ll comune di Tufo cerca notizie

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda fabio_grassi » giovedì 21 gennaio 2010, 18:32

ciolamario ha scritto:... Potresti , perchè no , contattare il collega Sindaco.

Ci avevo pensato e lo faccio, ma se i sindaci e (maggiormente) i loro uffici sono in puglia come quelli che conosco io.... lo avremo prima o poi ...poi, lo stemma.

Grazie [notworthy.gif]
Non semper ea sunt quae videntur; decipit frons prima multos, rara mens intelligit quod interiore condidit cura angulo.
fabio_grassi
 
Messaggi: 57
Iscritto il: sabato 18 luglio 2009, 12:26

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda ciolamario » giovedì 21 gennaio 2010, 19:25

Facciamo così , allora , se dovessi procurarmi qualcosa di cartaceo ci sarebbe qualcuno bravo a spiegarmi come postarla ?
Non sono molto bravo con 'ste diavolerie .
ciolamario
 
Messaggi: 14
Iscritto il: sabato 9 gennaio 2010, 15:35

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda fabio_grassi » venerdì 22 gennaio 2010, 0:14

Non semper ea sunt quae videntur; decipit frons prima multos, rara mens intelligit quod interiore condidit cura angulo.
fabio_grassi
 
Messaggi: 57
Iscritto il: sabato 18 luglio 2009, 12:26

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda Vincenzo de Simone » giovedì 6 gennaio 2011, 12:37

Vorrei precisare, relativamente a quanto scritto dal sig. De Battista, che il "Manoscritto Pinto" (seconda metà del Settecento) in Biblioteca provinciale di Salerno, riporta per i Marchese patrizi del sedile di Porta Rotese lo stemma "d'azzurro al grifo rampante d'oro".
Vincenzo de Simone
 
Messaggi: 26
Iscritto il: sabato 1 gennaio 2011, 19:35
Località: Salerno

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda Maria Luisa Alasia » domenica 9 gennaio 2011, 2:57

Gentilissimi,

Archivio storico campano, Volume 1
Dall'Appendice all'Eco di Aversa — Anno VI, N. 2, 15 Gennaio 1867, pag. 7 (presso l'Arch.0 Municipale della città di Aversa).

Famiglia del Tufo che va descritta così: di nero alla punta abbassata di argento, sormontata dal capriolo dello stesso, attraversato nel capo da un lambello di tre pendenti d'oro. Invece l'arma degli Abenavolo, qual'è riportata dal Campanile, per il ramo principale, ed originario di Aversa, è: di argento con due fasce di azzurro (orizzontali e non traverse) col lambello o rastello a tre pendenti di rosso nel capo.

IL BLASONE DEGLI ABENAYOLO

La provvenienza diretta del ramo degli Abenavoli di Teano da quello principale dei varvasori (1) di Aversa vien pure comprovato dalla conformità blasonica , i cui primordiali caratteri

i

(1) Per l'intelligenza di questa voce salica usata dagli antichi francesi basterà riportarsi al tit. X del libro 2° dei feudi « Qui a Capitaueis antiquitus beneflcium tenent, Valvasores sunt ». Oli Abenavoli erano dunque tra' primi militi, cui i conquistatori normanni divisero in feudo il territorio su cui surse la cittì di Aversa: Vedi pure Crbscenzi. Trattato di Nobiltà. Bologna 1693. Libro 1, Cap. X/UV e XXVI.

si riscontrano nelle due armi; nè occorre insistere sull'importanza di questa prova, bastando ricordare l'antico precetto d'araldica « identità* familiae ob insignium conformitatem demonstratur. »

E per vero, secondo che ci tramanda il De Pietri (2), gli Abenavoli Napoletani usciti d'Aversa, antichi e potenti de genert Normandorum sin dal 1110 usavano le sei fasce dalla metà dello scudo in giù vermiglio ed oro, che erano state aggiunte allo scudo primitivo ch'era di argento (A). . E questa origine normanna Giuseppe Campanile (3) par la ribadisce per 1' uniformità dei nomi o per le divise gentilizie di pure fascie e di schiette bande , ed a quella degli Abenavol: dipendente come la Gargano da uno de' dodici edificatori di Aversa dà le due fascie azzurre con un fastello rosso in argento. Or se non può dubitarsi che debbano dirsi più antichele insegne che non hanno corpo, perchè il loro significato — cose quelle di origine germanica, per cui l'arraerista riconosce il pregio della schiettezza in quegli scudi che hanno il semplice campo partito o la banda quantunque semplice ed ignuda— va distinguendosi pe'semplici e più eletti metalli , scuta tantum lectusitnis coloribus distinquunt, la derivazione normanna degli Abenavoli è constatato dal fatto che appo noi i principi normanni divenuti conti di Puglia tolsero il campo d'oro e tal'hora d'argenta e d'ostro. E le « pure fasce e le schiette bande > tolsero i Sanseverini, i di Capua, i Sanframondi, i Guarna, quei della Pagliara, gli Aiello et altri che possono vantare, al dir dello stesso Campanile, di discendere de genere Normandorum.

L'arma aversana degli Abenavoli — decorata nel secondo periodo del rastello o lambello a tre punte (4) — è conservata dagli Abenavoli di Teano con quelle sole varianti di metallo, che si veggono adottate sia per distinguere l'uno o l'altro ramo della

(2) DelPHistoria napoletana. Napoli 1634, pag. 103 n. 19. (A) Vedi il num. I della Tavola degli Stemmi.

(3) Notizie di nobiltà. Napoli 1672 fol. 15.

(4) « I Rastelli quasi impedimenti sono propri de' secondogeniti di Prencipi e tal hora de' Baroni, egli è vero eh' altri stima eh' il Rastello di tre n di quattro piedi sia terzo o quarto di corona rivolta in gin: » Campanili Gius. Op. eh., pag. 117.

famiglia diveltosi dall' albero, ovvero le trasmigrazioni da una città all'altra per notabili eventi.

Il lambello (5) è concessione de'principi Angioini, forse fatta prima del 1327 , a Lottiero Abenavolo Coutestabolo di Aversa, ad occasione del privilegio concessogli da Re Roberto di regio familiare (0), o poco dopo a Tommaso de Abinabile, anch'esso comestabolo di Aversa e suffeudatario di Filippo principe di Taranto e imperatore di Costantinopoli (7).

Questa seconda divisa trovasi così registrata dai due Campanile — di argento con due fasce di azzurro col rastello a tre pendenti di rosso nel capo (B).

Corrono appena altri dodici lustri , e della famiglia così potente fino allora e ricca di feudi in Aversa e nelle vicinanze , non si trova più notizia — ed invece il cognome emerge nella città di Teano, prendendo posto nei Registri di Stato per concessioni di terre feudali ed assensi regii nel tenimento teancse e nei limitrofi di Carinola e di Torre Francolise, dov'è ubicato il feudo detto per eccellenza degli Abenavoli.

Dal 1393 non passano she sole tre generazioni fino all'eroe di Barletta, ed il suo stemma lo si trova registrato nei mss. della Biblioteca Nazionale segnati ai N.ri X. A. 41, fol. 46 t° e 47 e X. A. 45, fol. 71. É di argento a due fasce vermiglie col lambello a tre punte di azzurro nel capo in campo d'oro (C).

Resta, quindi, pienamente comprovato, anche blasonicamente, che il ramo degli Abenavoli teanesi spiccossi direttamente dall'albero principale di Aversa.

Ciò posto , occorre per poco tornare indietro e soffermarsi a ricordare le gesta del padre e degli zii di Ludovico—di Troilo,

(5) Lambello è la brisnra più nobile — registra il Galluppi nel suo Dizionario Araldico — formata da una striscia di drappo di un terzo d' una fascia scorciata con tre pezzetti dello stesso drappo pendenti uno dal centro, due da lati.

(6) Secondo le leggi araldiche, quando sia concessione dei Principi Angioini, appartenenti al ramo secondogenito della Casa di Francia — il lambello suole essere indizio di secondogenitura, e tale indicazione potrebbe avere anche per gli Abenavolo le pezza aggiunta all'antica insegna.

Spero che ne capite molto piu' di me. Maria Luisa
Alasia Maria Luisa alasia44@yahoo.com 3 Edson Lane Old Brookville,N.Y. 11545 516-759-4392
Maria Luisa Alasia
 
Messaggi: 1316
Iscritto il: venerdì 31 gennaio 2003, 0:15
Località: New York Stati Uniti

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda Antonio De Battisti » domenica 9 gennaio 2011, 12:30

Stemma del TUFO (secolo XVI)

Da BSB - BayerischeStaatsBibliothek - Insignia ... XIV. Insignia Neapolitanorum, Genuensium - BSB Cod.icon. 279, Italien Mitte 16 Jh.

Immagine
Antonio De Battisti
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 18:28

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda fabio_grassi » domenica 9 gennaio 2011, 13:15

questo è un bell'esempio, grazie. e i colori sono quelli giusti.
Non semper ea sunt quae videntur; decipit frons prima multos, rara mens intelligit quod interiore condidit cura angulo.
fabio_grassi
 
Messaggi: 57
Iscritto il: sabato 18 luglio 2009, 12:26

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda Il dannunziano » sabato 22 gennaio 2011, 12:56

Salve. Benvenuto. Salvatore del Tufo fu sindaco di Aversa dal 1818. Altro non conosco. Cordialissimi saluti ed in bocca al lupo!
http://www.ecodiaversa.com/blog/2007/06 ... ie_5.shtml
Avatar utente
Il dannunziano
 
Messaggi: 189
Iscritto il: sabato 25 dicembre 2010, 5:30
Località: Contea di Aversa

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda Il dannunziano » sabato 22 gennaio 2011, 13:05

Maria Luisa Alasia ha scritto:Gentilissimi,

Archivio storico campano, Volume 1
Dall'Appendice all'Eco di Aversa — Anno VI, N. 2, 15 Gennaio 1867, pag. 7 (presso l'Arch.0 Municipale della città di Aversa).

Famiglia del Tufo che va descritta così: di nero alla punta abbassata di argento, sormontata dal capriolo dello stesso, attraversato nel capo da un lambello di tre pendenti d'oro. Invece l'arma degli Abenavolo, qual'è riportata dal Campanile, per il ramo principale, ed originario di Aversa, è: di argento con due fasce di azzurro (orizzontali e non traverse) col lambello o rastello a tre pendenti di rosso nel capo.

IL BLASONE DEGLI ABENAYOLO

La provvenienza diretta del ramo degli Abenavoli di Teano da quello principale dei varvasori (1) di Aversa vien pure comprovato dalla conformità blasonica , i cui primordiali caratteri

i

(1) Per l'intelligenza di questa voce salica usata dagli antichi francesi basterà riportarsi al tit. X del libro 2° dei feudi « Qui a Capitaueis antiquitus beneflcium tenent, Valvasores sunt ». Oli Abenavoli erano dunque tra' primi militi, cui i conquistatori normanni divisero in feudo il territorio su cui surse la cittì di Aversa: Vedi pure Crbscenzi. Trattato di Nobiltà. Bologna 1693. Libro 1, Cap. X/UV e XXVI.

si riscontrano nelle due armi; nè occorre insistere sull'importanza di questa prova, bastando ricordare l'antico precetto d'araldica « identità* familiae ob insignium conformitatem demonstratur. »

E per vero, secondo che ci tramanda il De Pietri (2), gli Abenavoli Napoletani usciti d'Aversa, antichi e potenti de genert Normandorum sin dal 1110 usavano le sei fasce dalla metà dello scudo in giù vermiglio ed oro, che erano state aggiunte allo scudo primitivo ch'era di argento (A). . E questa origine normanna Giuseppe Campanile (3) par la ribadisce per 1' uniformità dei nomi o per le divise gentilizie di pure fascie e di schiette bande , ed a quella degli Abenavol: dipendente come la Gargano da uno de' dodici edificatori di Aversa dà le due fascie azzurre con un fastello rosso in argento. Or se non può dubitarsi che debbano dirsi più antichele insegne che non hanno corpo, perchè il loro significato — cose quelle di origine germanica, per cui l'arraerista riconosce il pregio della schiettezza in quegli scudi che hanno il semplice campo partito o la banda quantunque semplice ed ignuda— va distinguendosi pe'semplici e più eletti metalli , scuta tantum lectusitnis coloribus distinquunt, la derivazione normanna degli Abenavoli è constatato dal fatto che appo noi i principi normanni divenuti conti di Puglia tolsero il campo d'oro e tal'hora d'argenta e d'ostro. E le « pure fasce e le schiette bande > tolsero i Sanseverini, i di Capua, i Sanframondi, i Guarna, quei della Pagliara, gli Aiello et altri che possono vantare, al dir dello stesso Campanile, di discendere de genere Normandorum.

L'arma aversana degli Abenavoli — decorata nel secondo periodo del rastello o lambello a tre punte (4) — è conservata dagli Abenavoli di Teano con quelle sole varianti di metallo, che si veggono adottate sia per distinguere l'uno o l'altro ramo della

(2) DelPHistoria napoletana. Napoli 1634, pag. 103 n. 19. (A) Vedi il num. I della Tavola degli Stemmi.

(3) Notizie di nobiltà. Napoli 1672 fol. 15.

(4) « I Rastelli quasi impedimenti sono propri de' secondogeniti di Prencipi e tal hora de' Baroni, egli è vero eh' altri stima eh' il Rastello di tre n di quattro piedi sia terzo o quarto di corona rivolta in gin: » Campanili Gius. Op. eh., pag. 117.

famiglia diveltosi dall' albero, ovvero le trasmigrazioni da una città all'altra per notabili eventi.

Il lambello (5) è concessione de'principi Angioini, forse fatta prima del 1327 , a Lottiero Abenavolo Coutestabolo di Aversa, ad occasione del privilegio concessogli da Re Roberto di regio familiare (0), o poco dopo a Tommaso de Abinabile, anch'esso comestabolo di Aversa e suffeudatario di Filippo principe di Taranto e imperatore di Costantinopoli (7).

Questa seconda divisa trovasi così registrata dai due Campanile — di argento con due fasce di azzurro col rastello a tre pendenti di rosso nel capo (B).

Corrono appena altri dodici lustri , e della famiglia così potente fino allora e ricca di feudi in Aversa e nelle vicinanze , non si trova più notizia — ed invece il cognome emerge nella città di Teano, prendendo posto nei Registri di Stato per concessioni di terre feudali ed assensi regii nel tenimento teancse e nei limitrofi di Carinola e di Torre Francolise, dov'è ubicato il feudo detto per eccellenza degli Abenavoli.

Dal 1393 non passano she sole tre generazioni fino all'eroe di Barletta, ed il suo stemma lo si trova registrato nei mss. della Biblioteca Nazionale segnati ai N.ri X. A. 41, fol. 46 t° e 47 e X. A. 45, fol. 71. É di argento a due fasce vermiglie col lambello a tre punte di azzurro nel capo in campo d'oro (C).

Resta, quindi, pienamente comprovato, anche blasonicamente, che il ramo degli Abenavoli teanesi spiccossi direttamente dall'albero principale di Aversa.

Ciò posto , occorre per poco tornare indietro e soffermarsi a ricordare le gesta del padre e degli zii di Ludovico—di Troilo,

(5) Lambello è la brisnra più nobile — registra il Galluppi nel suo Dizionario Araldico — formata da una striscia di drappo di un terzo d' una fascia scorciata con tre pezzetti dello stesso drappo pendenti uno dal centro, due da lati.

(6) Secondo le leggi araldiche, quando sia concessione dei Principi Angioini, appartenenti al ramo secondogenito della Casa di Francia — il lambello suole essere indizio di secondogenitura, e tale indicazione potrebbe avere anche per gli Abenavolo le pezza aggiunta all'antica insegna.

Spero che ne capite molto piu' di me. Maria Luisa

Ludovico Abenavolo, cavaliere della Disfida di Barletta, checché se ne dica fu CERTAMENTE aversano! Cordialissimi saluti.
Avatar utente
Il dannunziano
 
Messaggi: 189
Iscritto il: sabato 25 dicembre 2010, 5:30
Località: Contea di Aversa

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda fabio_grassi » sabato 22 gennaio 2011, 21:18

gentile maria luisa, sul blasone dei del tufo abbiamo trovato le prove di come fosse e ce le hanno date loro stessi.
ma scusi, perchè ci propone gli abenavolo?
felice di averla letta, fabio.
Non semper ea sunt quae videntur; decipit frons prima multos, rara mens intelligit quod interiore condidit cura angulo.
fabio_grassi
 
Messaggi: 57
Iscritto il: sabato 18 luglio 2009, 12:26

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda fabio_grassi » sabato 22 gennaio 2011, 21:47

Il dannunziano ha scritto:Salve. Benvenuto. Salvatore del Tufo fu sindaco di Aversa dal 1818. Altro non conosco. Cordialissimi saluti ed in bocca al lupo!
http://www.ecodiaversa.com/blog/2007/06 ... ie_5.shtml

grazie della notizia!
Non semper ea sunt quae videntur; decipit frons prima multos, rara mens intelligit quod interiore condidit cura angulo.
fabio_grassi
 
Messaggi: 57
Iscritto il: sabato 18 luglio 2009, 12:26

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda fabio_grassi » sabato 22 gennaio 2011, 22:09

Antonio De Battisti ha scritto:Stemma del TUFO (secolo XVI)

Da BSB - BayerischeStaatsBibliothek - Insignia ... XIV. Insignia Neapolitanorum, Genuensium - BSB Cod.icon. 279, Italien Mitte 16 Jh.


gentilissimo, lei e gli altri lettori di quest'argomento possono leggere il prosieguo della storia su qesto forum a "Stemma del Tufo (reprise!)"
Non semper ea sunt quae videntur; decipit frons prima multos, rara mens intelligit quod interiore condidit cura angulo.
fabio_grassi
 
Messaggi: 57
Iscritto il: sabato 18 luglio 2009, 12:26

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda Il dannunziano » sabato 22 gennaio 2011, 23:53

fabio_grassi ha scritto:
Il dannunziano ha scritto:Salve. Benvenuto. Salvatore del Tufo fu sindaco di Aversa dal 1818. Altro non conosco. Cordialissimi saluti ed in bocca al lupo!
http://www.ecodiaversa.com/blog/2007/06 ... ie_5.shtml

grazie della notizia!

Non so se sia discendente dalla nobile famiglia di cui si parla, ma presumo di sì. Conservo la sua firma, ma non penso Le interessi. Firma comunque sicuramente conservata pure in Comune. Cordialmente.
Avatar utente
Il dannunziano
 
Messaggi: 189
Iscritto il: sabato 25 dicembre 2010, 5:30
Località: Contea di Aversa

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda Il dannunziano » domenica 23 gennaio 2011, 11:09

FRANCISCUS DE TUFO (Vescovo di Aversa - 1794)

http://img59.imageshack.us/i/vescovofdetufo.jpg/

Se Le interessa, tale manoscritto (dispensa matrimoniale) si vende a 27,00 euro. In caso affermativo mi contatti in privato. Cordialmente.
Avatar utente
Il dannunziano
 
Messaggi: 189
Iscritto il: sabato 25 dicembre 2010, 5:30
Località: Contea di Aversa

Re: ll comune di Tufo cerca notizie

Messaggioda messer giorgio » domenica 23 gennaio 2011, 22:53

Immagine

Uploaded with ImageShack.us
messer giorgio
 
Messaggi: 58
Iscritto il: sabato 5 settembre 2009, 15:00

PrecedenteProssimo

Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 16 ospiti