La fine della croce rossa (in campo bianco)

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

La fine della croce rossa (in campo bianco)

Messaggioda Franz Joseph von Trotta » lunedì 27 giugno 2005, 14:32

Gentili Signori,

da fonti a stampa e in rete vi segnalo la notizia che da tempo era nell'aria:

"All’insegna del 'politicamente corretto', ma anche dell’'economicamente utile'. Il Comitato Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa ha all’ordine del giorno (probabilmente per il prossimo mese di ottobre) il cambiamento del marchio aziendale. Questo perché un 'terzo incomodo' (la Stella di David Rossa), secondo lo Stato di Israele avrebbe dovuto affiancare i due simboli già consolidati. Gli Stati arabi si erano opposti a questa richiesta e il contenzioso, che va avanti da anni, ha portato a danni funzionali e mancati finanziamenti ingenti."

Il sibolo che sostituirà la croce sembra sarà una losanga rossa...

"(...) il cambiamento che si ipotizza è il passaggio ad un segno 'neutrale', una losanga rossa romboidale che non dovrebbe dispiacere a nessuno. Cambieranno certo anche i modi di dire. “Sparare sulla losanga rossa..." non sembra di grande impatto semantico!".

Che dire l'ennesimo esempio del politically-idiot? Tremo per il futuro degli stemmi civici crociati di molte delle nostre città...

Un saluto

FJVT
«Ich bin das Wilde, Dumpfe, das man schlug,
Das man erschlagen, weil es fremd und stumm…»
G. Kolmar
Avatar utente
Franz Joseph von Trotta
 
Messaggi: 1664
Iscritto il: martedì 2 dicembre 2003, 13:57

Messaggioda pierfe » lunedì 27 giugno 2005, 14:55

Concordo in pieno, e poi perchè una losanga?
Andrebbe bene anche un quadrato, un cerchio... e perchè no un "?" :D :D :D
Si sta buttando a mare la storia... :1:
Pier Felice degli Uberti
Pier Felice degli Uberti
Sine virtute nulla nobilitas
pierfe
Presidente IAGI
 
Messaggi: 2311
Iscritto il: domenica 12 gennaio 2003, 2:11
Località: Bologna

Messaggioda marcoluca » lunedì 27 giugno 2005, 15:07

Se non ricordo male la bandiera della croce rossa e quindi la croce rossa non ha nulla a che fare col simbolo cristiano, oltretutto! si riallaccia alla bandiera della Svizzera (i colori infatti sono invertiti) che per tradizione è stato sempre uno stato neutrale. Se sbaglio, prego di correggermi!

marcoluca
Nessuno dice la verità su di sé, perciò ciò che conta davvero è quello che le persone mostrano con le proprie azioni. (Sherry Argov)
marcoluca
 
Messaggi: 530
Iscritto il: venerdì 30 luglio 2004, 11:07
Località: Vasto

Messaggioda pierfe » lunedì 27 giugno 2005, 15:09

marcoluca ha scritto:Se non ricordo male la bandiera della croce rossa e quindi la croce rossa non ha nulla a che fare col simbolo cristiano, oltretutto! si riallaccia alla bandiera della Svizzera (i colori infatti sono invertiti) che per tradizione è stato sempre uno stato neutrale. Se sbaglio, prego di correggermi!

marcoluca


Ha perfettamente ragione... ma non tutti pare che lo ricordano... e vogliono cancellarlo...
Pier Felice degli Uberti
Pier Felice degli Uberti
Sine virtute nulla nobilitas
pierfe
Presidente IAGI
 
Messaggi: 2311
Iscritto il: domenica 12 gennaio 2003, 2:11
Località: Bologna

Messaggioda Grimaldi » lunedì 27 giugno 2005, 15:16

Scusate la mia ignoranza...
Ma la croce rossa su campo bianco non è un simbolo cristiano?
Fu usata ad esempio da vari Comuni (e casate) medievali nella Crociata... la croce rossa ricordava il martirio (il sangue) di Cristo ed il bianco la sua purezza, la sua divinità...

Non è così?

Ad ogni modo sono davvero seccato. Davvero per non far torto a nessuno dobbiamo livellarci e massificarci tutti?
In un mondo dove dovremmo custodire le differenze, le varietà, religiose, storiche, culturali, linguistiche andiamo invece verso uno standard imposto???
Grimaldi
 

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » lunedì 27 giugno 2005, 15:21

Non solo a rischio gli stemmi civici crociati delle nosre città, ma anche tutti i santi, monaci, angeli, i 4 mori (come detto anche in altri topic), e tutti i simboli che in qualche podo possano toccare la sensibilità di chi non professa la religione cattolica in Italia... a che punto arriveremo?
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 7008
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Messaggioda Michele Baroncini » lunedì 27 giugno 2005, 15:25

Marcoluca ha scritto:Se non ricordo male la bandiera della croce rossa e quindi la croce rossa non ha nulla a che fare col simbolo cristiano, oltretutto! si riallaccia alla bandiera della Svizzera (i colori infatti sono invertiti) che per tradizione è stato sempre uno stato neutrale. Se sbaglio, prego di correggermi!



Credo sia uno dei pochi a ricordarselo, caro Marcoluca! :P

Sono Volontario CRI oramai da parecchi anni e sono davvero indignato. :?

Dovrebbero bastare 140 anni Storia a testimoniare l'imparzialità della nostra Istituzione... ma a quanto pare non è così. :?

La cosa davvero drammatica è che a sostenere una sì delirante e avvilente visione dei fatti v'è una considerevole fetta di coloro che, come me, dedicano il proprio tempo libero alla diffusione dei principi del diritto internazionale umanitario e della storia della CRI. :roll:

Dubito abbiano mai letto qualche testo in materia. :?

Non è mia intenzione (e credo di non esser solo) accettare passivamente lo smantellamento d'una parte della storia Europea: a rischio d'incorrere in sanzioni disciplinari sarà mia cura esprimere con la massima chiarezza le mie idee in merito.

saluti

MB
Michele Baroncini
 

Messaggioda marcoluca » lunedì 27 giugno 2005, 15:29

[quote="
Ma la croce rossa su campo bianco non è un simbolo cristiano?
Fu usata ad esempio da vari Comuni (e casate) medievali nella Crociata... la croce rossa ricordava il martirio (il sangue) di Cristo ed il bianco la sua purezza, la sua divinità...

[/quote]

D'accordo Giovanni, è vero quel che dici, infatti lo stemma del Santo Sepolcro è proprio una croce potenziata smaltata di rosso, ma credo bisogna comunque considerare anche come nasce un simbolo e la Croce Rossa adottò la bandiera della Svizzera invertando gli smalti.

Sono concorde con te ad ogni modo: sembra che per non far torto a nessuno siamo disposti a rinunciare alle nostre tradizioni, che hanno fatto poi la storia della nostra Europa.

marcoluca
Nessuno dice la verità su di sé, perciò ciò che conta davvero è quello che le persone mostrano con le proprie azioni. (Sherry Argov)
marcoluca
 
Messaggi: 530
Iscritto il: venerdì 30 luglio 2004, 11:07
Località: Vasto

Messaggioda Michele Baroncini » lunedì 27 giugno 2005, 15:31

Grimaldi ha scritto:Scusate la mia ignoranza...
Ma la croce rossa su campo bianco non è un simbolo cristiano?
Fu usata ad esempio da vari Comuni (e casate) medievali nella Crociata... la croce rossa ricordava il martirio (il sangue) di Cristo ed il bianco la sua purezza, la sua divinità...


Non in questo caso Giovanni, 8)

nel 1864 Henry Dunant (il Fondatore) e i partecipanti alla Conferenza Internazionale di Ginevra delle Società di Soccorso scelsero di adottare come simbolo della nascente Isitituzione un emblema ottenuto dall'inversione dei colori della bandiera elvetica... il tutto per semplice spirito di riguardo e omaggio verso il Paese ospitante.

Certamente la croce della bandiera elvetica ha origini cristiane... ma il suo reciproco nasce con intenzioni totalmente aconfessionali.

saluti

MB
Michele Baroncini
 

Messaggioda Grimaldi » lunedì 27 giugno 2005, 15:45

Caro Michele appunto!
Se il simbolo nasce dalla bandiera svizzera e questa dalla simbologia cristiana non vedo perchè rimuovere la croce per una motivazione che mi pare religiosa!

O no?
Grimaldi
 

Messaggioda MMT » lunedì 27 giugno 2005, 15:51

Grimaldi ha scritto:Ad ogni modo sono davvero seccato. Davvero per non far torto a nessuno dobbiamo livellarci e massificarci tutti?
In un mondo dove dovremmo custodire le differenze, le varietà, religiose, storiche, culturali, linguistiche andiamo invece verso uno standard imposto???

Purtroppo... sembra proprio che il vento soffi in quella direzione... basti ricordare quello che è avvenuto sulla questione delle Radici Cristiane nella Costituzione Europea, sulla quale si fece anche sentire l'allora cardinale Ratzinger... oggi Papa Benedetto XVI.


Per quello che vale, anch'io esprimo la mia indignaziobne. Sembra che per fare farovi politicamente corretti saremo costretti a soccombere... ricordiamo anche la questio del "Crocefisso nella scuola"!
Michele. :1:
MMT
 
Messaggi: 4654
Iscritto il: lunedì 13 gennaio 2003, 17:01
Località: Roma

Messaggioda Michele Baroncini » lunedì 27 giugno 2005, 16:02

Grimaldi ha scritto:Caro Michele appunto!
Se il simbolo nasce dalla bandiera svizzera e questa dalla simbologia cristiana non vedo perchè rimuovere la croce per una motivazione che mi pare religiosa!



Il fatto è più complesso. Forse non mi son spiegato bene. :wink:

La Croce Rossa nasce con un intento meramente filantropico e non connesso a questioni religiose (sebbene Dunant fosse stato educato severamente e secondo principi religiosi cristiano-pietistici dalla madre protestante).

L'Istituzione nasce da un accordo internazionale sulla riorganizzazione della sanità militare e suall'assistenza dei feriti in campagna e quindi ha alla base della sua tradizione soltanto il diritto (non la religione, sebbene sia innegabile che una tale idea non poteva che nascere, in ultima analisi da Paesi di tradizione cristiana 8) ).

Al termine della Conferenza Internazionale si decise di adottare come emblema un "reciproco" della bandiera elvetica, ma soltanto per una questione di "etichetta diplomatica".

Una sorta di ringraziamento e tributo ai padroni di casa.

In questa prospettiva la croce è semplicemente un'espressaione grafica priva di contenuto ideologico-religioso.

Successivamente, allorchè l'Istituzione assunse rilievo intercontinentale, si affiancò alla Croce Rossa il simbolo della Mezzaluna Rossa per non urtare la sensibilità delle popolazioni islamiche (che certo non potevano seguire con agio il sottile ragionamento da noi fatto sinora).

Ma il fatto che la Mezzaluna avesse un indubbio valore religioso non implica il medesimo per la Croce Rossa che era e resta simbolo neutro.

Con l'inizio della questione israelo-palestinese fu adottato, per breve periodo, il simbolo del Leone Rosso (a vantaggio di coloro che non fossero nè cristiani nè isalmici).

Tuttavia Isralele non è mai addivenuto a un accordo con il Comitato Internazionale della Croce Rossa per la ratifica d'un simbolo da adottarsi nelle operazioni si territori sottoposti alla sua sovranità.

Dopo l'abolizione del Leone Rosso questo problema restò insoluto.

saluti

MB
Michele Baroncini
 

Messaggioda Grimaldi » lunedì 27 giugno 2005, 16:08

Caro Michele
avevo capito anche prima le tue ragioni.

Solo che mi chiedo: perchè rimuovere la croce rossa se non è un simbolo religioso?

Forse la ragione è che comunque essa richiama a tale simbolo. O no?

Tutto qui.

Ciao
Grimaldi
 

Messaggioda Michele Baroncini » lunedì 27 giugno 2005, 16:12

Grimaldi ha scritto:Solo che mi chiedo: perchè rimuovere la croce rossa se non è un simbolo religioso?

Questo occorrerebbe chiederlo a coloro che al Comitato Internazionale hanno avuto questa splendida idea. :?

Forse la ragione è che comunque essa richiama a tale simbolo. O no?

Certamente lo richiama... ma solo per chi non è al corrente della storia dell'Isitituzione.

E a mio avviso è errato assecondare l'ignoranza della gente.
:wink:

MB
Michele Baroncini
 

Messaggioda Michele Baroncini » lunedì 27 giugno 2005, 16:24

Immagine

Ecco gli emblemi in questione.

MB
Ultima modifica di Michele Baroncini il lunedì 27 giugno 2005, 16:27, modificato 1 volta in totale.
Michele Baroncini
 

Prossimo

Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 13 ospiti