stemma della Principessa delle Asturie

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

stemma della Principessa delle Asturie

Messaggioda MMT » domenica 15 maggio 2005, 16:03

Riporto dal sito
il testo in spagnolo è di facile comprensione.
Immagine

"La Academia Asturiana de Heráldica regala a la Princesa de Asturias sus escudos de armas
El director de la misma, Manuel Rodríguez de Maribona y el cronista Alfonso de Ceballos-Escalera, han confeccionado los posibles emblemas familiar y oficial de doña Letizia Ortiz
9 de diciembre de 2004

La Academia Asturiana de Heráldica y Genealogía acaba de regalar a la Princesa de Asturias sus escudos de armas, según la información publicada el pasado 7 de diciembre en el diario asturiano LA NUEVA ESPAÑA. Bajo el título “Las armas de doña Letizia” y el subtítulo “La Academia Asturiana de Heráldica regala a la Princesa sus escudos familiar y oficial como obsequio de boda”, el periódico reproduce ambos escudos a todo color, tal y como se aprecia en la foto adjunta.

El director de la Academia, Manuel Rodríguez de Maribona y el cronista de armas castellano-leonés Alfonso de Ceballos-Escalera han rastreado los orígenes de Doña Letizia Ortiz para confeccionar sus escudos, el familiar y el oficial. Ambos de forma oval, el primero de los emblemas se dedica a sus respectivos apellidos: Ortiz, que viene representado por una estrella de oro de ocho puntas sobre fondo azul intenso y bordura jaquelada de plata y gules y Rocasolano, que se identifica con una rosa de gules abotonada de sinople sobre fondo de oro. En el escudo oficial comparten protagonismo el emblema familiar de la Princesa de Asturias con las armas oficiales del Príncipe Felipe de Borbón, además de encontrarse rodeado de la banda de la Gran Cruz de la orden de Carlos III, concedida a Doña Letizia Ortiz tras su matrimonio con el heredero.

A continuación, se reproduce el texto íntegro publicado por LA NUEVA ESPAÑA en su edición del martes 7 de diciembre:

“La Princesa doña Letizia ya cuenta con sus propias armas. No se trata, evidentemente, de ningún objeto de defensa personal, sino de los emblemas distintivos del escudo de su familia y de su nueva condición como esposa del heredero de la Corona de España. Es el original regalo que la Academia Asturiana de Heráldica y Genealogía ha hecho a la Princesa con motivo de su matrimonio y que han hecho llegar a la Casa Real hace unas pocas semanas.

Manuel Rodríguez de Maribona, director de la Academia Asturiana de Heráldica, asegura que “el escudo de armas es algo tradicional en todas las reinas y princesas” y que la idea de hacer este regalo a doña Letizia surgió tras la boda con don Felipe y ante la necesidad de “buscar algo que tuviese relación con nuestra labor”.

Por eso, dos investigadores con orígenes asturianos, el cronista de armas de Castilla y León Alfonso de Ceballos-Escalera y el propio De Maribona, se encargaron de preparar la certificación del escudo encuadernado en piel.

-Escudo familiar. El escudo familiar de doña Letizia propuesto por la Academia de Heráldica sería de forma oval, “como corresponde a una señora casada”, y está dividido en cuatro partes. La primera y la cuarta se dedicarían al apellido paterno, mientras que la segunda y la tercera corresponderían para la familia materna. El primer apellido, Ortiz, es un patronímico con el que se distinguía a “los hijos de Ortuño o Fortunio, cuyo nombre derivó hasta Ortí”.

Su origen es difícil de rastrear, aunque las investigaciones lo sitúan en Sevilla, donde los Ortiz tenían como escudo de armas una estrella de color azur (un tipo de azul intenso) de ocho puntas sobre fondo de oro. Sin embargo, ante las pocas evidencias de que los Ortiz ascendentes de doña Letizia fuesen los sevillanos, en la Academia de Heráldica se optó por invertir los campos de color y distinguirlo con un borde cuadriculado en color rojo y plata.

El apellido Rocasolano tiene un origen mucho más documentado. Proviene de Francia, del antiguo señorío de los Grimaldi, Príncipes de Mónaco, que se establecieron en Teruel en la segunda mitad del silo XVIII. Estos Rocasolano sí utilizaron armerías familiares caracterizadas por una rosa roja, botonada de sinople (un tipo de color verde).

- Escudo oficial. En el escudo oficial de doña Leticia, también ovalado, se combinan los distintivos propios de su ascendencia familiar junto con los de su esposo, el Príncipe de Asturias, cuyas armas fueron aprobadas en 2001, para que su escudo tuviese más elementos que lo distinguiesen del de su padre.

De este modo, el escudo oficial de doña Letizia sería partido: por un lado, con el de España, y por otra parte, con los emblemas familiares de la Princesa de Asturias. Sobre ambos, un lambel (faja cuya forma asemeja a las almenas de un castillo) de tres caídas, de color azul intenso, que es el distintivo del escudo del Príncipe.

Completarían el escudo la corona del Príncipe de Asturias como ornamento exterior, la banda de la gran cruz de la Real Orden de Carlos III, “primera condecoración del Reino con que fue agraciada doña Letizia”. Según la heráldica antigua, el escudo femenino también puede rodearse de ramos de mirto, símbolo del amor conyugal, e incluso, en caso de tener descendencia, uno de esos ramos podría ser sustituido por una palma, símbolo de la fecundidad. Cuando la Princesa se convierta en reina, se producirán nuevos cambios en su escudo, sustituyendo la corona del príncipe por la real y retirando el lambel. “La cruz de la Orden de Carlos III se podría retirar o no en función a futuras nuevas distinciones otorgadas a doña Letizia”".


Pareri?
Michele M. Tuccimei di Sezze
MMT
 
Messaggi: 4654
Iscritto il: lunedì 13 gennaio 2003, 17:01
Località: Roma

Messaggioda Franz Joseph von Trotta » domenica 15 maggio 2005, 17:50

L'unico dubbio è perché il lambello azzurro del Prince delle Asturie si estenda anche sulle armi della famiglia paterna della principessa.

Se lo stemma deve unire i due emblemi, l'arma del Principe doveva essere distinta dal lambello ma solo la sua.
Lo stemma di Diana principessa del Galles era composto nello stesso modo ma il lambello argento a tre pendenti stava giustamente solo sulla porzione del marito, senza sovrapporsi sullo stemma degli Spencer

Questo alla fine sembra un'unico stemma brisato con il lambello.

FJVT
«Ich bin das Wilde, Dumpfe, das man schlug,
Das man erschlagen, weil es fremd und stumm…»
G. Kolmar
Avatar utente
Franz Joseph von Trotta
 
Messaggi: 1664
Iscritto il: martedì 2 dicembre 2003, 13:57

Messaggioda antonio_conti » domenica 15 maggio 2005, 18:19

Oltre all'osservazione di von Trotta, mi ha colpito anche la vicenda dell'arma familiare della principessa.
Se non ho mal compreso lo spagnolo, nel dubbio che la famiglia Ortiz di donna Letizia non fosse quella individuata in Siviglia, dotata di un'arma d'azzurro alla stella di otto punte d'oro, il direttore dell'Accademia e il Cronista d'arme hanno deciso di brisare l'arma degli Ortiz sivigliani invertendo gli smalti e aggiungendo una bordatura scaccata di due file d'argento e di rosso 8)
E' una delle soluzioni (direi la meno preferita) che viene suggerita nel caso si debba creare un'arma nuova per una famiglia sprovvista: brisare l'arma di una famiglia omonima. A me è una soluzione che in linea generale non piace. C'è da dire che l'arma realizzata è decisamente piacevole e sufficientemente diversa da quella degli Ortiz sivigliani.
Tre sole domande:
- se si scoprisse che Letizia Ortiz discende dagli Ortiz di Siviglia avendo diritto a portare l'arma nelle versione non brisata?
- la principessa ha gradito la soluzione proposta, è stata accettata?
- in questi casi non si usa interpellare preventivamente il futuro titolare dell'arma? mi pare che i figli di Carlo d'Inghilterra siano stati acontentati nel desiderio di avere nel loro stemma elementi che richiamassero l'arma della famiglia della madre.

Cordiali saluti

Antonio Conti

PS
se la mia traduzione dello spagnolo mi avesse fatto prendere lucciole per lanterne... scusatemi :oops:
Libertà vo cercando
antonio_conti
 
Messaggi: 827
Iscritto il: venerdì 21 febbraio 2003, 0:35
Località: Fano & Urbino

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » lunedì 16 maggio 2005, 16:24

Franz Joseph von Trotta ha scritto:L'unico dubbio è perché il lambello azzurro del Prince delle Asturie si estenda anche sulle armi della famiglia paterna della principessa. Se lo stemma deve unire i due emblemi, l'arma del Principe doveva essere distinta dal lambello ma solo la sua. Lo stemma di Diana principessa del Galles era composto nello stesso modo ma il lambello argento a tre pendenti stava giustamente solo sulla porzione del marito, senza sovrapporsi sullo stemma degli Spencer

Non credo che in Spagna vigano le medesime rigidità dell'araldica albionica...

Questo alla fine sembra un'unico stemma brisato con il lambello.
FJVT


...il che appare corretto, se vediamo la questione da un altro punto di vista: di fatto, i due giovani consorti sono gli eredi al trono, quindi il loro stemma (e non parte di esso) è stato brisato per tale motivo.

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » lunedì 16 maggio 2005, 16:32

antonio_conti ha scritto:...(omissis)...E' una delle soluzioni (direi la meno preferita) che viene suggerita nel caso si debba creare un'arma nuova per una famiglia sprovvista: brisare l'arma di una famiglia omonima. A me è una soluzione che in linea generale non piace. C'è da dire che l'arma realizzata è decisamente piacevole e sufficientemente diversa da quella degli Ortiz sivigliani.

Difatti, tale metodo di brisura è uno fra i preferiti e più utilizzati, esattamente per il motivo da te identificato nell'ultima frase che hai scritto.

Tre sole domande:
- se si scoprisse che Letizia Ortiz discende dagli Ortiz di Siviglia avendo diritto a portare l'arma nelle versione non brisata?

...si :wink: scoprirà?

- la principessa ha gradito la soluzione proposta, è stata accettata?
- in questi casi non si usa interpellare preventivamente il futuro titolare dell'arma? mi pare che i figli di Carlo d'Inghilterra siano stati acontentati nel desiderio di avere nel loro stemma elementi che richiamassero l'arma della famiglia della madre.

La titolare potrebbe non avere alcun desiderio al riguardo... :wink:

Cordiali saluti
Antonio Conti
PS: se la mia traduzione dello spagnolo mi avesse fatto prendere lucciole per lanterne... scusatemi :oops:


Il bello è che sono le brisure, spesso, a far prendere lucciole per lanterne tutti noi... :(

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda Franz Joseph von Trotta » lunedì 16 maggio 2005, 17:04

Caro Fra’ Rusanio,

mah, io resto perplesso… Se considero lo stemma di Letizia come l’unione di quello del Principe delle Asturie (“di Spagna” - concedimi di cavarmela così! - al lambello d’azzurro sul tutto) e del suo credo che il lambello debba restare solo nella partizione del marito come distintivo e parte definita di quello. Se anche l’arma di Letizia avesse un lambello uguale allora forse…
(ho visto stemmi maritali entrambi con capi dell'impero sintetizzarlo in un unico capo).

Ricorderai anche tu lo stemma dell’ultima Principessa del Piemonte che aveva il lambello azzurro solo sulla croce sabauda e non si estendeva sul leone belga.

In ogni caso chissà in Spagna vi è un’altra consuetudine o regola.

FJ
«Ich bin das Wilde, Dumpfe, das man schlug,
Das man erschlagen, weil es fremd und stumm…»
G. Kolmar
Avatar utente
Franz Joseph von Trotta
 
Messaggi: 1664
Iscritto il: martedì 2 dicembre 2003, 13:57

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » lunedì 16 maggio 2005, 17:14

Franz Joseph von Trotta ha scritto:...(omissis)...ho visto stemmi maritali entrambi con capi dell'impero sintetizzarlo in un unico capo

:P Appunto! Perchè i capi sì, e i lambelli no? :wink:

Ricorderai anche tu lo stemma dell’ultima Principessa del Piemonte che aveva il lambello azzurro solo sulla croce sabauda e non si estendeva sul leone belga.

Certo. Infatti avevo ben presente l'arma di Piemonte mentre scrivevo poc'anzi...

In ogni caso chissà in Spagna vi è un’altra consuetudine o regola.
FJ


Evidentemente... oppure è una consuetudine inaugurata con questo stemma.

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda Franz Joseph von Trotta » lunedì 16 maggio 2005, 19:51

beh nel caso che uno stemma matrimoniale le cui famiglie abbiano entrambe il capo dell'impero, trovo opportuno riportarne uno solo piuttosto che reiterarlo due volte.

In questo caso mi pare una situazione diversa visto che il lambello appartiene a una sola delle due armi e a quella a mio parere "dovrebbe" restare. Ma si sa: chi direbbe di no ai desideri araldici di una Principessa delle Asturie? Ma dubito che la titolare dello stemma si sia curata delle cosa.

Ma siamo poi certi che sia uno stemma ufficiale? Io questo stemma lo avevo visto qualche mese fa come semplice "proposta" sulla rivista spagnola "quadernos de Ayala"… non vorrei fare un sacco di chiacchere inutili su uno stemma non ufficiale.

FJVT
«Ich bin das Wilde, Dumpfe, das man schlug,
Das man erschlagen, weil es fremd und stumm…»
G. Kolmar
Avatar utente
Franz Joseph von Trotta
 
Messaggi: 1664
Iscritto il: martedì 2 dicembre 2003, 13:57

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » lunedì 16 maggio 2005, 20:01

...allora :wink: limitiamoci a lodare il metodo espositivo prescelto per le immagini qui proposte, che didatticamente fa "esplodere" gli stemmi facendocene meglio apprezzare i rispettivi componenti.

Un bel metodo anche dal punto di vista grafico, non trovi?

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda Andrea B.P.d.M. » martedì 17 maggio 2005, 9:21

DI CERTO, PER I PROFANI IN MATERIA E' DI FACILE COMPRENSIONE.. :wink: [/i]
Andrea B.P.d.M.

Il Sole è suo padre, la Luna è sua madre, il Vento l’ha portata nel suo grembo, la Terra è la sua nutrice.
Il padre di ogni telesma, di tutto il mondo, è qui. La sua forza è intera se essa è convertita in terra.
Avatar utente
Andrea B.P.d.M.
 
Messaggi: 248
Iscritto il: mercoledì 10 novembre 2004, 15:44
Località: toscana

Messaggioda Franz Joseph von Trotta » martedì 17 maggio 2005, 13:37

Si, didatticamente è perfetto e anche artisticamente è stato molto ben disegnato… degno di una Principessa!
FJVT
«Ich bin das Wilde, Dumpfe, das man schlug,
Das man erschlagen, weil es fremd und stumm…»
G. Kolmar
Avatar utente
Franz Joseph von Trotta
 
Messaggi: 1664
Iscritto il: martedì 2 dicembre 2003, 13:57


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti