue affermazioni il cancelliere allegò una "Dimostrazione delle famiglie tanto dei nobili che dei cittadini che godono attualmente gl'uffizi della città di Samminiato con alcune annotazioni: Famiglie de' cittadini n. 1 Papini: è solo, non ha moglie, è avanzato in età e per aver poco patrimonio verisimil- mente non s'accaserà M. n. 2 Taddei: vi è un ottuagenario cadente, ha un figlio senza moglie, è povero assai, n. 3 Franchini: è sessagenario senza moglie..."

fonte: Roberto Boldrini; San Miniato nel Settecento: economia, società, arte; Cassa di Risparmio di San Miniato; San Miniato (PI); 2003; pag. 32; https://books.google.it/books?id=8mEUAQAAIAAJ

"La famiglia Martini apparteneva al ristretto cerchio di coloro che detenevano il titolo di "cittadinanza". Il titolo era stato ottenuto nel 1771, allorché Pasquale ne fu investito con un decreto granducale. Per questo si veda ACSM (n.d.r.: Archivio Comunale di San Miniato), 2391. Delibera del 14 dicembre 1771. Non fu comunque facile per i Martini, che erano stati fornai, ed avevano vari negozi in San Miniato, accedere al grado di cittadinanza, dato i loro trascorsi 'plebei."
fonte: Roberto Boldrini; San Miniato nel Settecento: economia, società, arte; Cassa di Risparmio di San Miniato; San Miniato (PI); 2003; pag. 121; https://books.google.it/books?id=8mEUAQAAIAAJ

"Martini Francesca, 32
Maartini Leonardo, 32
Martini Luigi, 141
Martini Nicola, 38
Martini Pasquale di Tommaso, 98, 103
Martini Pasquale, 103, 145
Martini Pasquale, 38, 39, 121, 130
Martini Tommaso di Leonardo, 32, 35, 38
Martini Tommaso, 58
Martini Vincenzo, 98
Martini, ditta, 44
Martini, famiglia, 23, 32, 96, 97, 98, 102, 119, 121"

fonte: Roberto Boldrini; San Miniato nel Settecento: economia, società, arte; Cassa di Risparmio di San Miniato; San Miniato (PI); 2003; pag. 276; https://books.google.it/books?id=8mEUAQAAIAAJ

questo libro (qui la sua scheda: http://www.sbn.it/opacsbn/opaclib?db=so ... one&from=1) si trova nelle seguenti Biblioteche:
CH0165 UDAFC Biblioteca d'Arte della Fondazione Carichieti - Chieti - CH
FI0101 CFIMF Biblioteca Marucelliana - Firenze - FI
LI0074 LIALA Biblioteca comunale Labronica Francesco Domenico Guerrazzi. Sezione dei Bottini dell'olio - Livorno - LI
LU0004 LUABG Biblioteca comunale Fratelli Rosselli - Barga - LU
LU0103 LUAAG Biblioteca civica Agorà - Lucca - LU
MC0053 UMCMA Biblioteca comunale Libero Bigiaretti - Matelica - MC
MI0301 LO159 Biblioteca dell'Istituto per la storia dell'arte lombarda - ISAL - Cesano Maderno - MB
MO0198 MODFC Centro di documentazione della Fondazione Cassa di risparmio di Modena - Modena - MO
PI0112 PISR1 Biblioteca universitaria - Pisa - PI
PI0360 PISR3 Biblioteca della Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio e per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico per le provincie di Pisa e Livorno - SBAPPSAE - Pisa - PI
RM0117 BVEBA Biblioteca di archeologia e storia dell'arte (BiASA) - Roma - RM
SP0109 LI2L3 Biblioteca speciale d'arte e archeologia - La Spezia - SP
VE0239 VEAFC Biblioteca della Fondazione Giorgio Cini - Venezia - VE
Ultima modifica di Luigi Guttri il domenica 10 gennaio 2016, 0:45, modificato 2 volte in totale.
Luigi Guttri
 
Messaggi: 102
Iscritto il: venerdì 16 ottobre 2015, 22:04

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda mcs » sabato 9 gennaio 2016, 20:59

Ottime notizie le sue Luigi Guttri per il nostro amico Simone Martini... ottime e molto probabilmente "facili" da verificare con la ricerca negli archivi diocesani.
Grazie!
MARIA CRISTINA SINTONI
"Un vaso rotto crudo si può riformare, ma il cotto no"
Leonardo da Vinci
Avatar utente
mcs
Moderatore Forum Araldica
 
Messaggi: 1732
Iscritto il: lunedì 22 dicembre 2003, 19:45
Località: Romagna

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda Messanensis » sabato 9 gennaio 2016, 21:37

Luigi Guttri ha scritto:[i]"La famiglia Martini apparteneva al ristretto cerchio di coloro che detenevano il titolo di "cittadinanza". Il titolo era stato ottenuto nel 1771, allorché Pasquale ne fu investito con un decreto granducale.


Mi sa tanto che avevo visto giusto! Grazie mille a Luigi Guttri per le preziose notizie.
Ogni erba si conosce per lo seme.
Dante
Messanensis
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 1406
Iscritto il: mercoledì 15 gennaio 2003, 19:47
Località: Messina

Re: Stemma famiglia Martini San Miniato, nobiltà civica?

Messaggioda contegufo » sabato 9 gennaio 2016, 22:34

Salve

San Miniato nel Settecento. Economia, Società, Arte.
Pacini Editore
A cura di Paolo Morelli.
Testi di Roberto Boldrini, Antonia d'Aniello, Isabella Gagliardi, Emilia Marcori Solini, Paolo Morelli, Manuela Parentini e Roberta Roani Villani.
Testo Italiano e Inglese.
Ospedaletto, 2003; ril., pp. 278, tavv. col., ill. b/n col., cm 24x29.

Si può comprare qui per 10€: https://www.libroco.it/dl/aa.vv/Pacini- ... 46275.html

Saluti
Immagine
Avatar utente
contegufo
 
Messaggi: 2170
Iscritto il: sabato 1 maggio 2010, 21:13
Località: Repubblica di Lucca

Prossimo

Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 3 ospiti