Viverna

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: Antonio Pompili, mcs

Re: Viverna

Messaggioda Tilius » mercoledì 16 novembre 2011, 15:17

Come già ineccepibilmente attestato dagli esimi colleghi Salvanel & Pantheon, trattasi appunto di raffigurazione di (variante di) insegna (siamo nel XV: le insegne cavallerersche si sono standardizzate fra il XVIII e il XIX) dell'Ordine del Drago.

Croce (fiammeggiante) in groppa a draghetto.

Pochi o nessun dubbio a riguardo.

Una raffigurazione resa ancora più rara dal fatto che siamo in area italiana (Carlo Crivelli, polittico del Duomo di Ascoli Piceno, dedicato a sant'Emidio).

Immagine

Il Santo é san Sebastiano (con spada: in antico questo attributo - con santo generalmente vestito - si alternava al santo trafitto e nudo). Un collegamento potrebbe ravvisarsi fra il valore malefico del drago come raffigurazione della malattia vs. san Sebastiano protettore contro le malattie. Ma di certo il riferimento all'Ordine del Drago deve avere avuto un qualche riscontro puntuale nella vicende biografiche dei personaggi coinvolti nella committenza del polittico.
Altri identificano il Santo con san Giorgio (il drago avrebbe pertinenza più diretta, ma la figura é ben poco guerresca, e ancora più inusistato sarebbe il sottolineare la qualifica di martire per san Giorgio).
Opera firmata: "OPUS KAROLI CRIVELLI VENETI 1473"
Committenza (probabile): Prospero Caffarelli (+1500), vescovo di Ascoli dal 1563 al 1500.
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12300
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Viverna

Messaggioda Franco Benucci » mercoledì 16 novembre 2011, 15:41

Tilius ha scritto:Committenza (probabile): Prospero Caffarelli (+1500), vescovo di Ascoli dal 1463 al 1500.

Ottimo, grazie, quindi comunque da approfondire... anche per quanto riguarda il modello dell'insegna: mi pare che in tutti i casi, anche antichi, illustrati nel documento tedesco linkato sopra, il drago sia sempre raffigurato con la coda ad anello e attorcigliata sul collo.
Tilius ha scritto:Altri identificano il Santo con san Giorgio (il drago avrebbe pertinenza più diretta, ma la figura é ben poco guerresca, e ancora più inusistato sarebbe il sottolineare la qualifica di martire per san Giorgio).

Questo però no: è martire anche S. Giorgio, anzi è il megalomartire o il glorioso martire, martirizzato addirittura due volte (ma gliene avevano promesse tre...), con resurrezione intermedia e annessi miracoli... Senza cercare tanto: http://it.wikipedia.org/wiki/San_Giorgio
Franco Benucci
 

Re: Viverna

Messaggioda C.Quaratesi » mercoledì 16 novembre 2011, 19:21

San Giorgio, San Sebastiano... oppure San Giuliano? Perché il Crivelli, come la maggior parte degli artisti suoi coevi, lo dipingeva sì vestito, ma con l'inequivocabile freccia in mano.
http://it.wahooart.com/A55A04/w.nsf/Opra/BRUE-8DP4EC
Ho pensato a San Giuliano perché agli inizi del Rinascimento questo martire guerriero, giovane bello e solitamente biondo, è molto rappresentato.
Ma è solo un'opinione, s'intende. Non ho testi sottomano che possano suffragare alcuna delle tre ipotesi né conosco i santi cari al donatore (patroni dei familiari) o venerati in quel luogo.
Caterina
C.Quaratesi
 
Messaggi: 420
Iscritto il: martedì 19 ottobre 2010, 13:47

Re: Viverna

Messaggioda Franco Benucci » mercoledì 16 novembre 2011, 20:37

C.Quaratesi ha scritto:San Giorgio, San Sebastiano... oppure San Giuliano? Perché il Crivelli, come la maggior parte degli artisti suoi coevi, lo dipingeva sì vestito [San Sebastiano], ma con l'inequivocabile freccia in mano.
http://it.wahooart.com/A55A04/w.nsf/Opra/BRUE-8DP4EC
Ho pensato a San Giuliano perché agli inizi del Rinascimento questo martire guerriero, giovane bello e solitamente biondo, è molto rappresentato.

Nella raffigurazione di Crivelli non mi pare particolarmente guerriero (neanche per uccidere il drago, peraltro...), ma comunque: San Giuliano quale? Anche limitandosi agli antichi e martiri (e ipotizzando qualche sdoppiamento di figure) ce n'è vasta scelta:
* San Giuliano di Terracina, martire a Terracina, ricordato il 1º novembre
* San Giuliano di Cagliari, martire sardo, celebrato il 7 gennaio
* San Giuliano d'Egitto, martire con altri in Egitto in età imprecisata, celebrato il 16 febbraio
* San Giuliano martire, martirizzato con San Macario in data imprecisata, commemorato il 12 agosto
* San Giuliano (†160), martire ad Alessandria d'Egitto, celebrato il 13 febbraio
* San Giuliano di Sora, (†161), martire dalmata decapitato a Sora durante l'impero di Antonino Pio, celebrato il 27 gennaio
* San Giuliano di Apamea (secolo III), vescovo di Apamea in Siria, celebrato il 9 dicembre
* San Giuliano di Alessandria (†249), martire ad Alessandria d'Egitto con Cronione e Besas, celebrato il 27 febbraio
* San Giuliano di Perugia (†250), martire a Perugia con i santi Fiorenzo, Marcellino, Ciriaco e Faustino. Celebrato il 5 giugno
* San Giuliano (†259), martire, discepolo di San Cipriano, celebrato il 24 febbraio
* San Giuliano di Roma (†260), martire in Roma, celebrato il 7 agosto
* San Giuliano di Beauvais (†290), martire a Beauvais con i santi Luciano e Massimiano, celebrato l'8 gennaio
* San Giuliano (†302), martire con la moglie Basilissa ed altri in Tebaide sotto la persecuzione di Diocleziano. Celebrato il 9 gennaio
* San Giuliano di Anazarbo (†302), martire in Cilicia, sepolto ad Antiochia, celebrato il 16 marzo
* San Giuliano di Brioude (†304), martire presso Vienne, celebrato il 28 agosto
* San Giuliano di Cesarea (†308), martire in Palestina, celebrato il 17 febbraio
* San Giuliano (†310), martire in oriente con i santi Teodoro, Oceano ed Ammiano, celebrato il 4 settembre
* San Giuliano di Cappadocia (†321), martirizzato in Cappadocia insieme a San Macrobio, celebrato il 12 settembre
* San Giuliano Saba il Vecchio (†337), eremita in Mesopotamia, celebrato il 17 gennaio
* San Giuliano (†370), monaco con Sant'Efrem, celebrato il 9 giugno
* San Giuliano diacono (†391), greco dell'isola di Egina, fratello di San Giulio di Orta, stabilitosi a Gozzano, celebrato il 7 gennaio
* San Giuliano, martire in Africa con i santi Marcello, Publio ed altri. Celebrato il 19 febbraio
* San Giuliano (†430), martire in Africa per mano dei vandali di re Unnerico, celebrato il 23 maggio
* San Giuliano di Le Mans, (secolo III), vescovo, celebrato il 27 gennaio
* San Giuliano l'ospitaliere (VI secolo ?), fiammingo, venerato a Macerata, protettore dei viaggiatori, festeggiato il 31 agosto.
* San Giuliano di Toledo (†690), arcivescovo di Toledo e primate di Spagna, celebrato l'8 marzo
* San Giuliano di Napoli, (†701), vescovo di Napoli
* San Giuliano Marciano (†730), martire a Costantinopoli, celebrato il 9 agosto
* San Giuliano di Cuenca (†1208), vescovo di Cuenca in Nuova Castiglia, celebrato il 28 gennaio
Franco Benucci
 

Re: Viverna

Messaggioda C.Quaratesi » mercoledì 16 novembre 2011, 21:54

Quanta grazia!
Io lo conoscevo solo come San Giuliano, nei dipinti di Masolino, di Piero della Francesca, di Bicci di Lorenzo.
Comunque è questo qui:
http://it.wikipedia.org/wiki/Giuliano_l%27ospitaliere
Ma, ripeto, è solo un'ipotesi! I più (compresa la Fototeca Zeri) propendono per San Giorgio. Ma non è detto ci azzecchino: anch'io ho trovato alcune immagini di San Sebastiano vestito e con la spada...
Caterina
C.Quaratesi
 
Messaggi: 420
Iscritto il: martedì 19 ottobre 2010, 13:47

Re: Viverna

Messaggioda Pantheon » mercoledì 16 novembre 2011, 22:59

Et voilà....

Immagine

Altra carne al fuoco..... ;)
Pantheon
 
Messaggi: 3277
Iscritto il: giovedì 8 aprile 2010, 13:29

Re: Viverna

Messaggioda Tilius » mercoledì 16 novembre 2011, 23:02

C.Quaratesi ha scritto:Quanta grazia!
Io lo conoscevo solo come San Giuliano, nei dipinti di Masolino, di Piero della Francesca, di Bicci di Lorenzo.
Comunque è questo qui:
http://it.wikipedia.org/wiki/Giuliano_l%27ospitaliere


[cheers.gif]
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12300
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Viverna

Messaggioda Franco Benucci » giovedì 17 novembre 2011, 0:33

Tilius ha scritto:
C.Quaratesi ha scritto:Quanta grazia!
Io lo conoscevo solo come San Giuliano, nei dipinti di Masolino, di Piero della Francesca, di Bicci di Lorenzo.
Comunque è questo qui:
http://it.wikipedia.org/wiki/Giuliano_l%27ospitaliere

[cheers.gif]

Un buon brindisi ci sta sempre bene, un motivo lo troviamo di sicuro e magari invitiamo anche Pantheon e san Michele ;), però S. Giuliano l'Ospitaliere non è né guerriero né martire né, che io sappia, ha a che fare coi draghi: è un cacciatore fiammingo parricida e matricida, finito poi nel Piceno a fare il traghettatore di veri e finti lebbrosi...
S. Sebastiano vestito da soldato romano e con tanto di nome scritto sopra c'è anche in un affresco 300esco vicino a Padova, di cui posterò l'immagine quanto prima.
Franco Benucci
 

Re: Viverna

Messaggioda C.Quaratesi » giovedì 17 novembre 2011, 9:49

Sono perfettamente d'accordo con Franco: con San Giuliano il drago non c'entra niente; davo per scontato, in questa ipotesi, che l'onorificenza sulla veste si riferisse a un committente o magari a un familiare di questi di nome Giuliano...pero' la spada si', era un cavaliere e come tale veniva raffigurato. Le immagini chr ho trovato di San Sebastiano vestito e con spada del xv secolo lo raffigurano, invece, come un uomo maturo (veste lunga e per niente aderente al corpo). Resto dell'idea che si tratti di San Giorgio (l'onorificenza un espediente per raffigurare il drago...in piccolo) o in alternativa di un santo cavaliere.
C.Quaratesi
 
Messaggi: 420
Iscritto il: martedì 19 ottobre 2010, 13:47

Re: Viverna

Messaggioda Franco Benucci » giovedì 17 novembre 2011, 10:31

Franco Benucci ha scritto:S. Sebastiano vestito da soldato romano e con tanto di nome scritto sopra c'è anche in un affresco 300esco vicino a Padova.

Immagine
Ricordavo male, vestito sì ma da cavaliere piuttosto che da soldato romano... Teolo, sacristia dell'arcipretale di S. Giustina, figura centrale, tra S. Giovanni ev. (?) e S. Antonio ab. Propendo anch'io per l'ipotesi S. Giorgio (nel polittico di Ascoli)
Franco Benucci
 

Re: Viverna

Messaggioda Franco Benucci » lunedì 28 novembre 2011, 17:44

Novità sull'argomento dal recente convegno L'arme segreta di Firenze-Pisa (24-26.11.2011)

Questa mi pare la riprova araldica che il santo con la 'decorazione' del drago sul petto nel polittico di Ascoli Piceno è S. Giorgio
Immagine
dal nuovo Stemmario on line del Kunsthistorisches Institut di Firenze lì presentato (armi di famiglie, ospedali e compagnie religiose: http://wappen.khi.fi.it), a sua volta dalla fonte archivistica indicata nell'immagine.

Quanto all'equivalenza drago-viverna, pare anch'essa confermata dall'arma parlante di questo cavaliere di S. Stefano (da Palazzo della Carovana a Pisa, già sede dell'Ordine stefaniano e ora della Scuola Normale Superiore)
Immagine
RODVLFVS DRAGOMA/NNVS CASTILIONENSIS / MDLXVIIII

L'insegna dell'Ordine del Drago è infine rappresentata, con altre, al verso del frontespizio dell'Armorial Gruenenberg (1495), recentemente edito da Orsini de Marzo e anch'esso presentato nella giornata fiorentina:
Immagine
JUSTUS ET PACIENS / O Q(UA)M MISERICORS EST DEUS
Franco Benucci
 

Re: Viverna

Messaggioda paolo61 » venerdì 2 dicembre 2011, 21:17

Gentili signori, è il mio primo intervento perciò vogliatemi perdonare per
la scarsa padronanza tecnica e altro ancora.
Mi sono imbattuto nello stemma che vi riproduco, l'animale dovrebbe essere
una Viverna se non erro, mi sembra un pò ingrassata, forse sarà una sottospecie
non ancora censita ?

Lo stemma è riferito ad Antonio III Maria Cagiano De Azevedo, Vescovo di Senigallia
(22 maggio 1844 - 18 luglio 1848) ed è tratta dal volume : Cronotassi dei Vescovi di
Senigallia di Alberto Polverari, editrice Fortuna, anno 1992, pag. 139.

Saluti
paolo61

Immagine

Uploaded with ImageShack.us
Avatar utente
paolo61
 
Messaggi: 119
Iscritto il: martedì 29 novembre 2011, 21:39
Località: media valle del metauro

Re: Viverna

Messaggioda adj » venerdì 2 dicembre 2011, 21:49

paolo61 ha scritto:Mi sono imbattuto nello stemma che vi riproduco, l'animale dovrebbe essere
una Viverna se non erro, mi sembra un pò ingrassata, forse sarà una sottospecie
non ancora censita ?

Uno stemma che mi pare per vari motivi particolare, a iniziare dall'aquila accollata allo scudo e che copre in parte la croce.
Antonio Maria Cagiano de Azevedo fu creato Cardinale da Gregorio XVI nel 1844: cosa che corrisponde al colore del galero e al numero dei fiocchi. Purtroppo sul sito di araldica vaticana c'è soltanto un microscopico stemma dipinto sul ritratto, che per me risulta del tutto illeggibile: http://www.araldicavaticana.com/cx010.htm
In quanto al draghetto ciccioncello ha anch'esso un aspetto abbastanza insolito.
adj
 

Re: Viverna

Messaggioda bardo » venerdì 2 dicembre 2011, 22:17

Su araldica vaticana è presente anche il Cardinal Ottavio Cagiano de Azevedo (1845-1927).
Aquila e viverna sempre presenti, seppur diversi.

Immagine Immagine

un saluto ;)
Luca
Tempus loquendi, tempus tacendi.

Associazione Storico-Culturale RiminiSparita
Avatar utente
bardo
 
Messaggi: 1440
Iscritto il: martedì 23 marzo 2010, 1:45
Località: Rimini

Re: Viverna

Messaggioda adj » sabato 3 dicembre 2011, 0:42

bardo ha scritto:Su araldica vaticana è presente anche il Cardinal Ottavio Cagiano de Azevedo (1845-1927).
Aquila e viverna sempre presenti, seppur diversi.

Già, si passa dall'aquila che artiglia la viverna all'asta della Croce che la trapassa.
Certo che l'aquila appollaiata sullo scudo fa un po' cornacchia, mentre nello stemma in bianco e nero la croce, che pare piantata sulla testa dell'aquila, è decisamene un po' troppo minuscola.
adj
 

PrecedenteProssimo

Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti