Rappresentazione di smalti e pellicce

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

Rappresentazione di smalti e pellicce

Messaggioda sebpasq » sabato 24 maggio 2003, 9:23

Egregi Sign.
tra le tante domande che mi sono rivolto sull'araldica, la più frequente è questa: come è stato deciso in passato la rappresentazione grafica di uno smalto o una pelliccia?
Se per esempio per il rosso le linee verticali possono richiamare in qualche modo le fiamme del fuoco o per l'azzurro le linee orizzontali possono far pensare all'orizzonte del cielo e per l'argento al colore dell'argento, negli altri casi secondo voi come si sarà scelta la rappresentazione?
Spero che qualcuno abbia un'idea o delle testimonianze a proposito.

Saluti.
sebpasq
 
Messaggi: 321
Iscritto il: venerdì 17 gennaio 2003, 18:08

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » martedì 27 maggio 2003, 2:25

Egregio collega,
la sua ipotesi sulla genesi dei tratteggi araldici del rosso e dell'azzurro è suggestiva, ma la storia della loro introduzione e del loro uso è assai meno poetica. Il problema di indicare il colore anche negli stemmi disegnati in bianco e nero nacque prestissimo, con i primi araldi che nel '300 (e forse anche prima) iniziarono a farcire le loro cronache con disegni al tratto destinati a rimanere acromi (i miniaturisti avevano altre necessità ed altri mezzi). Su campi e figure vennero sovrapposti lettere di tutti gli alfabeti, cifre, i più diversi gruppi di lettere e numeri, oppure simboli di tutti i generi, il cui uso da parte dei singoli araldi trovava giustificazioni eterogenee (con le iniziali dei nomi dei colori, anche in lingue diverse o antiche; con appellativi derivati da tradizioni cromatiche prearaldiche; con mitologie e fantasie di qualunque tipo :shock: ).
Purtroppo, però, nessuno di questi metodi prevalse sugli altri, e la confusione regnava sovrana; una stessa lettera indicava colori diversi :? , a seconda di chi la usava.
Con l'introduzione della stampa, gli stemmi vennero spesso resi con incisioni su legno, nelle quali campi e figure venivano spesso riempiti con tante linee parallele fra loro e disposte lungo gli assi dello scudo (cioè in verticale, in orizzontale ed in obliquo). La cosa nacque come fattore puramente estetico, ma piacque, e gli araldisti la fecero propria, ma ognun per sé. La confusione quindi rimase, però soltanto fino alla prima metà del XVII secolo, quando un araldista italiano, il gesuita Silvestro da Pietrasanta, pubblicò la sua monumentale Tesserae gentilitiae applicando con rigore e su vasta scala (l'opera è una quasi enciclopedica raccolta illustrata di stemmi, blasonati uno ad uno) il metodo che poi :P tutti gli altri adottarono, e che usiamo ancor oggi universalmente.

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda sebpasq » martedì 27 maggio 2003, 16:52

Egregio collega
la ringrazio per la preziosa risposta: è interessante sapere che l'autore di quello che oggi è il modo di rappresentare graficamente gli smalti e le pellicce dell'araldica sia un italiano. Un giorno spero di riuscire ad avere sottomano quest'importante opera da lei citata, per cui se mi vorrà fornire un indizio su dove potrei trovarla, la ringrazierei.

Saluti.
sebpasq
 
Messaggi: 321
Iscritto il: venerdì 17 gennaio 2003, 18:08

Messaggioda T.G.Cravarezza » martedì 27 maggio 2003, 22:18

Gentili Signori,
vorrei ricordare a tutti un topic aperto tempo addietro dal preparato Mauro Valerio riguardante proprio la figura del Gesuita Silvestro da Pietrasanta:
http://www.anticheopinioni.it/Forum/viewtopic.php?t=11
Cordialmente
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6579
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti