Cardinal chi?

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: Antonio Pompili, mcs

Cardinal chi?

Messaggioda Franco Benucci » lunedì 26 marzo 2012, 15:48

Visto in fiera Antiquaria... panca da ingresso, senese, inizio '600:
Immagine
Piccolomini, e dopo? In Araldica vaticana, tra i cardinali, non risulta nessun Piccolomini o Piccolomini-X con questo stemma
Immagine
Chi sarà?
Franco Benucci
 

Re: Cardinal chi?

Messaggioda C.Quaratesi » lunedì 26 marzo 2012, 16:56

Potrebbe essere un protonotario o qualche altro insigne prelato dal galero di color paonazzo ora sbiadito fino a parer vermiglio? Ma è un'ipotesi alla quale non credo neanch'io...il rosso sembra proprio rosso.
Caterina
C.Quaratesi
 
Messaggi: 413
Iscritto il: martedì 19 ottobre 2010, 13:47

Re: Cardinal chi?

Messaggioda Antonio De Battisti » lunedì 26 marzo 2012, 18:15

Potrebbe trattarsi dell'arma di Ascanio (PIERI) PICCOLOMINI d'ARAGONA (* Firenze, 1597 † Roma, 14.IX.1671), Arcivescovo di Siena dal 1628 al marzo 1671. Questi, era figlio di Silvio (1543-1609), Signore di Sticciano, Signore di Camporsevoli, Patrizio di Siena e Patrizio di Firenze. La madre, era Violante GERINI dei Patrizi di Firenze.
Il ramo PIERI PICCOLOMINI discende da Caterina, seconda sorella di Pio II. Costei aveva sposato un GUGLIELMI, e da questo matrimonio nacque un'unica figlia, la quale andò sposa a Bartolomeo PIERI, nobile senese, che fu adottato da Pio II nella famiglia Piccolomini.
Questo Bartolomeo era Signore di Sticciano e questo titolo, passato nei discendenti, servì a distinguerli dagli altri rami piccolominei.
Antonio De Battisti
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 18:28

Re: Cardinal chi?

Messaggioda antonio33 » lunedì 26 marzo 2012, 18:43

Franco Benucci ha scritto:Visto in fiera Antiquaria...

Se non sono indiscreto, dove?
Saluto tutti. Antonio
Princeps probitas iusti
Avatar utente
antonio33
 
Messaggi: 1078
Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 13:21

Re: Cardinal chi?

Messaggioda Franco Benucci » lunedì 26 marzo 2012, 23:12

Antonio De Battisti ha scritto:Potrebbe trattarsi dell'arma di Ascanio (PIERI) PICCOLOMINI d'ARAGONA (* Firenze, 1597 † Roma, 14.IX.1671), Arcivescovo di Siena dal 1628 al marzo 1671. ecc.

Cardinale peraltro del tutto assente da Araldica Vaticana e anche dal sito di Salvador Miranda, sotto tutti i nomi e cognomi possibili... Lo si trova invece nella cronotassi degli arcivescovi di Siena, ma senza indicazione che fosse cardinale... A un d'Aragona avevo pensato anch'io, ma appunto non avendo trovato nulla ho scartato l'ipotesi...
"Potrebbe trattarsi" con quanto -ebbe? ;) E su cosa si basa l'ipotesi oltre ai pali giallorossi?

Visto in Fiera... qui: www.antiquariapadova.com/index.php?opti ... e&Itemid=1
Franco Benucci
 

Re: Cardinal chi?

Messaggioda C.Quaratesi » lunedì 26 marzo 2012, 23:46

La butto lì: potrebbe trattarsi di un cardinale Acquaviva d'Aragona, visto che lo stemma reca qualche somiglianza? Ho letto da qualche parte - ma non ricordo dove, ahimè - che un personaggio di questa nobile famiglia avesse una madre Piccolomini. Però non riesco a raccapezzarmi fra i numerosi rami familiari.
E poi, come si blasonano il secondo e il terzo quarto? Quella specie di colonna gigliata che vi appare è davvero una colonna o è il tratto (?) d'Angiò che sembra una colonna?
Grazie a chi mi risponderà...ci vuol pazienza coi neofiti di questa disciplina tanto complicata!
Caterina [angel]
C.Quaratesi
 
Messaggi: 413
Iscritto il: martedì 19 ottobre 2010, 13:47

Re: Cardinal chi?

Messaggioda Antonio De Battisti » lunedì 26 marzo 2012, 23:55

Franco Benucci ha scritto:
Antonio De Battisti ha scritto:Potrebbe trattarsi dell'arma di Ascanio (PIERI) PICCOLOMINI d'ARAGONA (* Firenze, 1597 † Roma, 14.IX.1671), Arcivescovo di Siena dal 1628 al marzo 1671. ecc.

Cardinale peraltro del tutto assente da Araldica Vaticana e anche dal sito di Salvador Miranda, sotto tutti i nomi e cognomi possibili... Lo si trova invece nella cronotassi degli arcivescovi di Siena, ma senza indicazione che fosse cardinale... A un d'Aragona avevo pensato anch'io, ma appunto non avendo trovato nulla ho scartato l'ipotesi...
"Potrebbe trattarsi" con quanto -ebbe? ;) E su cosa si basa l'ipotesi oltre ai pali giallorossi?

Benché non sia cardinale, ho pensato a lui per il solo fatto che nel '600, oltre al card. Celio, non vi è stato in famiglia nessun ecclesiastico di tale levatura.
Circa il II e III quarto, il Ceramelli Papiani dà una versione pressoché simile (digitando Piccolomini). http://www.archiviodistato.firenze.it/c ... idFam=5972
Antonio De Battisti
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 18:28

Re: Cardinal chi?

Messaggioda Franco Benucci » martedì 27 marzo 2012, 0:29

Antonio De Battisti ha scritto:Benché non sia cardinale, ho pensato a lui per il solo fatto che nel '600, oltre al card. Celio, non vi è stato in famiglia nessun ecclesiastico di tale levatura.
Circa il II e III quarto, il Ceramelli Papiani dà una versione pressoché simile (digitando Piccolomini). http://www.archiviodistato.firenze.it/c ... idFam=5972

Un cardinale abusivo dunque... [hmm.gif] e uno stemma in effetti abbastanza pressoché (salvo l'inquartato e la mancanza (o smarrimento) di fasciato bianco-rosso e Gerusalemme), solo che nel Ceramelli-Papiani (4° tipo) non è associato ai Piccolomini d'Aragona, ma apparentemente a qualche ramo di Piccolomini e basta... Forse è meglio pensare a un Piccolomini e basta con madre Acquaviva d'Aragona (e altro)? cfr. http://www.araldicavaticana.com/a005.htm http://www.araldicavaticana.com/a074.htm http://www.araldicavaticana.com/a008.htm ecc. tutta la famiglia
Franco Benucci
 

Re: Cardinal chi?

Messaggioda Tilius » martedì 27 marzo 2012, 7:35

Dalle varie genalogie reperibili in rete pare che l'aggiunta d'Aragona (aggregazione onorifica alla famiglia reale di Napoli) sia di origine antica (fine '400, primi '500), riferibile a (almeno) un ramo dei Piccolomini (Pieri Piccolomini) dal titolo familiare di signori di Sticciano.
Forse é meglio tornare a quanto proposto da De Battisti.
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11705
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Cardinal chi?

Messaggioda Antonio Pompili » martedì 27 marzo 2012, 9:38

A questo punto possiamo ipotizzare che l'esecutore abbia commesso un maldestro errore nella realizzazione del timbro.
Il fatto che i due cordoni non terminino nemmeno con un fiocco, almeno visibile da qualche parte (ed eventuali cadute di colore non sembrano osservabili), nonostante la presenza del tutto secondaria e pure invadente dei due angioletti, mi pare possa rendere lecita una ipotesi di questo tipo.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3460
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Cardinal chi?

Messaggioda Tilius » martedì 27 marzo 2012, 10:32

Antonio Pompili ha scritto:Il fatto che i due cordoni non terminino nemmeno con un fiocco, almeno visibile da qualche parte (ed eventuali cadute di colore non sembrano osservabili)

Sopra il sederino dell'angioletto di destra (non araldica) pare intrevedersi il fantasma di uno o due fiocchi.
Ma forse é solo una impressione data da qualche ombra o scalfittura della superficie.
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11705
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Cardinal chi?

Messaggioda Zaccheo » martedì 27 marzo 2012, 10:47

Tilius ha scritto:Sopra il sederino dell'angioletto di destra (non araldica) pare intrevedersi il fantasma di uno o due fiocchi.

Sì, noto anche io la stessa cosa. Così come mi sembra di vedere, questa volta in modo un poco più evidente, una nappa dello stesso colore del cappello poggiata accanto alla spalla sinistra dello stesso angelo.

Una domanda per Franco: le figure caricate sul palo azzurro presente nella terza partizione dell'arma (secondo e terzo campo) inquartata con quella Piccolomini sono gigli, stelle o altro?

Ferrante
"Gli Israeliti si accamperanno ciascuno vicino alla sua insegna con i simboli dei casati paterni" (Numeri 2,2)
Avatar utente
Zaccheo
 
Messaggi: 2229
Iscritto il: domenica 7 agosto 2005, 22:51
Località: Roma

Re: Cardinal chi?

Messaggioda Pantheon » martedì 27 marzo 2012, 10:51

Antonio Pompili ha scritto:A questo punto possiamo ipotizzare che l'esecutore abbia commesso un maldestro errore nella realizzazione del timbro.
Il fatto che i due cordoni non terminino nemmeno con un fiocco, almeno visibile da qualche parte (ed eventuali cadute di colore non sembrano osservabili), nonostante la presenza del tutto secondaria e pure invadente dei due angioletti, mi pare possa rendere lecita una ipotesi di questo tipo.



Concordo con Don Antonio.
Quegli angeli sembrano colà planati per confonder le idee....Ma piacciono tanto, in qualunque forma, anche rimaneggiata, aggiunta, ridorata, riverniciata, per non dire decontestualizzata dall'oggetto/sito originario ....
Gli angioletti, o putti che dir si voglia, singolarmente, in coppia, ovvero riproposti sugli oggetti, rappresentano una tra le ormai pochissime cose che si riescono ancora a vendere in quei contesti.
Non mi pronuncio oltre sullo stemma di cui abbiamo già avuto precise indicazioni dall'ottimo De Battisti.
A buon intenditor.....
Pantheon
 
Messaggi: 3277
Iscritto il: giovedì 8 aprile 2010, 13:29

Re: Cardinal chi?

Messaggioda antonio33 » martedì 27 marzo 2012, 15:13

Lungi da me l'idea di intromettermi proponendo. Ben conscio dei miei limiti mi limito a chiedere:
panca, stemma ed angioletti tutti coevi?
Princeps probitas iusti
Avatar utente
antonio33
 
Messaggi: 1078
Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 13:21

Re: Cardinal chi?

Messaggioda Tilius » martedì 27 marzo 2012, 15:26

Mah.
Parrebbe che sì: la punta dell'ala dell'angioletto di destra (non araldica) interrompe la pennellata del bordo decorativo immediatamente a destra, e quindi entrambi paiono dipinti al medesimo tempo (se l'ala si sovrapponesse alla bordura si poteva ipotizzare una dipintura/ridipintura successiva, ma in questo caso non ne vedo gli estremi.
Nulla però vieta che tutta la pittura si stata risarcita in tempi successivi.
La fattura della panca é un po' miserella per cotanto stemma. Ma é anche vero che queste panche da androne sono sempre (anche quando originalissime) di fattura abbastanza povera.
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11705
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Prossimo

Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti