Araldica greca

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: Antonio Pompili, mcs

Re: Araldica greca

Messaggioda Antonio De Battisti » martedì 27 marzo 2012, 1:30

Famiglie iscritte nel Libro d'Oro della Nobiltà di Cefalonia (III^ parte)
DELLA DECIMA (Δαλλαδέτσιμα)
Originaria di Creta dove i Della Decima (o Dalla Decima) erano Signori feudali. L'epoca del loro arrivo a Cefalonia non è certa, ma sicuramente anteriore al 1500, allorquando Giovanni Della Decima era ambasciatore di Svizzera in Francia. Iscritta nel Libro d'Oro tra gli anni 1530 (sic !) e 1604, ricevette il titolo di Conte per Decreto del Doge Mocenigo il 22 marzo 1704. Per Decreto del Provveditore Generale F. Grimani, in data 6 dicembre 1706 furono loro concesse in feudo le isole Casto e Caiamo.
Diversi membri della famiglia si distinsero nelle guerre dei veneziani contro i Turchi nel XVII secolo. Ebbe sindaci, governatori, ambasciatori e un presidente del Senato.
Il Conte Angelo (* Argostoli, 05.IV.1752 † Padova, 12.II.1825), medico, Rettore dell' Università di Padova.
Immagine


DELLA PORTA (Δαλλαπόρτα)
Di origine francese. Secondo una tradizione di famiglia, il primo ' De la Porte ' era un Signore bretone che seguì la I^ Crociata. Gravemente ferito, intraprese il viaggio di ritorno verso la Francia, ma il suo stato peggiorò e dovette essere sbarcato a Cefalonia dove più tardi si sposò e si fissò definitivamente. Nel 1558 Alvise Della Porta era ambasciatore a Venezia. Iscritta nel Libro d'Oro della Nobiltà di Cefalonia nel 1593. Il Dr. Zuanne (* 1720 ca.), avvocato e ambasciatore a Venezia, ottenne il trasferimento della capitale /capoluogo dal Forte S. Giorgio all'attuale Argostoli. Ebbe alcuni protopapi, giudici e deputati.
Immagine


FOCA (Φωκά)
Originaria di Costantinopoli, diede due imperatori a Bisanzio. Stabilitasi a Cefalonia verso il 1470. Ebbe deputati, senatori e un presidente del Senato.
Immagine


GENTILINI (Γκεντιλίνη)
Originaria di Este (PD), venne a Cefalonia verso la metà del XVI secolo. Marino Gentilini, ingegnere a Venezia, fu inviato a Cefalonia nel 1593 dal Senato veneziano al fine di elaborare i piani di fortificazione della città di Asso. Iscritta al Libro d'Oro nello stesso anno. Si distinse principalmente nelle Lettere e nelle Scienze.
Immagine


GERACARI (Γερακάρης)
Di origine bizantina, il suo nome indica l'alta carica di Falconiere della Corte Imperiale di Bisanzio che molti dei suoi antenati aveva occupato. Si rifugiò a Cefalonia nel 1203. Nel 1593 sedeva al < Maggior Consiglio > dei Nobili di Cefalonia.
Immagine


GERACHI (Γεράκη)
Forse venuta da Cipro nel 1570. Iscritta nel Libro d'Oro dal 1593 al 1604. Costantino Gerachi, meglio conosciuto sotto il nome di Costanzo Falcone (* Argostoli, 1647 † Siam, 1688), lasciò segretamente Cefalonia nel 1660 su di una nave inglese. Dopo anni di viaggio, entrò al servizio della Compagnia delle Indie e fu inviato in Cina e in Giappone. Nel viaggio di rientro, fece naufragio a Malabar dove fece la conoscenza di un ambasciatore siamese che poi seguì nel Siam. Entrato al servizio di questo Regno, salì ben presto alle più alte cariche amministrative sino a quella di Primo Ministro e Viceré del Siam. Favorì il cristianesimo, i missionari cattolici e diede l'avvio alla prima Ambasciata siamese in Francia ed Inghilterra. Ciononostante, il cristianesimo ancora in nuce, era malvisto al punto che nel corso di una rivolta contro il Re, fu fatto prigioniero e messo a morte con la moglie e il figlio.
Immagine


INGLESSI (Ιγγλέση)
L'inglese Barone William de Brown nel 1490 fece naufragio a Livathò sulla costa di Cefalonia, e lì si stabilì. Divenne, pertanto, il capo della famiglia Inglessi, una delle più numerose e considerevoli dell'isola. Iscritta al locale Libro d'Oro tra gli anni 1593 e 1604, si distinse assai bene sui campi di battaglia, nelle lettere, nella scienza e nella politica.
Immagine


LEFCOCHILO (Λευκόκοιλος) - Arma parlante > argento pieno
Originari di Modone, si rifugiarono a Cefalonia dopo la presa turca dove furono loro concessi feudi dal Provveditore di Cefalonia, Alvise Salamon. Iscritti nel Libro d'Oro tra gli anni 1593 e 1604, avevano già ottenuto in precedenza la Nobiltà di Zante, di cui Tommaso Lefcochilo era cittadino e ambasciatore a Venezia nel 1515.
Infine, furono pure iscritti al Libro d'Oro di Corfù, dove Tommaso-Antonio (1750-1830), senatore e ambasciatore a Costantinopoli e Pietroburgo, fu elevato al titolo di Conte.
Immagine


LOVERDO (Λοβέρδος)
Sembra abbia origine da un certo Alubardo, uno dei segretari di Baldovino II ultimo imperatore latino di Costantinopoli e, successivamente, ambasciatore al Papa Urbano IV. Altra ipotesi la vuole di origine lombarda al servizio degli imperatori greci. Iscritta nel Libro d'Oro tra gli anni 1593 e 1604, il titolo di Conte fu concesso a Michele Loverdo nel 1725, capo del ramo Loverdo-Michelacato.
Don Gerasimo Loverdo (* 1390), primo vescovo ortodosso di Cefalonia. Giovanni (1767-1842), storico genealogista. Barone e Conte Nicolò (1773-1837), generale di brigata sotto Napoleone che lo decorò dei suddetti titoli il 19 novembre 1813 ; governatore di Bordeaux, il suo nome è inciso sotto l' Arco di Trionfo.
Immagine


LUSI (Λούζη)
Originaria di Unterwald (Svizzera), nel 1420 si stabilì a Cefalonia con il colonnello Stamatio Lusi perseguitato dai protestanti. In quest'isola servì con alta distinzione nella Stradea veneziana, prendendo parte a tutte le campagne dell'armata veneziana in Dalmazia, Italia e Grecia. Iscritta nel Libro d'Oro nel 1593, il titolo di Conte fu accordato nel 1777 da Federico II di Prussia a Spiridion Lusi (1739-1815), generale, ambasciatore di Prussia e ministro della Guerra.
Immagine
Antonio De Battisti
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 18:28

Re: Araldica greca

Messaggioda Antonio De Battisti » venerdì 30 marzo 2012, 0:20

Famiglie iscritte nel Libro d'Oro della Nobiltà di Cefalonia (IV^ parte)
MARCHETO (Μαρκέτος)
Venuta a Cefalonia da Napoli verso l'anno 1400 al servizio dei Tocco, Conti di Cefalonia. Nel 1460 Teodoro Marcheto, generale e nobile di Cefalonia, era segretario privato del Conte di Cefalonia e Duca di Leucade, Leonardo Tocco, il quale gli accordò dei feudi e un Diploma di nobiltà. Iscritta nel Libro d'Oro tra gli anni 1593 e 1604.
Immagine


MELISSINO (Μελισσηνός)
Una delle più antiche e illustri di Bisanzio. All'inizio del IX secolo la troviamo imparentata con la famiglia imperiale dei Rangabé. Nell' XI secolo Niceforo Melissino sposò la sorella dell'imperatore Alessio Comneno. Nel XIII secolo è un Melissino, Alexius Stratigopoulos, che prese Costantinopoli e ne cacciò i Latini. Nel XV secolo Niceforo Melissino, detto Melissurgo, era Grande Protostrator, Signore di Ithome e Messina. Possedettero una parte della Morea. All'inizio del XVI secolo Riccardo Melissino si stabilì a Cefalonia dove ricevette feudi dal governo veneziano e fu iscritto nel Libro d'Oro. Nel XVIII secolo Abraham Melissino era arcivescovo di Cefalonia e Zante.
Pyotr Melissino (1726-1797), generale. http://en.wikipedia.org/wiki/Pyotr_Melissino
Immagine


METAXA (v. pagina 1)


MONFERRATO (Μομφερράτος)
Non si sa bene da quale membro dei Marchesi del Monferrato discendano questi di Cefalonia, arrivati nell'isola ai primi del XVI secolo. Ebbe governatori di Itaca e un ministro della Giustizia.
Immagine


PALAZZUOL (Παλατσόλη)
Forse discendente dai Palizzolo siciliani (medesimo stemma), ramo dei Palici o Palizzi. Iscritta nel Libro d'Oro tra gli anni 1593 e 1604.
Immagine


PANA (Πανά)
Di origine spagnola, iscritta nel Libro d'Oro nel 1593. Macario, arcivescovo di Zante e Cefalonia nel 1649. Ebbe armatori, giudici, consoli, senatori, medici, giornalisti e scrittori. http://uoa.academia.edu/GerassimosPagra ... _pp._73-84
Immagine


PANGALI (Πάγκαλη)
Originaria di Messina, venne a Zante verso il 1670 e a Cefalonia verso il 1695. Iscritta nel Libro d'Oro nel 1730. Ebbe un deputato e un magistrato.
Immagine


PIGNATORRE (Πινιατώρος)
Originaria della Sicilia, si stabilì a Cefalonia verso l'anno 1500. Iscritta nel Libro d'Oro tra gli anni 1593 e 1604. Nel 1680 il Senato della Repubblica Veneta concesse in feudo alla famiglia la decima del Comune di Spilia in Cefalonia e nel 1718 il Doge il titolo di Conte. Ebbe diversi protopapi, sindaci di Argostoli, governatori di Itaca, giudici e deputati.
Immagine


PILLICA (Πήλικα)
Appartenente ad un'antica famiglia di vassalli feudali di Creta. Iscritta al Libro d'Oro nel 1593, ottenne il titolo di Conte nel 1788. Spiridion (1805-1861), professore di Diritto ad Atene e ministro della Giustizia.
Immagine


PIZZAMANO (Πιτσαμάνος)
Antica famiglia nobile di Venezia, originaria della Boemia, compresa fra le famiglie patrizie alla serrata del Maggior Consiglio nel 1297. Illustrò questa famiglia Antonio, vescovo di Feltre. http://it.wikipedia.org/wiki/Antonio_Pizzamano
Marco (* 1430) si distinse nelle guerre in Creta e ricevette in ricompensa nel 1497 il titolo di Conte e feudi a Creta. Iscritta nel Libro d'Oro tra gli anni 1593 e 1604.
Il Conte Gerasimo (1787-1822), pittore e architetto.
Immagine
Antonio De Battisti
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 18:28

Re: Araldica greca

Messaggioda Antonio De Battisti » martedì 3 aprile 2012, 0:55

Famiglie iscritte nel Libro d'Oro della Nobiltà di Cefalonia (V^ e ultima parte)
ROSSOLIMO (Ροσόλυμος)
Discende da Hughes de Sully, barone e ufficiale generale normanno al servizio di Carlo I d'Angiò, Re di Napoli. A causa della sua capigliatura rossa era appellato il ' Rosso
di Sully ' (Ρως Σολυμά), di qui il cognome. Iscritta al Libro d'Oro nel 1593. Ebbe un sindaco di Cefalonia, un governatore di Itaca e un archimandrita e predicatore del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli. Grigory (1860-1928), neurologo. http://en.wikipedia.org/wiki/Grigory_Iv ... _Rossolimo
Il nipote Nikolaj (1910-1975), campione di scacchi. http://heritageechecsfra.free.fr/rossolimo.htm
Immagine


SALOMON (Σαλωμòs)
Di origine italiana (lo storico Loverdo la vuole di Venezia, mentre il Cicelli di Salerno), giunta a Cefalonia nel 1503 con Giacomo-Antonio che ivi fondò il villaggio di Solomata, presso Racli. Iscritta nel Libro d'Oro nel 1593. Alessandro (* 1803), dott. in Diritto a Padova, poeta, letterato e giudice. Fu il primo ad introdurre l'Opera italiana a Cefalonia nel 1837, trasformando a sue spese la sua casa di Argostoli in teatro.
Il fratello Marino (1804-1894), giudice ; l'altro fratello Nestore (* 1810), deputato al Parlamento Ionico.
Immagine


SCHIADA (Σκιαδάς)
Originaria del Peloponneso dove i suoi membri servivano nella Stradea veneziana a Nauplia, Modone e altrove. Dopo la conquista turca si rifugiò a Cefalonia nel 1540. Iscritta al Libro d'Oro tra gli anni 1593 e 1604. Atanasio (1698-1796), consigliere privato e professore di greco e latino all' Accademia di Mosca. Zorzi (1725-1803), medico privato dell' Imperatrice Elisabetta di Russia.
Immagine


SDRIN (Σδρίν)
Originaria di Traù, Dalmazia. Il cognome primitivo era Subich, tuttavia dal 1180 al 1350 membri della famiglia erano conosciuti come ' Conti di Brebir ', da una concessione in loro favore da Re Bela di Ungheria. Nel 1347 Re Lodovico di Ungheria donò loro il Castello Zriny e il titolo di Conti Zrin, quest'ultimo ellenizzato in Sdrin. Nel '500 si stabilì a Cefalonia con il conte Martino, lì inviato per difendere l'isola dai Turchi. Martino (1462-1508), capo della cavalleria dell'isola, ebbe il titolo di Conte nel 1500. Giovanni († 1541), vescovo di Zagabria. Ebbe deputati, consoli e governatori di Itaca. http://en.wikipedia.org/wiki/Zrinski
Immagine


TIPALDO (v. pagina 2)


VALSAMACHI (Βαλσαμάκης)
Originaria di Bisanzio, la troviamo a Creta, poi verso l'anno 1500 a Cefalonia dove ebbe feudi e il titolo di Barone feudatario. Iscritta nel Libro d'Oro tra gli anni 1593 e 1604, il titolo di Conte fu accordato nel 1796. Ebbe ambasciatori, deputati e un ministro della Giustizia.
Immagine


ZANCAROL (Τζαγκαρόλος)
Antica famiglia romana emigrata a Venezia e trasferitasi in seguito a Creta. Dopo la conquista turca dell'isola (1669), si rifugiò a Cefalonia dove ottenne il titolo di Conte e vaste terre in feudo ad Arcadia di Creta per Diploma del Doge Mocenigo (31 ottobre 1704).
Immagine


ZERVO' (Ζερβός)
Di origine bizantina, venne dapprima a Corone (Peloponneso) e di lì passò a Cefalonia dove fondò il villaggio Zervata. Ebbe un arcivescovo di Cefalonia e Zante, un deputato e un docente universitario.
Immagine


ZULATTI (Τζουλάτης)
Di probabile origine veneziana, emigrò a Creta dopo la conquista veneziana di quest'isola ; successivamente, si rifugiò a Cefalonia allorquando Venezia dovette abbandonare Creta. Ebbe medici, farmacisti, avvocati e giudici.
Immagine
Antonio De Battisti
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 18:28

Re: Araldica greca

Messaggioda Antonio De Battisti » venerdì 6 aprile 2012, 13:30

Famiglie iscritte nel Libro d'Oro della Nobiltà di Corfù (1^ parte)
ARLIOTTI (Αρλιώτης)
Di origine epirota. A Corfù apparteneva all'ordine dei < Cittadini > e fu nobilitata nel 1797. Demetrio (1777-1860), giureconsulto, nel 1833 scrisse un libro sulla figura del conte Giovanni Capodistria.
http://books.google.it/books?id=uUwOAAA ... &q&f=false
Immagine


BULGARI (Βούλγαρις)
Di origine bulgara, si trova a Corfù verso la metà del XIV secolo. Ascritta al Libro d'Oro nel 1549 e al Libro d'Oro dei Veri Titolati di Venezia (1772). Elevata al titolo di Conte nel 1698 in virtù di LL.PP. del Doge Silvestro Valier. Ebbe protopapi, ambasciatori, deputati, senatori e un ministro della Marina.
Immagine


CALOGERA (Καλογερά) - Arma parlante : Καλόγερος, buon vecchio, appellativo dato ai monaci
Originari di Cipro, nel 1501 si rifugiarono a Creta per la conquista turca dove furono ascritti nel Libro d'Oro della Nobiltà di quest'isola, divenendone Baroni feudatari. Un ramo della famiglia si stabilì a Corfù verso la fine del XVI secolo e dove fu ascritta al Libro d'Oro di quest'isola nel 1644. Dopo la conquista turca di Creta (1669), un altro ramo si stabilì a Venezia dove fu ascritta al Libro d'Oro di Venezia. Angelo (1699-1768), monaco camaldolese, celebre per la raccolta di opuscoli letterari e scientifici conosciuta sotto il nome di raccolta Calogerana. La loro nobiltà fu confermata dall' Imperatore d'Austria nel 1816.
Immagine


CAPELLO (Καπέλλος)
Antica famiglia di Venezia, emigrata a Corfù nella 2^ metà del XV secolo con Sebastiano Capello. Iscritta nel Libro d'Oro della Nobiltà di Corfù nel 1519 e nuovamente fra le famiglie latine nel 1590.
Immagine


CAPODISTRIA (v. pagina 1)


CERULLI (Τσερούλης)
Originaria di Creta, servì le armate veneziane a Monemvassia (Peloponneso) nella 1^ metà del XVI secolo. Dopo la conquista turca di questa piazza nel 1541, Manusso Cerulin si rifugiò a Creta e conquistata pure questa dai Turchi nel 1669, si rifugiò dapprima Venezia indi a Corfù. Iscritta nel Libro d'Oro di Corfù il 3 marzo 1791, fu una famiglia essenzialmente militare e di grande fortuna economica.
Immagine


DUSMANI (Δούσμανη)
Di origine albanese, la troviamo a Corfù a metà del XVII secolo con Giorgio Dusmani. Questi, era Primate di Atene e sindaco di Gastouni ; si distinse nelle battaglie di Argo (1691) e di Corinto (1695), creato Cavaliere dell'Ordine di San Marco, Nobile e membro del Consiglio di Patrasso, ucciso nel 1701. I suoi figli ebbero il titolo di Conte il 31 dicembre 1701.
Immagine


GIALINA' (Γυαλινά)
Originaria di Sessulo, Dalmazia, da dove passò a Venezia. Stabilita a Creta all'inizio del XIII secolo, era tra le famiglie feudatarie dell'isola. Due secoli più tardi, un ramo della famiglia passò da Creta a Corfù dove fu iscritta fra i nobili di quest'isola il 13 marzo 1791. Nel 1822 l' Imperatore d'Austria confermò la nobiltà della famiglia.
Ebbe medici e un presidente del Senato.
Immagine


LANDO (Λάνδος)
Di origine cretese, un ramo della quale si era già stabilito a Venezia nel XV secolo. In Creta i Lando avevano ricevuto feudi e l'iscrizione al locale Libro d'Oro. Da Creta passarono in Morea dove furono ugualmente iscritti al Libro d'Oro di Nauplia. Di qui, andarono a stabilirsi a Corfù nel XVII secolo. Ricevettero il titolo di Conte per Decreto del Doge Giovanni Corner in data 13 maggio 1713 e iscritta al Libro d'Oro dei Veri Titolati di Venezia (8 agosto 1756).
Continuarono a vivere a Corfù a titolo di nobili stranieri (di Creta) e non furono mai ammessi al Gran Consiglio se non nel 1803, dopo la caduta di Venezia.
Immagine


MAMONA (Μαμωνά)
Una delle tre grandi famiglie di Monemvassia. Dopo la conquista turca (1540), la famiglia si disperse a Creta, Zante, Costantinopoli, Corinto, Atene e Corfù. Il titolo di Conte fu elargito a tutti i membri della famiglia dal Doge Mocenigo il 16 settembre 1702, unitamente ai feudi di Vello e Voivoda.
Immagine


MARMORA (Μάρμορα)
Di origine bizantina, imparentata con la famiglia imperiale Comneno dalla quale ebbe in feudo l'isola di Prokonissos. Un ramo si stabilì a Venezia nel 1264 dove ricevette la nobiltà veneziana e dove rimase sino al 1441 ; un altro ramo rimase a Costantinopoli ed un altro ancora venne a Corfù. Ammessa alla Nobiltà di Corfù nel 1637, nel 1680 acquistò la Baronia Bragadina di Corfù al prezzo di 1300 ducati e ascritta fra i Baroni feudali dell'isola.
Immagine


PIERI (Πιέρης)
Di origine francese, venne a Corfù nel 1550 e iscritta nel Libro d'Oro della Nobiltà di quest'isola nel 1551 (o 1555) come famiglia latina. Ebbe giureconsulti, letterati, poeti, medici, professori e valorosi guerrieri.
Immagine
Antonio De Battisti
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 18:28

Re: Araldica greca

Messaggioda Antonio De Battisti » sabato 14 aprile 2012, 23:30

Famiglie iscritte nel Libro d'Oro della Nobiltà di Corfù (II^ e ultima parte)
POLILLA (Πολυλάς)
Di origine bizantina, stabilita a Corfù dopo il 1204 e ivi nobilitata nel 1443. Ebbe un Protopapa, sindaci di Corfù, ambasciatori a Venezia e un deputato.
Immagine


PROSSALENDI (Προσαλέντη)
Di origine bizantina, pare essere venuta a Corfù nel 1452. Iscritta nel Libro d'Oro (1504), ricevette il titolo di Conte nel 1716 all'indomani dell'assedio turco all'isola nel corso della quale rese grandi servigi alla città. Nel Medio Evo si distinse per l'attaccamento alla chiesa ortodossa offrendo teologi, grandi predicatori e monaci ferventi.
Le ultime 3-4 generazioni le hanno dato slancio artistico donando pittori e scultori di talento, tra cui un allievo del Canova.
Immagine


QUARTANO (Καρτάνος)
Di origine bizantina, malgrado l'aspetto italiano del cognome. Secondo una tradizione di famiglia, invece, discenderebbe dai de Courtenay, famiglia fiammingo-francese, la quale diede 3 Imperatori a Costantinopoli, 1 Re a Gerusalemme e 1 Conte di Edessa nel XIII secolo. Iscritta al Libro nel 1443, ebbe notai, sindaci e ambasciatori a Venezia.
Immagine


RICCHI (Ρίκκη)
Proveniente da Brescia, da dove un Teodoro Ricchi fu inviato a Corfù nel 1440 dal Senato veneto quale Governatore militare di questa Piazza, venendone iscritto nello stesso anno. Ebbe medici, farmacisti, avvocati, notai, professori di greco antico e latino, letterati e poeti.
Immagine


RODOSTAMO (Ροδόσταμος)
Antica famiglia nobile di Rodi, rifugiatasi a Corfù dopo la conquista turca nel 1522. Ebbe medici, avvocati, deputati e senatori.
Immagine


SACLICHI (Σαχλίκη)
Originaria di Creta, venne a Corfù verso la fine del XV secolo e di seguito iscritta al Libro d'Oro.
Immagine


SORDINA (Σορδίνα)
La famiglia dei Conti Cogò-Sordina è originaria di Mazzorbo, isola della Laguna veneta. Ricevette il titolo di Conte per Decreto del Doge di Venezia in data 8 maggio 1752 dietro esborso di 1000 ducati. Ammessa alla Nobiltà di Corfù il 23 luglio 1752 dietro esborso di 25.000 ducati. Il Conte Andrea-Zan-Battista (* 1757), Governatore di Corfù, Senatore e Vice-Presidente del Senato.
Immagine


TEOTOCHI (v. pagina 1)


TRIVOLI (Τριβώλη)
Di probabile origine genovese, forse come tante altre al servizio di Venezia in qualità di Stradiota, aveva ricevuto feudi presso Sparta dove poi si era stabilita. Entrata nel Libro d'Oro (1474), ricevette il titolo di Conte il 6 aprile 1770. Ebbe medici, ambasciatori a Venezia, ufficiali della Marina e avvocati.
Immagine


VARTHI (Βάρθης)
Stabilita a Corinto già dal XV secolo, si fissò a Corfù dopo il 1600.
Immagine


VRACLIOTTI (Βραχλιώτης)
Indigena di Corfù, nobilitata e ammessa al Gran Consiglio Nobile di Corfù nel 1695. I suoi membri furono grandi proprietari e, al contempo, medici e farmacisti.
Immagine


ZANCAROL (Τζαγκαρόλα)
Di origine veneziana. Il Frescot (Nob. Ven. p. 435) riporta la tradizione secondo la quale Enrico Zancarol, primo Vescovo di Venezia, trasferì in questa città la sede episcopale da Malamocco. Nel 1252 Nicolò Zancarol si stabilì a Creta ricevendovi un feudo per Decreto del Doge Marino Morosini del 30 aprile 1252.
Famiglia eminentemente militare, dopo la conquista turca di Creta nel 1669 si rifugiò a Corfù mentre un ramo si stabilì nell'isola di San Mauro (Leucade). Nel 1704 la Repubblica di Venezia concesse il titolo di Conte ai due rami di Corfù e Leucade. Iscritta al Libro d'Oro di Corfù nel 1803.
Immagine

Tutto quanto da me espresso sino ad ora, è visionabile con più ampio respiro a questo link http://anemi.lib.uoc.gr/search/?dtab=m& ... earch_coll
Antonio De Battisti
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 18:28

Re: Araldica greca

Messaggioda Antonio De Battisti » domenica 15 aprile 2012, 19:00

Concludo questa lunga carrellata sulla nobiltà ellenica, presentando queste famiglie fanariote, alcune delle quali assurte al Principato di Valacchia e Moldavia.

Fonte : Livre d'Or de la noblesse Phanariote en Grece, en Roumanie, en Russie et en Turquie, di Eugène Rizo Rangabè (1892).
ARGYROPOULO (v. pagina 1)
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


ARISTARCHI
Immagine
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


CALLIMACHI (v. pagina 1)
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


CANTACUZENO (v. pagina 1)
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


CARADJA (v. pagina 1)
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


GHIKA (v. pagina 1)
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


HANDZERY
Immagine
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


MANO (v. pagina 2)
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


MAUROCORDATO (v. pag. 1)
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


MAVROYENI
Immagine
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


MOURUSI / MORUZI (v. pag. 1)
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


NEGRI
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


RIZO-RANGABE'
Immagine
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN
http://www.ghyka.com/Familles/Rizo-Rang ... angabe.pdf


RIZO-NEROULO
Immagine
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


ROSETTI
Arma : Coupé d'argent sur azur à un vase d'argent sur l'azur duquel sort un rosier au naturel brochant sur le coupé.
Immagine
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN
http://www.ghyka.com/Familles/Rosetti/Rosetti_01.pdf


SCHINA
Immagine
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


SOUTZO (v. pagina 1)
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


STURDZA
Immagine

Immagine

Immagine
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN


YPSILANTI (v. pagina 1)
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k5 ... abe.langEN
Antonio De Battisti
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 18:28

Re: Araldica greca

Messaggioda Maria Carla De Luca » mercoledì 21 dicembre 2016, 16:56

Salve, sono Maria Carla De Luca figlia di Giuseppina Lusi discendente dei Lusi da Greci e di Ariano Irpino . Dato la vostra egregia conoscenza della materia araldica richiedo maggiori informzioni sulla famiglia Lusi. In particolar modo per lo stemma. Grazie di cuore. Un saluto.
Maria Carla De Luca
 
Messaggi: 1
Iscritto il: martedì 20 dicembre 2016, 22:41

Re: Araldica greca

Messaggioda Jean.de. Courtois » giovedì 22 dicembre 2016, 4:20

Maria Carla De Luca ha scritto:Salve, sono Maria Carla De Luca figlia di Giuseppina Lusi discendente dei Lusi da Greci e di Ariano Irpino . Dato la vostra egregia conoscenza della materia araldica richiedo maggiori informzioni sulla famiglia Lusi. In particolar modo per lo stemma. Grazie di cuore. Un saluto.



Immagine

Fonte : il web
Jean.de. Courtois
 
Messaggi: 64
Iscritto il: lunedì 7 novembre 2011, 18:10

Precedente

Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot], Yahoo [Bot] e 2 ospiti