Pagina 1 di 3

Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: mercoledì 21 aprile 2010, 11:23
da Bulgarelli
Immagine
Salve, chi mi può aiutare a capire questo stemma? Si trova sopra l'ngresso principale di un piccolo borgo disabitato tra Umbria e Toscana di nome Salci. Qui ci sono alcune info storiche magari sono utili: http://www.salci.org/storia.htm.

Grazie in anticipo

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: mercoledì 21 aprile 2010, 15:15
da dpascale
Sembrerebbe lo stemma Bonelli...

Immagine

Inquartato, al 1° e 4° d'oro a tre bande di rosso, al 2° e 3° d'argento, a tre bande ondate, d'azzurro, con il capo d’argento, carico di un bue di rosso.

Dal Blasonario Subalpino: http://xoomer.virgilio.it/blasonpiemon/Pagina2b.html

Un caro saluto, :)


Daniele

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: mercoledì 21 aprile 2010, 17:55
da Zaccheo
Sì, come detto dal bravo Daniele, lo stemma mostrato in fotografia è quello dei Bonelli originari di Bosco (diocesi di Tortona) che, imparentati con la concittadina famiglia di papa San Pio V, ottennero da quest'ultimo il ducato di Montanara e Salci (1570). Lo stemma propriamente familiare dei Bonelli (troncato: nel primo, d'argento al bue di rosso poggiante sulla partizione; nel secondo, d'argento a tre bande ondate d'azzurro) dovrebbe essere inquartato, appunto, con l'insegna Ghislieri.

Ferrante M.L.

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: mercoledì 21 aprile 2010, 19:38
da Antonio Pompili
Zaccheo ha scritto:Lo stemma propriamente familiare dei Bonelli (troncato: nel primo, d'argento al bue di rosso poggiante sulla partizione; nel secondo, d'argento a tre bande ondate d'azzurro) dovrebbe essere inquartato, appunto, con l'insegna Ghislieri.

Anche se è opportuno ricordare che l'arma dei Ghislieri non corrisponde alla descrizione del 1° e del 4° del blasone sopra riportato
dpascale ha scritto:d'oro a tre bande di rosso

ma è propriamente un bandato d'oro e di rosso.

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: mercoledì 21 aprile 2010, 21:10
da Zaccheo
Antonio Pompili ha scritto:
Zaccheo ha scritto:Lo stemma propriamente familiare dei Bonelli (troncato: nel primo, d'argento al bue di rosso poggiante sulla partizione; nel secondo, d'argento a tre bande ondate d'azzurro) dovrebbe essere inquartato, appunto, con l'insegna Ghislieri.

Anche se è opportuno ricordare che l'arma dei Ghislieri non corrisponde alla descrizione del 1° e del 4° del blasone sopra riportato
dpascale ha scritto:d'oro a tre bande di rosso

ma è propriamente un bandato d'oro e di rosso.

Un bandato, quello dell'insegna araldica Ghisleri, che appare evidente nello stemma marmoreo ubicato a Salci, oggi frazione di Città della Pieve, in Umbria.

Ferrante M.L.

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: mercoledì 21 aprile 2010, 23:54
da dpascale
Antonio Pompili ha scritto:ma è propriamente un bandato d'oro e di rosso.


Vero... Un bolognese doveva essere più preciso! [confused.gif] :D

Grazie per la precisazione, ;)


Daniele

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: giovedì 22 aprile 2010, 0:04
da Antonio Pompili
dpascale ha scritto:
Antonio Pompili ha scritto:ma è propriamente un bandato d'oro e di rosso.

Vero... Un bolognese doveva essere più preciso! [confused.gif] :D

Certo! :D Visto che come sai bene la famiglia Ghislieri ha in Bologna la sua origine.

Grazie per la precisazione, ;)

Figurati, caro amico! ;)

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: giovedì 22 aprile 2010, 0:08
da Antonio Pompili
Zaccheo ha scritto:Un bandato, quello dell'insegna araldica Ghisleri, che appare evidente nello stemma marmoreo ubicato a Salci

Questo, se mi è concesso, direi che invece non è così evidente...
Infatti non osservando qui una versione in smalti, e avendo conosciuto lo stemma dei Bonelli delle forme leggermente diverse da questa, dovremmo dire che l'arma Ghislieri appare "verosimilmente" nel nostro stemma. Questo diciamo a rigor di termini, senza negare le elevate probabilità di cui sopra.

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: giovedì 22 aprile 2010, 9:01
da Zaccheo
Il bandato presente nella prima e quarta partizione dello stemma marmoreo di Salci è evidente. I colori, trattandosi di un reperto monocromo e privo dei tratteggi convenzionali, no. Rigorosa e giusta osservazione!

Qualcuno conosce il motivo (ed il periodo) per cui i Bonelli inquartarono il proprio stemma con quello presumibile dei compatrioti Ghislieri?

Ferrante M.L.

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: lunedì 3 maggio 2010, 11:06
da Bulgarelli
Un grazie a tutti per la precisione e soprattutto la passione che traspare nelle risposte! Scusate se rispondo solo ora, ma sono dovuto stare fuori per lavoro! Purtroppo caro Zaccheo personalmente non conosco il motivo (ed il periodo) per cui i Bonelli inquartarono il proprio stemma con quello presumibile dei compatrioti Ghislieri.

Un saluto a tutti

L.F. [clover.gif]

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: lunedì 3 maggio 2010, 20:31
da bardo
Nel descrivervi il frutto di qualche mia ricerca sul ducato di Salci e sulle famiglie Ghislieri e Bonelli, vi faccio i complimenti per l'ottimo sito.

Il ducato di Salci venne istituito nel 1568 da San Pio V (al secolo Antonio Ghislieri), che lo affido a Lucrezia Bandini la quale, morendo presumibilmente senza eredi, lo lasciò in eredità a Giulia Cesarini. Ella "disgustata dei Cesarini suoi parenti, prese affezione ai Capranica per una cortesia usatale da Angelo, il quale le avea imprestato duemila scudi di contante in certi suoi bisogni. Perciò ella morendo lasciò erede Livia Ersilia figlia di Angelo Capranica [...]".

Livia Ersilia Capranica (+ 1627) sposò Michele Bonelli (+ 25-3-1604), fratello del cardinale Michele (al secolo Carlo Antonio) Bonelli (1541-1598) detto l'Alessandrino, entrambi pronipoti di San Pio V per parte di sorella: Carlo Antonio e Michele Bonelli erano figli di Don Marco Bonelli, nobile di Alessandria, e Donna Domenica Manlio, figlia di Antonio Manlio e Gardina Ghislieri, sorella di Pio V.
Sposando Livia Capranica la famiglia Bonelli ottenne in dote il feudo di Salci, che venne eretto a Principato con breve del 6 settembre 1756 da Benedetto XIV. La famiglia Bonelli tenne Salci fino al 1886, quando venne acquistato dalla marchesa Vittoria Guerrieri Spinola, figlia di Vittorio Emanuele II e Rosa Vercellana.

saluti ;)

Luca

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: lunedì 3 maggio 2010, 21:04
da Antonio Pompili
Da parte mia ti ringrazio per le interessanti notizie che hai condiviso con noi.
E ti rivolgo un caloroso saluto di benvenuto nel nostro forum, che da ora è anche il tuo.

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: martedì 4 maggio 2010, 9:37
da Zaccheo
bardo ha scritto:Il ducato di Salci venne istituito nel 1568 da San Pio V (al secolo Antonio Ghislieri), che lo affido a Lucrezia Bandini la quale, morendo presumibilmente senza eredi, lo lasciò in eredità a Giulia Cesarini. Ella "disgustata dei Cesarini suoi parenti, prese affezione ai Capranica per una cortesia usatale da Angelo, il quale le avea imprestato duemila scudi di contante in certi suoi bisogni. Perciò ella morendo lasciò erede Livia Ersilia figlia di Angelo Capranica [...]".

Livia Ersilia Capranica (+ 1627) sposò Michele Bonelli (+ 25-3-1604), fratello del cardinale Michele (al secolo Carlo Antonio) Bonelli (1541-1598) detto l'Alessandrino, entrambi pronipoti di San Pio V per parte di sorella: Carlo Antonio e Michele Bonelli erano figli di Don Marco Bonelli, nobile di Alessandria, e Donna Domenica Manlio, figlia di Antonio Manlio e Gardina Ghislieri, sorella di Pio V.
Sposando Livia Capranica la famiglia Bonelli ottenne in dote il feudo di Salci, che venne eretto a Principato con breve del 6 settembre 1756 da Benedetto XIV. La famiglia Bonelli tenne Salci fino al 1886, quando venne acquistato dalla marchesa Vittoria Guerrieri Spinola, figlia di Vittorio Emanuele II e Rosa Vercellana.

Gentile sig. Luca,
grazie per il suo intervento e per le interessanti notizie che ci propone in merito alla famiglia Bonelli e ai suoi rapporti con il ducato di Salci. Alcune delle informazioni genealogiche da lei citate sembrerebbero non corrispondere con quelle a mia disposizione (tratte dal sito web IAGI - Genealogie delle Famiglie nobili italiane). Sarebbe utile, a tal proposito, effettuare un confronto più dettagliato. Saluti!

Ferrante M.L.

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: martedì 4 maggio 2010, 10:42
da Antonio Pompili
Comunque in entrambe le versioni si ribadisce la parentela della famiglia Bonelli con San Pio V.
E i quarti che presentano verosimilmente l'arma della famiglia Ghislieri potrebbero esser stati composti con l'arma dei Bonelli essenzialmente per due motivi:
- per eccezionali benemerenze
- per la parentela col Pontefice.
A motivo della posizione nei quarti di onore mi sembra più sostenibile la prima possibilità.

Re: Stemma con buoi a Salci vicino Fabro (TR)

MessaggioInviato: martedì 4 maggio 2010, 15:15
da Zaccheo
Propendo anche io nel ritenere la presenza della presunta arma Ghislieri nei due quarti di onore dello stemma Bonelli più il frutto di una concessione che altro. La parentela tra le due famiglie, pur sussistendo (Ghislieri, come visto, era la nonna materna di Carlo e Michele Bonelli), era piuttosto indiretta per giustificare alleanze araldiche che a quel tempo erano solitamente "legittimate" da una relazione genealogica femminile in linea diretta (sposa, madre, nonna, ecc.).

Ferrante M.L.